Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
massi75rn

roma citta' degli elefanti

Inviato (modificato)

Questi grandi mammiferi , oltre ad altri animali , pascolavano per la foresta che circondava il lago,  dove un lontanissimo giorno sarebbe sorto il Colosseo , qui gli animali si recavano per abbeverarsi .

2.2 Giacimento di via dei Fori Imperiali - area del Tempio di Venere e Roma e area della chiesa Luca e Martina.

Gli scavi di via dell’Impero, oggi via dei Fori Imperiali consentirono il ritrovamento di vari esemplari di Elephas antiquus (De Angelis D’Ossat, 1932; Maccagno 1962).

La difesa sinistra conservata presso L’IISS Leonardo da Vinci proviene, quasi sicuramente, dal cranio ritrovato durante gli scavi del 1932, descritta analiticamente da De Angelis D'Ossat(1932). Vari dati confermano questa tesi: la morfologia, la lunghezza esterna dall’alveolo all'apice (2450mm) ed il diametro all'altezza del mascellare ( 200 mm circa), così come lo stato di conservazione, corrispondono esattamente alle misure ed alla descrizione date da De Angelis D’Ossat. Nella foto scattata, all'epoca del ritrovamento compare anche il cranio, che dovrebbe essere conservato presso i Musei Capitolini (Maccagno 1962), anche se non si può escludere che sia andato perduto, visto che lo stesso De Angelis ne sottolineava l'estrema fragilità. Anche la difesa è fratturata e si nota il maldestro tentativo di ricostruirla utilizzando addirittura il cemento comune. Questo ben si accorda con le osservazione del De Angelis D'Ossat secondo le quali la difesa, dopo un primo sommario consolidamento in loco, - fu tempestivamente rimossa e portata, - dal dott. Clini, all'Antiquarium Comunale-( rione Celio nei pressi di S. Gregorio) dove veniva depositato il materiale archeologico minore.Nessuna difesa risulta però presente tra il materiale fossile dell’Antiquarium, attualmente custodito al Museo della Civiltà Romana .

Allo stesso ritrovamento è da attribuire anche una mandibola che porta in funzione gli ultimi molari e risponde all’iconografia e alla descrizione del De Angelis D'Ossat. Per altri resti (acetabolo ed alcuni molari di Elephas antiquus) si può ipotizzare la provenienza -dai depositi fluvio lacustri, sovrastanti il vulcanico, che affiorano lungo il fianco occidentale della chiesa di Luca e Martina a ridosso del Campidoglio.

Va infine sottolineato che in Istituto sono conservati, oltre ai resti di Elephas antiquus, reperti di Bos primigenius e di Cervus elaphus, anch’essi ritrovati durante gli scavi della via dei Fori Imperiali .

 
Altre informazioni in merito : http://www.meteoweb.eu/2014/03/roma-ed-il-suo-il-passato-preistorico-dai-resti-di-elefante-ai-crani-delluomo-di-neanderthal/269200/

post-39026-0-79721900-1444370220.jpg

post-39026-0-51801200-1444370233.jpg

post-39026-0-06350400-1444370251_thumb.j

Modificato da Legio II Italica
Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?