Jump to content
IGNORED

notizie da roma


massi75rn
 Share

Recommended Posts

Per chi non e' di Roma , Via Piave e' una breve strada che parte dall' angolo est di Via XX Settembre con Via Goito e termina a Porta Salaria delle Mura Aureliane , per una lunghezza di circa 400 metri .
All' angolo est di Via XX Settembre sorgeva in epoca repubblicana l' antica Porta Collina i cui resti sono forse quelli che si vedono nel cortile interno del Palazzo delle Finanze ; davanti questa Porta Annibale ammiro' le possenti Mura di Roma e non potendole varcare , sfogo' la sua rabbia lanciando in segno di sfida una lancia verso le Mura , dopo di che si ritiro' .
Sotto questa Via Piave dovrebbe esserci il basolato dell' antica Via Salaria che in epoca repubblicana usciva probabilmente dalla Porta Collina , sostituita in epoca imperiale dalla piu' a Nord , Porta Salaria ; la Via attraversando quindi l' Appennino centrale arrivava ad Ascoli Piceno , Asculum , e infine sul Mare Adriatico in località Castrum Truentinum alla foce del fiume Tronto , sulla riva destra , dove oggi sorge Martinsicuro .
Da Porta Collina , dalla quale uscivano la Via Salaria Nova e la Via Nomentana , la Salaria Vetus usciva invece da Porta Pinciana , percorrendo per circa 400 metri l' attuale tracciato di Via Piave , stesso tracciato dove passo' Alarico entrando dalla Porta Salaria il 24 Agosto del 410 , si arriva a Piazza Fiume al cui centro sono inseriti blocchetti di sanpietrini che riproducono la base e la forma originaria della Porta con le due torri rotonde ai lati che poi si congiungono alle Mura Aureliane tutt' ora presenti ; la Porta con le due torri rotonde ai lati , purtroppo non e' piu' esistente perché abbattuta nel 1871 per motivi di viabilita' ; tutta l’area intorno alla porta era tristemente nota come il “campus sceleratus”, dove venivano sepolti i condannati a morte e le Vestali ree di non aver osservato il voto di castità. La prima di cui si abbia notizia fu la Vestale Minucia, nel 336 a.C.: la pena per loro era di essere sepolte vive, come raccontano Plutarco, Fedro e Pomponio Leto.
Nel 1996 sono stati effettuati nuovi scavi archeologici nell'area posta all'incrocio tra via Goito e via XX settembre, dove si trovano le tracce di ciò che rimane della porta Collina . La ristrettezza del saggio di scavo non ha potuto mettere in luce le fondazioni della porta e del tratto di mura ad essa connesso ; inoltre, la parte inferiore delle mura è risultata coperta da uno strato composto da limo , ghiaia , frammenti ceramici sporadici e frammenti di tufo , che ricopriva anche la trincea di fondazione . Questo strato poteva avere una funzione di piccolo contrafforte interno alle mura stesse , una sorta di ridotto aggere di contenimento . Sono anche state messe in luce due strutture quadrangolari , interpretate dagli archeologi come bastioni ad ulteriore difesa della porta , al centro dei quali passava il Vicus Portae Collinae .

Sotto piantina con Via Piave , Porta Collina , Porta Salaria e l' ingresso principale del Palazzo delle Finanze lungo 300 metri e largo 120

post-39026-0-57634500-1444716699_thumb.j

post-39026-0-68095600-1444720692.jpg

post-39026-0-77075600-1444721221.jpg

post-39026-0-43468400-1444728925_thumb.j

Edited by Legio II Italica
  • Like 3
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.