Jump to content
IGNORED

Il Tempio dell’Onore e della Virtu’


Legio II Italica
 Share

Recommended Posts

Il Tempio dell’ Onore e della Virtù era uno dei Templi piu’ antichi di Roma , di cui purtroppo non esistono avanzi , ma la cui ubicazione e’ perfettamente nota per i tanti riferimenti presenti nei testi classici ; era ubicato subito dopo l’ uscita dalla Porta Capena , sul lato sinistro uscendo dalla Porta , di fronte a questo Tempio si trovava l’ Ara della Fortuna Redux ; entrambi erano quindi nella Regio I dell' antica Roma , tanto che il Tempio è citato come prima voce della Regio I nei Cataloghi Regionari .
La prima fondazione del tempio fu effettuata da Quinto Fabio Massimo Verrucoso nel 234 a.C. a seguito della sua vittoria sui Liguri e il 17 luglio dello stesso anno , per sciogliere il voto , esso fu dedicato , ma soltanto all’ Onore .
Anche Marco Claudio Marcello , nel corso oppure dopo la battaglia di Casteggio , nel 222 a.C. , fece voto di dedicare un tempio all’ Onore e alla Virtù , voto che rinnovò dopo la presa di Siracusa . Rientrato a Roma nel 208 , Marco Claudio Marcello volle adempiere al voto ridedicando il Tempio esistente all’ Onore , ad entrambi gli Dei , cosa che fu pero’ vietata dai Pontefici massimi , in quanto una unica cella non poteva essere dedicata a due Dei . Marcello restaurò il tempio di Onore ed edificò una nuova cella dedicata alla Virtù , rendendolo in tal modo un doppio Tempio .
Questo una volta ampliato , fu dedicato da suo figlio nel 205 a.C.. In esso erano custoditi molti tesori che Marcello portò da Siracusa , di cui ai tempi di Livio , gran parte erano scomparsi . Nel Tempio era custodito anche l' “aedicula Camenarum” , l'antico sacello di bronzo che si riteneva risalire ai tempi di Numa Pompilio , che fu poi trasferito nel tempio di Ercole delle Muse .
Un altro Tempio dedicato alle due divinita’ fu costruito da Caio Mario e fu descritto da Vitruvio , ma del quale non e’ nota l’ esatta ubicazione .
Il Tempio originario fu poi restaurato da Vespasiano ad opera di due artisti , Cornelio Pino e Attio Prisco .
Di questo Tempio si ha notizia archeologica fino al IV secolo nei Cataloghi Regionari , pero’ a livello letterario ancora nel V o nel VI secolo , non ricordo bene , se nel corso del primo assedio di Roma ad opera di Alarico , oppure nel corso degli assedi dei Goti durante le guerre gotiche , contro i Bizantini ; in una di queste occasioni , ai Romani fu chiesto un forte riscatto in oro affinche’ si ritirassero dagli assedi e tra gli altri Templi spogliati , fu spogliato di preziosi e fusi per pagare il riscatto , anche quello di Onore e Virtu’ : “estinguendo cosi' per sempre negli animi dei Romani quelle due antiche virtu’

Sotto due Sesterzi emessi da Galba e Vespasiano con le due divinita' di Onore e Virtu' , piantina del Lanciani con l' ubicazione del Tempio e un pannello del Tempio con ai lati le due celle , presso Villa Doria Pamphili a Roma .

post-39026-0-12642400-1444897895_thumb.j

post-39026-0-29574400-1444897915.jpg

post-39026-0-03557300-1444897953_thumb.j

post-39026-0-40460000-1444897984_thumb.j

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Un altro Sesterzio emesso da Traiano che probabilmente riproduce una delle due celle del Tempio nella quale era conservata l'immagine dell' Onore rappresentato da un giovane stante , seminudo con cornucopia ed asta .

post-39026-0-56440100-1444924567_thumb.j

post-39026-0-51530700-1444924584.jpg

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Il Pratilli nella sua monumentale opera sulla Via Appia , quando inizia a descrivere i monumenti esistenti in antico , uscendo da Porta Capena delle Mura Serviane dove iniziava la Via , accenna al Tempio di Honus et Virtus traendo spunto dagli scritti di Plinio , Plutarco e Cassio Dione ; i Cavalieri romani si riunivano al Tempio il 15 di Luglio di ogni anno ed insieme partivano per recarsi sotto il Campidoglio presso il Tempio di Castore e Polluce per sacrificare , allo scopo di avere propizi questi due Numi .
Il Tempio di Honus et Virtus era l’ unico nel quale i Sacerdoti ad esso adibiti , sacrificavano ai due Numi con il capo scoperto , mentre negli altri Templi si sacrificava a capo coperto .

Link to comment
Share on other sites


La Virtus in due Denari della Repubblica romana : Gens Fufia , Virtus et Honos con teste affiancate , Gens Aquilia , la Virtus con testa elmata .

post-39026-0-42118500-1445006920.jpg

post-39026-0-16061500-1445006937.jpg

post-39026-0-96651500-1445006962_thumb.j

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.