Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Legio II Italica

Gli usurpatori gallici

Risposte migliori

Legio II Italica

La Storia Augusta e’ forse l’ unico testo antico che ci tramanda in modo abbastanza completo le biografie degli usurpatori gallici imperiali dell’ epoca di Gallieno , chiamati nell’ opera , i “Trenta Tiranni” , sono trenta Vite scritte da Trebellio Pollione , uno degli autori di questa opera nella quale narra degli usurpatori al trono imperiale legale che al tempo di Gallieno , per tradimento , si appropriarono di fatto di questo titolo ; Trebellio Pollione per esaltare benevolmente la figura dell’ Imperatore Claudio II , con il quale pare fosse imparentato Diocleziano , il piu’ probabile mandante dell’ opera in quanto questa termina con le Vite di Caro , Carino e Numeriano , svilisce , probabilmente esagerando , quella del legittimo Imperatore Gallieno ; Pollione gli contrappone questi usurpatori come uomini inviati dalla provvidenza e benefattori dell’ Impero , in quanto Gallieno scrive Pollione : “al cui confronto avrebbero governato meglio perfino le donne” ; sono voci del passato che vanno comunque ascoltate con rispetto , ma delle quali si puo’ e si deve discutere per una corretta e distaccata visione dell’ Impero di Gallieno .
Non tutti questi trenta usurpatori trattati nell' opera appartengono al tempo di Gallieno ed alcuni sono anche inventati , per cui gli storici riconoscono ufficialmente solo nove usurpatori appartenenti a questo periodo storico che indossarono illegalmente la porpora imperiale , questi sono : Postumo , Leliano , Ingenuo , Regaliano , Emiliano , Aureolo , Macriano con i suoi due figli Macriano il Giovane e Quieto , ai quali nove , possiamo senz’ altro aggiungere anche Vittorino , Mario e Tetrico I ; di tutti gli altri , alcuni come dicevo sono personaggi immaginari , degli altri non e’ storicamente certo se avessero indossato veramente la porpora imperiale , per cui mi asterro’ dal parlarne .
I trenta personaggi maschili , piu’ due donne , trattati da Trebellio Pollione sono in ordine nel testo : Ciriade , Postumo , Postumo il Giovane , Lolliano , Vittorino , Vittorino il Giovane , Mario , Ingenuo , Regiliano , Aureolo , Macriano , Macriano il Giovane , Quieto , Odenato , Erode , Meonio , Ballista , Valente , Valente il Vecchio , Pisone , Emiliano , Saturnino , Tetrico il Vecchio , Tetrico il Giovane , Trebelliano , Erenniano , Timolao , Celso , Zenobia , Vittoria , Tito , Censorino .
Per chi non possiede la Storia Augusta e volesse notizie su questi personaggi , riporto integralmente quanto scritto da Trebellio Pollione , sperando di fare cosa gradita , specialmente agli utenti del Forum che collezionano in particolare le monete degli usurpatori gallici ; iniziero’ quindi le Vite da Postumo , il primo dei dodici “tiranni” del tempo di Gallieno ufficialmente riconosciuti .

Vita di Postumo : “Era un uomo prode in guerra , equanime in tempo di pace , serio in ogni circostanza della vita . Fidando in queste sue qualita’ , Gallieno quando mando in Gallia suo figlio Salonino , lo affido’ proprio a Postumo , perche’ vegliasse sulla sua vita e controllasse i suoi costumi e le sue azioni . Ma secondo quello che asseriscono i piu’ , egli sarebbe venuto meno alla parola data e avrebbe assassinato Salonino per assumere il potere . Un simile comportamento non si accorda pero’ con il carattere di Postumo , ed e’ percio’ piu’ verosimile l’ altra versione secondo cui i Galli , che odiavano Gallieno , e non potevano tollerare di essere governati da un bambino , fecero uccidere Salonino dai soldati per acclamare poi Imperatore colui che gia’ esercitava funzioni di reggente . E’ certo comunque che Postumo , una volta eletto con il favore dell’ esercito e della popolazione , si prodigo’ per sette anni dedicandosi a migliorare le condizioni della Gallia , mentre Gallieno passava il suo tempo nelle osterie , immerso nei bagordi , precocemente invecchiato dall’ amore per una donna barbara . Alla fine Gallieno si decise a scendere in campo contro il rivale , ma fu ferito da una freccia .
Postumo comunque nonostante l’ amore e la stima di cui godeva presso i Galli per essere riuscito a riportare l’ Impero romano all’ antica sicurezza stornando la minaccia dei Germani , a causa delle mene di Lolliano fu ucciso . Lo assassinarono per la sua eccessiva severita’ ed anche perche’ , come e’ noto , i Galli sono sempre avidi di rivolgimenti politici .
Chi desidera conoscere i meriti di Postumo , legga il giudizio che Valeriano da di lui in una lettera indirizzata ai Galli : << Ho nominato generale del confine trans renano e preside della Gallia , Postumo , un uomo che dovrebbe essere all’ altezza della situazione , che come sai richiede grande impegno e serieta’ . Sotto il suo governo non mancheranno i soldati negli accampamenti , ne’ verranno meno le leggi del Foro , la giustizia nei Tribunali o la dignita’ della Curia . Egli dara’ a ciascuno il suo . Io stesso lo ammiro piu’ di ogni altro e sono convinto che meriti l’ incarico di primissimo piano che gli ho conferito , spero che me ne serete grati . Se poi l’ opinone che me ne sono fatta di lui si mostrera’ errata , ricordate che sulla faccia della Terra non si potra’ mai trovare un uomo perfetto in tutto . A suo figlio , un giovine che si chiama anch’ egli Postumo e che si dimostrera’ degno dei costumi paterni , ho dato il Tribunato dei Voconzi >>”

 

post-39026-0-50484100-1446885027_thumb.j

post-39026-0-89272600-1446885044.jpg

Modificato da Legio II Italica
  • Mi piace 4

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Vita di Leliano (chiamato Lolliano nella Storia Augusta) : “Fu durante la ribellione di costui in Gallia che perse la vita il prode Postumo , il quale ottenuto il governo della Gallia travagliata da grave scontento , a causa della viziosa condotta di Gallieno , era riuscito a riportare lo Stato romano all’ antica prosperita’ . Lolliano era certamente un uomo di grande valore , ma egli vide scemare la propria autorita’ presso i Galli proprio in conseguenza del suo tradimento .
Fu assassinato da quel Vittorino , figlio di quella Vitruvia o Vittoria che in seguito venne chiamata <Madre degli accampamenti> e insignita del titolo di Augusta , anche se ella non volle assumersi una responsabilita’ cosi gravosa e preferi’ conferire il potere prima a Mario poi a Tetrico e al figlio .
Anche Lolliano si prodigo’ per il bene dello Stato , ricostrui’ molte citta’ e alcune fortezze che Postumo aveva costruito nei suoi sette anni di governo e che alla sua morte erano andate distrutte e incendiate nel corso di una improvvisa scorreria dei Germani . Alla fine Lolliano fu ucciso dai suoi stessi soldati stanchi delle continue fatiche che venivano loro imposte .
Cosi’ mentre Gallieno mandava in rovina lo Stato , in Gallia si segnalarono come difensori del nome romano Postumo , Lolliano , Vittorino e Tetrico , di Mario preferisco non parlarne . Certo fu il cielo a mandarli per impedire che i Germani si impadronissero di territori romani , mentre quel mostro sfrenato di Gallieno era immerso nei suoi vizi . In effetti anche se i Germani , come i Persiani e i Goti , avessero potuto dilagare al di qua’ dei confini , questo venerabile Impero sarebbe caduto sotto i colpi degli invasori .
La vita di Lolliano come quella di Postumo e’ in molti punti oscura , tanto piu’ che egli non rivesti’ mai cariche pubbliche . Entrambi del resto divennero famosi grazie al loro valore personale e non certo per la nobilta’ dei natali"

 

post-39026-0-65023000-1446904875_thumb.j

post-39026-0-23953800-1446904891_thumb.j

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Vita di Vittorino : "Postumo il Vecchio , vedendo che Gallieno muoveva contro di lui con un grande esercito e comprendendo che gli era necessario non solo l’ aiuto dei soldati ma anche quello di un altro principe , chiamo’ a dividere il potere un militare di provata esperienza , Vittorino , insieme con lui affronto’ Gallieno . Ma nonostante l’ impiego di notevoli contingenti di ausiliari Germani , dopo accanita resistenza essi furono sconfitti . Quando alla fine fu ucciso anche Lolliano , Vittorino si trovo’ solo al potere , ma per poco ; egli perdeva infatti il suo tempo ad insidiare le mogli dei soldati e degli ufficiali e cosi’ un bel giorno , nei pressi di Agrippina (Colonia) , fu eliminato da una congiura tramata da uno scrivano del quale aveva violentato la moglie . Subito dopo di lui fu ucciso anche suo figlio , il giovanissimo Vittorino che era stato appena nominato Cesare dalla nonna Vittoria o Vitruvia , la cosi’ detta <madre degli accampamenti> .
Su questo Imperatore che , se si esclude la sua immoralita’ , era un ottimo sovrano , siamo abbondantemente informati . Bastera’ comunque citare un capitolo dell’ opera di Giulio Ateriano in cui si parla di lui , scrive Ateriano : <Penso che nessuno possa essere considerato all’ altezza di quel Vittorino che successe a Giulio Postumo nel governo delle Gallie . Egli superava Traiano per virtu’ , Antonino per clemenza , Nerva per serieta’ , Vespasiano per accortezza nell’ amministrazione dell’ erario , Pertinace e Severo per onesta’ di vita e austerita’ militare ; ma purtroppo questi tutti suoi meriti sono talmente offuscati dal ricordo della sua sensualita’ e della sua brama sfrenata di piaceri che oggi piu’ nessuno osa parlare bene di uno che per opinione unanime ha avuto la punizione che meritava > . Considerando che gli scrittori avevano di Vittorino una simile opinione , penso di averne gia’ parlato abbastanza"

 

Nota tratta dalla breve Vita di Vittorino il Giovane : “Nei pressi di Agrippina (Colonia) sono tutt’ora visibili due modesti sepolcri , rivestiti di una sottile lastra di marmo che reca questa iscrizione : <Qui giacciono i due tiranni Vittorini>”

post-39026-0-20985700-1446968835.jpg

post-39026-0-51646000-1446968848.jpg

Modificato da Legio II Italica
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Vita di Mario : “Dopo la morte di Vittorino , Leliano e Postumo , regno’ per tre* giorni Mario , che era stato per quel che si dice un fabbro ferraio . Non so che cos’ altro dire di lui , del resto l’ unico motivo per cui egli e’ passato alla storia e’ l’ estrema brevita’ del suo regno . A questo motivo mi viene in mente la battuta di Cicerone su quel Console supplente che rimase in carica soltanto un pomeriggio , per un totale di sei ore : < Abbiamo avuto un Console tanto severo e tanto rigoroso che durante la sua magistratura nessuno ha pranzato , nessuno ha cenato , nessuno ha dormito> .Ebbene di Mario noi potremmo dire che il primo giorno fu fatto Imperatore , il secondo regno’ e il terzo fu ucciso . Comunque egli era un uomo valoroso giunto all’ impero dopo essere passato attraverso i vari gradi della carriera militare , anche se molti continuavano a chiamarlo Mamurio o Veturio , quasi fosse rimasto ancora un fabbro ferraio .
Ma vedo che mi sto dilungando troppo , aggiungero’ soltanto che non c’era nessuno che avesse mani piu’ forti di lui nel colpire o nello spingere . Si sarebbe detto che nella dita al posto delle vene , avesse corde ; con la punta dell’ indice era in grado di arrestare un carro in movimento e bastava che toccasse con un dito gli uomini piu’ robusti perche’ rimanessero li’ doloranti quasi avessero ricevuto una legnata o una martellata .
Con la semplice pressione di due dita inoltre , mandava in frantumi qualsiasi oggetto .
A ucciderlo fu un soldato , un suo vecchio compagno di officina che Mario dopo la nomina a Generale e ad Imperatore , trattava con certo disprezzo . Si dice che l’ uccisore colpendolo abbia esclamato : <Questa spada l’ hai fatta tu !> . Particolarmente significativo in proposito e’ il primo discorso che egli tenne ai soldati : < So compagni che mi si puo’ rinfacciare il mio antico mestiere , voi tutti sapete che cosa facevo .
Comunque checche’ se ne dica io mi auguro di poter continuare a maneggiare il ferro piuttosto che abbruttirmi in mezzo al vino , ai fiori , alle donnine e ai bagordi come fa quel Gallieno che si e’ reso indegno di suo padre e dei suoi nobili natali .
Mi si rinfacci pure il mio mestiere di fabbro , purche’ i popoli stranieri si accorgano per esperienza che ho bene imparato a maneggiare il ferro ; io faro’ in modo che Alemanni , Germani e tutti i popoli vicini giudichino i Romani una razza di ferro e temano le nostre spade . Pensateci bene , il principe che voi avete eletto e’ uno che sa maneggiare bene il ferro e basta . Lo dico perche’ so che quella peste , quel depravato di Gallieno , non potra’ rinfacciarmi altro che di essere stato un costruttore di spade e di armi>”


*in realta’ Mario fu eletto dopo la morte di Postumo e prima dell’ elezione di Vittorino ; inoltre e’ impossibile che abbia regnato solo tre giorni , anche in considerazione del gran numero di monete da lui emesse , probabilmente regno’ per almeno tre mesi , forse di piu’ .

post-39026-0-67079700-1446980701_thumb.j

post-39026-0-11628900-1446980721_thumb.j

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Vita di Ingenuo : “Nel tempo in cui furono Consoli Tusco e Basso , mentre Gallieno si abbandonava ai bagordi nelle osterie con ruffiani , attori e puttane , disperdendo le sue doti naturali in una vita sfrenata , Ingenuo Governatore della Pannonia , fu acclamato Imperatore dalla Legioni della Mesia con il consenso delle popolazioni pannoniche .
La decisione di quei soldati era la migliore che si potesse prendere per il bene dello Stato , con i Sarmati alle porte , veniva creato Imperatore l’ unico che con il suo valore , fosse in grado di fronteggiare una situazione tanto disastrosa . Ingenuo da parte sua accetto’ senza esitare la nomina perche’ a causa del suo valore , della sua stessa insostituibilita’ e soprattutto del favore di cui godeva presso i soldati , cosa questa che ha sempre preoccupato non poco i legittimi Imperatori , si sentiva minacciato dall’ ostilita’ imperiale .
Ma Gallieno nonostante la sua inettitudine , quando aveva l’ acqua alla gola sapeva diventare pronto , deciso , coraggioso e spietato ; cosi’ affronto’ l’ avversario e dopo averlo vinto e ucciso , si vendico’ infierendo anche sui suoi soldati e gli stessi cittadini della Mesia . La sua crudelta’ non risparmio’ nessuno e arrivo’ ad un punto tale di ferocia da sterminare l’ intera popolazione maschile di molte citta’ . Si racconta anzi che lo stesso Ingenuo , dopo la presa della citta’ , per non finire nelle mani di un cosi’ crudele tiranno , si suicido’ lasciandosi annegare . La malvagita’ di Gallieno del resto si rivela pienamente in una lettera da lui indirizzata a Celere Veriano , la riporto qui , proprio per dimostrare come anche un uomo vizioso sappia essere crudele se e’ necessario : <Gallieno a Veriano . Non mi basta che tu uccida i soldati , giacche’ essi potevano trovare la morte anche in battaglia ; devi uccidere tutti gli uomini di sesso maschile , compresi i vecchi e i bambini , possibilmente evitando che la responsabilita’ del fatto ricada su di me . Devi uccidere tutti quelli che mi vollero male , tutti quelli che hanno parlato male di me , figlio di Valeriano , padre e fratello di tanti principi . Hanno fatto Imperatore Ingenuo , tu lacera , uccidi , distruggi ! Comprendi il mio stato d’ animo , ardi d’ ira come come chi ti scrive queste parole>”

 

Di Ingenuo non si conoscono monete a lui attribuite , ma solo una ipotetica immagine .
 

post-39026-0-84307200-1447061937.jpg

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Vita di Regaliano : “Era destino che al tempo di Gallieno chiunque potesse tentare la scalata all’ Impero . Per esempio Regiliano , Governatore dell’ Illiria , fu eletto Imperatore dai Mesii , i quali battuti insieme con Ingenuo , avevano dovuto subire con le loro famiglie , la dura repressione di Gallieno . Poi pero’ Regiliano , sebbene avesse sconfitto i Sarmati , venne ucciso su istigazione dei Rossolani e con il tacito consenso dei soldati e dei provinciali timorosi di una nuova e piu’ feroce rappresaglia da parte di Gallieno .
Regiliano era arrivato all’ Impero in un modo veramente insolito per colpa o per merito di una specie di scherzo ; stava cenando con alcuni soldati quando un vice Tribuno usci’ con questa domanda : <da che cosa viene il nome Regiliano ?> e un altro subito :<Da regno io penso !> . Tra i presenti ce n’ era uno piuttosto istruito il quale comincio’ a declinare come fanno i grammatici : <Rex , Regis , Regi ……Regilianus> . Allora i soldati facili come sono ad entusiasmarsi per la prima cosa che viene loro in mente , esclamarono :<Dunque puo’ essere Re ?> e un altro :<Non ci puo’ governare forse ?> e poi ancora :<E’ stato un dio a darti questo nome profetico !> . Insomma di discorso in discorso il mattino del giorno successivo , quando egli compari’ in pubblico , venne salutato Imperatore dallo stato maggiore dell’ esercito . Cosi’ grazie ad una battuta scherzosa si trovo’ ad avere cio’ che gli altri avevano solo ottenuto con l’ audacia o con l’ intelligenza . Indubbiamente , comunque , egli era un soldato di provata esperienza , tanto che Gallieno , gia’ da tempo lo teneva d’ occhio perche’ vedeva in lui un potenziale concorrente all’ Impero . Egli era un Dacio di nascita ed anzi a suo dire , discendeva da Decebalo in persona .
Possediamo una lettera in cui il divo Claudio (II) , allora semplice cittadino privato , si congratula con Regiliano , per la riconquista di quella regione (Mesia) , un successo davvero notevole se si tiene conto della rovinosa inerzia di Gallieno . La lettera e’ autentica e ho pensato di riportarla , visto che si tratta di un documento ufficiale : <Claudio saluta Regiliano . Felice lo Stato cui e’ toccato di avere al suo sevizio un uomo come te , felice Gallieno , anche se mai nessuno gli dice la verita’ , ne’ in bene ne’ in male . Bonito e Celso , guardie del corpo del nostro principe , mi hanno parlato del tuo comportamento durante la battaglia presso Scupi e mi hanno riferito tutte le prodezze che hai compiuto nell’ arco di un solo giorno . Nei tempi antichi ti avrebbero onorato con il trionfo . Ma pazienza , tu ricorda sempre che sorta d’ uomo e’ colui che ci governa e percio’ cerca di essere sempre cauto , anche nella vittoria . Mandami se ti e’ possibile qualche arco sarmatico , due mantelli militari ma con fermaglio , io te ne ho spediti dei nostri > . Questa lettera dimostra la considerazione che Claudio , indubbiamente la persona piu’ atta ad esprimere simili giudizi , aveva per Regiliano .

Il nostro uomo non aveva fatto carriera sotto Gallieno , ma sotto il padre di lui , Valeriano , come del resto Claudio , Macriano , Ingenuo , Postumo ed Aureolo , tutti personaggi che pagarono con la vita l’ avere ottenuto un potere che del resto meritavano . C’e’ infatti qualcosa di straordinario nell’ intuito di Valeriano , tutti coloro che furono da lui eletti generali , giunsero poi all’ Impero per volonta’ dei soldati e questo dimostra , se non altro , quanto fosse abile il vecchio principe nello scegliersi i collaboratori ideali per il bene dello Stato romano , che purtroppo non pote’ godere a lungo del governo di un sovrano accorto come lui . E magari avessero potuto regnare coloro che salirono al potere , o almeno non fosse rimasto cosi’ a lungo sul trono quel suo ignobile figlio , cosi’ che lo Stato avesse potuto restare quello di una volta ! Ma la fortuna volle seguire il proprio capriccio e cosi’ ci ha portato via Valeriano e tanti altri ottimi principi , per lasciarci Gallieno piu’ a lungo del necessario”
 

post-39026-0-31022400-1447078719.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Vita di Aureolo : “Anche costui , comandante degli eserciti d’ Illiria , sali’ al potere come tutti in quel tempo , per volonta’ dei militari che disprezzavano Gallieno . Quando Macriano al comando di un grande e forte esercito , insieme con il figlio omonimo (Macriano il Giovine) marcio’ contro Gallieno , Aureolo corruppe e trasse dalla sua parte molti soldati dell’ avversario . In tal modo divento’ un rivale temibile e Gallieno visti fallire i suoi tentativi di batterlo , fini’ con l’ accordarsi con lui prima di affrontare Postumo . Come si vede , seguitiamo a trattare gli stessi personaggi di cui gia’ si e’ parlato molto , eppure molto ancora rimane da dire .
Dopo la morte di Gallieno tocco’ a Claudio sbarazzarsi di Aureolo , il quale fu ben presto vinto e ucciso presso il Ponte che ancora oggi porta il suo nome
(Pons Aureoli = Pontirolo sull’ Adda) . La’ fu anche sepolto per benevola concessione di Claudio , in una modesta tomba su cui e’ ancora oggi visibile un epitaffio in Greco che tradotto suona cosi’ : <Vittorioso sul tiranno dopo tante battaglie , a buon diritto superstite l’ ormai felice Claudio , ad Aureolo concesse il sepolcro e l’ onore dei morti . Anche la vita gli avrebbe concesso , se non fosse un dovere del buon soldato negare la salvezza a tutti e soprattutto ad Aureolo . Ma per pieta’ ne raccolse i miseri resti a lui intitolando questo Ponte e questo tumulo> . Ho riportato i versi nella traduzione di un grammatico , non perche’ non si possano tradurli meglio , ma per rispetto di quella fedelta’ storica che e’ il mio principale obiettivo , superiore perfino all’ eleganza dello stile . La mia vuole essere storia di fatti , non di parole , e quando si tratta di scrivere simultaneamente la vita di trenta tiranni , i fatti da esporre sono un’ infinita’” .

Di Aureolo non si conosco monete emesse a suo nome , ma solo quelle coniate a nome di Postumo .

post-39026-0-28255600-1447140233.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Vita di Macriano : “Quando Valeriano , che era stato per lungo tempo uno dei cittadini piu’ in vista e fu poi un valoroso Imperatore fu catturato dai Persiani , diventando il piu’ infelice degli uomini sia per il fatto che fini’ i suoi giorni nelle mani del nemico , sia per l’ indecoroso spettacolo dato ai suoi discendenti , il suo Prefetto Ballista e il suo Generale in capo Macriano , vedendo che da Gallieno non c’era da aspettarsi nulla e che i soldati volevano un Imperatore , si incontrarono per accordarsi sul da farsi .
Visto che Gallieno era lontano e che anche Aureolo si era ormai impadronito del potere , parve loro opportuno eleggere un sovrano dotato di grande personalita’ se non si voleva correre il rischio di avere a che fare con altri pretendenti . Secondo Meonio Astianatte , che fu presente al colloquio , Ballista disse testualmente : < La mia eta’ , la mia posizione , la mia volonta’ sono ben lungi dall’ ispirarmi idee di potere , tuttavia non posso negarlo , sento anch’ io la necessita’ di un principie capace e mi chiedo chi possa raccogliere la successione di Valeriano meglio di te Macriano . Solo tu con la tua forza , con la tua fermezza , con la tua integrita’ , con la tua fedelta’ allo Stato e , cio’ che non stona in uno che aspira all’ Impero , con la tua ricchezza , puoi e devi prendere il posto che ‘ gia’ tuo e solo tuo .Io saro’ il tuo Prefetto finche’ lo riterrai opportuno . Tu cerca di agire nell’ interesse dello Stato e il mondo romano sara’ felice di averti come principe> e Macriano rispose : <Ballista io so bene che per un uomo che non sia stupido , l’ Impero non e’ cosa da prendere alla leggera . Io vorrei poter aiutare lo Stato , non fosse che per togliere di mezzo quella peste , ma l’ eta’ mia non me lo permette , sono vecchio e non sono piu’ in grado di andare a cavallo , devo lavarmi spesso e stare a dieta e poi la cura dei miei interessi mi ha disabituato alla vita militare . Occorrono dei giovani e non uno , ma due o tre giovani valorosi che nelle diverse parti del mondo rendano grande e potente , come un tempo , questo nostro Impero che Valeriano per colpa di un triste destino e Gallieno con la sua vita corrotta hanno fatto cadere cosi’ in basso > . Ballista capi’ che egli stava alludendo ai suoi figli e gli rispose :<Ci fidiamo di te , lo Stato e’ nelle tue mani . Concedici dunque i tuoi giovani e valorosi figli Macriano il Giovine e Quieto , che furono Tribuni gia’ sotto Valeriano e che oggi proprio perche’ sono onesti , non riuscirebbero a salvarsi da Gallieno> . Vedendosi compreso Macriano replico’ :<D’accordo , distribuiro’ ai soldati di mia tasca uno stipendio doppio . Tu bada ad assistermi con la tua opera di Prefetto e fammi trovare i rifornimenti nei luoghi giusti , io faro’ vedere a quella sporca donnicciola di Gallieno quanto valgono i Generali di suo padre> .
Cosi’ con l’ appoggio dei soldati , Macriano fu eletto Imperatore insieme con i figli Macriano e Quieto . Subito , non appena sistemati alle meglio i problemi d’ Oriente , si mise in marcia alla testa di quarantamila uomini per affrontare Gallieno , ma nell’ Illirico o ai confini della Tracia , incontro’ Aureolo che lo sconfisse e lo uccise insieme con suo figlio catturando ben trentamila soldati . Veramente il merito della vittoria va a Domiziano , un prode e coraggioso generale di Aureolo che asseriva di discendere da Domiziano e Domitilla . Per finire mi sembrerebbe ingiusto omettere il giudizio che su Macriano da’ Valeriano in un rapporto inviato al Senato dalla Persia ; in quel rapporto tra l’ altro dice :< Senatori , impegnato come sono nella campagna di Persia , ho affidato a Macriano lo Stato e l’ esercito . E’ uomo fedele a voi , devoto a me , amato e rispettato dai soldati , capace di prendere le opportune decisioni militari ogni volta che sara’ necessario . Ma queste non sono novita’ , Senatori , perche’ voi tutti avete avuto modo di apprezzarlo , ancora fanciullo in Italia , da ragazzo in Gallia , da giovane in Tracia , da adulto in Africa , da vecchio nell’ Illirico e nella Dalmazia , ; dappertutto , in tutte le occasioni , egli ha dato prova di valore .Oggi , inoltre egli ha dei giovani figli degni di occupare cariche di responsabilita’ e meritevoli della mia amicizia> . E cosi’ via


Di Macriano padre non esistono monete , quelle a nome Macriano sono del Giovane .
 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Vita di Macriano il Giovane : “Di costui , che divenne Imperatore grazie ai meriti del padre , si e’ gia’ parlato a lungo nella Vita di quest’ ultimo . Sulla sua forza si raccontano molti mirabili episodi , ma di fronte al destino o nel mezzo di una guerra , che valore puo’ avere la forza di uno solo ? Nonostante il suo coraggio infatti , fu sconfitto da Domiziano insieme con il suo saggio padre , cui doveva l’ Impero , e perdette come ho gia’ detto , ben trentamila uomini . Sua madre era nobile , il padre era solamente un valoroso ed esperto soldato che dai gradi piu’ bassi era giunto alle piu’ alte cariche”

post-39026-0-07986300-1447223675_thumb.j

post-39026-0-60443700-1447223693_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Vita di Quieto : “Figlio , come si e’ visto , di Macriano fu eletto Imperatore insieme con il padre e con il fratello , su consiglio di Ballista . Ma Odenato , che in quel tempo era gia’ padrone dell’ Oriente , quando seppe che i due Macriani , padre e figlio (il Giovine) , erano stati sconfitti da Aureolo e che il loro esercito era caduto nelle mani di quest’ ultimo , prendendo per cosi’ dire le parti di Gallieno , fece uccidere il giovane Quieto e il Prefetto Ballista . Da vero figlio e fratello dei due Macriani , che avevano saputo reggere lo Stato in momenti tanto difficili , anche il giovane Quieto era piu’ che degno del titolo di Imperatore romano .
Riguardo alla famiglia dei Macriani ancor oggi fiorenti , mi sembra giusto ricordare che per una caratteristica consuetudine , gli uomini hanno sempre portato l’ immagine di Alessandro Magno incisa sugli anelli e sugli altri ornamenti d’ argento , mentre le donne la portavano invece ricamata sulle cuffie o scolpita nei bracciali , sugli anelli o su ogni altro gioiello ; anzi ancora oggi i Macriani conservano in casa tuniche , cinture e mantelli da matrona che mostrano ricamata con filo di vari colori l’ immagine di Alessandro Magno .
Non molto tempo fa in occasione di una cena offerta da Cornelio Macriano , un membro di questa famiglia , nel Tempio di Ercole , io stesso ho visto questo discendente del nostro Macriano offrire da bere al Pontefice in una coppa di elettro , che recava incisa al centro il volto di Alessandro con intorno dei piccolissimi rilievi che ne illustravano le imprese . La tazza fu poi fatta circolare tra i convitati tutti convinti ammiratori di quel grande personaggio storico e se ho raccontato l’ episodio e’ perche’ dicono che l’ immagine di Alessandro , in oro o in argento , costituisca per chi la possiede un ottimo portafortuna”

 

post-39026-0-12493500-1447249134.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Vita di Emiliano : “Gli Egiziani , turbolenti ed insensati quali sono , non esitano a prendere a pretesto qualsiasi sciocchezza per gettare lo Stato nei piu’ gravi pericoli , spesso per cose di nessun conto , come per un saluto negato , per un posto non concesso nei bagni , per un sequestro di carni e ortaggi , magari per paio di sandali , sono capaci di provocare rivolte tanto pericolose da richiedere l’ intervento dell’ esercito .
Cosi’ un giorno in questa , dove l’ intolleranza e’ di casa , accadde che un servo del Procuratore che allora governava Alessandria , venne ucciso da un soldato , unicamente perche’ sosteneva di avere un paio di calzari piu’ belli dei suoi . Tosto si raccolse una turba inferocita che si diresse tumultuando verso la casa del Generale Emiliano e lo assali’ furibonda scagliandogli addosso sassi , minacciandolo con le spade e con le armi tipiche di queste sommosse improvvise . Di fronte ad una situazione del genere , Emiliano vedendosi comunque perduto , si proclamo’ Imperatore , ottenendo l’ appoggio dell’ esercito di stanza in Egitto , che odiava Gallieno . Nell’ esercizio della sua carica non gli manco’ certo l’ energia necessaria , percorse in lungo e in largo la Tebaide e l’ Egitto , e senza badare ai mezzi ricaccio’ il piu’ indietro possibile le popolazioni barbariche , meritandosi per il suo valore l’ appellativo di Alessandro o , data l’ imprecisione delle fonti , di Alessandrino . Pero’ mentre preparava una spedizione contro gli Indi , venne da Gallieno l’ ordine di punirlo ; il Generale Teodoto lo fece strangolare in carcere come si usava un tempo con i prigionieri . A proposito dell’ Egitto vale la pena di ricordare un episodio accaduto proprio al tempo di Gallieno che si ricollega ad una antica tradizione . L’ Imperatore voleva nominare Proconsole Teodoto , ma i sacerdoti glielo impedirono sostenendo che le insegne consolari non avevano il diritto di entrare in Alessandria . Questa usanza singolare , se ben ricordo , era nota anche a Cicerone che ne parlo’ in : <Contro Gabinio> e poiche’ essa e’ ancora oggi in vigore , il vostro parente Erennio Celso , che aspira al consolato , sappia che e’ meglio rinunciarvi . Infatti in una colonna d’ oro nei pressi di Melfi e’ scritto in caratteri egiziani che l’ Egitto ritornera’ libero quando vi entreranno i fasci e le preteste dei Romani , come testimonia espressamente il grammatico Proculo , scrittore molto apprezzato ai suoi tempi per la sua cultura , nella sua opera sulle terre straniere”

 

post-39026-0-16467900-1447310919_thumb.j

post-39026-0-81513300-1447310933_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Vita di Tetrico il Vecchio : “Alla morte di Vittorino e di suo figlio , la madre Vittoria o Vitruvia , indusse il Senatore Tetrico , Governatore della Gallia e secondo i piu’ , suo stretto parente , ad assumere l’ Impero , facendo in modo che a lui fosse dato il titolo di Augusto e a suo figlio quello di Cesare . Tetrico resto’ a lungo al potere e condusse felicemente a termine molte imprese , ma alla fine fu sconfitto da Aureliano , non riuscendo piu’ a tenere sotto controllo il suo esercito in cui regnavano l’ indisciplina e la discordia ; si consegno’ spontaneamente nelle mani di quel principe austero e severo cui avrebbe fatto pervenire di nascosto questo verso :<Liberami , invitto , da questi mali>
Ma un uomo dalla mentalita’ contorta come Aureliano non si lasciva cogliere facilmente da sentimenti di compassione o di clemenza e quindi non esito’ a ostentare nel suo trionfo , insieme con Zenobia moglie di Odenato e con i figli minori di costui , Erenniano e Timolao , anche questo Senatore del popolo romano , nonche’ ex Console e Prefetto di tutte le Gallie . Tuttavia piu’ tardi il severo ed inflessibile Aureliano fu preso dal rimorso e nomino’ colui che aveva trascinato nel trionfo , Governatore di tutta l’ Italia , cioe’ della Campania , del Sannio , dell’ Umbria , del Piceno , della Flaminia e dell’ intera regione annonaria . Cosi’ Tetrico non solo si salvo’ ma pote’ anche mantenere una funzione di estrema importanza , tanto piu’ che Aureliano stesso soleva chiamarlo collega e talvolta anche commilitone e persino Imperatore”



A questo punto sarei giunto al termine della trascrizione dalla Storia Augusta , delle Vite degli effettivi 12 Imperatori gallici , ma per completare la Vita di Tetrico il Vecchio , voglio aggiungere solo un breve passo della Vita di Tetrico il Giovane che rimase Cesare , in quanto strettamente collegato a quello della Vita del padre : “………..La casa dei Tetrici esiste ancora ed e’ bellissima . Si trova sul Celio , fra due boschi , di fronte al Tempio di Iside eretto dai Metelli . In un mosaico si vede Aureliano che concede ai Tetrici , padre e figlio , la toga pretesta e la dignita’ senatoria e ne riceve uno scettro , una corona e una veste bordata d’ oro . Si dice che i Tetrici presentarono ufficialmente questo mosaico gia’ compiuto , durante un banchetto cui era presente anche Aureliano”


 

post-39026-0-51964300-1447316502_thumb.j

post-39026-0-80688200-1447316517.jpg

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×