Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
Acqvavitus

Filatelia Aiuto per inizio collezione di francobolli

Risposte migliori

Acqvavitus

Buongiorno a tutti,

Essendo collezionista di monete, vorrei iniziare a fare una raccolta di francobolli ma non saprei da dove cominciare e soprattutto a che prezzi acquistare.

Per la verità ho già alcuni album messi insieme da me raccogliendo francobolli a caso e altri album che ho acquistato.

Volendo però acquistare dei lotti, non saprei come muovermi: praticamente un album di francobolli mondiali vecchi o moderni quanto potrebbe essere valutato? Mettiamo che contenga 500 francobolli di Francia, o USA o misti, magari usati? Come mi posso regolare, c'è qualche regola che potrei seguire nella valutazione? Ovviamente si parla di materiale generico ma ben conservato e con tanto di album usati.

Comunque a me piacerebbe collezionare più francobolli del regno d'Italia, su quest'ultimi che valore si potrebbe dare sempre a materiale generico e non in serie complete?

Vi prego, illuminatemi un Pochettino, vi ringrazio di cuore.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tognon

@@Acqvavitus

I francobolli mondiali generici vengono venduti dai commercianti un tanto al chilo sempre che non ci siano serie rare ma non mi pare il tuo caso.

I francobolli del regno seguono un po' il principio della numismatica quindi vengono premiati qualita' e rarita'; come per le monete ti consiglio di privilegiare la qualita' al numero dei pezzi. Prendiamo per esempio la serie del congresso di Trieste del 1922, nuova integra (senza linguella) ti costa circa 1000 euro e sono 4 pezzi che pero' mantengono il loro valore se invece spendi 1000 euro per 1000 pezzi il loro valore e' quasi zero.

Comunque per un ordine di idee i francobolli vengono venduti se perfetti il 20 o 30 per cento del prezzo di catalogo salvo rarita' o qualita' eccezionali che in alcuni casi superano addirittura il prezzo di catalogo.

Come vedi la filatelia non e' tanto diversa dalla numismatica.

Ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Acqvavitus

@@AcqvavitusI francobolli mondiali generici vengono venduti dai commercianti un tanto al chilo sempre che non ci siano serie rare ma non mi pare il tuo caso.I francobolli del regno seguono un po' il principio della numismatica quindi vengono premiati qualita' e rarita'; come per le monete ti consiglio di privilegiare la qualita' al numero dei pezzi. Prendiamo per esempio la serie del congresso di Trieste del 1922, nuova integra (senza linguella) ti costa circa 1000 euro e sono 4 pezzi che pero' mantengono il loro valore se invece spendi 1000 euro per 1000 pezzi il loro valore e' quasi zero.Comunque per un ordine di idee i francobolli vengono venduti se perfetti il 20 o 30 per cento del prezzo di catalogo salvo rarita' o qualita' eccezionali che in alcuni casi superano addirittura il prezzo di catalogo.Come vedi la filatelia non e' tanto diversa dalla numismatica.Ciao

Grazie, da quanto mi dici sembra essere esattamente come la numismatica, più spendi e più ti ritrovi.....però per una prima infarinatura ci vuole prima un po di materiale.....ritrovandomi a dover acquistare degli album di vario materiale, europei, mondiali, italiani e regno non saprei su che cifra andare. Ovviamente non si tratta di frammenti, che sono questi che si vendono a kg, ma di francobolli ben sistemati in raccoglitori, nuovi, usati, antichi e moderni. Sapendo di quanti francobolli è composto il lotto, quanto potrei offrire a pezzo? Ovviamente sono anche compresi i raccoglitori....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tognon

Ovviamente dipende da quali francobolli e' composto il lotto.

Se si tratta di pochi euro puoi rischiare ma se si tratta di cifre importanti io starei attento.

Come ti ho già' detto esiste un solo francobollo degli antichi stati che costa 100.000 euro e lotti da centinaia di pezzi da 10 euro.

Dipende da come vuoi impostare la collezione.

Ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Acqvavitus

Ovviamente dipende da quali francobolli e' composto il lotto.

Se si tratta di pochi euro puoi rischiare ma se si tratta di cifre importanti io starei attento.

Come ti ho già' detto esiste un solo francobollo degli antichi stati che costa 100.000 euro e lotti da centinaia di pezzi da 10 euro.

Dipende da come vuoi impostare la collezione.

Ciao

Per adesso ne prendo un pó, poi vedrò come impostare la collezione. Che pensi, 10-15 centesimi a pezzo per francobolli del regno, da Umberto l alla repubblica sociale passando per le colonie, e 2-3 centesimi a pezzo per tutto il resto, comprensivi di album, può essere un prezzo conveniente? Molte ripetizioni però, soprattutto per quelli del regno ma francobolli in buone condizioni, talvolta nuovi o anche in quartine....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tognon

Il prezzo e' buono, ovviamente non ci saranno pezzi rari ma come inizio e studio vanno bene.

Poi a volte fra tanti può' capitare il pezzo pregiato.

Ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×