Jump to content
IGNORED

A proposito di pedigree e provenienza


babelone
 Share

Recommended Posts

Nella prossima asta di Romanumismatic vengono proposte tre dracme di Kentoripai, le prime due non hanno nessun pedigree ed il prezzo è in linea con il mercato la terza invece,ha avuto tre passaggi in asta ed il prezzo,anche se più bella, è nettamente più alto, questa differenza di prezzo secondo me è esagerata e personalmente, per motivi personali, preferirei comprare una delle prime due.......!!!!!!

A voi la parola " A cosa servono i pedigree e la provenienza ? "

 

Saluti

Babelone

post-33272-0-30354200-1461354390_thumb.j

post-33272-0-07237200-1461354402_thumb.j

post-33272-0-79857900-1461354412_thumb.j

Edited by babelone
  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Il terzo bronzo di Kentoripai ha un pedigree che risale fino al 1984 (Munzen und Medaillen).

Ormai il pedigree è diventato un valore aggiunto, ma in questo caso poco meritevole.

Già negli anni '80 si stava diffondendo la moda di bulinare e ripatinare il bronzo (come può dimostrare la ricca raccolta Laffaille) e questo esemplare mostra evidenti tracce di ritocco, sul viso femminile e sulle lettere dell'etnico.

Concordo con Babelone che sono quasi meglio i primi due, senza pedigree.....

Link to comment
Share on other sites


Hai ragione.... ma in questo caso il rischio è di natura diversa

 

 

si, ho visto...

 

Grazie della segnalazione babelone!

 

Per aiutare i meno esperti a comprendere meglio il senso di questi criptici scambi... utile rispolverare questa interessante discussione del 2014: http://www.lamoneta.it/topic/130645-kentoripai-calciati-1/?hl=kentoripai

 

PS: Hera col gozzo mi mancava, che orrore!!!

 

Saluti :)

Nico

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Nella prossima asta di Romanumismatic vengono proposte tre dracme di Kentoripai, le prime due non hanno nessun pedigree ed il prezzo è in linea con il mercato la terza invece,ha avuto tre passaggi in asta ed il prezzo,anche se più bella, è nettamente più alto, questa differenza di prezzo secondo me è esagerata e personalmente, per motivi personali, preferirei comprare una delle prime due.......!!!!!!

A voi la parola " A cosa servono i pedigree e la provenienza ? "

Saluti

Babelone

I prezzi elevati spuntate dalle monete con pedigree e la loro differenza assurda con esemplari simili che ne sono privi è' la diretta e più' tangibile conseguenza del CIARPAME spacciato ad arte e che ha inquinato il mercato da parte di quattro falsari TONTI che pensavano di fregare il mercato.

È' invece il mercato che frega loro , negando - a torto o a ragione ( è' pure possibile che qualche pezzo autentico privo di pedigree ne faccia le spese) valore ai pezzi che sono privi di provenienza e premiando quelli che la possono vantare...

Hai voglia a ingolfare di questi pezzi aste tedesche o similari , alla fine il mercato seleziona - a modo suo - e non perdona ... ?

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Carissimi,

 

giusto per essere meno criptici e per non far pensare ai ritocchi, ma la terza ...( quella del pedigree che poi tanto pedigree non è essendo limitato nel tempo e anzi...) ... qualcuno pensa possa essere autentica con quel bordo e quei fondi, a tacer dei rilievi impastati e lacunosi ?

 

Altro che pedigree.. non trova pace e basta e salta da un posto all'altro... :nea:

 

Bene Babelone così ! :good:

 

Cordialmente,

Enrico

 

P.S. le altre due... mmmm... se ne dovrebbe / potrebbe discutere...

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Sku mettici il link ..

Possiamo spedirli in qualche laboratorio di questi 'artisti' cosi li facciamo stare allegri e gli diamo il ritmo....:)

Link to comment
Share on other sites


Carissimi,

giusto per essere meno criptici e per non far pensare ai ritocchi, ma la terza ...( quella del pedigree che poi tanto pedigree non è essendo limitato nel tempo e anzi...) ... qualcuno pensa possa essere autentica con quel bordo e quei fondi, a tacer dei rilievi impastati e lacunosi ?

Altro che pedigree.. non trova pace e basta e salta da un posto all'altro... :nea:

Bene Babelone così ! :good:

Cordialmente,

Enrico

P.S. le altre due... mmmm... se ne dovrebbe / potrebbe discutere...

@@vitellio: il primo esemplare potrebbe essere il risultato di una coniatura con due conii di martello?, da cui la concavità delle due facce della moneta...

Discussione molto interessante di babelone.

Teoricamente, se avessimo davanti due monete analoghe ed entrambe incontrovertibilmente genuine, ove una delle due avesse un pedigree molto risalente nel tempo (e non comunque di un precedente possessore illustre; in questo caso il discorso potrebbe essere diverso) sarebbe razionale offrire due prezzi differenti? Credo di no.

Per cui un buon pedigree è a mio parere il "premio assicurativo" che il collezionista - soprattutto quello facoltoso e con scarsa competenza - è disposto a pagare in aggiunta al valore corrente dell'esemplare. Ovvero, in ottica di successiva rivendita del pezzo al mercato dei collezionisti possibilmente facoltosi e con scarsa competenza.

ES

Link to comment
Share on other sites


Ringrazio Taras per avere puntualmente richiamato la mia vecchia discussione su questi bronzi pesanti di Kentoripai.

E' ormai assodato che il pezzo ex MuM è un vecchio falso (e neppure dei migliori), che è riuscito a intrufolarsi nel giro delle maggiori aste, ma, come giustamente evidenziato da Vitellio, passa da un posto all'altro e ormai non piace più a nessun serio e preparato collezionista.

Falso per falso, allora è meglio rivolgere l'attenzione agli altri due pezzi, senza pedigree, che almeno meritano un maggiore approfondimento.

Ho alcuni dubbi pure su questi, anche se, per un corretto confronto, servirebbero buone immagini di esemplari originali, come i due ex Virzì, dei quali ho solo modeste foto scansionate:

 

post-7204-0-70209100-1461417699_thumb.jp  Virzì 140

 

post-7204-0-49560000-1461417720_thumb.jp  Virzì 141

 

Lo stesso collezionista Moretti possedeva ben 9 esemplari, dei quali due (il quarto e il sesto) furono da lui ceduti quando era ancora in vita.... Ho solo questa immagine tratta dalle sue tavole personali.

 

post-7204-0-36160300-1461417837_thumb.jp

 

Sicuramente esistono esemplari falsi che sono fatti relativamente bene e comunque molto meglio di un esemplare falso, semplicemente osceno e ridicolo, come quello apparso in asta Peus 380/2004, 197 (g. 20,57).....

 

post-7204-0-10507200-1461418064_thumb.jp

Link to comment
Share on other sites


Carissimi,

 

giusto per essere meno criptici e per non far pensare ai ritocchi, ma la terza ...( quella del pedigree che poi tanto pedigree non è essendo limitato nel tempo e anzi...) ... qualcuno pensa possa essere autentica con quel bordo e quei fondi, a tacer dei rilievi impastati e lacunosi ?

 

Altro che pedigree.. non trova pace e basta e salta da un posto all'altro... :nea:

 

Bene Babelone così ! :good:

 

Cordialmente,

Enrico

 

P.S. le altre due... mmmm... se ne dovrebbe / potrebbe discutere...

Ma solo a me colpisce la combinazione della riesumazione di un paio di" cadaveri eccellenti" subito prima dell avvistamento degli ultimi falsi ( o presunti tali) postati?
Link to comment
Share on other sites


Mi sarà costata un po cara ...... ma la  Centuripe della mia raccolta acquistata alla CNG e tutta un'altra cosa. :hi:  :hi:                                           post-50094-0-88756200-1461428423_thumb.j

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


:hi::Noto con piacere che il gruppo si è ricompattato.

@@TARAS ciao taras ho impostato il messaggio in maniera sibillina volutamente per stimolare i meno esperti ad intervenire nella discussione e poter esprimere le loro opinioni in merito cercando di capire il perché di queste differenze ( solo cercando delle risposte si può trovare la verità) e ti ringrazio per il link della precedente discussione che onestamente non ricordavo.

Premesso questo, la discussione da me aperta con l' oggetto " pedigree e provenienza " è stata una provocazione per il modo in cui si continua ancora a proporre una moneta del genere 3+1 passaggi in asta di un mediocre falso ed allora la domanda sorge spontanea " è mai possibile che nessuno se ne sia mai accorto? "

A voi la parola.....

@@vitellio Ciao Enrico ho apprezzato il tuo intervento ed anche sulle altre ci sarebbe da discutere ma personalmente credo che riguarderebbe di più la manomissione che l' autenticità può anche darsi che la mia impressione sia errata ma ho questa convinzione.

In un post di un altra sezione si è parlato della serietà di Romanumismatic spero che mantengono questa serietà e se ci leggono di prendere i giusti provvedimenti per questa moneta.

Saluti

Babelone

Edited by babelone
Link to comment
Share on other sites


oltre alla speranza del ritiro del pezzo ci sarebbe anche la speranza di non rivederla più tra le monete "AUTENTICHE" .

 

Ci sarebbe anche la speranza che il filtro avvenisse a monte, soprattutto quando certi pezzi vengono esitati in location di un certo prestigio..

 

skuby

Link to comment
Share on other sites


Va bene la terza e' facilmente riconoscibile come falsa da un collezionista di Vitt Emanuele III, ma le prime due? La prima campo straordinariamente piatto, preziosismo nel far vedere la sottostante stella del bronzo dionigiano mhmm...la seconda: le foglie della canna una si dirige verso la fronte, una verso il centro della testa ed una terza si arriccia sulla tempia.....ma solo nella moneta in asta e poi quelle lettere cosi' minute...Un confronto si puo' fare con il pezzo di Gionny -che in quell'occasione acquisto' giusto -e  che poi e' la uno di Moretti come da tav sopra...anche per la seconda tanto convinto non sono.

E poi tutta questa asta non mi piace Centuripe pericolosissima al completo, Morgantina pure.... 

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Per coloro che mo sembrano meno avvezzi ai pedigree vorrei precisare che un pedigree che risale al 1984 e in piu' non di grande collezione e' un po' miserello per vantare una provenienza a prova di bomba come invece un 'ex ADM o Virzi altrimenti garantirebbero

L'eccessiva somiglianza tra rho e pi - gia' evidenziata da Alberto e la curiosa forma dell'omega rivelano - una volta di piu' - l'etnico come uno dei punti deboli dei falsari spesso poco attrezzati epigraficamente.

Il pezzo ex Peus e' invece semplicemente imbarazzante..

Edited by numa numa
Link to comment
Share on other sites


Buona Domenica,

Insomma il pedigree potrebbe in fondo essere visto come un'arma a doppio taglio.

Da un lato se è solido, cioè riferito a collezioni di rilievo, dà risalto ad un dato esemplare, dall'altro se un po debole o troppo breve nel tempo, può trasformarsi in una maschera messa in mostra con l'unico scopo di obliterare un "misfatto" che si ripete nel tempo, come quello del terzo esemplare del primo post che riesce ancora a cambiare casa dopo 32 anni perché il pedigree richiama comunque l'attenzione di qualcuno....

La mia opinione di non esperto di argomenti tecnici è che non pare comunque credibile, nè tantomeno possibile, che chi propone certi pezzi in vendita non si accorga di nulla.. I dubbi ,e qualcosa di più, vengono a me che ancora mi sento le fette di salame sugli occhi molto spesso.....!!

Link to comment
Share on other sites


Mi sarà costata un po cara ...... ma la  Centuripe della mia raccolta acquistata alla CNG e tutta un'altra cosa. :hi:  :hi:                                           attachicon.gifimage0002bbb.jpg

 

Ringrazio per avere ricuperato l'immagine, che corrisponde al primo della lista delle monete del noto collezionista svizzero Moretti....

Moneta sicuramente autentica e utile per confronti, anche se sarebbe utile avere una foto con maggiore definizione.

L'etnico è qui scritto correttamente e con giusti rilievi.

Link to comment
Share on other sites


Del secondo esemplare del primo post mi ha incuriosito la fattura dei caratteri della legenda al rovescio (come già notato da lipari al post 18) : negli spazi tra le lettere dalla "E" alla prima "I" mi pare di notare delle porzioni di campo (soprattutto nell'area inferiore dello spazio tra i caratteri) più uniformi e lisce, può trattarsi di aree di campo solo pulite con cura, oppure potrebbero essere state "alterate"?

Inoltre, per lo stesso esemplare, mi sembra che tra la linea di terra sotto la pantera e la legenda ci sia uno spazio superiore a quello presente sugli altri rovesci postati ( in particolare a confronto del pezzo Virzì 140, dove le lettere sembrano anche esse arcuarsi un poco verso il basso per poi risalire, tra la "T" e la "N" finale), mi riferisco alla sezione dalla lettera "pi" alla "omega"..

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share


×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.