Jump to content
IGNORED

Rivoluzione Francese - Convenzione


fra crasellame
 Share

Recommended Posts

Soldo detto "alla bilancia" oppure "alla tavola della Legge" - 1793

278947531_c1f9871793_o.jpg

Nome della zecca: Lille

Lettera/segno della zecca: W

Posizione segno di zecca: W nella legenda del rovescio a ore 6

Quantità coniate: ------ esemplari

Diametro in mm: 29 mm

Asse di conio: 6 h.

Metallo: Rame o Metallo di campane (Métal de cloche, più chiaro)

Peso teorico: 12,237 gr.

Taglia: 1/20 marco

Valore: 12 denari tornesi

Contorno: liscio

Diritto

Legenda: REPUBLIQUE - FRANÇOISE. / L'AN II.

Descrizione: Tavola dei diritti dell'Uomo sotto un occhio, sulla quale è scritto in 7 righe:

LES / HOMMES / SONT / EGAUX / DEVANT / LA LOI. / - ; a sinistra un grappolo d'uva, a destra una spiga di grano.

Rovescio

Legenda: LIBERTE' - E'GALITE'. - (Mm). 1793. (Mg).

Descrizione: Bilancia con un berretto frigio in cima alla quale è appesa una corona di quercia;

al centro 1. S. ; sotto la corona la lettera di zecca.

Direttore di zecca: Stella a 5 raggi nella legenda del rovescio a ore 4 = Louis-Théophile François Lepage (1785-1793);

Maestro incisore: "Demi-lis" (fiore) nella legenda del rovescio a ore 7 = François Joseph Alard Gamot (1775-1793);

Incisore: Augustin Dupré (1791-1803)

Incisore generale: Augustin Dupré (1791-1803)

Ref.: Gad. 19 - Maz.258 - Br.15 - R.71/20

Commenti a proposito di questo tipo monetale:

La moneta da un soldo fu coniata per decreto del 26 aprile 1793. Fu ritirata dalla circolazione solamente colla legge del 6 maggio 1852 e col decreto del 12 marzo 1856.

Edited by fra crasellame
Link to comment
Share on other sites


Guardando il cartellino del venditore, lui ha indicato come zecca Arras, ma io non vedo nessun circoletto accanto o sotto alla W al rovescio. Noto solo che la seconda V della W è piena.

Ora guardo meglio con la lente. Intanto ho trovato maggiori info sugli incisori ed aggiorno la scheda.

Link to comment
Share on other sites


Ciao fra,

complimenti anche per questa,hai fatto 6 al superenalotto?

questa settimana sei stato particolarmente attivo :D

intanto io salvo tutte le preziose informazioni che ci stai regalando......

non sono in grado di aggiungere nulla,l'unica domanda che mi sovviene è :

è un effetto della fotografia oppure, la moneta,a differenza delle recenti da Te postate è realmente cosi "LUCIDA"

Grazie Sergio

P.S:ho un sacco a pelo in bb+ che mi avanza , sei interessato?

P.S2:peccato per la scritta egalitè :D

Link to comment
Share on other sites


Grazie, no nessun supernenalotto, ma qualche pagamento arretrato che mi sta lentamente arrivando (finalmente!!!)

Dunque, il pallino/circoletto sotto alla W non c'è quindi non è la zecca provvisoria di Arras ma è Lille.

Ecco due foto per confronto. Nella prima il particolare della mia moneta, nella seconda un particolare di una moneta venduta da CGB.

partwwk7.jpg

W normale - Lille

partw2vi6.jpg

W con pallino - Arras

La moneta risulta luccicosa perché ho cercato di creare dei giochi di luce per far vedere qualcosa, perché è un metallo molto scuro quasi "strano", forse non del tutto rame e/o non del tutto MdC (metallo di campana).

Posto la foto (probabilmente una scansione) del venditore del rovescio, sembra un'altra moneta ma è la stessa. Dal vivo non è né "verdognola" come nella mia foto né "marroncina" come nella scansione...

soutableloi1793rnc3.jpg

PS: aspetto ancora una moneta in viaggio e poi non posterò più per un bel pò :D

Edited by fra crasellame
Link to comment
Share on other sites


Si tratta certamente di Lille.

ARRAS (ben nota per un importantissimo ritrovamento del secolo scorso di medaglioni romani ....e che medaglioni) era una zecca provvisoria, il direttore tra il 1792 e 1793 era tale Pierre Marie Joseph Vanderveken (nome più da ciclista che zecchiere !). Su Lille c'è poco da aggiungere a quello che ha detto Lei. L'unica precisazione, DUprè operava a Parigi ed oltre ad essere incisore curava personalmente i bozzetti dei disigni.

Nella Collezione del Museo Carnavalet a Parigi sono esposti numerosi bozzetti ed opere del Duprè, tra cui con repertorio NM1510 proprio i punzoni del soldo della bilancia, in applicazione al decreto del 26 aprile 1793. : " Article II. Le revers de la pièce portera pour empreinte une balance, dont les deux bassins sont en équilibre, jointe à une couronne civique surmontée du bonnet de la Liberté. La valeur de la pièce sera gravée dans le milieu de la couronne. La légende sera composée de deux mots: Liberté, égalité; l'exergue contoendra le millésime de l'anné en chiffres arabes". Esattamente ciò che incise Duprè.

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.