Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
cliff

La collezione di monete piu' antica del mondo

Recommended Posts

cliff

In Israele ipotizzano di aver ritrovato un tesoretto composto da un antico collezionista di monete che aveva creato una piccola raccolta di shekel tutti di anni differenti.

Se fosse vero la nascita del collezionismo numismatico sarebbe da spostare molto piu' indietro rispetto a quanto si credeva fino ad oggi (ossia che il collezionismo numismatico iniziò con i primi collezionisti di monete romane fra i nobili e gli eruditi del Rinascimento).

http://www.cbsnews.com/news/2000-year-old-coin-collection-unearthed-in-israel/

Share this post


Link to post
Share on other sites

ARES III

Ma quel collezionista era in regola con le normative allora vigenti od anche lui raccoglieva materiale in modo illecito (vedi ricettatori od acquisti incauti) ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Massenzio

se non ricordo male Giuliano l'Apostata era un collezionista di monete, mi pare che fossero diversi gli imperatori numismatici. Dovrei ritrovare la fonte tra i miei libri per essere più preciso.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

snam

Sul libro dei NIP riguardanti  i grandi numismatici c'e'un articolo dedicato a questo argomento (vado a memoria, dovrei verificare).

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Caio Ottavio

Sul libro dei NIP riguardanti  i grandi numismatici c'e'un articolo dedicato a questo argomento (vado a memoria, dovrei verificare).

Ciao Snam.

Ottimo suggerimento, infatti sul libro dei NIP riguardante il collezionismo italiano (Il collezionismo numismatico italiano. Una storica e illuminata tradizione. Un patrimonio culturale del nostro Paese) c'è un articolo a firma di Rossella Pera dal titolo: Le collezioni numismatiche nell'antichità (pp. 13 - 22). In questo articolo, a p. 14, c'è anche l'esempio di Augusto descritto da Svetonio che avevo portato in questa discussione nel mio post precedente.  

Edited by Caio Ottavio
  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

snam

Bravo! Mi riferivo proprio a quello! Che sono in viaggio e potevo verificare.

Grazie

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

massi75rn

In Israele ipotizzano di aver ritrovato un tesoretto composto da un antico collezionista di monete che aveva creato una piccola raccolta di shekel tutti di anni differenti.

Se fosse vero la nascita del collezionismo numismatico sarebbe da spostare molto piu' indietro rispetto a quanto si credeva fino ad oggi (ossia che il collezionismo numismatico iniziò con i primi collezionisti di monete romane fra i nobili e gli eruditi del Rinascimento).

http://www.cbsnews.com/news/2000-year-old-coin-collection-unearthed-in-israel/

un grande collezionista e' stato augusto,amava regalare i suoi pezzi,di tante epoche,ai nipoti,e a quanto pare,distinti invitati ai suoi banchetti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

cliff

Pero' queste notizie sono tutte informazioni ricavate da fonti storiografiche posteriori, alcune delle quali neanche molto affidabili sappiamo (Svetonio....).

Questa sarebbe a tutti gli effetti la prima (e unica?) evidenza archeologica di una effettivo comportamento collezionistico numismatico nell'antichità.

Edited by cliff
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Caio Ottavio

Salve.

Segnalo che recentemente la notizia di questa scoperta è stata proposta anche da "Il Giornale della Numismatica" al seguente link: http://www.ilgiornaledellanumismatica.it/?p=9372

Anche in questa sede si fa riferimento all'ipotesi, avanzata da Donald Tzvi Ariel di un possibile collezionista che in antichità abbia raccolto le monete con sistematicità ed intenzione volute. Se ciò fosse realmente confermato, come ha detto giustamente @@cliff, il gruzzolo in questione sarebbe una rarissima, se non unica, prova tangibile del sentimento collezionistico numismatico nel mondo antico, a parte le fonti scritte fin qui citate. Personalmente, però, non scarterei l'ipotesi che questo ritrovamento possa essere un "semplice" tesoretto come ne sono stati trovati tanti fino ad oggi in molte zone del mondo antico: la modalità con cui l'antico proprietario le ha nascoste (in una fessura tra le pietre di un muro di una tenuta agricola del posto), il contesto in cui sono state trovate (una tenuta agricola, appunto), il fatto che questa tipologia monetale fosse tra le più diffuse all'epoca nella zona in cui circolavano, potrebbero far pensare che le monete fossero state guadagnate dal proprietario grazie alle sue attività lavorative e che, poi, le abbia occultate per metterle al sicuro. Oppure, molto più probabilmente, appartenevano a qualche altra persona che era originaria della regione di Tiro ed era fuggita da lì per un evento sfavorevole ben preciso, portando con sé i suoi risparmi che poi avrà nascosto nella tenuta che avrà acquistato dopo il suo spostamento (e quest'ultima è l'idea che credo possa essere più plausibile). Tra l'altro, forse, la mia ipotesi potrebbe avere, da questo punto di vista, un riscontro a livello storico: proprio nel 126 a.C., anno in cui si data l'occultamento del tesoretto perché l'ultimo esemplare porta quella data, Tiro (che è proprio la città in cui vennero coniati gli esemplari che compongono il tesoretto) si ribella al dominio dei Seleucidi e reclama l'indipendenza con un discreto successo. Tale status verrà mantenuto dalla città fino al 64 a.C. quando divenne "civitas foederata" dei Romani. Sono solo ipotesi, ma potrebbero avere qualche fondamento in più rispetto a quella del collezionista di monete dell'antichità avanzata dallo studioso israeliano Donald Tzvi Ariel...   

Edited by Caio Ottavio
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

acraf

Salve.

Segnalo che recentemente la notizia di questa scoperta è stata proposta anche da "Il Giornale della Numismatica" al seguente link: http://www.ilgiornaledellanumismatica.it/?p=9372

Anche in questa sede si fa riferimento all'ipotesi, avanzata da Donald Tzvi Ariel di un possibile collezionista che in antichità abbia raccolto le monete con sistematicità ed intenzione volute. Se ciò fosse realmente confermato, come ha detto giustamente @@cliff, il gruzzolo in questione sarebbe una rarissima, se non unica, prova tangibile del sentimento collezionistico numismatico nel mondo antico, a parte le fonti scritte fin qui citate. Personalmente, però, non scarterei l'ipotesi che questo ritrovamento possa essere un "semplice" tesoretto come ne sono stati trovati tanti fino ad oggi in molte zone del mondo antico: la modalità con cui l'antico proprietario le ha nascoste (in una fessura tra le pietre di un muro di una tenuta agricola del posto), il contesto in cui sono state trovate (una tenuta agricola, appunto), il fatto che questa tipologia monetale fosse tra le più diffuse all'epoca nella zona in cui circolavano, potrebbero far pensare che le monete fossero state guadagnate dal proprietario grazie alle sue attività lavorative e che, poi, le abbia occultate per metterle al sicuro. Oppure, molto più probabilmente, appartenevano a qualche altra persona che era originaria della regione di Tiro ed era fuggita da lì per un evento sfavorevole ben preciso, portando con sé i suoi risparmi che poi avrà nascosto nella tenuta che avrà acquistato dopo il suo spostamento (e quest'ultima è l'idea che credo possa essere più plausibile). Tra l'altro, forse, la mia ipotesi potrebbe avere, da questo punto di vista, un riscontro a livello storico: proprio nel 126 a.C., anno in cui si data l'occultamento del tesoretto perché l'ultimo esemplare porta quella data, Tiro (che è proprio la città in cui vennero coniati gli esemplari che compongono il tesoretto) si ribella al dominio dei Seleucidi e reclama l'indipendenza con un discreto successo. Tale status verrà mantenuto dalla città fino al 64 a.C. quando divenne "civitas foederata" dei Romani. Sono solo ipotesi, ma potrebbero avere qualche fondamento in più rispetto a quella del collezionista di monete dell'antichità avanzata dallo studioso israeliano Donald Tzvi Ariel...   

 

Anche a me sembra questa una ipotesi più plausibile, tenendo conto del contesto di rinvenimento e del periodo storico.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.