Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Flavio_bo

Vittoriati

Risposte migliori

Flavio_bo

Buongiorno

sto cercando di approfondire questo tipo di monetazione, ma confesso di essere un profano della monetazione repubblicana. Vengo subito al quesito : non riesco a capire quale possa essere la differenza sostanziale tra il vittoriato classificato come 166/1 coniato nella fase finale e il vittoriato 53/1 e più specificatamente quello che ha lo stesso rovescio facente parte del sottogruppo classificato come D (articolo Celator 2009), Il peso medio del 53/1d da ricerche effettuate su esemplari dichiarati in rete è calante di circa 2,72 grammi cos' come il pmedio del 166/1 che è di circa 2,62 gr. Il busto di Giove del 166 mi sembra molto simile forse ha capelli un po' più confusi e riccioli meno evidenti, il rovescio forse di stile inferiore con drappeggio meno evidente, ma anch'esso nella sostanza mi sembra molto simile,

Chiedo pertanto ai più esperti di essermi d'aiuto a vedere le differenze che sicuramente mi stanno sfuggendo e allego per comodità le immagini dei due tipi

grazie in anticipo 

166.jpg

531dc.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Flavio_bo

questo come lo identifichereste 53/1?

531d.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

RWS2012

Guardando singole monete, a volte è difficile distinguere  emissioni.   È necessario vedere
come molti victoriati possibili. Nel nostro articolo Celator, siamo stati limitati a una foto
per emissione.   Prova       gallica.bnf.fr     e inserire      RRC 166/1; nr. 1-4 e 6 sono 166/1 (sono incerto circa nr. 5).

     La principale 166 caratteristica è la incuria di incisione.

      Cordialmente,

     Richard Schaefer

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

massi75rn
28 minuti fa, Flavio_bo dice:

questo come lo identifichereste 53/1?

531d.jpg

questo esemplare e' molto consunto per identificarlo,ma si puo' ipotizzare ugualmente,visto la mancanza di simboli/lettere,la differenza sostanziale,la fa la testa di giove,nel 53/1 presenta una "coda di capelli riccia"(come presumo il pezzo in questione ed il secondo al post #1)e una barba piu' a ciocche,mentre il 166/1 ha una coda liscia e una barba piu' lineare(il primo in ordine al post #1)

166/1 Victoriatus Anonymous Jupiter Victory trophy #11114-25

 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

g.aulisio

La discriminante sostanziale tra i gruppi 53/1 e 166/1, così come definiti dal Crawford nel 1974, é lo standard ponderale teorico di riferimento: ca g 3,375 per il 53/1, ca g 2,77 per il 166/1, che secondo l'autore rappresenterebbe una breve ripresa tardiva dell'emissione di vittoriati anonimi.

Detto questo alcune considerazioni:

1. Considerando le note caratteristiche di eterogeneità stilistica, ponderale e, molto probabilmente, cronologica del gruppo bronzeo corrispondente all' RRC 53 (ossia l' RRC 56), possiamo ipotizzare che anche il 53, anche se in misura minore del gruppo bronzeo, debba essere preso come una schematizzazione, un po' forzata, comprensiva in realtà di emissioni diverse. 

2. Il catalogo di Hannover, che presenta un'ottantina di esemplari classificati 53/1, con un peso compreso tra g 3,72 e g 2,80 non ne contiene nessuno del tipo 166/1. Un caso o il Berger ha lasciato cadere il tipo?

3. Le considerazioni basate esclusivamente su basi stilistiche, in assenza dei dati derivanti da un'attività metodica di analisi e seriazione dei conii, é estremamente pericolosa e rischia di essere fuorviante. Volendo procedere comunque nell'esercizio per il tipo RRC 166/1 credo che i confronti vadano ricercati nelle emissioni che, secondo Crawford, ne condividono la zecca (Roma) ed il periodo di emissione (179-170 aC), vale a dire i tipi 159/1 (mosca), 162/1a e 1b (MAT), 168/1 (elmo). 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Flavio_bo

Grazie veramente a tutti per il contributo e per le interessanti risposte.

alberto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

acraf

Lo studio dei vittoriati è veramente complesso e la classificazione del Crawford non è molto esaustiva. D'altra parte sono stati usati moltissimi conii ed è in corso uno studio per un Corpus dei vittoriati, a cura di Pierluigi Debernardi, uno studio veramente difficile e impegnativo.

Solo per RRC 53 sono stati esaminati 530 esemplari, con ben 527 conii D/ e 522 conii R, con un peso medio generale di 3,13 g: in pratica quasi ogni esemplare noto risulta essere battuto da un conio diverso, anche se sono noti vari incroci di conio. Un pò problematica è perfino la distinzione tra RRC 44/1 e 53/1. A titolo molto esemplificativo pongo un confronto tra RRC 44/1 e RRC 53/1:

Confronto 44_1 e 53_1.jpg

 

Per RRC 166 non è stato ancora fatto un esaustivo esame dei conii, che comunque dovrebbero ammontare a poco più di 125 per lato. La media è sui 2,7 grammi ed è sicuramente una emissione più tardiva, circa intorno al 170 a.C.. 

Purtroppo è difficile classificare correttamente i vittoriati anonimi.

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×