Jump to content
IGNORED

SISTO IV MONETA ORO


latino
 Share

Recommended Posts

Ciao, gli esperti verranno dopo di me. È un ducato di Sisto IV, di conservazione secondo me abbastanza buona ( bb-spl ). Muntoni n. 7 ? Non ci indichi il peso ma non mi sembra tosato. Si può definire raro il ducato del Sisto ? Si però mi sembra sia comunque di facile reperibilità sul mercato. Non so se il tuo esemplare presenti varianti rare di qualsiasi genere. Valore commerciale da circa 750€ a 1200€. Mi tengo largo con la forchetta del prezzo perché io conosco poco queste monete, ma ci può essere che ti chiede anche 1500€ o chi come privato te la vende a 700€. Saluti.

Link to comment
Share on other sites


2382797.m.jpg Kunker marzo 15  a  950

3011910.m.jpg Naumann  aprile 16 1300

2776710.m.jpg NAC novembre 15   1000

2728724_1.m.jpg Ranieri novembre 15   600

 

Non è un ducato ma un fiorino di camera. Il peso è buono , direi un bel BB q SPL.

Link to comment
Share on other sites

Come scrive rorey36, si tratta di un fiorino di camera (anche il Muntoni mette una nota specifica, ci teneva...); moneta che ha diverse tipologie e che solitamente è catalogata rara, ma che compare in quasi tutte le aste "ben fornite".

Come valore la forchetta citata da sixtus78 è giusta, molto probabilmente la debolezza (o schiacciatura) sulla tiara al diritto la deprezza un pò, ma penso si rimanga nell'ordine degli 800-900 euro come stima. Non ha salti di conio, solo minimi slittamenti sulla legenda del diritto, e questo è un punto decisamente a favore, in quanto la resa del rovescio ne guadagna decisamente.

Come classificazione, direi Muntoni 12, per la legenda del diritto con le rosette a 5 petali. Per il rovescio il Muntoni non cita la rosetta a 4 petali ben visibile dopo ROMA nel tuo esemplare (come in quello postato da rorey36 dell'asta Naumann, probabilmente nato dalla stessa coppia di conii) e lo stesso il CNI.

Ciao, RCAMIL

Edited by rcamil
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Ops ! È meglio che lasci perdere l'oro se faccio di questi sbagli.... peso non visto e confusione del nominale.... saluti.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Io dovrei star zitto dopo gli errori iniziali... ma a me non da impressioni negative. Per me è così impastata per circolazione e magari già in coniazione con l'oro molto morbido non ha impresso bene le lettere. 

Link to comment
Share on other sites


@latino

avevo chiesto se poteva darci qualche notizia sulla provenienza della moneta postata in "BONONIA DOCET"

Ripeto la domanda approfittando di quest'altra discussione su monete papali d'oro ( e anche per questa chiedo notizie )

Link to comment
Share on other sites

Ciao.

Notavo che in un testo che ho in libreria, risalente al 1835 (Stanislao Morelli - Indice delle monete d'oro che hanno corso legale nello Stato Pontificio dopo la riforma monetaria operata da Gregorio XVI con Chirografo del 1835), la moneta della discussione, come le similari battute da Pontefici precedenti e successivi a Sisto IV, sono chiamate "Zecchino Vecchio":

Nella tabella che segue la moneta sistina è la n. 8

of6p9c.jpg

Mi chiedo a questo punto se tale appellativo sia stato utilizzato dal Morelli in modo quasi "gergale" (un pò come quando noi, riferendoci a monete d'oro del peso di 6,45 grammi, le chiamiamo genericamente "marenghi"), oppure in antico fosse corretto definirle tecnicamente anche in questo modo.

Ne sapete qualcosa?

Saluti.

Michele

Edited by bizerba62
Link to comment
Share on other sites


Io sapevo che tutte quelle con la barchetta sono fiorini di camera. Quindi la 8 la 9 e la 10 qui sopra sono denominate erroneamente.

Link to comment
Share on other sites

Awards

7 ore fa, bizerba62 dice:

Mi chiedo a questo punto se tale appellativo sia stato utilizzato dal Morelli in modo quasi "gergale" (un pò come quando noi, riferendoci a monete d'oro del peso di 6,45 grammi, le chiamiamo genericamente "marenghi"), oppure in antico fosse corretto definirle tecnicamente anche in questo modo.

Ne sapete qualcosa?

Saluti.

Michele

Penso sia un modo gergale e semplificativo di denominare quelle che in realtà sono differenti monete (ducati, fiorini, scudi), dato che il contenuto in oro (ultima colonna del testo) era comunque prossimo all'oro zecchino.

Lo zecchino (romano) vero e proprio venne coniato solamente a partire da Benedetto XIII.

Ciao, RCAMIL.

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.