Jump to content
IGNORED

FOTOGRAFARE MONETE D'ORO - DIFFERENZE -


TONDELLO
 Share

Recommended Posts

Buongiorno a tutti.

Ho una piccola domanda, forse più una curiosità circa il modo con cui vengono fotografate le monete d'oro. 

Non capisco perchè aclune monete sembrano effettivamente fotografate altre invece sembra più "disegnate" quasi fossero prese da una rivista patinata.

Allego due esempi che forse chiariscono meglio la mia domanda. 

Sapete dirmi da cosa dipenda ciò. 

 

50 lire R TARTACHIARA MONTENEGRO 61.jpg

2382Rnegrini 101 spl.jpg

Edited by TONDELLO
Link to comment
Share on other sites


Le foto dei cataloghi d'asta sono quasi tutte così.. lo stesso discorso vale per le monete in argento.. non danno secondo me una visione reale della moneta come noi la vediamo con i nostri occhi.. sicuramente la migliorano perché sembra avere meno segnett

Edited by tonycamp1978
Link to comment
Share on other sites


Le case d'aste serie hanno quasi tutte nel loro regolamento un punto dove si dice che le foto non sono state modificate o corrette ; parlare quindí di miglioramento mi sembra sbagliato ... La differenza fra una foto e l'altra è data esenzialmente da due fattori :
- luce
- posizione della fotocamera

Nella seconda foto infatti la luce uniforme e la posizione dell'obbiettivo perpendicolare alla moneta eliminano le ombre rendendo l'immagine più piatta , riducendo di conseguenza la percezione di segnetti o piccoli graffi

Link to comment
Share on other sites

Awards

Secondo me c'è anche da dire che le fotografie (nella maggior parte dei casi) delle monete per le aste sono realizzate con attrezzature professionali e quindi il risultato ottenuto è migliore di quello che si potrebbe ottenere con una comune macchina fotografica o peggio ancora con un telefonino... Se poi vogliamo essere maliziosi e dire che utilizzano una certa illuminazione piuttosto che un'altra perché "rende" meglio liberi di pensarlo ma comunque oltre alla foto c'è anche l'indicazione dello stato di conservazione (tutte le aste che ho visto io indicano questo parametro...tranne Bolaffi) e non credo che parlando di nomi blasonati mettano a repentaglio la propria reputazione per "strappare" un mezzo punto in più. Comunque, se lo fanno, ricadiamo nel territorio del "soggettivo" tipo per me è SPL+ e per un altro è qFDC e via discorrendo.

Guardando il catalogo della prossima asta a Montecarlo ho visto che indicano (almeno per le monete del Regno che ho guardato io) lo stato di conservazione della moneta secondo PCGS http://www.pcgs.com/grades che da come ho avuto modo di capire è molto accurato avendo molte più classificazioni possibili, se ho ben capito quello che potrebbe essere un FDC (o meglio, una moneta mai circolata e quindi "in stato di zecca") può andare da MS61 ad un MS70 quindi con ben 10 potenziali livelli... sono certo che qualcuno obbietterà dicendo che l'FDC è soltanto MS69 e che MS70 è il livello eccezionale mentre dall'MS68 a scendere saranno i benedetti qFDC e i SPL+ a scendere... Può essere, ma io nell'ultima asta Montenegro ho acquistato alcune monete che riportavano oltre all'indicazione FDC anche un numero appunto variabile tra 61 e 69 (esempio FDC68, FDC64 ecc.).

Buon pomeriggio a tutti.

Link to comment
Share on other sites


La differenza principale è nell'illuminazione

Nella prima foto (al di là della plastica, che riflette) è stata usata una sorgente puntiforme (una lampadina per capirci) con illuminazione dall'alto. In questo modo si creano molti riflessi, si da risalto al lustro di zecca e (aimè) vengono messi in risalto anche minimi segnetti impercettibili ad occhio nudo. Ogni foto ha un aspetto diverso

La seconda foto è scattata con una illuminazione molto più morbida (luci neon ad alta frequenza per evitare il flickering) e disperdendo ulteriormente la luce (tipicamente con softbox o simili). La moneta è perfettamente in piano e viene fotografata esattamente a 90° con la macchina fotografica su stativo a colonna. Queste foto consentono di apprezzare molto i rilievi, senza mettere in rilievo i segnettini impercettibili, e soprattutto consentono di produrre velocemente un catalogo

Io ho un sistema (autocostruito) con entrambe le illuminazioni, e stativo a colonna

Di seguito due foto della stessa moneta, con i due set-up di luci, la prima puntiforme, la seconda soft

Rovescio.jpg

Ovviamente ci sono in commercio sistemi professionali (usati per redarre i cataloghi), questo ad esempio è quello cui mi sono ispirato io (e con circa 200 euro e qualche ora di bricolage me la sono cavata... incluso stativo Kaiser preso usato sulla baia)

http://www.quickpx.com/products/brands_en/quickPX_classic_en.html

Per info ulteriori sulla fotografia numismatica, non posso che consigliare la lettura di questo articolo , e agli altri che trovate sullo stesso sito

http://coinimaging.com/photography.html

 

Buona lettura :)

 

 

 

  • Like 4
Link to comment
Share on other sites


  • rickkk pinned this topic
48 minuti fa, rickkk dice:

La differenza principale è nell'illuminazione

......

Ovviamente ci sono in commercio sistemi professionali (usati per redarre i cataloghi), questo ad esempio è quello cui mi sono ispirato io (e con circa 200 euro e qualche ora di bricolage me la sono cavata... incluso stativo Kaiser preso usato sulla baia)

http://www.quickpx.com/products/brands_en/quickPX_classic_en.html

Per info ulteriori sulla fotografia numismatica, non posso che consigliare la lettura di questo articolo , e agli altri che trovate sullo stesso sito

http://coinimaging.com/photography.html

Buona lettura :)

Le foto sono state fatte senza la lastrina di vetro tra l'obiettivo e la moneta?

Edited by legionario
Link to comment
Share on other sites


Buonasera,

Luce, angolazione ed esposizione, sono i tre fattori principali.

Compro solo da aste e me la cavo anche con le foto macro.

I fotografi dei cataloghi tendono a sovraesporre leggermente.

Chissà perché quando faccio le foto io , saltano fuori graffi prima invisibili.

Saluti e buon we

Silver

Link to comment
Share on other sites


  • 9 months later...

Preferisco la seconda si notano di più i rilievi.Se notate sul viso nella seconda si vedono quei tagli mentre quasi per nulla nella prima,credo che nella seconda si riesce meglio a dare un grado di conservazione. Sicuramente la prima è penalizzata dalla plastica e bisognerebbe vederla senza ma credo cambierebbe poco almeno per le  mie preferenze, intendo.

Link to comment
Share on other sites


  • ilnumismatico unpinned this topic

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.