Jump to content
IGNORED

Salonina (o Salonia) Matidia


Quintus
 Share

Recommended Posts

Attratto da un bellissimo denario in vendita da Lanz su eBay ho scoperto la grande Salonina (o Salonia) Matidia, una delle “grandi donne” dell’Impero Romano.

Questo è il denario, stavo valutando se puntare ma un amico mi ha dissuaso... lo devo premiare oppure picchiare? :-)

matidia01.jpg

Matidia denarius.
Obverse: MATIDIA AVG DIVA F MARCIANAE F, draped bust of Matidia right.
Reverse: PIETAS AVGVSTA, Matidia as Pietas standing holding hands with Sabina and Matidia Minor.
Ref.: RIC 759, RSC 10, BMC 660, Sear 3378.

Spero di far cosa gradita per tutti coloro che non hanno avuto occasione di “conoscerla”.

Il seguente articolo è tratto da “il giornale della numismatica”.

SALONIA MATIDIA TRA STORIA E NUMISMATICA

matidia02.jpg

Nei manuali di storia è quasi una sconosciuta. Non solo: Matidia è citata nelle “Memorie di Adriano” da Marguerite Yourcenar con una certa “antipatia”. Invece, è stata una figura chiave per l’impero romano e in particolare per gli Antonini: nipote di Traiano e suocera di Adriano, è stata la nonna della moglie di Antonino Pio (il successore di Adriano), la trisavola della moglie di Marco Aurelio e la madre di sua nonna. In sintesi: tra imperatori che erano parenti tra loro solo alla lontana, Matidia ha costituito l’elemento di continuità della dinastia. E non un elemento passivo, anzi. Il suo aspetto fisico ci è noto, oltre che dalle monete, da alcune teste marmoree (musei Capitolino, delle Terme, Torlonia, ecc…) con acconciatura ad alto diadema di un solo ordine di ciocche verticali; mentre in altre, derivanti da un diverso originale (Vaticano, Mantova, Londra, Parigi e altri), ha un doppio diadema di numerose treccioline su impalcatura semilunata.

matidia03.jpg

Denario in argento del 119 d.C. per la “consecratio” di Matidia (source: Gemini II, 2006, 351)

Salonia Matidia era nata nel 68 d.C.: era la figlia unica di Ulpia Marciana, la sorella del futuro imperatore Traiano, e del pretore Gaius Salonius Matidius Patruinus. Morì nel 119, a 57 anni, molti per una romana. Marguerite Yourcenar racconta nel suo romanzo che aveva riportato dall’Oriente una malattia mortale e che Adriano, che le era molto affezionato, faceva di tutto per distrarla. Ammette che la casa di Matidia, ormai vedova, fosse piena di libri e l’atmosfera ricordasse quella della casa della colta Plotina, moglie di Traiano. In precedenza aveva ricordato che Matidia aveva seguito lo zio Traiano sui campi di battaglia: non in armi, ma come assistente. Tutti fatti veri. Tra l’81 e l’82, Matidia sposò Lucius Vibius Sabinus, un senatore che morì tra l’83 e l’84, poco dopo la nascita di una bambina, Vibia Sabina. Matidia era, come spesso accadeva, madre e vedova a 16 anni. Si sarebbe poi sposata altre due volte e avrebbe avuto altre tre figlie, tra le quali, appunto la nonna di Marco Aurelio, Rupilia Faustina. Anche gli altri due mariti sarebbero morti presto.

matidia04.jpg

Aureo del 117-118 con i ritratti di Plotina e Matidia (source: Numismatica Ars Classica 54, 2010, 515)

Il suo primo “capolavoro” fu il matrimonio di Vibia Sabina con Adriano, verso il 100 dopo Cristo: lui aveva 28 anni, ed era un lontano parente (la famiglia era di origine iberica). Fino ad allora era stato soprattutto un giovanotto dotato per le lettere ma troppo incline al gioco, ai divertimenti e ai giovanetti, “vizietto” che condivideva con Traiano. Sabina, secondo molte fonti, aveva 12 anni. E l’avrebbe odiato per tutta la vita. Gli storici antichi sostennero che Traiano fosse contrario sia al matrimonio sia alla scelta di Adriano come suo successore (non aveva avuto figli). Plotina, sua moglie, era invece a favore. Probabilmente Traiano gli avrebbe preferito il giurista Nerazio Prisco. O forse non voleva nominare alcun successore. Le due donne, moglie e nipote, si imposero. E fu il loro secondo capolavoro. Che cosa esattamente accadde al momento della morte di Traiano, nel 117, non è chiaro: l’“Historia Augusta”, una raccolta di biografie imperiali, dice che Plotina fece imitare la voce di Traiano da un presente. Lo storico Cassio Dione afferma che la notizia della morte fu tenuta segreta per giorni e che l’adozione di Adriano fu annunciata al Senato romano con una falsa lettera di Traiano, scritta dalla stessa Plotina.

matidia05.jpg

Sesterzio con ritratto di Matidia al dritto e a figura intera al rovescio, nelle vesti della “Pietas” (source: Busso Peus 413, 2014, 314)

A creare la falsa lettera di successione, assieme a Matidia e Plotina, era stato il prefetto al pretorio Publio Acilio Attiano, ex tutore di Adriano, che fu messo presto a tacere. Non sappiamo chi abbia ordinato la sua uccisione: forse il “buon” Adriano. Certo è che l’imperatore doveva tutto alle due donne. E non si rivelò un ingrato. Matidia poté assistere alla sua opera soltanto per due anni: dal 117 alla sua morte, nel 119. Adriano tenne una commossa orazione funebre, piena di elogi per le qualità delle suocera. E le fece subito costruire un tempio a Roma. Un caso unico. Che aspetto avesse l’edificio lo sappiamo da una moneta del 120. Dove fosse, l’abbiamo dedotto da una condotta d’acqua ritrovata in via del Seminario e che porta impresso il nome del tempio. Oggi non ne rimane quasi nulla.

matidia06.jpg

Bronzo provinciale per la Lidia del 112-119 con ritratto di Matidia (source: Gorny & Mosch 200, 2011, 2195)

Nel recitare la “laudatio funebris”, il giorno del suo funerale (il 23 dicembre 119), Adriano parlò di una suocera “amatissima”, moglie “carissima”, “castissima” sia pure di “summa pulchritudo” (di grande bellezza), madre “indulgentissima” (del presunto “caratteraccio” di Sabina si spettegola da sempre), cognata “piissima”, che non fu mai di peso e molestia a nessuno (“nulli gravis, nemini tristis”). Ricordò che aveva sopportato con pazienza la lunga vedovanza anche dall’ultimo marito. Dell’elogio è rimasto un lungo brano inciso su pietra: forse era esposto nel foro di Tivoli. A parte gli spettacolari giochi gladiatori, Adriano ordinò che dopo la morte della suocera, già nominata Augusta dallo zio Traiano nel 107, fossero distribuite al popolo, come d’uso, sostanze aromatiche.

matidia07.jpg

Aureo del 115-117 coniato a Roma per Matidia durante il regno di Traiano (source: Ubs Gold & Numismatics 63, 2005, 323)

E dunque perché Matidia? Perché nel periodo dei cosiddetti Cinque imperatori d’oro (Nerva, Traiano, Adriano, Antonino Pio, Marco Aurelio), le donne hanno giocato un ruolo fondamentale. Per esempio, nel nuovo modo di intendere il potere dell’imperatore. E tra le donne più influenti, Salonia Matidia ha avuto un ruolo cruciale. Per eredità, per matrimoni, per le sue stesse azioni. Ma anche perché era ricchissima e seppe utilizzare i suoi soldi per numerose opere pubbliche. Quanto fosse importante lo si vide già quando, nel 117, fu attribuito a lei l’onore di deporre le ceneri di Traiano ai piedi della colonna che porta il suo nome, a Roma. Proclamata diva, ovvero divinizzata, dal genero Adriano dopo la morte, raccolse riti e tributi ovunque poiché le sue statue erano sparse in tutto l’Impero. Soprattutto tra Asia Minore e isole greche, dove aveva viaggiato e dove, oltre che un ritratto di marmo dall’aria severa, era apparsa anche come regnante in carne e ossa. Sarà un caso, ma fu proprio Adriano ad abolire la complicatissima e umiliante procedura legale che qualsiasi donna romana doveva seguire per fare testamento.

matidia08.jpg

Un falso d’autore: denario di Matidia e Plotina “opus” Becker (source: Gerhard Hirsch Nachfolger 272, 2011, 564)

 

  • Like 5
Link to comment
Share on other sites


Ciao , vederlo cosi' da "lontano" in foto , il tuo denario sembra autentico . Circa il gentilizio di Matidia non credo sia possibile trarre una conclusione definitiva in quanto anche suo padre e' conosciuto con il doppio gentilizio Salonio e Salonino : Gaius Salonius (Saloninus) Matidius Patruinus (Patriunus)

Link to comment
Share on other sites


Ciao!

Non "era"... è! :-)

Quanto è il "valore di mercato" attuale?

L'ho trovato a 1.250€ su Moruzzi ma mi pare leggermente peggio, su Sixbid c'è a 300€ ma è in pessime condizioni.

Questo è, al momento, a 905€ ma credo andrà ben oltre.

Attendo consigli su se e quanto sia consigliato (parere vostro personale, ovviamente) investire, l'asta scade tra 2 giorni.

Ciao e grazie.

TWF

@babelone - Perché pagare tanti soldi su ebay, senza la possibilità di toccare prima "con mano" la moneta.  E poi, onestamente, gli (e mi) pare strano che mettano su eBay all'asta una moneta del genere che potrebbero vendere direttamente su di un sito specializzato.  Diciamo che ora ho dei dubbi sulla possibile fregatura. :-(

Edited by TheWhiteFly
Aggiunta risposta babelone
Link to comment
Share on other sites


Lanz vende ormai di tutto su Ebay, anche aurei. Ha un po' sdoganato la piattaforma, comprare da lui equivale a comprare in un'asta online, anche a livello di prezzi ormai realizza quasi di piu' delle aste online. 

Non mette mai alte conservazioni, quelle rimangono per le aste convenzionali, ma a livello di rarità vende ormai di tutto. Di solito da lui è difficile fare affari  e si paga spesso il prezzo di mercato o qualcosina in piu'.

Vendendo moltissime monete (migliaia e migliaia) a volte puo' scappare la moneta dubbia o anche falsa (è capitato), offre sempre comunque garanzia e rimborso anche al di là delle tempistiche Ebay.

Detto questo riguardo alle considerazioni economiche ed opportunistiche sul comprare o meno una determinata moneta entrano in gioco gusti personali e considerazioni collezionistiche soggettive.

Link to comment
Share on other sites


Difatti mi ha molto stupito la sua risposta nei miei confronti, visto come era partita la discussione.

Vuol dire che per comprare una moneta eviteremo eBay per paura di probabili fregature.... confermo quanto detto da Cliff, l' eBay di Lanz e' come un asta online, il mercato oggi è così e bisogna andare a passo con i tempi, il fatto che sia un nominativo importante non deve portare a considerazioni errate perché nel contesto bisogna considerarne anche la qualità e spesso, proprio per questo motivo, su ebay il realizzo è più alto del suo reale valore.

Ps. La moneta è autentica, basta guardare sotto il mento, ma se hai paura di una fregatura non comprarla.

Saluti

Babelone

Edited by babelone
Link to comment
Share on other sites


@cliff@babelone

Capito per quanto riguarda Lanz, quindi al di la del mero "costo" dite che è normale trovare comunque monete di un certo livello.

Avevo comunque notato che i prezzi non sono sempre "competitivi", anzi... spesso la gente (me compreso... sigh! :-D) si fa prendere dalla foga e dalla sindrome del "pezzo unico" anche se in realtà di unico non ha nulla! :-)

Piuttosto, da ignorantone quale sono, cosa devo vedere sotto il mento per capire che è autentica?  Un leggero doppio mento è indice di originalità? :-)
Scherzi a parte, parli della piccola "crepa"?

...e, per inciso, ho sempre paura di una fregatura.  E la paura cresce esponenzialmente agli euro che butto nell'acquisto.
Per questo motivo ho chiesto e chiederò sempre in giro pareri prima di impegnare tanti soldi in qualcosa che non conosco bene.  :-)

...e per questo vi ringrazio e ringrazierò sempre della vostra disponibilità! :-)

TWF

P.S. @eliodoro@Legio II Italica

Grazie delle risposte.  Visto l'investimento importante ogni feedback è il benvenuto.

Link to comment
Share on other sites


Ciao @TheWhiteFly ti posto l'immagine del particolare,come puoi notare si vede la sfogliatura con la sottostante retinatura dell'argento, ciò è sicuramente indice di autenticità, se a questo aggiungi le crepe da coniatura sul rovescio ad ore 13 il quadro è completo.

Personalmente, anche se non di qualità eccelsa, credo che salirà di prezzo per l'ottimo stile, perciò controlla il dito.... 

matidia01.jpg.a251dc29f5cc87bd7253d6d5792d41ed - Copia.jpg

Link to comment
Share on other sites


@babelone

Capito... viste sfogliatura e crepe (vale anche per quella alle 16:30?  Intendo anche quella è per via della coniatura?).

A me piace per il viso che mi pare molto naturale (doppiomento compreso :-D), per il dito, non ti preoccupare, c'è già chi, dopo l'eventuale acquisto, è in pole-position per spezzarmelo... anzi, mi sa che me li spezza tutti! :-)

Questa notte ci dormo sopra e domattina decido un budget... e quello sarà. :-)

Grazie ancora delle spiegazioni, magari in futuro ci capisco qualcosa di più già per conto mio... forse... e magari il prossimo costantino da 2 euro lo decido da solo! :-)

TWF

Link to comment
Share on other sites


Magari interessa a qualcuno...

...asta conclusa, 44 offerte, è andata via alla "modica" cifra di EUR 2.317,00!

Il fortunato compratore, ovviamente, non sono io.

Saluti e buon 2017!

TWF

Link to comment
Share on other sites


2 ore fa, Massenzio dice:

Ecco una foto con luce più naturale.
ImageUploadedByLamoneta.it Forum1483782420.291380.jpg

A Massè, 'tacci tua!  Me rodo d'invidia! :-)

Scherzi a parte hai fatto un acquisto che ti invidio veramente tanto.

Compli, compli, complimentissimissimi! :-)

TWF

Link to comment
Share on other sites


Ne ho trovata un'altra (di Matidia), sempre su Ebbay!

http://www.ebay.it/itm/MATIDIA-with-two-children-Mother-in-law-of-Hadrian-Rome-112-AD-RARE-/222118472037?hash=item33b74ae965:g:h1sAAOSwYHxWIHdf

Viene via alla modica cifra di 7.500$ + 20$ (che mi pare una buffonata dato l'importo) di trasporto...

I dettagli sono certamente migliori (soprattutto sul retro) ma io preferisco la tua, quella è tutta "butterata" da, credo, qualche tipo di pulizia tutt'altro che invasiva.

Io invece mi sono regalato questo splendore...

matidia.jpg

...se vuoi, con una congrua differenza oltre il tuo denario, te la posso cedere! :-)

Se posso permettermi... sei felice possessore anche di qualche bel denario di Marciana, Sabina e (se esiste qualcosa) di Vibia Matidia ?

Se si mi piacerebbe tanto vederne le foto!

Ciao.

TWF

Link to comment
Share on other sites


Ehi, no no, non l'ho presa io.
È una foto di uno dei tanti incomprensibili che postano i loro acquisti su Facebook, la foto proviene da lì.

Link to comment
Share on other sites


3 ore fa, Massenzio dice:

Ehi, no no, non l'ho presa io.
È una foto di uno dei tanti incomprensibili che postano i loro acquisti su Facebook, la foto proviene da lì.

Peccato, stavo già cercando di capire come farmi invitare a casa tua per vederla di persona! :-)

Vabbè... sigh! Delusioneeeeeeee...

Ciao.

TWF

P.S.  Però è proprio una gran bella moneta. Peccato che non sono ricco. :-(

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.