Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
clairdelune

Augusto: Arco Aziaco e Partico

Risposte migliori

clairdelune

Buongiorno a tutti! Vorrei in un certo senso ricollegarmi alla mia precedente discussione, grazie ad un'immagine inseritavi da @volituripsetibiphoebus che ringrazio nuovamente per il contributo, spero non gli dispiaccia se ne prendo spunto! :hi:Ho pensato di parlare brevemente di entrambi questi Archi dato che, in qualche modo, essi mi sono sembrati collegati l'uno all'altro...

Eccomi quindi di nuovo con Augusto, e l'anno è sempre il 29 a.C.: in occasione del trionfo di Ottaviano dopo la battaglia di Azio, infatti, venne eretto nel Foro un Arco in suo onore. Questo sarebbe l'Arco Aziaco, e l'unica testimonianza del suo aspetto ci è fornita da un denario, che mostra un Arco singolo sormontato da una quadriga e recante l'iscrizione IMP CAESAR sull'architrave.

arco aziaco.jpg

L'Arco Partico fu invece eretto nel 19 a.C. per commemorare il ritorno di Ottaviano, ormai Augusto, dall'Oriente e il recupero delle insegne romane perdute nella battaglia di Carre del 53 a.C. contro i Parti. Probabilmente fu innalzato vicino al Tempio del Divo Giulio, come confermerebbero alcuni resti trovati in questo punto.

arco partico.jpg

Il denario mostra un Arco a tre fornici della stessa altezza; quello centrale è sormontato anch'esso da una quadriga guidata da Augusto, mentre in corrispondenza di quelli laterali troviamo per ognuno una statua dei Parti: alla sinistra di Augusto un Parto è raffigurato con un'aquila in una mano e un arco nell'altra, mentre quello alla sua destra tiene in mano un'insegna militare. La legenda sul rovescio potrebbe essere parte dell'iscrizione dedicatoria presente sulla trabeazione: CIVIB(us) ET SIGN(is) MILIT(aris) A PART(hicis) RECVPER(atis).

A proposito delle insegne perdute, vorrei segnalare questa discussione dell'estate scorsa

Vorrei inoltre precisare che, sulla posizione e l'identificazione dei due Archi, non ho trovato ipotesi unanimi: si pensa ad esempio che nel punto dove sono stati trovati i resti dell'Arco Partico vi fosse stato precedentemente costruito quello Aziaco, in seguito demolito per fargli posto. Secondo altre ipotesi, l'Arco Aziaco sarebbe crollato e fu quindi sostituito da quello Partico (entrambe queste ipotesi si basano su successivi ritrovamenti di resti di un Arco singolo, in corrispondenza di dove si pensa potesse sorgere l'Arco Partico). Oppure ancora, i resti oggi visibili potrebbero appartenere all'Arco Aziaco, mentre quello Partico sarebbe stato costruito dal lato opposto rispetto al Tempio del Divo Giulio.

Tuttavia, anche se l'Arco Aziaco rappresentava in qualche modo una testimonianza della guerra civile, risulta strano che Augusto abbia fatto demolire un monumento a lui dedicato, e ancor più strano che un Arco romano in marmo sia crollato dopo solo una decina d'anni. Si è arrivati quindi ad ipotizzare che nel Foro esistessero due Archi distinti dedicati ad Augusto, seppur collocati a breve distanza l'uno dall'altro.

...E per ora è tutto: purtroppo, per mancanza di conoscenze più approfondite, le informazioni che riesco a fornire sono solo queste :pardon:e mi farebbe quindi molto piacere se voleste aggiungere qualche vostro commento o considerazione :)

Buona giornata!

Modificato da Legio II Italica
  • Mi piace 4

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Ciao @clairdelune, noto con piacere che ti stai specializzando nelle monete con tema "archeologico" dell' epoca di Augusto , epoca definita rivoluzionaria per i grandi cambiamenti sociali ed architettonici . Noto anche con rammarico che la mia proposta , almeno per ora , e' stata raccolta solo da te ; spero che questo tuo secondo notevole impegno sia seguito oltre che da te , anche da altri volenterosi utenti della Sezione o di altre .

Le questioni che poni nel tuo Post non sono di facile soluzione , quindi provo a risponderti tramite l' aiuto di un grande Professore di Archeologia e Storia autore di numerose opere su questi temi , quale e' Andrea Carandini . Inizio dall' Arco Aziaco , tralasciando la parte storica precedente la costruzione , secondo Carandini nel 29 Ottaviano celebro' a Roma un triplice Trionfo : Illiria , Egitto e Azio e per decreto del Senato furono innalzati due Archi trionfali , uno nel Foro Romano , l' altro , secondo Cassio Dione , a Brindisi base di partenza per le spedizioni in Oriente . Forse l' Arco Aziaco , di cui non rimane alcuna traccia , venne eretto nel punto in cui la Via Sacra entrava nel Foro , affiancato al lato settentrionale del Tempio del Divo Julius .  

Per quanto riguarda l' Arco Partico , il motivo per cui fu eretto deriva dal fatto diplomatico , ampliamento politicizzato da Augusto , della restituzione , a seguito di accordi con i Parti , delle insegne legionarie catturate a Pompeo prima e Crasso dopo , dai Parti ; a ricordo di cio' venne eretto nel Foro questo Arco cosi' appellato .  

La posizione di questo Arco era anche questa vicino al Tempio del Divo Julius (per rimarcare ancora una volta da parte di Ottaviano la successione diretta dal Dittatore) posto sul lato meridionale , qui infatti alla fine del XIX secolo furono ritrovate le fondazioni e vari frammenti di un Arco a tre fornici riconducibili all' eta di Augusto .

Si tratta quindi senza ombra di dubbio di due Archi augustei distinti e separati che evocavano due fatti storici diversi .

Per le due belle monete che li rappresentano , hai detto tutto tu .

Un saluto

Modificato da Legio II Italica
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

clairdelune

Salve @Legio II Italica, grazie per la risposta e gli approfondimenti!

In effetti, date le sue numerose emissioni monetali, Augusto rappresenta una grande fonte di ispirazione! :D Inoltre, la sua è una figura storica che mi incuriosisce molto!

Per tornare un momento agli Archi, questi erano quindi due e situati sul lato meridionale e settentrionale del Tempio dedicato a Giulio Cesare, ma vorrei fare una domanda... Nell'immagine a cui ho accennato a inizio post l'Arco Partico rappresentato non assomiglia tanto a quello sul secondo denario che ho inserito ma piuttosto a questo:

arco partico II.jpg

Anche in questo caso, le due figure laterali rimanderebbero ai Parti, ma i due fornici ai lati sono più bassi di quello centrale e di forma diversa, più squadrati, rispetto a quelli sul denario precedente, e vorrei chiedere il perché di questa differenza. Naturalmente non è mia intenzione mettere in dubbio nessuno, ma mi piacerebbe solo conoscere la vostra opinione a riguardo :)

Un saluto e grazie ancora!

Modificato da clairdelune

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

volituripsetibiphoebus

Grazie @clairdelune e @Legio II Italica  anche per questo approfondimento archeologico e storico.

Mi piace pensare che, oltre ad i motivi di propaganda politica legati alla propria persona, Augusto avesse voluto abbracciare idealmente il proprio padre adottivo con due segni di continuità : l'arco che celebrava la fine delle guerre civili esplose dopo il Cesaricidio (ed insieme la vittoria su illiria ed Egitto, come detto da @Legio II Italica, giacchè all'epoca un trionfo solo per vittoria su cittadini romani sarebbe stato visto molto negativamente) e l'arco che celebrava la tregua con i Parti (si pensa che Cesare stesse organizzando, nelle settimane precedenti il suo assassinio, una grande spedizione in Oriente)

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica
11 ore fa, clairdelune dice:

Salve @Legio II Italica, grazie per la risposta e gli approfondimenti!

In effetti, date le sue numerose emissioni monetali, Augusto rappresenta una grande fonte di ispirazione! :D Inoltre, la sua è una figura storica che mi incuriosisce molto!

Per tornare un momento agli Archi, questi erano quindi due e situati sul lato meridionale e settentrionale del Tempio dedicato a Giulio Cesare, ma vorrei fare una domanda... Nell'immagine a cui ho accennato a inizio post l'Arco Partico rappresentato non assomiglia tanto a quello sul secondo denario che ho inserito ma piuttosto a questo:

arco partico II.jpg

Anche in questo caso, le due figure laterali rimanderebbero ai Parti, ma i due fornici ai lati sono più bassi di quello centrale e di forma diversa, più squadrati, rispetto a quelli sul denario precedente, e vorrei chiedere il perché di questa differenza. Naturalmente non è mia intenzione mettere in dubbio nessuno, ma mi piacerebbe solo conoscere la vostra opinione a riguardo :)

Un saluto e grazie ancora!

Ciao @clairdelune, i due denari da te postati , che rappresentano l' Arco Partico , sono entrambi raffiguranti l' Arco stesso ma coniati con intenti diversi .

Le differenze iconografiche tra i due denari che hai messo in evidenza sono dovute soltanto ad un voluto effetto di incisione , oggi diremmo "fotografico" , rappresentano pero' lo stesso Arco , mi spiego meglio : se noti bene , nella prima iconografia l' autore del conio ha voluto mettere in risalto principalmente la quadriga trionfale e la lunga legenda che la circonda , ma sotto la quadriga ha di proposito messo in evidenza che questa era posta sopra ad un Arco (idealmente semplificato per motivo di spazio) a tre fornici , come ben noterai .

Nel secondo denario piu' allegoricamente , l' autore del conio non lo stesso del primo , ha invece messo in evidenza tutta la grande maestosita' dell Arco Partico con quadriga ed i tre archi di base come realmente doveva essere in quell' epoca .

Comunque in entrambi i casi e piu' genericamente , considera che gli antichi incisori idealizzavano e semplificavano i monumenti dell' antica Roma perché vincolati dal poco spazio utile che una moneta permetteva , specialmente nel caso di aurei e denari ; nonostante cio' erano grandi maestri nel rappresentarli anche in cosi' piccole dimensioni e grazie a loro oggi possiamo "vederli" nella loro miniaturizzata maestosita' .

Una buona giornata

Modificato da Legio II Italica
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

clairdelune

Buongiorno @Legio II Italica e grazie per la spiegazione! E' molto interessante questo intento di voler mettere in risalto una certa parte dell'Arco o il monumento nella sua interezza! Sono un po' come due modi diversi per dire la stessa cosa :)

Anche in questo caso ho provato a cercare qualche possibile ricostruzione dell'Arco e della sua posizione accanto al Tempio del Divo Giulio

arco partico ricostruzione.jpg

arco partico posizione.png

Buona giornata! :)

 

 

 

 

Modificato da clairdelune
  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica
9 ore fa, massi75rn dice:

e questo dove lo mettiamo?

52011.jpg

Ciao @massi75rn, scusami , ma sei completamente fuori argomento .

Il denario che hai postato non rappresenta uno dei due Archi di argomento del Post , bensi' un Acquedotto , come chiarisce la legenda :  QVOD VIAE MVN SVNT

Grazie comunque .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

massi75rn
1 ora fa, Legio II Italica dice:

Ciao @massi75rn, scusami , ma sei completamente fuori argomento .

Il denario che hai postato non rappresenta uno dei due Archi di argomento del Post , bensi' un Acquedotto , come chiarisce la legenda :  QVOD VIAE MVN SVNT

Grazie comunque .

claudio sei sicuro che un acquedotto possa essere sormontato da un carro trionfale?nel denario alla base,si vede un ponte,quindi si ipotizza una struttura sovrastante,comunque il mio dubbio,visto che l'inizio della via flamina,ristrutturata con una importante moneta commemorativa come la seguente,risiedeva proprio "nell'urbe",era se le due arcate appartenevano ad un arco con ubicazione nella stessa,ciao

 

Modificato da massi75rn

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica
1 ora fa, massi75rn dice:

claudio sei sicuro che un acquedotto possa essere sormontato da un carro trionfale?nel denario alla base,si vede un ponte,quindi si ipotizza una struttura sovrastante,comunque il mio dubbio,visto che l'inizio della via flamina,ristrutturata con una importante moneta commemorativa come la seguente,risiedeva proprio "nell'urbe",era se le due arcate appartenevano ad un arco con ubicazione nella stessa,ciao

 

Ciao @massi75rn , secondo alcuni l' iconografia rappresenta un Acquedotto (inteso come Via d' acqua) , per altri una Via stradale piu' precisamente un Ponte , forse quello sul Fiume Nera a Narni in Umbria , in entrambi i casi la legenda VIAE parla chiaro e o l' uno o l' altra avevano un ornamento trionfale ; comunque sia non rientra nell' argomento del Post . Grazie pero' per avercelo illustrato .

AGGIUNTA :

Considerando che la moneta augustea che hai postato , e' interessante , se vuoi , puoi aprire un nuovo Post scrivendo le tue ricerche e conclusioni su questa moneta che rappresenta un Acquedotto , Via o Ponte , che sia , con ornamento trionfale . 

 

Modificato da Legio II Italica

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

massi75rn
12 ore fa, Legio II Italica dice:

AGGIUNTA :

Considerando che la moneta augustea che hai postato , e' interessante , se vuoi , puoi aprire un nuovo Post scrivendo le tue ricerche e conclusioni su questa moneta che rappresenta un Acquedotto , Via o Ponte , che sia , con ornamento trionfale . 

 

si era parlato un po in questa discussione della res gestae;) 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×