Jump to content
IGNORED

Tiratura minima per moneta non comune?


Recommended Posts

Salve.

Ho un dubbio.

Qual'è la tiratura minima di una moneta per poterla definire non comune? (NC) (come la moneta da 5 cent del 2003 italiano)

Grazie per le risposte in anticipo:D.

Edited by Euro divison
Link to comment
Share on other sites


Ciao, la classificazione nelle monete euro è abbastanza particolare e non avviene in base alla tiratura (o meglio non solo) ma dipende anche da altri fattori quali: metodo di distribuzione, reperibilità sul mercato, ricerca e tesurizzazione da parte dei collezionisti.

Per farti un esempio: la 5 centesimi 2003 italiana ha una tiratura poco meno di 2 milioni, ma è molto molto più rara rispetto una moneta ad esempio del Lussemburgo con una tiratura nettamente inferiore che viene classificata comune in quanto "meno" interessante per i collezionisti. Questo perché c'è stato un grosso interesse da parte dei collezionisti già all'emissione, quindi i rotolini e le monete singole finirono in mano ai commercianti e collezionisti in brevissimo tempo, abbassando nettamente la possibilità di reperire tale moneta con semplicità, con conseguente innalzamento dei prezzi ed anche della classificazione. 

Spero di esserti stato d'aiuto ☺️

Link to comment
Share on other sites


Anche i 10 cent italiani del 2004 sono difficili da reperire,nonostante i quasi 5 milioni di monete coniate.

Link to comment
Share on other sites


12 minuti fa, Liamred00 dice:

Anche i 10 cent italiani del 2004 sono difficili da reperire,nonostante i quasi 5 milioni di monete coniate.

Esattamente, ci sono altri casi strani sulle monete euro italiane, ad esempio la 50 Centesimi 2007 che presenta una tiratura doppia rispetto la sorella del 2009, ma con la differenza che è molto più rara da trovare in circolazione. 

Ciao 

Link to comment
Share on other sites


Adesso, Alex-Vee dice:

Esattamente, ci sono altri casi strani sulle monete euro italiane, ad esempio la 50 Centesimi 2007 che presenta una tiratura doppia rispetto la sorella del 2009, ma con la differenza che è molto più rara da trovare in circolazione. 

Ciao 

Infatti quella del 2007 non ne ho nessuna,mentre quella del 2009 ne ho due.

Link to comment
Share on other sites


Adesso, Liamred00 dice:

Infatti quella del 2007 non ne ho nessuna,mentre quella del 2009 ne ho due.

A molti manca la 2007 da 50 Centesimi, in diversi anni di collezionismo ho avuto la fortuna (sfortuna) di trovarne solo una in circolazione. 

 

Link to comment
Share on other sites


3 minuti fa, Alex-Vee dice:

A molti manca la 2007 da 50 Centesimi, in diversi anni di collezionismo ho avuto la fortuna (sfortuna) di trovarne solo una in circolazione. 

 

Anch'io mi ritrovo monete di altri stati considerate NC e mi mancano ancora molte nostre.

Link to comment
Share on other sites


11 minuti fa, Liamred00 dice:

Anch'io mi ritrovo monete di altri stati considerate NC e mi mancano ancora molte nostre.

Ho notato anche che alcuni tagli delle nostre ultime annate sono davvero impossibili da trovare in circolazione.. 

Probabilmente perché non sono state ancora emesse o emesse in piccolissime quantità..

Link to comment
Share on other sites


1 minuto fa, Alex-Vee dice:

Ho notato anche che alcuni tagli delle nostre ultime annate sono davvero impossibili da trovare in circolazione.. 

Probabilmente perché non sono state ancora emesse o emesse in piccolissime quantità..

Sono d'accordo, figurati si trovano ancora 50 cent del 2002 in condizioni SPL.

Link to comment
Share on other sites


12 minuti fa, Liamred00 dice:

Sono d'accordo, figurati si trovano ancora 50 cent del 2002 in condizioni SPL.

Stanno ancora emettendo rotolini da 50 Centesimi 2002-2003..

Vista la tiratura altissima mi sa che ne troveremo ancora per tanto tanto tanto tempo!

Link to comment
Share on other sites


Il 30/4/2017 at 21:04, Alex-Vee dice:

Stanno ancora emettendo rotolini da 50 Centesimi 2002-2003..

Vista la tiratura altissima mi sa che ne troveremo ancora per tanto tanto tanto tempo!

No, bastaa :(

Da me si trovano solo ed unicamente 50 Cent 2002.  Non ho nessun altro 50 cent italiano. Eppure ne vedo una 10 al giorno :(

Ma almeno ho 1 cent 2003:P

Edited by Axel996
Link to comment
Share on other sites


6 minuti fa, Axel996 dice:

No, bastaa :(

Da me si trovano solo ed unicamente 50 Cent 2002.  Non ho nessun altro 50 cent italiano. Eppure ne vedo una 10 al giorno :(

Ma almeno ho 1 cent 2003:P

Mi dispiace, dalle mie parti girano un sacco di 50 Centesimi 2002 ed anche 2003 (in quantità leggermente minore).

Complimenti per il centesimo 2003, non facilissimo da trovare ?

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


  • 1 month later...

Pure io ho trovato solo una volta (nell'arco di DIECI ANNI!) i 50 cent italiani del 2007. In passato, alcuni utenti toscani del forum affermarono che in provincia di Arezzo quel tipo di moneta era facilmente reperibile, ma non ho mai avuto modo di appurare la veridicità di tali asserzioni (anche perché -almeno negli ultimi anni- non mi sono mai recato nella zona di Arezzo, ma al massimo sono arrivato a Firenze ed a Modena e Bologna).

Adesso, leggo che molti collezionisti veneti (o comunque del nord-est) hanno difficoltà a reperire in circolazione le monete commemorative dedicate ai Carabinieri, ma posso assicurarvi che qui in Liguria io ne trovo a bizzeffe, e quasi tutte in condizioni pressoché FDC. Evidentemente, il grosso dei rotolini è finito dalle mie parti. In particolare, ho idea che alcuni uffici postali della mia zona abbiano fatto incetta di quei rotolini, perché mi è capitato davvero molte volte di ricevere di resto le CC dei Carabinieri quando andavo ad effettuare dei pagamenti negli uffici di Poste Italiane...

Link to comment
Share on other sites


Per quanto riguarda poi la definizione dei vari gradi di rarità, io direi che le monete con tiratura inferiore ai 10 milioni di pezzi potrebbero già essere considerate "non comuni". Se poi si parla di meno di 5 milioni di pezzi in circolazione, sicuramente la definizione di moneta "non comune" è appropriata. Almeno in teoria. Perché poi, in pratica, le tirature ufficiali (o comunque i dati che vengono riportati dai vari siti, ad esempio eurocollezione) sono talvolta palesemente errate. Pensiamo ad esempio al caso dell'euro italiano del 2012, la cui tiratura ufficiale ammonta -secondo eurocollezione- a 5 milioni di pezzi: questo dato è decisamente poco credibile, io ho trovato quella moneta decine di volte, mentre ho trovato pochissime volte l'euro italiano del 2011 (moneta di cui -sempre secondo eurocollezione- dovrebbero esserci in circolazione quasi 100 milioni di pezzi, ma che in pratica è difficilissima da trovare)...

Quando poi si comincia a discutere di monete con tirature intorno al milione di pezzi, o anche meno, direi che si può tranquillamente parlare di monete "rare". Ma, anche in quel caso, occorre prendere con le molle i dati ufficiali: io ho trovato una mezza dozzina di volte i 50 cent greci del 2008 (la cui tiratura, secondo eurocollezione, è  di poco superiore al milione di pezzi)...

Edited by bocchan
Link to comment
Share on other sites


Suvvia, non scherziamo, 5/10 milioni di pezzi "non comune"?? :blink:

Rara sul milione di pezzi? :huh:

Non confondiamo la difficoltà di reperimento in circolazione con la reale rarità della moneta, la maggior parte delle euromonete non si trova o si trova con molta difficoltà in circolazione, poi vai ai convegni e trovi montagne di rotolini, con prezzi a moneta di 2,50 o 3 Euro.

A fare la "rarità" di una moneta è quasi sempre la modalità di distribuzione: per assurdo a parità di tiratura è molto più rara una moneta finita in toto in circolazione piuttosto che una finita tutta in mano ai commercianti. Perchè solo la normale circolazione crea quella dispersione che è alla base della "rarità" delle monete contemporanee. Se poi ci aggiungiamo il fattore emissioni di zecca in divisionale o blister abbiamo completato il quadro.... quello che viene emesso con alte tirature in divisionale ben difficilmente diventerà mai una vera rarità, per chè rimarrà facilmente reperibile. Per il resto, un milione di pezzi effettivi presenti sul mercato sono una cifra enorme, che secondo me non tutti sono in grado di ben valutare... UN MILIONE di pezzi, è un'enormità, se rapportata al numero, molto più basso, di collezionisti. Quando ero agli inizi, comprai un rotolino di 20 lire del 1999, allettato dalla bassa tiratura ("solo" 500mila pezzi)... beh, la mia illusione di aver comprato uan rarità si spense ben presto, perchè tutta la tiratura è finita in mano al mercato collezionistico, e come già detto anche solo 500mila pezzi sono un'enormità da assorbire sul mercato. Discorso ben diverso sarebbe stato se la moneta avesse effettivamente circolato, e si fosse quindi dispersa.

Non ha quindi senso valutare la presunta rarità degli Euro sulla tiratura o tantomeno su quanto sia facile o difficile trovarli in circolazione... sono ben altre le dinamiche che sul lungo periodo rendono una moneta definibile rara o non comune.

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites


@bocchan ne parlammo tempo addietro in questa discussione, a proposito delle monete di Cipro, ed appunto come meglio non poteva spiegare @Paolino67, se sono tutte sul mercato perché in mano ai commercianti, la rarità va a farsi friggere. Uno dei pochi esempi per l'euro e la commemorativa finlandese del 2004, che comunque non possiamo parlare di "vera" rarità. Certo noi consideriamo "raro" 1 milione di pezzi perché con gli euro siamo abituati a tirature a volte anche di 8 zeri, ma la realtà è come la descrive Paolino. Andorra dovrebbe insegnare qualcosa, la prima emissione, quando ci fu la pazza corsa perché le monete le vendevano solo 2 commercianti e per di più fu bloccata la vendita, ma quando si sbloccò i prezzi crollarono. 

Link to comment
Share on other sites


39 minuti fa, cristianaprilia dice:

@bocchan ne parlammo tempo addietro in questa discussione, a proposito delle monete di Cipro, ed appunto come meglio non poteva spiegare @Paolino67, se sono tutte sul mercato perché in mano ai commercianti, la rarità va a farsi friggere. Uno dei pochi esempi per l'euro e la commemorativa finlandese del 2004, che comunque non possiamo parlare di "vera" rarità. Certo noi consideriamo "raro" 1 milione di pezzi perché con gli euro siamo abituati a tirature a volte anche di 8 zeri, ma la realtà è come la descrive Paolino. Andorra dovrebbe insegnare qualcosa, la prima emissione, quando ci fu la pazza corsa perché le monete le vendevano solo 2 commercianti e per di più fu bloccata la vendita, ma quando si sbloccò i prezzi crollarono. 

Ciao! Concordo con gli ultimi discorsi fatti in merito a rarità e tiratura. Indubbiamente tuo discorso in merito ad Andorra non fa una piega, ma con Monaco questo discorso non credo possa valere. Come ben sappiamo il contingente di divisionali e 2€ cc di questo stato è in mano soprattutto ai commercianti, mentre ai collezionisti è permesso (da pochi anni) di acquistare direttamente da loro (non con pochi problemi). In questo caso penso "parere personale" possiamo parlare di monete rare (non il contingente destinato alla circolazione) e con almeno per il momento, la valutazione crescente di anno in anno di tali monete. Sicuramente la massiccia richiesta ed il basso contingente pirdotto, nonché il particolare metodo di emissione rendono queste serie davvero ambite e di conseguenza fortemente speculate.

Voi che ne pensate in merito alla rarità di tali monete? Un saluto 

Link to comment
Share on other sites


@Alex-Vee secondo me Monaco rispecchia quello che è successo con Andorra, la corsa alla divisionale di quest'anno è figlia del caos creato a tavolino con le ultime monete proof, nel 2014 quando mandarono la mail per acquistare la divisionale e non era in vendita sul sito, tutto questo non è successo, eppure la tiratura è la medesima. Ma comunque tutto questo non rientra nel concetto di rarità, perché fino a quando saranno presenti sul mercato costantemente, vuol dire che c'è una corsa alla speculazione, e non una corsa a cercare un pezzo raro tenere in collezione. Questo è quello che penso io.

Link to comment
Share on other sites


2 ore fa, cristianaprilia dice:

@Alex-Vee secondo me Monaco rispecchia quello che è successo con Andorra, la corsa alla divisionale di quest'anno è figlia del caos creato a tavolino con le ultime monete proof, nel 2014 quando mandarono la mail per acquistare la divisionale e non era in vendita sul sito, tutto questo non è successo, eppure la tiratura è la medesima. Ma comunque tutto questo non rientra nel concetto di rarità, perché fino a quando saranno presenti sul mercato costantemente, vuol dire che c'è una corsa alla speculazione, e non una corsa a cercare un pezzo raro tenere in collezione. Questo è quello che penso io.

Concordo.. però a differenza di Andorra dove il prezzo è crollato nel giro di 1 anno e mezzo, le serie Monaco continuano a mantenere una valutazione abbasta stabile nel tempo, forse le prime sono scese leggermente di prezzo rispetto all'inizio (cosa successa anche con il Vaticano), resta il fatto che fino a quando rimarrà questa speculazione, vedremo sempre una sorta di "rarità" in questi pezzi. 

Link to comment
Share on other sites


Sicuramente quello finora detto è tutto corretto.
Farei però alcune precisazioni: l'amico Paolino67 ha comprato a suo tempo un rotolino di Lire; sembra ovvio (naturalmente, notandolo dopo parecchi anni) che 500.000 esemplari quasi unicamente per il mercato italiano siano davvero molti. L'Euro, invece, non dico lo collezionino tutti i cittadini europei, ma ha un "respiro" maggiore della Lira, cioè molti più collezionisti. Quindi, 500.000 esemplari - per l'Euro - sono sì molti, ma sarebbero comunque una cifra particolare a differenza della vecchia monetazione.
Un noto catalogo non pubblica i gradi di rarità per le Euro monete; questo da un lato è positivo (con la moneta ancora giovane, si creerebbero speculazioni), ma appunto genera questi interrogativi. Ad oggi, poco abbiamo per comprendere l'effettiva rarità sul mercato delle nostre amate emissioni! Dobbiamo quindi seguirne assiduamente l'andamento e verificare quali pezzi abbiano le "carte in regola" (come amo da anni chiamarle!) per diventare rarità.
Si è parlato di Monaco e Andorra; è giusto fare una distinzione: Andorra ha avuto una sola "carta in regola", cioè la modalità di distribuzione (discutibile!), ma non la tiratura e l'unicità o comunque una minor frequenza delle emissioni (eccetto i 2 Euro commemorativi). Monaco invece ha: distribuzione (anch'essa discutibile!) e basse tirature. Infine, altra "carta in regola" è la minor frequenza con cui vengono coniate le monete, specialmente le ordinarie (tra una Divisionale e l'altra a volte passano anni!). Difficile quindi ottenere facilmente una serie monegasca e, chi la de desidera, non può certo tentare agevolmente con "annate miste" e simili. L'unica soluzione è appunto la Serie ufficiale! :)

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Il 15/6/2017 at 13:55, Paolino67 dice:

Suvvia, non scherziamo, 5/10 milioni di pezzi "non comune"??

Ribadisco che io mi interesso solo delle monete che si trovano EFFETTIVAMENTE in circolazione, e mi baso più sulla mia esperienza che sui dati ufficiali (che -a mio avviso- sono spesso errati). Non mi dilungo in questa sede sui casi dell'euro tedesco del 2004 serie "D" (ma anche serie "G") o dei 50 cent tedeschi del 2003 serie "D". Ne ho parlato diffusamente altrove. Dico solo, per fare un esempio meno clamoroso, che nell'arco di 14 anni non ho MAI trovato i 10 cent tedeschi del 2003 serie "F" (tiratura ufficiale: 6 milioni di pezzi). Eppure in tutti questi anni sono stato SVARIATE VOLTE in Germania, ed oltretutto ogni volta mi recavo in località differenti (Francoforte e dintorni, Berlino, Monaco di Baviera e dintorni, l'area di Amburgo e Brema con lo Schleswig-Holstein, Colonia...). E non perdevo mai occasione per fare incetta di monete, pagando con banconote anche per piccolissimi acquisti (in modo tale da ricevere molte monete di resto). E nella mia zona arrivano ogni anno migliaia di turisti tedeschi. Che portano ovviamente con sé migliaia di monete tedesche. Che prima o poi passano anche dalle mie mani, per via del mio lavoro.

Edited by bocchan
Link to comment
Share on other sites


Vedo che insisti sul punto "monete effettivamente in circolazione", che, mi duole ripeterlo, non ha alcuna attinenza con la effettiva rarità di una moneta. Puoi quindi parlare di moneta "rara da trovare in circolazione", che è un discorso buono per il pour parler ma non ha alcuna reale valenza numismatica; parlare invece di rarità in assoluto è tutto un'altro discorso. Nel precedente discorso mi pareva di essere stato chiaro, ma evidentemente non lo sono stato abbastanza: una moneta può anche essere del tutto ASSENTE dalla circolazione, ma non per questo diventa automaticamente rara!!! Se la zecca X emette 50 milioni di pezzi di una determinata moneta, che però vengono nella totalità razzolati da commercianti e collezionisti tanto da renderli inesistenti nella normale circolazione, questa moneta diventa rara? No, rimane comunissima, perchè non la troveremo nei resti ma la troveremo nel suo bel Fior di Conio da rotolino sui tavoli di qualsiasi convegno numismatico. Quindi il fatto di girare mezza Europa e non trovarla mai nei resti, conta niente, numismaticamente parlando. Quindi si può tranquillamente discutere sulla difficoltà di reperimento in circolazione di determinate monete (anche del 10 cent 2003 F), come si può tranquillamente cercare di capire i motivi per i quali questa moneta non è stata riversata in circolazione; ma dire che una moneta è rara solo perchè personalmente non la si è mai reperita in circolazione, scusami se te lo dico ma è una emerita sciocchezza, e questo a prescindere dalle tirature ufficiali o meno. Perchè anche se fosse vero che la tal moneta è stata coniata con numeri molto inferiori a quelli ufficiali, questi non sono sufficienti a renderla rara. Nello specifico, prendendo come esempio il 10 cent 2003 F da te citato, sarebbero ampiamente sufficienti i 180mila pezzi emessi in divisionale per renderla comune, visto che 180mila pezzi per una divisionale di zecca sono numeri esorbitanti che automaticamente rendono comune qualsiasi moneta contenuta, anche non ne esistessero altre emesse in rotolino. Perchè bisognerebbe rendersi conto di un concetto che non molti considerano e che invece è importante: se una divisionale è unanimemente considerata comune, come fanno a essere considerate rare le singole monete in essa contenuta??

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.