Jump to content
IGNORED

Galerio


pinga78
 Share

Recommended Posts

Salve ragazzi, 

Chiedo se possibile un piccolo aiuto a classificare questo Galerio zecca Siscia. 

Premetto che è parecchio fuori peso e bruttarello ma non la riesco a trovare sul ric.

Grazie a tutti

Diametro 28 mm 

Peso 17.28 g

 

20170501_163640.jpg

20170501_163708.jpg

Link to comment
Share on other sites


Ciao,

non trovo nessuna SACRAMONETA con legenda IMPCGALVALMAXIMIANVSPFAVG. Nè per Siscia nè per altre zecche. :pardon:

Il 135 di Siscia riporta stella a sinistra e A in campo destro, SIS in essergo ma con legenda MAXIMIANVS NOB CAES.

_siscia_RIC_135b.jpg.68e7b32bba212833c10701bb3f9d6791.jpg

Tra l'altro aspetto dia del ritratto che dell'iconografia a rovescio un po' difforme. Mi ricorda certi ritratti delle zecche orientali ma non combina con i simboli nei campi a rovescio.

Ciao

Illyricum

;)

 

 

Link to comment
Share on other sites


14 ore fa, pinga78 dice:

Di che tipo scusa?:-)

Quello che tendo dire è che ci troviamo davanti a una tipologia emessa nei primissimi anni del IV secolo in cui abbiamo la legenda IMP C GAL VAL MAXIMIANVS P F AVG quindi Galerio come Augusto cosa che avverrà solo qualche anno più tardi. 

 

Oltre a a questo ci troviamo con dei campi estremamente lisci e una legenda stranamente deturpata e di "fantasia".

 

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Il rovescio esiste, il dritto esiste. Per me siamo semplicemente di fronte a una variante non repertoriata nei cataloghi finora, oppure a un inedito, se preferite chiamarlo in questo modo.

Link to comment
Share on other sites


31 minuti fa, cliff dice:

Il rovescio esiste, il dritto esiste. Per me siamo semplicemente di fronte a una variante non repertoriata nei cataloghi finora, oppure a un inedito, se preferite chiamarlo in questo modo.

Ah beh, se è per questo possiamo pure riscrivere la storia è dire che Galerio è diventato Augusto nel 301 anno di ultima emissione.

si può supporre di tutto, io suppongo che sia un falso che non si discosta molto da certe produzioni dell'est Europa che si vedono in giro, medesime legende appiattite e rovinate. La bilancia come altre parti hanno avuto un bel aiutino e tra l'altro cosa ancora più strana è che chiaramente lo stile del busto è orientale, sembra maggiormente Heraclea.

Link to comment
Share on other sites


28 minutes ago, Massenzio said:

Ah beh, se è per questo possiamo pure riscrivere la storia è dire che Galerio è diventato Augusto nel 301 anno di ultima emissione.

si può supporre di tutto, io suppongo che sia un falso che non si discosta molto da certe produzioni dell'est Europa che si vedono in giro, medesime legende appiattite e rovinate. La bilancia come altre parti hanno avuto un bel aiutino e tra l'altro cosa ancora più strana è che chiaramente lo stile del busto è orientale, sembra maggiormente Heraclea.

Comprendo le tue perplessità condivisibili per le note stilistiche , ma a livello cronologico credo che una sovrapposizione di dritto e rovescio possa sulla carta anche esistere.

Vedo che diritti con questa legenda sono stati datati a seconda dei rovesci e delle tipologie dal 305 al 311 d.C.

I rovesci SACRA MONET invece hanno datazioni che vanno dal 300 al 305.

Cosa impedirebbe quindi un abbinamento di questo conio di dritto e di rovescio proprio nel 305 ad esempio?

Link to comment
Share on other sites


Se mi trovassi davanti a un tondello diverso forse potrei prendere in considerazione ipotesi diverse,  ma con una moneta con quell'aspetto, no. 

i SACRA MONET AVGG ET CAESS NOSTR terminano nel 303, sono i SACRA MONET AVGG ET CAESS NN che partono dal 303 per arrivare al 305 e oltre a questo ci sono incongruenze stilistiche perché non è proprio un busto che può essere credibile per Siscia. 

tutto questo insieme di considerazioni più il tondello per me rende questo abbinamento impossibile.

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Un peso di g. 17,28 per un diametro di mm. 28 , dovrebbe richiedere un spessore del tondello tra 5 e 6 mm.

questo considerando , ad esempio ,  un follis di Diocleziano di un peso di g. 9,75 con diametro 28 mm. e  con spessore 3 mm.

Link to comment
Share on other sites


Concordo con quanto detto da massenzio..ricorda, effettivamente, i falsi bulgari con tondello più ampio, già visto per i nummi del V ° sec....saluti Eliodoro

Link to comment
Share on other sites


Secondo voi è fuso o coniato? Ad ore 6 del diritto mi pare di vedere qualcosa che ricorda un codolo di fusione, ma i campi lisci, i rilievi sfaldati e la patina mi fanno propendere per una coniazione su tondello antico...

Link to comment
Share on other sites


19 ore fa, Falaride dice:

Secondo voi è fuso o coniato? Ad ore 6 del diritto mi pare di vedere qualcosa che ricorda un codolo di fusione, ma i campi lisci, i rilievi sfaldati e la patina mi fanno propendere per una coniazione su tondello antico...

Escluderei la fusione, io avrei pensato a battitura. 

Edited by Massenzio
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.