Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Horben Tumblebelly

II Guerra Mondiale

Risposte migliori

Horben Tumblebelly

Sapete se durante la II Guerra Mondiale furono da scavi e/o musei trafugate monete? Magari i Tedeschi occupanti indirono degli scavi loro stessi per recuperare beni archeologici italiani e da esportare verso la Germania?

Sarei curioso di saperlo. Generalmente ogni guerra vede il sacco di musei e zone ad interesse archeologico. Ultimissimo esempio il Museo di Baghdad.

Oppure il periodo fu così coincitato che non si ebbe modo di pensare alla numismatica?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

simone

Ci sarebbe molto da scrivere.

La cosa migliore è leggere il libro ORO, DENARO E MISTERI NELLA SECONDA GUERRA MONDIALE di Roberto Ganganelli.

Sul sito di CN dovrebbe essere ancora in vendita :)

Si parla, tra l'altro, delle monete trafugate dalla collezione reale, ma anche di tante altre cose..... te lo consiglio. Costa 14 euro ( + 4 di spese postali).

Modificato da simone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

petronius arbiter

Vi si racconta, tra l'altro, la storia di Secondina Lorenzina Cesano, conservatrice del medagliere del Museo Nazionale Romano, e di come riuscì a sottrarre al governo fascista, alla disperata ricerca di metalli preziosi dopo le "inique sanzioni" decretate per l'invasione dell'Etiopia, le cosiddette "monete del Tevere", un nucleo di circa 50.000 esemplari rinvenuti durante il dragaggio del fiume in occasione dei lavori di sistemazione e costruzione degli argini, delle banchine e dei muraglioni tra il 1877 e il 1890.

Ma nell'ottimo libro consigliato da Simone c'è molto di più; chi fosse a Veronafil potrà sicuramente acquistarlo allo stand di CN dove, oltre alle spese postali, risparmierà probabilmente anche sul prezzo di copertina: io, a Riccione, l'ho avuto per soli 11 euro :D

petronius :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Maffeo

libretto interessante, è molto recente e si trova facilmente nelle librerie

non dimentichiamoci che, anche se non si trattò proprio di trafugo, molti soldati Americani nella povera Italia dopo il 43 riuscirono ad acquistare un'enorme quantità di monete di alta qualità dai negozianti numismatici di allora per quasi nulla - conosco un paio di anziani signori che se ne vantano ancora... <_<

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

LUCIO

Beh, poi c'è la figura "mitica" di Rodolfo Siviero, che dedicò una vita al salvataggio prima ed al recupero in giro per il mondo dei beni culturali sottratti all'Italia durante la Seconda Guerra Mondiale (parecchie notizie si dovrebbero trovare su di lui anche on-line con un normale motore di ricerca).

Razzie tedesche sì, sia compiute che anche solo tentate (in molti casi i singoli direttori dei musei escogitarono mille espedienti per difendere il patrimonio a loro affidato).

Scavi no. Direi che lo escluderi proprio da parte tedesca. E' appena possibile -non sono memmeno sicuro- che qualcosa sia stato fatto in Italia Meridionale durante l'occupazione americana, ma almeno formalmente sotto il controllo del governo monarchico italiano e non mi risulta nella maniera pù assoluta di alcunché di trafugato.

Quanto alla esportazione "spicciola" da parte di singoli militari alleati tenderei a minimizzare le dimensioni del fenomeno.

Sulle opere minori però va menzionato anche un altro triste danno: nel Nord, nelle zone più pesantemente segnate dai bombardamenti delle città e dal passaggio del fronte vari musei minori (o collezioni minori di musei importanti) finirono letteralmente dispersi fra distruzioni belliche e trasporti affrettati:

due esempi per tutti, il Museo di Rimini, letteralmente polverizzato fra materiale distrutto e materiale sottratto -salvo i principali capolavori messi in salvo per tempo- e solo in questi anni faticosamente in corso di ricostituzione, e i magazzini archeologici del Museo del Castello Sforzesco di Milano che stavano nei sotterranei al disotto del bombardato e distrutto Museo Navale, materiali che erano stati "sfollati" in Valtellina, ma che tornarono solo in parte e anche una volta tornati non trovando più un luogo stabile di conservazione furono sottoposti per decenni (ancora negli anni '80) ad uno stillicidio di smarrimenti e sottrazioni.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×