Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
ciccioformaccio

Quattrino di Ferrara - Benedetto XIV

Risposte migliori

ciccioformaccio

Mi potreste aiutare nella identificazione del quattrino di Ferrara per Benedetto XIV di cui allego le immagini ? 

 

Di che anno è ?

 

Grazie in anticipo

quattrino2.JPG

quattrino1.JPG

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Martin_Zilli
Supporter

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

miroita

Nella scheda del catalogo non è rappresentato. 

Per me si tratta di un quattrino senza data, classificato al Muntoni 428.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Martin_Zilli
Supporter

Lo so, quello che ho postato é il più simile presente nel catalogo virtuale @miroita 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ciccioformaccio
7 ore fa, Martin_Zilli dice:

Avevo visto anche io la scheda da te segnalata, ma la moneta postata è decisamente diversa, quindi mi resta la curiosità di sapere l'anno ed eventualmente altre informazioni sulla moneta.

Modificato da ciccioformaccio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Martin_Zilli
Supporter

La classificazione é corretta; "Senza data" CNI 222-240.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ciccioformaccio
Il 19/5/2017 alle 07:35, Martin_Zilli dice:

La classificazione é corretta; "Senza data" CNI 222-240.

Qualcuno potrebbe spiegarmi come mai nel periodo di pontificato di Benedetto XIV ci sono così tante varianti per i quattrini (mezzi baiocchi e baiocchi) di Ferrara? Conii diversi anche nello stesso anno ? Si tratta di una procedura comune ad altre zecche del medesimo periodo ? CNI li classifica in ben 18 varianti ? .... Credevo fosse difficile e complesso fare nuovi conii? O sbaglio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rcamil

Solo Ravenna nel periodo di pontificato di Benedetto XIV ha coniato così tanto rame, anzi molto di più e con un'infinità di conii varianti tra loro, tra l'altro con qualità "artistica" sempre più scadente nel corso degli anni.

Per Ferrara sinceramente non ho mai approfondito se ci fossero vicende di zecca tali da fare sì che ci fosse una convenienza per gli appaltatori a coniare il più possibile, ma di certo il numero di conii è figlio di una qualità degli stessi non adeguata a produrre quantitativi di moneta consistenti (materiali e trattamenti termici non erano ancora raffinati come avverrà dall'800 inoltrato in avanti).

Non è casuale che anche in questo caso, come a Ravenna, i conii siano tutti "più utili che belli", in particolare sui nominali minori: stemma anepigrafe, scritta in cartella e millesimo. Le varianti nascono dal fatto che fossero "costruiti" manualmente, altrimenti con tutta probabilità avremmo avuto solo un conio replicato all'infinito !

Ciao, RCAMIL.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ciccioformaccio
Il 12/3/2017 alle 11:55, rcamil dice:

Solo Ravenna nel periodo di pontificato di Benedetto XIV ha coniato così tanto rame, anzi molto di più e con un'infinità di conii varianti tra loro, tra l'altro con qualità "artistica" sempre più scadente nel corso degli anni.

Per Ferrara sinceramente non ho mai approfondito se ci fossero vicende di zecca tali da fare sì che ci fosse una convenienza per gli appaltatori a coniare il più possibile, ma di certo il numero di conii è figlio di una qualità degli stessi non adeguata a produrre quantitativi di moneta consistenti (materiali e trattamenti termici non erano ancora raffinati come avverrà dall'800 inoltrato in avanti).

Non è casuale che anche in questo caso, come a Ravenna, i conii siano tutti "più utili che belli", in particolare sui nominali minori: stemma anepigrafe, scritta in cartella e millesimo. Le varianti nascono dal fatto che fossero "costruiti" manualmente, altrimenti con tutta probabilità avremmo avuto solo un conio replicato all'infinito !

Ciao, RCAMIL.

Grazie per la risposta. Mi rimane il dubbio sul motivo che "spingesse" a modificare in modo cosi sostanziale i conii.

Se anche i conii si consumavano rapidamente, perché farli cosi tanto "diversi" tra loro ? In fondo se io fossi stato uno scadente produttore di conii li avrei copiati da quelli precedenti, magari introducendo non volutamente piccoli errori.

Perchè cambiare cosi tanto le immagini ? Perché a volte introdurre la data e altre volte no ? perché cambiare lo stile delle volute ? Che ci fossero motivi "politici" ? Mi chiedo se i cittadini non avessero difficoltà con cosi tante varianti in circolazione ?? Non c'erano falsari all'epoca ? Decine di varianti in pochi anni devono avere secondo me delle motivazioni "politiche".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×