Jump to content
IGNORED

tremisse FLAVIA RAVENNA


Poemenius
 Share

Recommended Posts

cari amici,

poiché non se n'é mai parlato...mi pare... ma altrimenti correggetemi...

segnalo da "Crusafont i Sabater, M. An unpublished Ravenna tremissis of CharlemagneThe Numismatic Chronicle 164"

un Tremisse di Carlo che posto qua, perché "in coda longobarda" passatemi il termine...

non mi pare di aver visto grossi commenti in merito... commentate ;)

PS - se vi manca l'articolo, posso poi farne una sintesi a favore di chi legge.... con le varie ipotesi proposte... in sintesi, alla fin elegge FLAVIA RAV MAG

 

 

pl 28.jpg

Link to comment
Share on other sites


Ravenna magna

in realtà ci furono sviluppi successivi dopo il 2004... Mi aspettavo qualche intervento sulla vicende successiva... Era un po' una provocazione...per pra nn colta...

attendo con ansia ;)

Link to comment
Share on other sites


io leggo KRAV MAGA... :P

 

Scherzi a parte.. grazie Poemenius per averci segnalato questa breve ma 'pesante' segnalazione da parte del buon Crusafont.

Ad un esâme superficiale il tipo (parlo dell'aspetto esteriore per quanto possa dedursi dalla foto non ottimale) parrebbe molto plausibile.

Mi riesce invece piu' difficile mandare giu' la lattura "RAV MAG" proposta. Alcune lettere sono alquanto confuse (almeno dalla foto) forse

occorrerebbe un esame de visu piu' attento. Comunque molto significativo il ritrovamento in territorio sardo dove probabilmente la demonetizzazione

aveva avuto scarso o nullo effetto.

Link to comment
Share on other sites


ho aperto questo post per vedere se qualcuno recuperava la bibliografia successiva, anche perché tutte le volte che Crusafont scrive di alto medioevo (Visigoti, Longobardi etc) non mi  trovo mai concorde con lui....

sulla sua attribuzione dei bronzetti ispanici ai visigoti, mi sono già espresso più volte....

su questo articolo si sono espressi altri più autorevoli di me ;)

ma su lamoneta ci sono solo sporadici accenni e mai nessuna foto di questa moneta....

dai che volevo vedere se "sveglio" i lettori di questa sezione :D

cosa è successo dopo il primo articolo di Crusafont (del 2003 ma di fatto uguale a quello del 2004)...?

Edited by Poemenius
Link to comment
Share on other sites


Ecco un’altra foto. Viene da un power point che feci molti anni fa.

La foto del rovescio (il lato dov’è l’indicazione della città) è volutamente girata di 90°. Se no la lettura lesarebbe stata troppo facile. :D

PS la moneta è senz’altro autentica; il fatto che venga dalla Sardegna/Corsica, da cui vengono alcuni dei più importanti rinvenimenti di tremissi degli ultimi venti/trent’anni non può essere casuale.

PPS Sforzate gli occhi e leggete meglio... 

Buona giornata, Marco

Tremisse 1.png

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


la prima attribuzione di Crusafont fu presto rivista e lo stesso Arslan definì la nuova attribuzione "autorevolmente spostato a" .... a quale città, invece di Ravenna? ;) 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Buongiorno Alain,

spero che qualche amico voglia provare a cimentarsi con la lettura di questa interessantissima moneta. 

Io non interverrò più perché se no il topic diventa una chiacchierata del tipo “eravamo due amici al bar”... 

Le problematiche che questo pezzo solleva sono tantissime e tutte molto importanti perché toccano aspetti storici, oltre che, ovviamente, economici e prettamente numismatici.

Buona giornata, Marco

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Direi che con il tuo intervento e quella meravigliosa immagine hai fatto più di quanto fosse lecito aspettarsi. GRAZIE!!!!

Link to comment
Share on other sites


Un'ultimissima cosa: le immagini di dritto e rovescio che ho postato non hanno le stesse dimensioni e si vede chiaramente. Ciò è dovuto unicamente al fatto che per creare la diapo sul PowerPoint avevo fatto un “copia/incolla” di due foto separate. Quando le ho ridimensionate ho sbagliato clamorosamente i rapporti!!! ?

Edited by teofrasto
errore di sintassi
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


a me sembra che finisca con i. quindi MAGI. 

RAV proprio non riesco a leggerlo. la moneta ha tutta l'aria di essere autentica.

Link to comment
Share on other sites


é cosi! Grande

quando torno vi segnalo i riferimenti della bibliografia successiva. In primis bellesia 2004

Link to comment
Share on other sites


Il tremisse  non è menzionato tra quelli conosciuti per Carlo Magno nell'elenco della Pardi (2009) che pero' si rifà ad un elenco precedente pubblicato da Arslan nel 2000 dun que precedente al rinvenimento dell'esemplare sardo.

alcune brevi ossservazioni:

1) al diritto riscontriamo il nome della città - preceduta dal consueto appellativo FLAVIA - seguito dalla lettera C: PARMAC.           Similmente riscontriamo in altre lgende 'flavie': SIBRIOC, TARVISIOC, REGIOC

diverse interpretazioni sono state proposte per questa 'C' e la piu' convincente resta quella di C(ivitas)

 

2) la legenda del rovescio ci mostra la formula DON invece del classico DN. Nel tremisse di Coira troviamo DOM(N rovesciata) CAROLVS

nei tremissi carolini si riscontra indifferentemente : CAROLO (Mediolanum, Bergamo) o CAROLVS (Curiam, Mediolanum) o ancora CARVLVS (Pisa)

 

3) All'utilissimo prospetto sinottico delle emissioni Flavie  proposto nell'articolo di Bellesia (PN 2004) occorrebbe aggiungere la zecca di FLAVIA PISTVRIA con un' emissione pero' della municipalità e non di un dominus

e l'emissione di un tremisse di Carlo per PISA di cui si conosce un esemplare (Roma, coll. Reale) non riportato nell'elenco; e infine il tremisse di Coira probab. non riportato per ragioni di contesto geografico

 

4) nel ripostiglio di Ilanz: la maggiore fonti di informazioni e da cui provengono la quasi totalità dei tremissi carolini conosciuti (sicuramente autentici) erano presenti le seguenti zecche : Bergamo, Milano, Lucca, Castelseprio, Pavia (Ticino) e Pisa; mancava Parma.

 

5) Infine osservando il prospetto di Bellesia balza agli occhi che un'eventuale tremisse carolino di Tarvisio - finora non repertoriato - potrebbe essere assolutamente congruente.

 

Infine permettetemi di essere contento che la lettura RAV MAG(na) , del tutto incongruente soprattutto per l'attributo sia stata superata da una lettura che appare assolutamente in linea con gli altri esemplari noti. Inoltre l'aspetto generale della moneta non pone dubbi sulla sua autenticità.

  • Like 4
Link to comment
Share on other sites


bene

grazie perché questo é esattamente il tipo di contributo che volevo....

questo post su questa Flavia "Ravenna" é come dicevo una piccola provocazione per svegliare i "Longobardisti"

appena ho un momento vi proporrò una sfida ben più ardua... Spero vorrete accettarla... ;)

Link to comment
Share on other sites


  • 4 weeks later...

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.