Jump to content
IGNORED

Repubblica Napolitana - tornesi sei


Recommended Posts

Supporter

Ciao a tutti, ho preso questa bella moneta :) ....si,  è piuttosto usurata, ma la reputo "bella" perché mi mancava tipologicamente, perché è una testimonianza di un periodo storico interessante ed anche perché ne ho visto di peggiori al doppio se non al triplo del prezzo che l'ho pagata.

Una domanda: circolava regolarmente pure nel Regno di Sicilia? grazie per le eventuali risposte.

 

59bd967c99294_repnap1.thumb.jpg.54389917d71e1ab0d99ca0f9c796b882.jpg

59bd96b2dd712_repnap2.thumb.jpg.f5e57da28372208159ce2c769087124d.jpg

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Awards

Ciao, non credo circolasse anche Sicilia visto che gli avvenimenti della repubblica napoletana si sono verificati 17 anni prima dell'unificazione del regno di Napoli con quello di sicilia con relativa unificazione del sistema monetale... 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Supporter

Ok, siccome ho letto in qualche discussione (non ricordo quale) che questa moneta ha comunque circolato successivamente il 1799 per tanti altri anni ancora, giusto perchè si trovano molto usurate rispetto il  breve periodo di vita della Repubblica, ho pensato che magari si andasse sino all'unificazione ed anche oltre. Praticamente bisognerebbe sapere/quantificare cosa potrebbe significare "tanti altri anni ancora".

Grazie per la risposta.

Link to comment
Share on other sites

Awards

Ciao,

durante l'occupazione francese il re aveva conservato la corona di Sicilia, infatti la corte si era stabilita a Palermo. Dubito dunque che queste monete possano avere circolato in SicIlia. Ma magari qualcuno ti può dare informazioni più di dettaglio. 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Supporter

E' sicuramente come dite, la mia domanda, da profano in materia, ponendola giustamente in questa sezione, era per togliermi il dubbio e per formulare un'altra domanda:

Che si sappia, successivamente la Repubblica Partenopea, le monete di Giuseppe Napoleone, Murat e Ferdinando IV (Napoli 1815-16), sono state utilizzate anche se in forma ridottissima nel Regno di Sicilia?

Link to comment
Share on other sites

Awards

C'è da dire anche un'altra cosa, spesso si tende a credere che determinate monete abbiamo circolato per parecchi anni, anche se andavano fuori corso semplicemente perché le troviamo generalmente in bassa o bassissima conservazione, più che altro penso che di sicuro hanno circolato intensamente ma ciò potrebbe essersi verificato anche in periodi brevi e non per forza in periodi lunghi. 

La monetazione in rame e quindi "spicciola "era la moneta del popolo e veniva impiegata per piccole transazioni ogni giorno , e probabilmente più volte al giorno... 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Supporter

Grazie per le risposte :good:

Ecco dove avevo letto qualcosa al riguardo, ma forse sono io che non ho afferrato bene quello che era stato scritto:

 

Edited by nikita_
Link to comment
Share on other sites

Awards

L'ipotesi di @gennydbmoney al post 7 è quella che più calza ai due nominali in rame repubblicani; dopo il ritorno di Ferdinando IV appare improbabile che girassero per il regno di Napoli ancora monete Repubblicane. Già dal 21 giugno 1799 il vicario Generale del Regno, il cardinale Ruffo, ristabilito il Basile in zecca, diede ordine di ribattere tutte le monete Repubblicane...e anche molti tondelli già pronti, e rimasti ancora in zecca. 

Ecco perchè sono nate le monete da 6 e 4 Tornesi di Ferdinando IV di Borbone.

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites


Supporter

@Rex Neap grazie per la precisazione, quindi quell'estratto di cui al link post n. 8 (legge monetaria del 20 aprile 1818, art. 10) non fu adottata?

estratto.jpg.c7c1d08dfc2f71b49a84a5b6853cb42d.jpg

 

Edited by nikita_
Link to comment
Share on other sites

Awards

Il ‎17‎/‎09‎/‎2017 at 16:27, gennydbmoney dice:

C'è da dire anche un'altra cosa, spesso si tende a credere che determinate monete abbiamo circolato per parecchi anni, anche se andavano fuori corso semplicemente perché le troviamo generalmente in bassa o bassissima conservazione, più che altro penso che di sicuro hanno circolato intensamente ma ciò potrebbe essersi verificato anche in periodi brevi e non per forza in periodi lunghi. 

La monetazione in rame e quindi "spicciola "era la moneta del popolo e veniva impiegata per piccole transazioni ogni giorno , e probabilmente più volte al giorno... 

può darsi anche che in successivi periodi sia stata conservata male la moneta.

Link to comment
Share on other sites


27 minuti fa, odjob dice:

può darsi anche che in successivi periodi sia stata conservata male la moneta.

In tal caso mi aspetterei dei graffi e dei colpi  non un usura da effettiva circolazione, poi tutto può essere... 

Link to comment
Share on other sites


Ci sono tondelli coniati già in bassa conservazione per coni sfruttati al massimo, ne deriva che alcuni tondelli pur essendo in conservazione apparentemente scarse, erano invece freschi di zecca...

E' il caso di moltissime tipologie del vicereame e non...

 

Eros 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


5 ore fa, eracle62 dice:

Ci sono tondelli coniati già in bassa conservazione per coni sfruttati al massimo, ne deriva che alcuni tondelli pur essendo in conservazione apparentemente scarse, erano invece freschi di zecca...

E' il caso di moltissime tipologie del vicereame e non...

 

Eros 

Non credo sia questo il caso, parliamo di una moneta coniata in un solo anno e se i conii sono diventati lisci per l'enorme mole di lavoro allora vuol dire che hanno coniato migliaia di pezzi o forse più , e ad oggi dovrebbe essere una moneta molto comune e si troverebbe facilmente ovunque , un po' come i centesimi del regno d'Italia... 

Pensiero personale ovviamente... 

Edited by gennydbmoney
Link to comment
Share on other sites


Buongiorno, e se l' usura fosse stata provocata di proposito ? Ordinata dal Re per esempio, per mantenere in circolazione il valore ma non l'effige.

Diverso discorso per le piastre dove il valore del tondello è più alto.

 

Link to comment
Share on other sites


Come si è detto queste sono monete di"basso conio"cioè monete che uscirono dalla Zecca con rilievi poco accentuati e non ci voleva molto,soprattutto per le monete di rame,giungere a questo grado di consunzione.

Quello che è poco ma sicuro la moneta di questa discussione è consunta molto,ora,come sia giunta a questo grado di conservazione non possiamo dirlo con certezza :si viaggia nell'ambito delle ipotesi

Salutoni

odjob

Link to comment
Share on other sites


9 ore fa, borbonik dice:

Buongiorno, e se l' usura fosse stata provocata di proposito ? Ordinata dal Re per esempio, per mantenere in circolazione il valore ma non l'effige.

Diverso discorso per le piastre dove il valore del tondello è più alto.

 

Scusami @borbonik...perchè scrivi ordinata dal Re.....questa è una moneta Repubblicana.

Link to comment
Share on other sites


17 ore fa, gennydbmoney dice:

Non credo sia questo il caso, parliamo di una moneta coniata in un solo anno e se i conii sono diventati lisci per l'enorme mole di lavoro allora vuol dire che hanno coniato migliaia di pezzi o forse più , e ad oggi dovrebbe essere una moneta molto comune e si troverebbe facilmente ovunque , un po' come i centesimi del regno d'Italia... 

Pensiero personale ovviamente... 

Se i coni nascono con rilievi bassi e tondelli in rame un po precari, e  tali nominali venivano oltretutto usati per le transazioni più comuni e quindi dal popolo, è palese che determinati Tornesi mostrino tale usura...

Avete mai visto uno di questi nominali in FDC????????????????????..........................

 

Giusto per esempio..

 

Passaggio NAC  giudicato con difetti di conio altrimenti Spl....

 

 

                            post-21354-0-27438100-1419281037.jpg 

 

 

Quest'ultimo considerato eccezionale per il suo stato conservativo perchè privo di difetti di conio, passaggio di Nomisma.

 

      

image01332.jpg

 

 

Due emblematici esempi che servono per far capire che questa è una fra monetazioni più ostiche di questo periodo Partenopeo, ne deriva che nascevano già con enormi problematiche dovute sia ai coni che ai tondelli un mix esplosivo.

 

Insomma mi sembra che l'arcano sia svelato...

 

Ovviamente l'attribuzione conservativa esula da quella classica, visto le caratteristiche del nominale.

 

Eros

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


17 ore fa, eracle62 dice:

Se i coni nascono con rilievi bassi e tondelli in rame un po precari, e  tali nominali venivano oltretutto usati per le transazioni più comuni e quindi dal popolo, è palese che determinati Tornesi mostrino tale usura...

Avete mai visto uno di questi nominali in FDC????????????????????..........................

 

Giusto per esempio..

 

Passaggio NAC  giudicato con difetti di conio altrimenti Spl....

 

 

                            post-21354-0-27438100-1419281037.jpg 

 

 

Quest'ultimo considerato eccezionale per il suo stato conservativo perchè privo di difetti di conio, passaggio di Nomisma.

 

      

image01332.jpg

 

 

Due emblematici esempi che servono per far capire che questa è una fra monetazioni più ostiche di questo periodo Partenopeo, ne deriva che nascevano già con enormi problematiche dovute sia ai coni che ai tondelli un mix esplosivo.

 

Insomma mi sembra che l'arcano sia svelato...

 

Ovviamente l'attribuzione conservativa esula da quella classica, visto le caratteristiche del nominale.

 

Eros

E a quanto sono stati battuti questi due magnifici pezzi? Immagino una cifra abbastanza elevata.... 

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.