Jump to content
IGNORED

20 Lire 1884


El Chupacabra
 Share

Recommended Posts

Con l'oro ho ancora grosse difficoltà di resa nel fotografarlo. Oggi Vi sottopongo questo mio esemplare per avere il Vostro più che gradito giudizio sulla moneta. Mi sarà così, più facile capire quanto sono ancora lontano dal rendere al meglio l'immagine.

Un grazie sincero a tutti coloro che si presteranno a dare una valutazione su questo 20 Lire.

5a8fe2dab74dd_20Lire1884.thumb.jpg.459eca29e5188dd3c949473f44f0c8b5.jpg

Link to comment
Share on other sites


Prima di tutto complimenti per la moneta @El Chupacabra...non riesco a capire perché ti vengono tutte le foto come se ci fosse la nebbia, sono perfette nella massa a fuoco, nel risultato del colore che sembra molto naturale però non capisco perché ti vengono così...riesci a dirmi che iso, apertura diaframma e tempo hai usato?

Link to comment
Share on other sites


Sì. . Effettivamente la moneta è bella.. anche il colore dell'oro che viene fuori sembra molto naturale..forse leggermente più vivo sarebbe meglio.. anche io noto un' immagine un po annebbiata e leggermente sfocata... io le fotografo con un semplice smartphone e noto queste differenze rispetto alle mie foto

Edited by tonycamp1978
Link to comment
Share on other sites


49 minuti fa, tonycamp1978 dice:

Sì. . Effettivamente la moneta è bella.. anche il colore dell'oro che viene fuori sembra molto naturale..forse leggermente più vivo sarebbe meglio.. anche io noto un' immagine un po annebbiata e leggermente sfocata... io le fotografo con un semplice smartphone e noto queste differenze rispetto alle mie foto

In effetti il dritto è sfocato, il rovescio sembra ben a fuco ma questa "nebbia" distorce la visione

Link to comment
Share on other sites


28 minuti fa, Danielucci dice:

non riesco a capire perché ti vengono tutte le foto come se ci fosse la nebbia

 

11 minuti fa, tonycamp1978 dice:

anche io noto un' immagine un po annebbiata e leggermente sfocata

Avete ragione, è questo il mio problema. Ho una Canon EOS 500 D, le foto le scatto con ISO 1.600 (dopo che con ISO 400 e 800 avevo risultati peggiori), senza flash (per l'oro) e correzione del bianco a +1 (+2 è il massimo in positivo), faro da 20W a led molto basso (circa 15-20% sull'orizzonte), lastra inclinata con massimo riflesso lontano dal soggetto e messa a fuoco automatica avviata ad ogni nuova immagine. Solo se necessario, aumento il contrasto e do nitidezza ai contorni  con un programma di elaborazione d'immagini.

Per darVi un confronto posto qui sotto la stessa moneta con ISO 3200 ed inclinazioni diverse del faro a led e della lastra inclinata di rifrazione.

5a9002ae5ae48_20Lire1884ISO3200.thumb.jpg.d576aa6b96a55bef7af37c69baaecab8.jpg

5a9002b0c4cf3_20Lire1884ISO3200b.thumb.jpg.c18f961fa629d1a3a023931fa13d6b80.jpg

 

Link to comment
Share on other sites


Il colore più vivo già rende meglio... di nebbia non ne vedo... ora dovresti risolvere il problema della messa a fuoco... manca un po di definizione

Link to comment
Share on other sites


@El Chupacabra in effetti la foto presenta poca nitidezza,  non capisco perchè scatti a ISO 1600,  con la macro potendo si deve usare gli ISO più bassi possibili, ( 100) giusto il consiglio usando il cavalletto, disinserire lo stabilizzatore, la messa a fuoco DEVE essere manuale, se fai della PP, scatta in RAW  e non in JPG.

saluti

TIBERIVS

Link to comment
Share on other sites


34 minuti fa, TIBERIVS dice:

@El Chupacabra in effetti la foto presenta poca nitidezza,  non capisco perchè scatti a ISO 1600,  con la macro potendo si deve usare gli ISO più bassi possibili, ( 100) giusto il consiglio usando il cavalletto, disinserire lo stabilizzatore, la messa a fuoco DEVE essere manuale, se fai della PP, scatta in RAW  e non in JPG.

saluti

TIBERIVS

Esatto...gli iso sono troppo alti, 100 sarebbe l'ideale

Link to comment
Share on other sites


18 ore fa, Monetaio dice:

Usi luce calda ?
Se si prova con luce neutra o fredda.

PS: l amoneta se non é qFDC é SPL/FDC . Non meno, non di più.

No, niente luce calda: è una lampada a led. Proverò con quanto mi è stato suggerito per l'altra moneta (2 Lire 1827 T) che ho postato in "Stati preunitari" e poi ve la rpresento.

P.S.: Bravo Pino, si vede l'occhio del professionista: Negrini, in mano, l'ha classificata q.FDC.

 

Link to comment
Share on other sites


21 ore fa, El Chupacabra dice:

 

Avete ragione, è questo il mio problema. Ho una Canon EOS 500 D, le foto le scatto con ISO 1.600 (dopo che con ISO 400 e 800 avevo risultati peggiori), senza flash (per l'oro) e correzione del bianco a +1 (+2 è il massimo in positivo), faro da 20W a led molto basso (circa 15-20% sull'orizzonte), lastra inclinata con massimo riflesso lontano dal soggetto e messa a fuoco automatica avviata ad ogni nuova immagine. Solo se necessario, aumento il contrasto e do nitidezza ai contorni  con un programma di elaborazione d'immagini.

Ciao! Complimenti per la moneta! Confesso che mi manca :)

Circa la foto... non è certo un problema di macchina fotografica, nè di obiettivo

Ma se scatti a ISO 1600  cosa pretendi? La velocità iso è direttamente proporzionale alla sgranatura che ottieni, questo valeva un tempo con le macchine analogiche e vale ancora di più oggi

Per scendere con gli ISO aumenta l'illuminazione della moneta! Ti consiglio questa impostazione: priorità di apertura ('A' sulla rotellina), ISO 100 (max 200), f/11 (non aprire troppo o perdi in profondità di campo), macchina su cavalletto e cerca di stare con tempi non inferiori a 1/80 di secondo

Questa è scattata +/- con queste impostazioni

 

P.S. a ISO 1000-1800 (non oltre) scatto la via Lattea :)  Questo è uno scatto fatto sulle crete Senesi con la 6D Canon a ISO 1600 e uno Zeiss 15 2.8 (e 20 secondi di posa)

 

Senza-titolo-1.jpg

Cipressaia-Milky-way-copia.jpg

  • Like 7
Link to comment
Share on other sites


effettivamente la luce credo che sia il motivo principale del fatto che vengano con poca definizione... da dire anche che l'oro e' anche difficile da fotografare e da capire in foto... ho provato a fare due tipi di foto diverse per far notare le diverse caratteristiche della moneta... sembra di avere a che fare con due monete diverse... proprio perche' in una si notano parecchi segnetti.. nell'altra i fondi speculari che sono il suo punto di forza... foto fatte con luce naturale...

351d2jk.png

102js75.png

 

Link to comment
Share on other sites


noto solo ora questa discussione e ne approfitto per tornare sull'argomento che mi attrae: e quindi perdonatemi se insisto sull'utilità di "postprocessare" le fotografie digitali.
Da vecchio utilizzatore di camera oscura l'oggi digitale, dove tutto si può fare alla luce del sole, seduti e magari bevendo una grappa, mi pare un sogno, e ci sguazzo.
Nell'immagine digitale ripresa dalla fotocamera quasi sempre ci sono le informazioni che servono per definire l'immagine, ma non sempre queste risultano alla vista.
Mi spiego: in un campo con 256 livelli di intensità una zona, per dire, a livello 100 non è visivamente distinguibile dal nostro occhio da una zona a livello 102, ma il calcolatore la sa distinguere. Sta all'elaborazione successiva alla ripresa accentuare, per il nostro occhio, tale differenza.
Rubo ancora un'immagine a El Chupacabra per esemplificare il mio pensiero, sopra si vede l'immagine originale, sotto quella elaborata: senza andare oltre, confrontate le due corone sul verso.

5a92aca304cef_20lirerielaborate.thumb.JPG.e698a2f4a425aadf3915ea471e8beedc.JPG

Può non essere immediato l'apprendimento delle tecniche di postprocessazione, ma di sicuro scoprire tale ambiente è estremamente interessante e affascinante.
D'accordo, la foto perfetta non richiede elaborazioni, ma chi riesce a fare la foto perfetta? Io no di sicuro!

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


14 minuti fa, cabanes dice:

noto solo ora questa discussione e ne approfitto per tornare sull'argomento che mi attrae: e quindi perdonatemi se insisto sull'utilità di "postprocessare" le fotografie digitali.
Da vecchio utilizzatore di camera oscura l'oggi digitale, dove tutto si può fare alla luce del sole, seduti e magari bevendo una grappa, mi pare un sogno, e ci sguazzo.
Nell'immagine digitale ripresa dalla fotocamera quasi sempre ci sono le informazioni che servono per definire l'immagine, ma non sempre queste risultano alla vista.
Mi spiego: in un campo con 256 livelli di intensità una zona, per dire, a livello 100 non è visivamente distinguibile dal nostro occhio da una zona a livello 102, ma il calcolatore la sa distinguere. Sta all'elaborazione successiva alla ripresa accentuare, per il nostro occhio, tale differenza.
Rubo ancora un'immagine a El Chupacabra per esemplificare il mio pensiero, sopra si vede l'immagine originale, sotto quella elaborata: senza andare oltre, confrontate le due corone sul verso.

5a92aca304cef_20lirerielaborate.thumb.JPG.e698a2f4a425aadf3915ea471e8beedc.JPG

Può non essere immediato l'apprendimento delle tecniche di postprocessazione, ma di sicuro scoprire tale ambiente è estremamente interessante e affascinante.
D'accordo, la foto perfetta non richiede elaborazioni, ma chi riesce a fare la foto perfetta? Io no di sicuro!

Non sono un esperto di fotografia. .. per cui quando il discorso si fa tecnico non riesco a capire... ho capito soltanto che hai rielaborato l'immagine riuscendo a dare maggiore definizione ai dettagli... potresti rielaborare anche la mia seconda foto? Quella più buia dove si notano i fondi a specchio... purtroppo quando cala l'intensità della luce si perdono i dettagli... ovviamente se ti richiede molto tempo lascia perdere... grazie per il tuo contributo 

Link to comment
Share on other sites


@tonycamp1978pur non essendo neanche io un esperto fotografo, penso si possa applicare anche alla tua foto la ricetta già usata; ma non voglio toglierti il piacere di farlo da te, quindi:

vai in

http://www.irfanview.com/

e scarica il programma (è freeware). Inizia con l'applicare il comando "sharpen" e poi vedi che altro puoi fare con il pannello associato al comando "color corrections...". L'unico limite è la fantasia.

Di base Sharpen aumenta il contrasto localmente, in tutte le zone di transizione tra chiaro e scuro, senza modificare il contrasto globale dell'immagine: in questo modo i dettagli, quando rilevati dalla foto, emergono sensibilmente. E' una semplice operazione che spesso riesce a far vedere cose che prima sembravano sommerse nella "nebbia" del poco definito.

Il comando "deglare" che ho citato in un mio precedente intervento è invece di mia invenzione: mi sono scritto un programmino apposta, e corregge l'eccessivo luccichio che talvolta (tutto dipende sempre dall'immagine iniziale) viene prodotto dallo sharpening. Purtroppo non posso fornirlo perchè, per girare, richiede che si installi anche l'ambiente di sviluppo con cui è stato scritto (e quello non è freeware, anzi!)

Buone prove...

Link to comment
Share on other sites


3 minuti fa, cabanes dice:

@tonycamp1978pur non essendo neanche io un esperto fotografo, penso si possa applicare anche alla tua foto la ricetta già usata; ma non voglio toglierti il piacere di farlo da te, quindi:

vai in

http://www.irfanview.com/

e scarica il programma (è freeware). Inizia con l'applicare il comando "sharpen" e poi vedi che altro puoi fare con il pannello associato al comando "color corrections...". L'unico limite è la fantasia.

Di base Sharpen aumenta il contrasto localmente, in tutte le zone di transizione tra chiaro e scuro, senza modificare il contrasto globale dell'immagine: in questo modo i dettagli, quando rilevati dalla foto, emergono sensibilmente. E' una semplice operazione che spesso riesce a far vedere cose che prima sembravano sommerse nella "nebbia" del poco definito.

Il comando "deglare" che ho citato in un mio precedente intervento è invece di mia invenzione: mi sono scritto un programmino apposta, e corregge l'eccessivo luccichio che talvolta (tutto dipende sempre dall'immagine iniziale) viene prodotto dallo sharpening. Purtroppo non posso fornirlo perchè, per girare, richiede che si installi anche l'ambiente di sviluppo con cui è stato scritto (e quello non è freeware, anzi!)

Buone prove...

Grazie vedo un po cosa ne esce fuori:good:

Link to comment
Share on other sites


7 ore fa, tonycamp1978 dice:

effettivamente la luce credo che sia il motivo principale del fatto che vengano con poca definizione... da dire anche che l'oro e' anche difficile da fotografare e da capire in foto... ho provato a fare due tipi di foto diverse per far notare le diverse caratteristiche della moneta... sembra di avere a che fare con due monete diverse... proprio perche' in una si notano parecchi segnetti.. nell'altra i fondi speculari che sono il suo punto di forza... foto fatte con luce naturale...

351d2jk.png

102js75.png

 

oit544.jpg

Link to comment
Share on other sites


mi sono divertito un po... ho applicato solo il comando da te suggerito... anche perche' il programma e' molto complesso e tutto in inglese...:) direi che i risultati sono evidenti.. l'immagine e' piu' nitida...grazie del suggerimento:good:

Edited by tonycamp1978
Link to comment
Share on other sites


per curiosita' ho provato ad applicare una nuova correzione ad una foto gia' corretta in precedenza con la stessa funzione e il risultato e' che perde la sua naturalezza... me lo immaginavo...

Link to comment
Share on other sites


12 minuti fa, tonycamp1978 dice:

per curiosita' ho provato ad applicare una nuova correzione ad una foto gia' corretta in precedenza con la stessa funzione e il risultato e' che perde la sua naturalezza... me lo immaginavo...

E' questa la parte divertente: provare per stupirsi dei risultati.

E ti ringrazio perchè il rispondere alla tua richiesta mi ha fatto venir voglia di scrivermi degli algoritmi un po' più complessi: ho infatti iniziato un programmino per applicare filtri alle immagini (ho scoperto che "sharpenare" significa semplicemente applicare un filtro passa-alto alle immagini, ed ho già in testa le successive implicazioni...) Mi sa che domani starò tutto il giorno davanti al calcolatore (tanto fa un freddo boia per muoversi)

PS: uso paroloni astrusi non per snobismo, ma per vedere se posso interessare qualcun altro a questa affascinante commistione di monete ed informatica

Edited by cabanes
Link to comment
Share on other sites


47 minuti fa, cabanes dice:

E' questa la parte divertente: provare per stupirsi dei risultati.

E ti ringrazio perchè il rispondere alla tua richiesta mi ha fatto venir voglia di scrivermi degli algoritmi un po' più complessi: ho infatti iniziato un programmino per applicare filtri alle immagini (ho scoperto che "sharpenare" significa semplicemente applicare un filtro passa-alto alle immagini, ed ho già in testa le successive implicazioni...) Mi sa che domani starò tutto il giorno davanti al calcolatore (tanto fa un freddo boia per muoversi)

PS: uso paroloni astrusi non per snobismo, ma per vedere se posso interessare qualcun altro a questa affascinante commistione di monete ed informatica

Non ho  ben chiaro quale sarà la tua missione domani... ma  ti Auguro ti di ottenere i risultati sperati.... quel programma è un vero labirinto.. in bocca al lupo:D

Edited by tonycamp1978
Link to comment
Share on other sites


Staff

 

2 ore fa, tonycamp1978 dice:

mi sono divertito un po... ho applicato solo il comando da te suggerito... anche perche' il programma e' molto complesso e tutto in inglese...:) direi che i risultati sono evidenti.. l'immagine e' piu' nitida...grazie del suggerimento:good:

Ciao Antonio, i fondi lucenti già si notavano nella tua foto, peraltro cmq sempre gradevole.
Personalmente evito di applicare filtri alle foto, soprattutto  se sono in bassa risoluzione ed hanno già a monte problemi (tipo appunto di messa a fuoco).
La nitidezza dovrebbe essere ricercata in fase di scatto, cercando di ottenere il meglio dalla tecnologia a disposizione.
Non che sia contro la postproduzione, intendiamoci... ci tenevo solo a precisarti questo, come mio parere personale

Ottimo (ovviamente) l'intervento di rickkk per quanto riguarda i dati tecnici di scatto. ;) 
 

Link to comment
Share on other sites

Awards

1 ora fa, ilnumismatico dice:

 

Ciao Antonio, i fondi lucenti già si notavano nella tua foto, peraltro cmq sempre gradevole.
Personalmente evito di applicare filtri alle foto, soprattutto  se sono in bassa risoluzione ed hanno già a monte problemi (tipo appunto di messa a fuoco).
La nitidezza dovrebbe essere ricercata in fase di scatto, cercando di ottenere il meglio dalla tecnologia a disposizione.
Non che sia contro la postproduzione, intendiamoci... ci tenevo solo a precisarti questo, come mio parere personale

Ottimo (ovviamente) l'intervento di rickkk per quanto riguarda i dati tecnici di scatto. ;) 
 

Certamente... anch'io ritengo che la nitidezza debba essere ricercata in fase di scatto... la qualità dell'immagine è nettamente migliore e nessun programma riuscirà mai a rendere lo stesso risultato... però per chi non ha attrezzatura adeguata per fotografare..come nel mio caso.. sicuramente si riesce a raddrizzare una foto nata male.. Per il tipo di foto che faccio io, ho sempre bisogno di una buona illuminazione... altrimenti lo smartphone non mette bene a fuoco. Però se voglio far notare i fondi speculari sono costretto a ridurre l'illuminazione... e di conseguenza fa fatica a mettere a fuoco... per cui questo programma può essere utile per chi non ha una buona attrezzura per fare foto di alto livello e sopperire al problema dell'illuminazione che è la principale causa della messa a fuoco

Edited by tonycamp1978
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.