Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
Marfir

Catalogo GIGANTE 2019 - 27° Edizione

Recommended Posts

Marfir
Supporter

Segnalo l'uscita del nuovo Gigante, novità e aggiornamenti di prezzo, e la consueta versione online del catalogo per la sola parte dei Savoia.

Interessante la reintroduzione del qFDC, ma solo per la versione online.

https://catalogogigante.it/

Saluti Marfir

Share this post


Link to post
Share on other sites

mty1805

Does the online version include Napoleon's Italian kingdom? I have a 2018 version.

Share this post


Link to post
Share on other sites

sandrobb20

Da neofita,

domanda probabilmente banale e sulla quale riderete di me, ma mi confermante che sul Gigante ci sono esclusivamente monete italiane e non anche di Stato Vaticano e San Marino?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Marfir
Supporter
8 ore fa, sandrobb20 dice:

Da neofita,

domanda probabilmente banale e sulla quale riderete di me, ma mi confermante che sul Gigante ci sono esclusivamente monete italiane e non anche di Stato Vaticano e San Marino?

No ci sono anche quelli

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guittone

Anche io da neofita volevo chiedere: ma i cataloghi Gigante che vengono pubblicati ogni anno, essendo le monete sempre quelle, su cosa si differenziano da un anno all'altro?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gallienus
3 minuti fa, Guittone dice:

Anche io da neofita volevo chiedere: ma i cataloghi Gigante che vengono pubblicati ogni anno, essendo le monete sempre quelle, su cosa si differenziano da un anno all'altro?

Vengono ritoccate le valutazioni, e ogni tanto si fanno delle lievi correzioni.

Io lo cambio ogni 5 anni e basta e avanza, più che altro lo cambio perché dopo 5 anni di uso cade a pezzi.

  • Like 1
  • Thanks 2
  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guittone
Adesso, Gallienus dice:

ogni tanto si fanno delle lievi correzioni.

 

Grazie !

le correzioni a cosa si possono riferire?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gallienus
Adesso, Guittone dice:

Grazie !

le correzioni a cosa si possono riferire?

La più significativa che ricordo è stata quella di dividere i 2 soldi an 9 dai 5 francs scorporando repubblica subalpina e repubblica piemontese all'interno delle coniazioni napoleoniche. Poi ogni tanto si introducono varianti di conio (a mio parere tutte inutili, servono giusto ai fanatici della virgola fuori posto) oppure si eliminano date note in bibliografia ma mai apparse sul mercato (qualche anno fa per esempio hanno fatto fuori un sacco di scudi di Carlo Alberto, come si nota dalla numerazione discontinua).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Devant81

Ci sono i riferimenti ai realizzi delle aste  che quando occorre sono aggiornati....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Liutprand

A volte escono dei nuovi dati anche sulla tiratura, magari grazie a nuovi documenti trovati

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gallienus

Sarebbe bello (e motiverebbe il cambio annuale) se si aggiungessero pian piano piccole parti nuove. Per esempio: hanno fatto per l'app la monetazione savoia dal 1730, perché non inserirla nel cartaceo? O perché non aggiungere Pio VI nelle papali (cosa che ha fatto Nomisma)? Anche perché il catalogo sarebbe "dal Settecento all'euro", ma ciò è vero solo per alcune monetazioni: Napoli parte dal 1730, perché le papali dal 1798?

Share this post


Link to post
Share on other sites

uzifox
Il 21/9/2018 alle 22:57, Marfir dice:

Interessante la reintroduzione del qFDC, ma solo per la versione online.

 

Io la trovavo molto utile come indicazione e per me sarebbe bello riaverla anche sul cartaceo.

Ho notato infatti che ormai visto il netto salto di valore che esiste tra le monete comunque quasi perfette e quelle invece in "FDC assoluto super eccezionale perfettissimo lustrossissimo" uno scalino di mezzo per capire quando inizia il salto ci starebbe bene.   

Prendiamo come esempio il 2 Lire 1911: quotato SPL 80€ e FDC 350€.

E in mezzo? Un qFDC quanto quotarlo? E' corretto fare a metà (350+80)/2 = 430/2= 215€? Oppure stiamo comunque sui 300€?

Oppure siccome non è "perfettissimo eccezionale" nella realtà poi un esemplare in qFDC viene "snobbato" e vale 100€?

Vi segnalo poi sempre sull'argomento quotazioni/conservazioni questo interessante dialogo su un gruppo Facebook a cui ha partecipato Fabio Gigante stesso e altri importanti numismatici (è di libera lettura, non serve l'iscrizione al gruppo).

https://www.facebook.com/groups/352830241799202/permalink/755263178222571/

Nel seguente link invece chi vuole sapere cosa è cambiato rispetto alla scorsa edizione può trovare una puntuale disamina di un noto studioso e collezionista.

https://www.facebook.com/groups/25774059698/permalink/10157496026834699/

Saluti

Simone

  

69370398_1651304151668521_5135951652385193984_n.jpg

Edited by uzifox

Share this post


Link to post
Share on other sites

Marfir
Supporter

@uzifox Ecco la pagina che cercavi

Saluti Marfir

screenshot-catalogogigante.it-2019.09.09-23_13_45.jpg

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

uzifox

Grazie @Marfir,

Siamo a poco più della metà di un FDC quindi. Non è poco e la trovo utile come indicazione.

Saluti

Simone 

Share this post


Link to post
Share on other sites

ilnumismatico

Ciao a tutti, 

esprimo liberamente un mio parere in merito, che potrebbe risultare molto scomodo ed antipatico, facendo una considerazione proprio su questa moneta, che oggettivamente risulta veramente molto molto ostica da trovare in FdC. 

Onestamente parlando, ho visto siglate in tale conservazione molte monete che in realtà non lo erano (e questa non è una novità), ma prezzi molto più alti (conservo ancora nel mio database la foto di un cartellino, data per eccezionale e prezzata, vado a memoria, 500€).

Io, avessi da cedere un Fdc, a 350€ non lo venderei. Secondo me, questo prezzo viene solo incontro a chi giudica le monete in modo... generoso (i listini Tevere, giudicati sempre molto esosi, insegnavano qualcosa...)

In collezione ne ho due, un qfdc molto bello (ex perizia fdc da perito dato da molti di manica stretta) ed una che risulta davvero vicinissima al fdc (@cembruno5500 ora Bruno @Monetaio mi diranno: “ma come, sei riuscito a trovare qualcosa che non va pure su quella?”) la guancia... maledetta e delicatissima... ma diciamo che in mano rende quello che un Fdc dovrebbe essere.

Di certo non venderei mai la prima a soli 350€, mentre la seconda mi è costata molto di più (ed a suo tempo avevo chi mi avrebbe dato il doppio di quanto pagato).

In finale, a mio parere il catalogo è la base su cui studiare e conoscere le tipologie, ma i prezzi vanno comunque saputi interpretare in base al mercato in un dato momento, e soprattutto, senza giudicare la moneta in base all’opinione del commerciante. 

Chiedo perdono se qualcuno vedesse in questo mio escursus un off topic, ma spero di aver trasmesso il nesso di ciò che avevo in mente.

 

un cordiale saluto a tutti, Fab.

Edited by ilnumismatico
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

uzifox
42 minuti fa, ilnumismatico dice:

In finale, a mio parere il catalogo è la base su cui studiare e conoscere le tipologie, ma i prezzi vanno comunque saputi interpretare in base al mercato in un dato momento, e soprattutto, senza giudicare la moneta in base all’opinione del commerciante. 

Chiedo perdono se qualcuno vedesse in questo mio escursus un off topic, ma spero di aver trasmesso il nesso di ciò che avevo in mente.

 

Sì, si è capito ciò che intendi e sono sostanzialmente d'accordo infatti da qualche parte sul catalogo c'è scritto chiaramente che certi esemplari di particolare qualità e pregio seguono quotazioni "amatoriali" (per la serie:  acquirente e venditore si accordano al rialzo secondo sentimento e portafoglio :D ).

PERO'

siccome non sono tutti esperti e navigati come te e altri forumisti e non tutti hanno costantemente il polso del mercato su qualsiasi monetazione il catalogo (in quanto prodotto destinato ad un pubblico vario) per offrire un servizio come si deve dovrebbe dare delle indicazioni quanto più precise possibili e quindi quel qFDC sarebbe opportuna come indicazione, secondo me, per stringere la forbice attualmente esistente tra gli SPL e FDC.

Altrimenti là in mezzo come prezzo ci sono praterie: la differenza tra 80 e 350 è veramente tanto, parliamo del quadruplo.

Soprattutto considerando il fatto che visto il trend attuale è lecito supporre che questa forbice sarà sempre più ampia: infatti il mio "vecchio" Gigante 2016 indicava gli SPL a 120€ e i FDC sempre a 350€  (il triplo quindi) mentre il mio vecchissimo Gigante 2006 indicava gli SPL a 100€ e i FDC a 250€ (poco più del doppio con in mezzo i qFDC a 200€). 

Un saluto

Simone

 

Edited by uzifox
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

ilnumismatico

Ciao Simone e grazie per il tuo contributo.
Io mi riferivo alla conservazione in senso stretto, quindi da questo tuo passaggio

1 ora fa, uzifox dice:

c'è scritto chiaramente che certi esemplari di particolare qualità e pregio seguono quotazioni "amatoriali"

credo che forse non sono riuscito a trasmettere il pieno senso del mio post.
L'eccezionalità (di cui oggi se ne fa un abuso) per questa moneta potrebbe al limite essere già il fatto di trovarla in conservazione FdC.
Diversamente, l'eccezionalità a mio personale parere dovrebbe essere il frutto di una coniazione "coi guanti". Dal tondello, conii nuovi per cercare di produrre quei rilievi forti anche su quei dettagli critici (capelli del ritratto in primis, baffo appuntito, dettagli di mani piedi capelli delle figure al R/,  seno dx su tutti ;) e via dicendo...),  bordo ben centrato, e senza alcuna debolezza negli incusi. Ecco, a mio parere, se si presentasse un esemplare con uno o più dei suddetti aspetti, oltre ad una conservazione FdC, allora l'eccezionalità ci starebbe, ovviamente con apposita nota descrittiva.

Comunque ho in preparazione per la nuova sezione video diverso materiale specialmente su questa tipologia, ma mi ci vuole tempo per realizzare il tutto... bene... come piace a me! :) 

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Monetaio

Per molte monete infatti, Gigante dovrebbe quotare il qFDC e mettere il trattino sul FDC.
Il discorso MS6x e FDC l'ho affrontato con lui più volte personalmente, esponendo lo stesso identico principio che @Alberto Varesi ha esposto il quel post.
Io, potendo affrontare l'argomento direttamente, mi sono permesso di andare un po' più a fondo dicendo che Gigante, a differenza di quanto fa con le quotazioni seguendo il mercato vero o meno vero senza poter fare altrimenti, per il discorso FDC dovrebbe invece essere LUI a fare da "Guida", e non seguire quello che fa "il mercato". Perchè la disanima tecnica dello stato di conservazione di una moneta, NON E' QUESTIONE DI MERCATO. O almeno non dovrebbe esserlo.

 

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

ilnumismatico
1 ora fa, Monetaio dice:

discorso MS6x e FDC 

Si, ho letto qualcosa in merito dove è anche intervenuto il Sig. Varesi, e mi trovo d’accordo su quella linea di pensiero anch’io. 

Il problema secondo me è ancora cercare di associare un preciso valore dell’MS al nostro Fdc, quando invece è chiaro che le due scale non sono equiparabili entro preciso e determinati valori.

Share this post


Link to post
Share on other sites

avv.cesaredeletteris

Dopo tanti anni lo compro ancora :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

uzifox
23 ore fa, Monetaio dice:

Per molte monete infatti, Gigante dovrebbe quotare il qFDC e mettere il trattino sul FDC.
 

Sarebbe un'ottima soluzione.

A quel punto assumerebbe molto più senso il trafiletto che c'è in basso che indica particolari aggiudicazioni. 

Saluti

Simone  

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sirlad

Io ho il Gigante del 2010 dopo non ne ho più comprati, non servono a nulla.

Possono fornire un’idea di massima soltanto ad un neofita alle prime esperienze, chi ha un minimo di esperienza non ha bisogno dei vari Gigante o Montenegro, dai non scherziamo.

Questi cataloghi, a mio parere, contengono anche delle pseudo- rarità farlocche, che servono esclusivamente per far felici i commercianti.

Edited by Sirlad
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Liutprand
11 minuti fa, Sirlad dice:

Io ho il Gigante del 2010 dopo non ne ho più comprati, non servono a nulla.

Possono fornire un’idea di massima soltanto ad un neofita alle prime esperienze, chi ha un minimo di esperienza non ha bisogno dei vari Gigante o Montenegro, dai non scherziamo.

Questi cataloghi, a mio parere, contengono anche delle pseudo- rarità farlocche, che servono esclusivamente per far felici i commercianti.

Condivido in parte il tuo pensiero ma credo tu sia stato un po' severo.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.