Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
apollonia

Medaglione di Costantino I

Risposte migliori

apollonia
Supporter

Salve.

Medaglione di Tessalonica da quattro “silique” dal diritto simile a quello dell’asta Leu Numismatik n°3 di Siscia (vedi sezione sulle prossime aste numismatiche).

L’esemplare è stato battuto a un hammer di 50'000 CHF nella NAC 78 di Zurigo.

905224473_MedaglioneCostantinoTessalonicaNAC1198231l.jpg.86c22c0c322cb0d10e1246273361b272.jpg

The Roman Empire 
Constantine I, 307 – 337 
Medallion of four siliquae, Thessalonica 1st March 336, AR 13.42 g. AVGVSTVS Bust of Constantine r., wearing diadem formed of rosette and laurel. Rev. CAESAR within wreath; in exergue, TSE. C 30 var. (no mint mark). Gnecchi 3. Kent-Hirmer 657 var. (Siscia). RIC 221. Extremely rare. An impressive medallion with an impressive portrait and a light tone. A minor scratch on reverse, otherwise extremely fine This medallion of four siliquae belongs to a distinctive, late Constantinian issue comprised of two closely related types. At present they are known to have been struck at seven mints spanning much of the empire: Lugdunum, Arles, Aquileia, Siscia, Thessalonica, Constantinople and Nicomedia. Examples of both are currently known from four of these mints; we might presume that all seven facilities issued both types, and that they may have been struck at other mints as well. The present type features on its obverse the portrait of a Constantinian emperor wearing a rosette-diadem, accompanied by the inscription AVGVSTVS; on its reverse a laurel wreath encloses the inscription CAESAR. Its companion issue, of identical weight, style and fabric, has on its obverse the bare-headed portrait of a Constantinian Caesar, with CAESAR inscribed in the field before, and on its reverse a laurel wreath enclosing X X. These medallions are unusual because they are not attributed to a specific ruler. At the time of their issue, however, it would have been understood who was portrayed, and for what occasion they were being issued. We may be sure that these broad, heavy pieces impressed their recipients in the best tradition of Roman medallions. The inscriptions on the obverse are quite irregular, being both vertical and straight. In that respect they perhaps are mirrored only by the reverses of silver medallions issued by Constantine I for the dedication of Constantinople on May 11, 330 (see Gnecchi I, pl. 28, nos. 11-13). Based on their distinctive characteristics, which, collectively, set them apart from all other Roman medallions, we should presume these two types were issued for the same occasion. The questions remain, though: who is portrayed on each, and for what occasion were they issued? Three logical possibilities emerge: they were issued late in the reign of Constantine I for the emperor and his eldest son, the Caesar Constantine II; they were issued in the early 350s for Constantius II and his first Caesar, Constantius Gallus (the view adopted by Gnecchi in 1912) or, similarly, they were issued in the mid-to-late 350s for Constantius II and his second Caesar, Julian II. With the latter two possibilities, however, it is difficult to explain the X X inscription on the reverse of the Caesar medallion. Still other suggestions have been made, perhaps based on perceived similarities of the medallion portraits with those on coins. Grueber, writing in 1874, attributed the Augustus issue to Constantine II; Froehner, writing in 1878, did likewise, but also discussed the Caesar issue, which he gave to Gallus. Cohen, in his volumes of 1888 and 1892, agreed with Froehner. Kubitschek, in 1909, described the Caesar issue as portraying Gallus, as did Toynbee in 1943, who reasoned that it had been issued to commemorate Gallus’ assuming a consulship (which he did in 352, 353 and 354). The most convincing assessment, however, was made in 1949 by J. Lafaurie, who proposed that these medallions were struck late in the reign of Constantine I for the vicennalia (20th anniversary of rule) of his eldest surviving son, the Caesar Constantine II. That event occurred on March 1 of 336. His view was supported strongly by Bellinger in 1958 (Dumbarton Oaks Papers no. 12) and was adopted by Bruun, Sutherland and Carson in 1966 (RIC VII). Since then it has remained the standard interpretation. Lafaurie went a step further, though. He proposed that by not striking medals on this occasion for his other two sons, the Caesars Constans and Constantius II, Constantine I was formally earmarking Constantine II as his principal heir. Of all Lafaurie’s proposals, this one seems least probable, for had it been Constantine’s intent to restructure the imperial succession we would expect to see direct evidence of this highly important decision elsewhere, rather than just an oblique suggestion on an issue of medallions. Another of Lafaurie’s observations was ably summarized by Bellinger: “The model for this type is, of course, the issue of the first Augustus with his bare head to the right and the inscription CAESAR behind it, while the reverse has AVGVSTVS in a laurel wreath... There the purpose was to connect his name with his unprecedented title. In this case both inscriptions are titles, but the superior title is now on the obverse joined to the portrait.”

 

1720409420_Giovenalefirmaconingleseetedescook.jpg.66ab80380148237f48bb264ceb2dbcf0.jpg

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

apollonia
Supporter

Esemplare della Gemini, LLC, Auction III, lot 460, 09.01.2007.

2052640128_MedaglioneCostantinoTessalonicaGemini352099.m.jpg.bc0603c7620e9121b73dfe9c1ef7e8bf.jpg

Constantine I. (307-337 AD). Silver medallion of four siliquae, 39 mm (12.87 gm). Thessalonica, c. 336 AD. AVGVSTVS, head of Constantine I right, wearing rosette and laurel-leaf diadem with four wreath ties / CAESAR within laurel wreath with four wreath ties, two above the knot and two below; TSE in exergue. RIC 221, citing a single specimen: Leu/NFA, 16 October 1984, Garrett Part II, 338 = Naville VIII, 25 June 1924, Bement, 1495 = J. Hirsch XXIX, 9 November 1910, 1410 (from the same obverse die as our coin). Apparently only the second known specimen of this medallion from the mint of Thessalonica. Possessing an impressive later portrait. Mint state. For the date of the remarkable anonymous issue of silver medallions to which our piece belongs, see H.A. Cahn, Der spatromische Silberschatz von Kaiseraugst, p. 356: "In a magisterial article, J. Lafaurie, RN 1949, 39 ff., dated this issue to the years 335-337 and refuted earlier attempted interpretations, in particular the placement of the issue under Constantius II and Gallus Caesar….The occasion of the issue, according to Lafaurie, was the vicennalian celebration of Constantine II Caesar on 1 March 336.".
Estimate: US$25000

 

1191035223_Giovenalefirmaconingleseetedescook.jpg.8d337580627e1f39a661552d75d51fb3.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Poemenius

Mi pare ce ne sia uno simile inedito in leu prossima scadenza... 

Da cellulare non riesco a allegare

Scusate apollonia l'aveva già segnalato

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Poemenius

PS Quello di leu sembra avere i baffi anche se credo sia solo una illusione ottica.. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Poemenius

in quella di Leu davvero mi pare un baffo anni ottanta :)

 

untitled.png

1.png

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

grigioviola
6 ore fa, Poemenius dice:

in quella di Leu davvero mi pare un baffo anni ottanta :)

è un esemplare di rarità estrema, un medaglione commemorativo emesso da Costantino. Dopo aver celebrato Costantinopoli e Roma, aveva fatto emettere una serie in onore dei suoi beniamini musicali.

Questo pezzo era dedicato a Glenn Hughes dei Villa Populo, in seguito meglio conosciuti col nome di Village People

Glennhughes_villagepeople.jpg

  • Mi piace 1
  • Haha 5

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vitellio
Il ‎12‎/‎10‎/‎2018 alle 08:07, Poemenius dice:

in quella di Leu davvero mi pare un baffo anni ottanta :)

Caro @Poemenius,

purtroppo  per l'esemplare Leu non è solo il baffo anni ottanta, ma tutta la moneta….

Proviene da 2 noti coni già condannati a suo tempo, ed in effetti l'incisione è abbastanza imbarazzante… per non parlare del metallo etc …

Un cordiale saluto,

Enrico

  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Poemenius
7 ore fa, vitellio dice:

Proviene da 2 noti coni già condannati a suo tempo, ed in effetti l'incisione è abbastanza imbarazzante… per non parlare del metallo etc …

Un cordiale saluto,

caspita non sapevo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vitellio
50 minuti fa, Poemenius dice:

caspita non sapevo

a futura memoria metto un riferimento completo … a parte le questioni stilistiche, abbastanza evidenti nella corona del rovescio, nella costruzione del busto, sottolineerei l'incertezza della mano nell'incidere, guardate bene il tratto dell'incisione dei capelli, incerto, diseguale, tremolante ( in particolare la ciocca terminale sul collo)… anche la corona e tutto sommato le lettere… da guardare ad alto ingrandimento !

Non oso pensare cosa potrà dire il venditore, speriamo che non cerchi una difesa nel sostenere che il suo è l'originale da cui sono stati tolti gli altri… il titolare però, sebbene giovane, penso sia persona seria….

Un saluto,

Enrico

1.jpg

IBSCC Bulletin on Counterfeits BOCS Vol 16 No_1 1991 Page 3.jpg

IBSCC Bulletin on Counterfeits BOCS Vol 16 No_1 1991 Page 9 2e.jpg

IBSCC Bulletin on Counterfeits BOCS Vol 16 No_1 1991 PAG 2 +3.jpg

Modificato da vitellio
  • Mi piace 3
  • Grazie 4

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

apollonia
Supporter

Post # 11.

1961085055_Giovenalefirmaconingleseetedescook.jpg.39d692a3a35148543c3b2ca7ca9521af.jpg

 

  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sirlad

Ma come vi spiegate il fatto che case d'asta serie come Leu Numismatik, possano prendere certe cantonate??

La nostra monetina ha una base d'asta di 24.000 CHF...e come afferma molto giustamente @vitellio qui ci sono particolari stilistici abbastanza evidenti che balzano subito all'occhio, credo che le monete andrebbero osservate molto meglio prima di metterle in asta o no?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cliff

Una cantonata può capitare a tutti ma qui stiamo parlando della moneta in copertina all'asta per cui mi sembra abbastanza grave non aver controllato anche solo il ForgeryNetwork o il Bulletin.
Se ne era già parlato peraltro qualche giorno fa nella discussione dell'asta e la cosa è stata segnalata alla casa d'aste:

https://www.lamoneta.it/applications/tapatalk/index.php?/topic/172939-Asta-Leu-Numismatik-n°3-del-27/10/2018

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Liutprand

Senza parole....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

apollonia
Supporter
27 minuti fa, cliff dice:

Una cantonata può capitare a tutti ma qui stiamo parlando della moneta in copertina all'asta per cui mi sembra abbastanza grave non aver controllato anche solo il ForgeryNetwork o il Bulletin.
Se ne era già parlato peraltro qualche giorno fa nella discussione dell'asta e la cosa è stata segnalata alla casa d'aste:

https://www.lamoneta.it/applications/tapatalk/index.php?/topic/172939-Asta-Leu-Numismatik-n°3-del-27/10/2018

Un precedente ancor più eclatante di Modern Forgery in copertina è il decadramma di Atene della Heritage-Gemini dell’aprile 2011, che avevo segnalato al post # 10 del link 

 

 

2105801788_Giovenalefirmaconingleseetedescook.jpg.caf8eba898dcc6b778af620495861681.jpg

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

skubydu
1 ora fa, Sirlad dice:

Ma come vi spiegate il fatto che case d'asta serie come Leu Numismatik, possano prendere certe cantonate??

La nostra monetina ha una base d'asta di 24.000 CHF...e come afferma molto giustamente @vitellio qui ci sono particolari stilistici abbastanza evidenti che balzano subito all'occhio, credo che le monete andrebbero osservate molto meglio prima di metterle in asta o no?

Purtroppo della LEU storica, ha solo il nome....

devono crescere molto....in esperienza

 

skuby

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vitellio

Carissimi,

una ultima annotazione "tecnica" il pezzo che condivide il rovescio ritengo sia stato prodotto con l'uso della pressa e non battuto al martello, piuttosto indicative sono le piccole rotture e frastagliature radiali in tutto il bordo, tipiche dell'uso della pressa… ( peraltro anche nell'altro, ma meno evidente) Non credo che ci sia difesa realmente possibile a favore dell'autenticità …

Nel primo pezzo del Bollettino si nota una inusuale usura da circolazione del pezzo che , di norma, non circolavano ...credo appositamente creata per togliere le incertezze dell'incisione, che invece si notano tutte nel pezzo Leu, che viceversa non presenta usura… insomma non ci si scappa...

La mano e le caratteristiche di incisione mi fanno pensare chiaramente a una produzione slava/bulgara, soprattutto confrontando con gli innumerevoli prodotti posteriori ...

Un carissimo saluto a Tutti !

Enrico

 

IBSCC Bulletin on Counterfeits BOCS Vol 16 No_1 1991 Page 9 2e.jpg

711422579_IBSCCBulletinonCounterfeitsBOCSVol16No_11991Page92e.jpg.15d39194f1c14bddd15f16328e2d31b0.jpg

IBSCC Bulletin on Counterfeits BOCS Vol 16 No_1 1991 Page 3.jpg

  • Mi piace 1
  • Grazie 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Matteo91

A oggi non ho ancora ricevuto risposte dalla casa d'aste. Ho scritto all'indirizzo presente sul loro sito web, non so se qualcuno abbia un contatto più diretto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

luigi78

La cosa che dovrebbe far fare una pausa di riflessione ai proprietari della Leu è il fatto di non avere una documentazione sui falsi .

Scritto questo , negli ultimi 10 anni tra Naxos, Agrigento, Atene e tanti altri abbagli la compagnia è buona.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cliff
Un precedente ancor più eclatante di Modern Forgery in copertina è il decadramma di Atene della Heritage-Gemini dell’aprile 2011, che avevo segnalato al post # 10 del link 
 
 
2105801788_Giovenalefirmaconingleseetedescook.jpg.caf8eba898dcc6b778af620495861681.jpg
 


Sicuramente sono in buona compagnia. Mi viene in mente anche il cistoforo di Adriano col tempio al rovescio finito in copertina da Kuenker un paio di anni fa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Matteo91

Ho ricevuto risposta da Lars Rutten, che ringrazia per la segnalazione. Erano già stati avvisati e stanno valutando la moneta. 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cliff

E alla fine...

https://www.numisbids.com/n.php?p=lot&sid=2776&lot=285

Bassissimo profilo, nessuna risposta e nessun commento sperando che la cosa venga dimenticata in fretta...
A mio parere però quando ritiri per problemi di autenticità la moneta in copertina all'asta due parole di commento sull'accaduto sarebbero quasi doverose.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Poemenius

Un dignitoso silenzio.... Forse il commento era superficiale... Apprezzo comunque

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dux-sab

Emilio Fede avrebbe probabilmente espresso il suo famoso commento.

  • Haha 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cliff

Alla fine lieve accenno nell'email promozionale di riepilogo dei risultati dell'asta:

Screenshot_20181029-080737.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×