Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
jonnymatrix

Una rarissima R2 e stupenda Soli Reduci

Recommended Posts

jonnymatrix

Buongiorno a tutti,

volevo un vostro parere su questa meravigliosa Piastra. Tutti conosciamo la Soli reduci, è una delle monete che presentano maggior fascino nella coniazione borbonica del '700 e molto ambita dai collezionisti. Difficilissima da trovare in stato di SPL è praticamente introvabile a gradi FDC o qFDC. 

Probabilmente meno sono a conoscenza del fatto che esistono 2 conii chiaramente differenti della moneta, che andrebbe quindi distinta in fase di catalogazione in 2 tipologie, la prima (considerata di grande rarità R2 almeno) è quella che vi propongo in foto ed in mio possesso.

Si differenzia dalla più comune (comunque classificata NC) per 2 caratteristiche fondamentali, la punteggiatura a 5 punti della legenda e la P sotto la spalla del sovrano. I conii rispetto al secondo tipo, che presenta 3 punti nella legenda e la P sotto il collo, sono chiaramente differenti.

Vi riporto un link ad un articolo bellissimo che chiarisce anche meglio questo argomento.

https://www.ilgiornaledellanumismatica.it/mettiamo-ordine-nei-conii-della-piastra-zodiacosoli-reduci/

Ecco le immagini della mia...

 

24pewxs.jpg

 

8vpxle.jpg

 

Vi chiedo alcune impressioni sulla mia moneta.

Che qualità le attribuireste? 

Come mai nel Gigante 2019 non viene menzionato questo primo conio differenziando le due tipologie, cosa fatta in modo molto preciso per altre monete? Mi sembra un errore significativo.

Alla luce di queste considerazioni, che valore le attribuireste in fase di trattativa?

Grazie mille a chi avrà la pazienza di leggere il mio post e di rispondermi.

 

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

gennydbmoney
Supporter

Buongiorno, a mio avviso la SOLI REDVCI è tra le monete più belle ed affascinanti coniate dalla zecca di Napoli... 

Come conservazione direi che siamo sul BB... 

Il motivo per cui il gigante non riporta le differenze di conio possono essere tanti, forse bisognerebbe comunicarglielo? 

La moneta in oggetto è passata su ebay tempo fa , non ricordo precisamente a quanto,forse tra i 300 e 400 euro... 

Comunque l'esemplare è degno di stare in collezione,anche perché appena vai oltre questa conservazione son dolori... 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

dux-sab

tra bb e bb+, R2 vuol dire molto rara non rarissima.

Share this post


Link to post
Share on other sites

jonnymatrix
5 minuti fa, dux-sab dice:

tra bb e bb+, R2 vuol dire molto rara non rarissima.

Scusa hai ragione :-))

Share this post


Link to post
Share on other sites

gennydbmoney
Supporter

non credo si possa ritenere molto rara o rarissima questa moneta visto che si trova abbastanza facilmente,discorso diverso per la conservazione,oltre il BB inizia ad essere veramente rara ed in conservazione massima credo si possa dire tranquillamente che è estremamente rara...

Share this post


Link to post
Share on other sites

doppiopunto
3 ore fa, jonnymatrix dice:

Probabilmente meno sono a conoscenza del fatto che esistono 2 conii chiaramente differenti della moneta

Interessante..Non ero a conoscenza di questa variante che,quindi,non riguarda solo la punteggiatura!!

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

doppiopunto
3 ore fa, jonnymatrix dice:

Come mai nel Gigante 2019 non viene menzionato questo primo conio

In effetti non viene riportata neppure nel recente manuale del Magliocca.Vi risulta qualche segnalazione su altri cataloghi/manuali?

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

doppiopunto

Mentre sul C.N.I. ( che rimane,a mio avviso,un riferimento imprenscindibile)vengono riportate due varianti;

sulla prima con tre punti in leggenda 

sulla seconda con quattro punti ,anziché cinque, e “ fascia zodiaco più larga”.

Share this post


Link to post
Share on other sites

jonnymatrix
2 ore fa, gennydbmoney dice:

non credo si possa ritenere molto rara o rarissima questa moneta visto che si trova abbastanza facilmente,discorso diverso per la conservazione,oltre il BB inizia ad essere veramente rara ed in conservazione massima credo si possa dire tranquillamente che è estremamente rara...

Perdonami ma su questo non concordo per nulla. Se la Soli Redvci con variante II tipo è giustamente considerata NC e quindi relativamente facile da reperire (anche questo poi è da dimostrare, tant'è che non ne vedo fiorire il mercato) della I variante possiamo parlare di una moneta decisamente rara e pure difficile da trovare in alta conservazione.

Il collezionismo numismatico si basa proprio su queste differenze talvolta impercettibili, qui la differenza di conio è talmente palese da non poter passare inosservata!! Non parliamo solo di punteggiatura della legenda ripeto ma anche del disegno e della posizione della P sotto la spalla del sovrano.

Io direi che la cosa porterebbe ad una netta rivalutazione della quotazione di una moneta che è differente da quella comunemente reperibile. Questo per me non può non essere tenuto in considerazione in fase di valutazione e stima. 

Un 5 lire Napoleone coniato a Bologna R4 non è un comune 5 lire...cosi questo primo conio non può essere inserito nella classificazione NC. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

dareios it
Supporter

Per me q.bb ci stà tutto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

jonnymatrix
8 minuti fa, dareios it dice:

Per me q.bb ci stà tutto.

Cavoli siete belli stretti di manica nei giudizi :-)))))))))))))))))

Si vedono anche le linee dello zodiaco e la punteggiatura del mare nel globo. La parte più "rovinata" è la parte elevata della capigliatura del re.

Share this post


Link to post
Share on other sites

doppiopunto
3 minuti fa, jonnymatrix dice:

Cavoli siete belli stretti di manica nei giudizi :-)))))))))))))))))

Al posto tuo non darei tanta importanza al “grado in più o in meno”,ma piuttosto alla rarità del conio da te indicato,e anche dal C.N.I ,tutto sommato..Se ti interessa una valutazione corretta del grado di conservazione,con relativa certificazione,meglio rivolgersi ad un professionista..

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

jonnymatrix
28 minuti fa, doppiopunto dice:

Al posto tuo non darei tanta importanza al “grado in più o in meno”,ma piuttosto alla rarità del conio da te indicato,e anche dal C.N.I ,tutto sommato..Se ti interessa una valutazione corretta del grado di conservazione,con relativa certificazione,meglio rivolgersi ad un professionista..

Concordo al 100%. Il post è centrato soprattutto sul grado di rarità e sul motivo per il quale non viene riscontrato sulla più recente letteratura numismatica riguardante il Regno di Napoli.

Per altre piastre od altre monete si guardano dettagli e varianti ben meno significative, qui come detto parliamo di 2 conii assolutamente differenti. Credo che la cosa sia di rilevanza assoluta.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

doppiopunto
7 minuti fa, jonnymatrix dice:

Per altre piastre od altre monete si guardano dettagli e varianti ben meno significative, qui come detto parliamo di 2 conii assolutamente differenti. Credo che la cosa sia di rilevanza assoluta.

Come non essere daccordo...

Share this post


Link to post
Share on other sites

gennydbmoney
Supporter
2 ore fa, doppiopunto dice:

In effetti non viene riportata neppure nel recente manuale del Magliocca.Vi risulta qualche segnalazione su altri cataloghi/manuali?

 

mi dispiace contraddirti...Magliocca  ne fa menzione a pagina 136 del suo libro...

Share this post


Link to post
Share on other sites

gennydbmoney
Supporter
1 ora fa, jonnymatrix dice:

Cavoli siete belli stretti di manica nei giudizi :-)))))))))))))))))

Si vedono anche le linee dello zodiaco e la punteggiatura del mare nel globo. La parte più "rovinata" è la parte elevata della capigliatura del re.

ed è proprio quella che stabilisce il grado di conservazione di una moneta ,variante o meno,rara o comune la moneta rimane un classico BB...

inoltre oltre alla capigliatura ci sono altri dettagli che ne abbassano l'appeal...

Share this post


Link to post
Share on other sites

gennydbmoney
Supporter
1 ora fa, doppiopunto dice:

Al posto tuo non darei tanta importanza al “grado in più o in meno”,ma piuttosto alla rarità del conio da te indicato,e anche dal C.N.I ,tutto sommato..Se ti interessa una valutazione corretta del grado di conservazione,con relativa certificazione,meglio rivolgersi ad un professionista..

il problema è trovarlo il professionista...o forse sarebbe meglio un'esperto della monetazione della zecca di Napoli?

Share this post


Link to post
Share on other sites

gennydbmoney
Supporter
1 ora fa, jonnymatrix dice:

Perdonami ma su questo non concordo per nulla. Se la Soli Redvci con variante II tipo è giustamente considerata NC e quindi relativamente facile da reperire (anche questo poi è da dimostrare, tant'è che non ne vedo fiorire il mercato) della I variante possiamo parlare di una moneta decisamente rara e pure difficile da trovare in alta conservazione.

Il collezionismo numismatico si basa proprio su queste differenze talvolta impercettibili, qui la differenza di conio è talmente palese da non poter passare inosservata!! Non parliamo solo di punteggiatura della legenda ripeto ma anche del disegno e della posizione della P sotto la spalla del sovrano.

Io direi che la cosa porterebbe ad una netta rivalutazione della quotazione di una moneta che è differente da quella comunemente reperibile. Questo per me non può non essere tenuto in considerazione in fase di valutazione e stima. 

Un 5 lire Napoleone coniato a Bologna R4 non è un comune 5 lire...cosi questo primo conio non può essere inserito nella classificazione NC. 

il tuo discorso può essere valido se si vuole mettere in collezione tutte le varianti possibili ma se si cerca il solo esemplare rappresentativo ne trovi almeno una decina di esemplari in vendita in questo momento su alcuni siti di aste on-line....

inoltre se sei interessato alle varianti di questa moneta ti consiglio di contattare direttamente l'autore sullo studio di queste varianti che se non si è capito è il signor Pierpaolo Testa di Pulsano provincia di Taranto nonchè perito iscritto alla NIP,ho avuto modo di colloquiare con lui diverse volte e si è sempre dimostrato gentile e disponibile,se ricordo bene il suddetto studio risale a circa 10 anni fa...

Edited by gennydbmoney
  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

doppiopunto
5 minuti fa, gennydbmoney dice:

ti consiglio di contattare direttamente l'autore sullo studio di queste varianti che se non si è capito è il signor Pierpaolo Testa di Pulsano provincia di Taranto nonchè perito iscritto alla NIP

Perfetto..Sia esperto che professionista!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

doppiopunto
16 minuti fa, gennydbmoney dice:

mi dispiace contraddirti...Magliocca  ne fa menzione a pagina 136 del suo libro...

Hai ragione,parla di “ 5 o 6  tipi del 2 conio” ( Soli Reduci ) senza però entrare nel dettaglio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

gennydbmoney
Supporter

sempre sul Magliocca ,sempre a pagina 136 l'autore consiglia un suo studio sempre sulla SOLI REDVCI...

"Le monete da dodici carlini per il ritorno di Ferdinando IV e Maria Carolina dal viaggio in Austria"

Panorama Numismatico n°328 del Maggio 2017...

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

doppiopunto
3 minuti fa, gennydbmoney dice:

sempre a pagina 136

Visto che se ne parla...

941606A9-D3FB-4A17-924C-1CA26C5E2A4B.jpeg

Share this post


Link to post
Share on other sites

borbonik

Scusate la mia intromissione, ma la tipologia non varia al variare di un'effige? In questo caso credo si tratti di variante.

Se ho detto una cavolata chiedo scusa.

Saluti.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

gennydbmoney
Supporter
Il 16/10/2018 alle 13:58, gennydbmoney dice:

Buongiorno, a mio avviso la SOLI REDVCI è tra le monete più belle ed affascinanti coniate dalla zecca di Napoli... 

Come conservazione direi che siamo sul BB... 

Il motivo per cui il gigante non riporta le differenze di conio possono essere tanti, forse bisognerebbe comunicarglielo? 

La moneta in oggetto è passata su ebay tempo fa , non ricordo precisamente a quanto,forse tra i 300 e 400 euro... 

Comunque l'esemplare è degno di stare in collezione,anche perché appena vai oltre questa conservazione son dolori... 

 

ricordavo bene...

https://www.ebay.it/sch/i.html?_from=R40&_sacat=0&_nkw=piastra 120 grana soli reduci&LH_Complete=1&rt=nc&_trksid=p2045573.m1684

Share this post


Link to post
Share on other sites

gennydbmoney
Supporter

in questa inserzione è in vendita un esemplare simile,sulle foto ed il prezzo non mi esprimo...

https://www.ebay.it/itm/120-GRANA-1791-SOLI-REDUCI-1-CONIO-REGNO-DI-NAPOLI-FERDINANDO-IV-RARISSIMA-/273512568354?hash=item3fae9e9622

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.