Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
GianDomenico88

SI Statere Neapolis - Toro Androprosopo

Risposte migliori

GianDomenico88

Salve,

è la prima volta che scrivo e vi faccio i complimenti per questo bellissimo forum. Vi ho trovato facendo una ricerca su un simbolo riportato tra le icone del comune di Alvignano, anitca Cobulteria (alto casertano). Il toro androprosopo con vittoria alata e la sigla Iota Sigma.

Avrei due domande: perché il toro ha la faccia raffigurante il dio Acheloo? Cosa significa la sigla Iota SIgma?

Grazie in anticipo.

44932121_10218566408537718_1077812405024587776_n.jpg

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

King John
Supporter

Ciao e benvenuto. La figura del toro con il volto umano è legato al mito di Acheloo e si ritrova sulle monete di Metaponto, di Laos, di Neapolis e di altre località campane. In Sicilia si ritova sulle monte di Gela e di altre città come Entella, Katane e Panormos. Acheloo aveva la faccia di uomo perchè, tra le altre, assunse anche queste sembianze nella lotto contro Eracle per avere in sposa Deianira, che già era stata promessa in sposa a Eracle. Infatti, Acheloo è la più importante delle divinità acquatiche greche ed il primo fra tutti i fratelli fiumi. Veniva immaginato nella forma di un toro, come spesso avveniva anche per altre divinità fluviali. 
Compare nel ciclo delle fatiche   di Eracle  quando aspirava alle nozze con Deianira,  figlia di Eneo e re degli Etoli, che era stata chiesta in moglie da Eracle. 
Durante la lotta fra i due, Acheloo si trasformò prima in serpente, quindi in toro (come narra Sofocle), poi in un drago viscido e iridescente ed infine in un uomo dalla testa di bue così Eracle gli strappò un corno.

Acheloo si considerò vinto e gli cedette il diritto di sposare Deianira ma rivolle indietro il suo corno e dando in cambio un corno della capra Amaltea, la nutrice di Zeus, ossia la cornucopia alle gocce di sangue cadute dalla sua ferita nacquero le sirene, chiamate infatti Acheloides dal nome del padre. Secondo un'altre tradizioni, queste sarebbero invece nate dall'unione di Acheloo con la musa Tersicore o con Melpomene.

Infine, il monogramma :Greek_Iota::GreeK_Sigma: era un segno di controllo che veniva riportato sulle monete durante la coniazione delle stesse per motivi interni alla zecca. Oltre a :Greek_Iota::GreeK_Sigma: venivano utilizzati anche altri monogrammi.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Lemonetiere1

Un’altra lettura più semplice potrebbe essere questa

Il volto di Acheloo è spesso quello di un vecchio . Quindi rappresenta la saggezza . 

Il fatto che sopra sia riportata la Nike alata  che incorona il toro potrebbe essere interpretata  in estrema sintesi storica  , come la forza del toro e la saggezza ( del vecchio ) potano alla vittoria . 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eliodoro
Supporter
12 ore fa, GianDomenico88 dice:

Salve,

è la prima volta che scrivo e vi faccio i complimenti per questo bellissimo forum. Vi ho trovato facendo una ricerca su un simbolo riportato tra le icone del comune di Alvignano, anitca Cobulteria (alto casertano). Il toro androprosopo con vittoria alata e la sigla Iota Sigma.

Avrei due domande: perché il toro ha la faccia raffigurante il dio Acheloo? Cosa significa la sigla Iota SIgma?

Grazie in anticipo.

44932121_10218566408537718_1077812405024587776_n.jpg

Ciao @GianDomenico88

la presenza di quest'icona è dovuta al fatto che, nel III° sec. a.c., furono emesse monete per Cubulteria, un obolo in bronzo, non parliamo quindi, di uno statere napoletano,

La presenza delle lettere ISigma la ritroviamo anche su monete napoletane, il che potrebbe far ipotizzare che anche la coniazione delle monete delle  città del medio Volturno sia avvenuta a Napoli. La figura dell'Acheloo farebbe pensare ad un riferimento al fiume Volturno.

 

Ad Alvignano, in passato sono attribuite anche monete coniate da NIcola II Monforte durante la congiura dei baroni.

Ecco l'obolo di Cubulteria che riporta al diritto, la scritta Cubulteria in lingua osca.

Saluti Eliodoro

cubulteria dir.jpg

cubulteria rov.jpg

Modificato da eliodoro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×