Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal

Risposte migliori

toratoratora

questa moneta era annerita in varie parti, pulendola purtroppo è andata via anche la patina ed è visibile corrosione. Ora vorrei ripatinarla cosa consigliate? 1000grazie

 

 

599787730_6kreuzer1810.thumb.jpg.ca1efa80bbbcfe5bb0aaefae275b2467.jpg

Modificato da toratoratora

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dux-sab

forse sarebbe stato meglio chiedere un consiglio prima di procedere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

toratoratora

aveva zone nere in vari punti e sotto patina, ho letto tantissimi topic ma con EDTA me le distrugge  perchè sono mistura. L'unica cosa che mi dà possibilità di pulizia è l'aceto ma leva tutto anche la patina. Ho provato con l'alluminio e acqua calda con bicarbonato, risultati disastrosi. Ora è più visibile ma porosa da quello che ho capito è che chi ha le VERE soluzioni se le tiene per fattori economici.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mariov60
7 minuti fa, toratoratora dice:

aveva zone nere in vari punti e sotto patina, ho letto tantissimi topic ma con EDTA me le distrugge  perchè sono mistura. L'unica cosa che mi dà possibilità di pulizia è l'aceto ma leva tutto anche la patina. Ho provato con l'alluminio e acqua calda con bicarbonato, risultati disastrosi. Ora è più visibile ma porosa da quello che ho capito è che chi ha le VERE soluzioni se le tiene per fattori economici.

Scusami ma ho la sensazione che tu abbia letto...ma senza capire... E qui viene buona la frase "Siamo responsabili di ciò che scriviamo...non di ciò che il lettore capisce".

In tutte le discussioni su pulizia e restauro, che si tratti di EDTA, ammoniaca, bicarbonato, acido formico, elettrolisi chimica o intervento manuale (bisturi o matite abrasive), la regola fondamentale che viene sempre ricordata è che lo scopo degli interventi di pulizia delle monete è quello di permetterne la identificabilità e garantirne la conservazione.

Si ricorda sempre che le condizioni di alcune monete, quando provenienti da secoli di giacitura in ambienti chimicamente aggressivi, non permettono la totale rimozione dei composti derivanti dai fenomeni ossidativi o degenerativi dei metalli. I fenomeni degenerativi dei metalli comportano la trasformazione degli stessi con generazione di composti; la rimozione di questi composti comporta la perdita di tutti i componenti chimici che ne fanno parte, con conseguente maggior evidenza dei punti di corrosione.

I fenomeni degenerativi e/o corrosivi possono essere bloccati, i prodotti di questi fenomeni possono essere rimossi ma non si riesce ad invertirne il processo per cui non è possibile riconvertire in metallo (magari con rideposizione nella sua posizione originaria) ciò che è stato coinvolto dai processi corrosivi. 

Non esistono ricette miracolose, protette da chissà quali interessi commerciali...e di sicuro non esistono prodotti miracolosi nello spazio compreso fra cucina e garage (leggasi aceto, olio d'oliva, Cillit bang, sidol, svitol etc.). Esiste, e sempre dovrebbe essere valutata, la possibilità di fermarsi prima di rovinare una moneta (o un oggetto storico); inutile lamentarsi "dopo"... Specie se ci si è accaniti con ogni genere di prodotto... e ancora non ci si vuole fermare. Ora la vuoi anche ripatinare...

Le monete che vedi migliori delle tue...lo erano prima di iniziare una qualsiasi operazione di pulizia. Ricorda che è possibile rovinare una moneta in condizioni splendide; non esiste metodo per rendere splendida una moneta corrosa da secoli di giacitura in ambienti aggressivi...

Si prega di rileggere più volte e, se qualcosa risulta poco chiaro, si prega di chiedere chiarimenti...

ciao

Mario   

 

  • Mi piace 5

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

savoiardo
Supporter

Non penso sia così ....

Prima cosa ci vuole pazienza!

Ovvio con aceto o succo di limone pulisci, sono degli acidi, ma pulisci tutto!

Le ossidazioni, e le patine sono ossidazioni, si formano "mangiando" materiale se levi tutto lasci i buchi!

Sono arrivato tardi.. Mario ha risposto prima e meglio di me...

Modificato da savoiardo
  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

favaldar

Se posso aggiungere in un linguaggio non tecnico,ci sono anche le restaurazioni o ricostruzioni dove monete sopratutto in rame o bronzo molto più difficile con oro e argento si possono ricostruire ma è un lavorone e ci vuole una certa esperienza oltre  a conoscere la chimica dei metalli ed avere una buona mano ferma. L'ho visto fare con monete antiche su alcuni argenti e ori mai con quelle in mistura. Non lo si fà con un quarto d'ora e senza un vero studio dei metalli è non è sempre possibile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

toratoratora
30 minutes ago, mariov60 said:

Scusami ma ho la sensazione che tu abbia letto...ma senza capire... E qui viene buona la frase "Siamo responsabili di ciò che scriviamo...non di ciò che il lettore capisce".

In tutte le discussioni su pulizia e restauro, che si tratti di EDTA, ammoniaca, bicarbonato, acido formico, elettrolisi chimica o intervento manuale (bisturi o matite abrasive), la regola fondamentale che viene sempre ricordata è che lo scopo degli interventi di pulizia delle monete è quello di permetterne la identificabilità e garantirne la conservazione.

Si ricorda sempre che le condizioni di alcune monete, quando provenienti da secoli di giacitura in ambienti chimicamente aggressivi, non permettono la totale rimozione dei composti derivanti dai fenomeni ossidativi o degenerativi dei metalli. I fenomeni degenerativi dei metalli comportano la trasformazione degli stessi con generazione di composti; la rimozione di questi composti comporta la perdita di tutti i componenti chimici che ne fanno parte, con conseguente maggior evidenza dei punti di corrosione.

I fenomeni degenerativi e/o corrosivi possono essere bloccati, i prodotti di questi fenomeni possono essere rimossi ma non si riesce ad invertirne il processo per cui non è possibile riconvertire in metallo (magari con rideposizione nella sua posizione originaria) ciò che è stato coinvolto dai processi corrosivi. 

Non esistono ricette miracolose, protette da chissà quali interessi commerciali...e di sicuro non esistono prodotti miracolosi nello spazio compreso fra cucina e garage (leggasi aceto, olio d'oliva, Cillit bang, sidol, svitol etc.). Esiste, e sempre dovrebbe essere valutata, la possibilità di fermarsi prima di rovinare una moneta (o un oggetto storico); inutile lamentarsi "dopo"... Specie se ci si è accaniti con ogni genere di prodotto... e ancora non ci si vuole fermare. Ora la vuoi anche ripatinare...

Le monete che vedi migliori delle tue...lo erano prima di iniziare una qualsiasi operazione di pulizia. Ricorda che è possibile rovinare una moneta in condizioni splendide; non esiste metodo per rendere splendida una moneta corrosa da secoli di giacitura in ambienti aggressivi...

Si prega di rileggere più volte e, se qualcosa risulta poco chiaro, si prega di chiedere chiarimenti...

ciao

Mario   

 

scusami anche tu ma mi sembra che mi si metta in luce l'UNICA frase similpolemica (che polemica non voleva essere ma cercavo un dato di fatto ove alcune persone che magari hanno tecniche decennali neanche scrivono nel forum) in classico stile italiano ironizzando poi sul fatto di aver chiesto molto cortesemente se avete idea di come ripatinare (nessuna risposta). Signor Mario se lei è restauratore o antiquario io non ce l'ho con lei il mio non era un attacco ma una constatazione venuta a presentarsi come idea varie volte sul forum sul fatto che c'è gente che probabilmente per coprire il proprio mestiere non condivide alcune tecniche (giusto o sbagliato che sia). Posso avere il dubbio come è venuto anche ad altri che alcune operazioni siano tenute segrete? Non mi sono ''lamentato'' con qualcuno o solo esposto il mio dubbio su questa cosa senza peraltro accusare nessuno.

1000grazie se potrà rispondermi sulla ripatinatura

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

toratoratora
41 minutes ago, savoiardo said:

Non penso sia così ....

Prima cosa ci vuole pazienza!

Ovvio con aceto o succo di limone pulisci, sono degli acidi, ma pulisci tutto!

Le ossidazioni, e le patine sono ossidazioni, si formano "mangiando" materiale se levi tutto lasci i buchi!

Sono arrivato tardi.. Mario ha risposto prima e meglio di me...

infatti sono totalmente o quasi inesperto sulla ''pulizia'' ma per molte monete è l'unica soluzione ove esse sono enormemente coperte da ossidazioni. 1000grazie ancora se potrà consigliarmi una soluzione di ripatinatura (se esiste)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

favaldar
toratoratora

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×