Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
cabanes

Dollari dei Cauboi

Recommended Posts

cabanes

... e fuori c'era veramente il west, il west sognato, visto in diecimila film, e anche un west reale, il west dei nostri campi dove noi andavamo a giocare agli indiani e ai cauboi, e poi dopo, un pochino più grandi ...

Così diceva Guccini, e come lui tutti noi abbiamo vissuto un po' della nostra infanzia nel West, nel far west,occidente lontano. Ed era il West favolistico di Tex Willer, di Mike Blueberry e, perchè no, anche di Luky Luke, un West che si condensava in tre parole, Colt, Whisky e Dollari.
Che poi è un West che è stato di breve durata, nato alla fine della guerra civile, per morire, ucciso dal progresso, ai bagliori del nuovo secolo, ma tant'è, sono bastati quarant'anni per costruire l'epopea.


Ma qui si è in un sito di numismatica, non di nostalgia dell'infanzia, e allora vediamoli i sonanti dollari del cauboi:

 

dollari.thumb.jpg.9475df72e00635d6cf339fb0c6bd2a5e.jpg
rispettivamente buck, half eagle, eagle, double eagle (rigorosamente in scala)

 

Scrivo sonanti, e non fruscianti perchè i cauboi, veri e duri uomini,  volevano il metallo, non la carta in tasca: materiale solido e concreto, come i proiettili della pistola e gli zoccoli del cavallo.


Vengo al punto, com'era il rapporto tra dollaro e cauboi? Cioè, come si viveva, economicamente, allora, nel West?
Mi sono un po' documentato, visto che purtroppo Tex e amici non sono molto credibili da questo punto di vista, ed ho trovato dati molto interessanti.
Intanto non è vero che il cauboi fosse un disgraziato che non aveva trovato un lavoro migliore: guadagnava dai 20 ai 40 $ al mese, all'incirca come il maestro di scuola della cittadina più vicina, e in più non aveva spese di vitto e alloggio; il cavallo, completo di sella e finimenti, gli sarebbe costato circa 300 $: non poco, se confrontato con i nostri redditi è l'equivalente di un'utilitaria, ma comunque con un po' di sacrificio alla portata del cauboi. Una cosa però è sostanzialmente cambiata, tra il west e i nostri giorni: allora il ladro di cavalli veniva impiccato, oggi il ladro di utilitarie viene ignorato dalla giustizia. E' il progresso, bellezza!


La Colt, la famosa peacemaker, gli sarebbe costata solo 17 $, ed avrebbe potuto allenarsi senza patemi, visto che le cartucce gli sarebbero costate solo 50 cent la scatola (50 colpi?), e questo costo limitato spiegherebbe anche perchè Tex Willer sparasse così abbondantemente (che poi Tex è così bravo a sparare che continua a farlo anche quando la pistola è scarica. Grande!).


E come si divertiva il nostro amico cauboi? Beh, lo sappiamo tutti, al saloon (e anche in case un peletto più riservate: con una spesa che andava da 1 a 5 $ poteva rilassarsi in dolce compagnia; dicono, ma qui rischio di andare sul pornografico, che il cauboi prediligesse quello che lui chiamava "la francese" / per dettagli visionare Mario Puzo: il Padrino ).
Al saloon un bel bicchiere di whisky gli costava solamente 5 cents, più o meno come un sigaro. Diverso il discorso se si avvicinava a un tavolo di Black Jack: lì tutto era possibile.


Ma il cauboi poteva anche ardire a un reddito migliore: avendone gli attributi, poteva fare il bounty hunter; il governo statunitense era generoso con le taglie, ad esempio:
Jesse James - 25.000 $
banda Dalton - 15.000 $
Sundance Kid - 6.500 $
Butch Cassidy - 5.000 $
Billy the Kid - 5.000 $


E quando il cauboi invecchiava, e imborghesiva, e pensava a sistemarsi in pantofole, una casa al villaggio non gli costava più di 300 $: la permuta del cavallo, in fondo. (Ho provato a permutare la mia Panda con un appartamento: niente da fare).


Bene, concludo: io ho trovato appagante riuscire a calare nella realtà le fantasmagoriche vicende di Tex Willer e di Mike Blueberry (dal punto di vista fumettistico avrei dovuto mettere prima Mike, ma Tex è più famoso, e allora ...), spero interessi anche a voi... (e se avete qualche curiosità da pubblicare sui dollari dei cauboi, pubblicate).
Adios

 

Edited by cabanes
  • Like 9

Share this post


Link to post
Share on other sites

nikita_
Supporter

Interessante ed appassionante... solo un'aggiunta riguardo la monetazione postata, nell'ultimo ventennio dell'800 i grandi spazi aperti ed i tempi delle grandi mandrie erano quasi del tutto scomparsi, nonchè i vasti territori degli indiani.... Per i veri cowboy armati della rivoluzionaria Colt bisognerebbe andare un pò indietro nel tempo (1840-1880).

Ok per le monete in oro, a parte lievi variazioni coprono un arco di settant'anni e ci siamo, ma il dollaro Morgan è arrivato in ritardo (1878)... i veri cawboy li avranno utilizzati da ultrasessantenni (chi ci arrivava), questo si che era il dollaro (nonchè le identiche frazioni in argento) in corso ai tempi d'oro delle vaste praterie.

1860.jpg.43851717b8c01962b95ea7c2b31a6e2e.jpg

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

cabanes
5 ore fa, nikita_ dice:

ma il dollaro Morgan è arrivato in ritardo (1878)

Si nikita, e grazie per il contributo, è giusto quello che scrivi ma, e forse non sono stato abbastanza chiaro, io mi riferivo ai cauboi epici, quelli del nostro immaginario infantile, quelli che usavano la Colt (che poi sul mercato, allora, ci fossero le Remington, le Smith&Wesson, e decine di marche economiche, anche importate dall'europa, questa è altra storia).

colt.jpg.adaa8f326d7cbabb97a848ea4818e4ce.jpg

Ebbene, la Colt S.A.A. (detta peacemaker) è stata prodotta a partire dal 1873, e i miei cauboi partono da quella data: sono quindi congruenti con le date delle monete che ho illustrato (è altrettanto vero comunque, che il seated liberty circolava anche dopo il 1873, ma ho scelto il Morgan perchè più somigliante agli eagle).


Te l'immagini Tex Willer che spara con una S&W come quella illustrata qui sotto? Io no. (è un modello degli anni '50).

1463962254_SW.jpg.b6b89c6cb3ee9f6bbca2e6d653122f2b.jpg

 

Edited by cabanes

Share this post


Link to post
Share on other sites

Polemarco
4 ore fa, cabanes dice:

Si nikita, e grazie per il contributo, è giusto quello che scrivi ma, e forse non sono stato abbastanza chiaro, io mi riferivo ai cauboi epici, quelli del nostro immaginario infantile, quelli che usavano la Colt (che poi sul mercato, allora, ci fossero le Remington, le Smith&Wesson, e decine di marche economiche, anche importate dall'europa, questa è altra storia).

colt.jpg.adaa8f326d7cbabb97a848ea4818e4ce.jpg

Ebbene, la Colt S.A.A. (detta peacemaker) è stata prodotta a partire dal 1873, e i miei cauboi partono da quella data: sono quindi congruenti con le date delle monete che ho illustrato (è altrettanto vero comunque, che il seated liberty circolava anche dopo il 1873, ma ho scelto il Morgan perchè più somigliante agli eagle).


Te l'immagini Tex Willer che spara con una S&W come quella illustrata qui sotto? Io no. (è un modello degli anni '50).

1463962254_SW.jpg.b6b89c6cb3ee9f6bbca2e6d653122f2b.jpg

 

La Colt S.A.A. era un bel revolver (no pistola)  a singola azione: per sparare bisognava alzare il cane e premere il grilletto.

I più esperti non usavano il pollice destro per armare il cane, ma (se destrimani) la parte interna  destra della mano sinistra (quella che va dal mignolo al polso), sbattendola ripetutamente e velocemente dall'esterno verso l'interno e dall'alto verso il basso sul cane e tenendo sempre premuto il grilletto con il dito indice.

In gergo si chiama "fanning" e consente un tiro semiautomatico.

In qualche film "merricano" si vede proprio così.

Anche nei fumetti spesso la mano sinistra sta sopra il cane.

Aumentava il volume di fuoco ma la precisione andava a quel paese.

Solo qualche tempo dopo inventarono la doppia azione dove tirando il grilletto si alza anche il cane (ma anche in questo caso la maggiore pressione da imprimere sul grilletto incide sulla precisione del colpo).

Considerate che pure la pistola (no revolver) COLT 1911 (quella che era adottata dall'esercito statunitense prima dell'avvento delle Beretta) era singola azione: per il primo colpo si alzava il cane, per il colpo successivo il cane era armato dal carrello che arretrava per effetto dei gas di scarico. 

P.S. Per pochi secondi ho pensato che i CAUBOI fossero una popolazione gallica e mi sono chiesto "ma che centrano i dollari ?"

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

petronius arbiter
11 ore fa, nikita_ dice:

questo si che era il dollaro (nonchè le identiche frazioni in argento) in corso ai tempi d'oro delle vaste praterie.

Riallacciandomi al discorso fumettistico, il Seated Liberty è il SOLO dollaro che si riesca chiaramente a identificare in UNA storia di TEX. Succede pochi anni fa, in un albo scritto da Boselli (ora non ce l'ho  sottomano), in tutte le altre storie, da 1948 a oggi, per quel che io ricordo, ogni volta che vengono mostrati dollari, sia metallici che di carta, il disegno è talmente vago che potrebbero essere qualsasi cosa :D

O almeno, questo è vero per gli albi della serie regolare, negli ultimi anni il proliferare di "speciali" ha fatto sì che qualcuno lo tralasciassi, e quindi può darsi che lì ci siano dollari illustrati fin nei minimi particolari.

petronius :)

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

petronius arbiter
7 ore fa, cabanes dice:

le fantasmagoriche vicende di Tex Willer e di Mike Blueberry (dal punto di vista fumettistico avrei dovuto mettere prima Mike, ma Tex è più famoso, e allora ...),

E qui potrebbe partire una disputa da risolvere solo con le pistole :bandit:

Perché a me, cultore texiano fin dalla più tenera età, Blueberry non è mai piaciuto. Leggevo le sue storie mooolti anni fa su Skorpio (o era Lanciostory?), ed ero arrivato al punto che, comprando il giornaletto tutte le settimane, le storie di Blueberry le saltavo proprio. Non mi piacevano nè le storie né i disegni, poi Giraud è diventato Moebius, e almeno come illustratore, l'ho ampiamente rivalutato, ma Blueberry...chissà, forse dovrei provare a rileggerlo, magari dopo tanti anni.

E di Ken Parker che mi dici? :D

petronius oo)

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

cabanes
1 ora fa, petronius arbiter dice:

chissà, forse dovrei provare a rileggerlo

te lo consiglio ! I primi Blueberry avevano un segno ancora grossolano (Giraud si era ispirato alla faccia di Belmondo per disegnare Mike) e il carattere del personaggio non era ancora ben definito, ma gli ultimi numeri (mi riferisco ai cosiddetti albi, come dimensione) sono superbi. Il guaio è che l'ultima avventura di Blueberry (quella che inizia con Chihuahua Pearl  vedi: http://www.slumberland.it/contenuto.php?id=7753) si sviluppa sull'arco di 10 albi, circa 500 pagine da leggere se si vuole sapere come va a finire !

L'importante però è leggere le storie sceneggiate da Charlier: Giraud sarà un gran disegnatore (lo era) ma come soggettista è scarsino.

Ken Parker invece non l'ho mai letto: quand'ero ragazzino si usava Blek Macigno e il capitan Miki; una volta cresciuto sono passato direttamente ai fumetti tipo Metal Hurlant o, per restare in Italia, Buzzelli, Scozzari (il mio avatar), Toppi ecc.

Mi spiace non poter rispondere. Per quanto riguarda la disputa a revolverate io mi tiro indietro: Tex spara mooolto meglio di Mike ! (ma Lucky Luke, che era più veloce della sua ombra, non lo batte nessuno)

 

E, visto che preferiamo parlare di fumetti invece che di dollari, il mio nickname è un omaggio a Max Cabanes, squisito fumettaro francese.

Edited by cabanes

Share this post


Link to post
Share on other sites

cabanes
2 ore fa, Polemarco dice:

Per pochi secondi ho pensato che i CAUBOI fossero una popolazione gallica

Beh, se hanno pubblicato anche "Asterix in America" non c'è da stupirsi che ci possa essere una relazione tra Gallia e dollaro !

Non ho usato la scrittura "cauboi" per fare dell'umorismo gratuito, ma per calarmi meglio nei ricordi di gioventù: allora nel nostro alfabeto lettere come "w" e "y" non esistevano, le parole si scrivevano come si pronunciavano e mai avremmo detto "tex uiller": era e sarà sempre "tecs viller"!

Edited by cabanes
  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

adelchi

Anch'io ero un lettore di lanciostory e Skorpio e anch'io saltavo a pie' pari Blueberry ,buon disegno ma noioso ,vuoi mettere con " la citta"  o il" Metabarone" di Gimenez?

Share this post


Link to post
Share on other sites

adelchi

Sarebbe bello sapere quanti uomini ha ucciso Tex nel corso degli anni... ma soprattutto quante volte e' sfuggito alla morte sfiorato da un proiettile sparatogli da un qualche cattivone in agguato... ZZIINNG !!

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

cabanes
1 minuto fa, adelchi dice:

Sarebbe bello sapere quanti uomini ha ucciso Tex nel corso degli anni... ma soprattutto quante volte e' sfuggito alla morte sfiorato da un proiettile sparatogli da un qualche cattivone in agguato... ZZIINNG !!

Mi pare che il conto qualcuno l'abbia fatto, e credo che da qualche parte in rete ci siano anche i risultati: ricordo di averli visti, ma ora non saprei proprio dire dove.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Polemarco
26 minuti fa, cabanes dice:

Beh, se hanno pubblicato anche "Asterix in America" non c'è da stupirsi che ci possa essere una relazione tra Gallia e dollaro !

Non ho usato la scrittura "cauboi" per fare dell'umorismo gratuito, ma per calarmi meglio nei ricordi di gioventù: allora nel nostro alfabeto lettere come "w" e "y" non esistevano, le parole si scrivevano come si pronunciavano e mai avremmo detto "tex uiller": era e sarà sempre "tecs viller"!

Non ti volevo criticare, sottolineavo l’assonanza. Io dicevo Rossella Oa’ra ( Via col vento)  Quando ho scoperto che si diceva Scaa’let Aee’ ci sono rimasto come un cretino. 

P.S. Io non critico mai nessuno, al massimo esprimo con garbo le mie perplessità...

Share this post


Link to post
Share on other sites

cabanes
1 minuto fa, Polemarco dice:

P.S. Io non critico mai nessuno, al massimo esprimo con garbo le mie perplessità...

ed io non l'ho assolutamente letta come una critica, anzi ho apprezzato la battuta. Ho solo approfittato dell'occasione per precisare, a tutti quelli che mi leggono, il motivo della mia scelta "fonetica".

Ti ringrazio comunque per lo scrupolo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

nikita_
Supporter
8 ore fa, cabanes dice:

Te l'immagini Tex Willer che spara con una S&W come quella illustrata qui sotto? Io no. (è un modello degli anni '50).

L'ha immaginato un altro disegnatore di Tex, gli ha messo in mano una Colt navy del 1851 anziché il sua mitica peacemaker :D

51.thumb.jpg.811c5115a94a570cd8d512506c3f7b9b.jpg

590176682_51b.jpg.e35c07d1ba6153993a4d1db22945838e.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

littleEvil

Ciao a tutti,

mi sa che i Dalton ultimamente hanno rubato più galline che derubato banche:

altro che

9 ore fa, cabanes dice:

banda Dalton - 15.000 $

e per soli 10 Euro devi pure portarli fino in Francia!

image.png.6de0b0ec8c2412effc12276aa130dc44.png

Servus,

NJk

 

PS: non ho mai letto Tex e gli altri... troppo di regime 😉 Passavo le giornate in compagnia di Alan Ford, i veri eroi hanno le scarpe con le suole bucate!

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

cabanes
36 minuti fa, littleEvil dice:

i Dalton ultimamente hanno rubato più galline che derubato banche

Njk, piacere di leggerti !
So di essere una nullità come fotografo, suppongo di essere un numismatico da asporto, ma come fumettologo mi vanto di valere qualcosa !
I Dalton di Lucky Luke non sono i VERI Dalton, ma i loro cugini; cioè Joe, William, Jack e Averell (in ordine  crescente di statura) sono sì tra loro fratelli, ma contemporaneamente cugini di Bob, Grat, Bill e Emmet; e sono questi ultimi i Dalton da 15.000 dollari (lo dico ora, ma vale per tutto quello che ho scritto finora, la parola deve essere letta come "dollàri", Oliver Hardy insegna).

dalton.jpg.493f94b6736f320e70163a161c1e0bcf.jpg

Ecco quindi spiegata la differenza tra le taglie americane e francesi !


PS: come ben sai io non uso faccette; immagina comunque sempre presenti le faccette sghignazzanti: non sono qui per insegnare, ma solo per sorridere.

 

Edited by cabanes

Share this post


Link to post
Share on other sites

adelchi
54 minuti fa, littleEvil dice:

Ciao a tutti,

mi sa che i Dalton ultimamente hanno rubato più galline che derubato banche:

altro che

e per soli 10 Euro devi pure portarli fino in Francia!

image.png.6de0b0ec8c2412effc12276aa130dc44.png

Servus,

NJk

 

PS: non ho mai letto Tex e gli altri... troppo di regime 😉 Passavo le giornate in compagnia di Alan Ford, i veri eroi hanno le scarpe con le suole bucate!

 

 

Ah si ? Vediamo : chi aveva una maglietta con su scritto " pugnare coi pugni e' sempre pugnare "?.

Share this post


Link to post
Share on other sites

littleEvil

@cabanes

Davanti a tanto sapere...

 

image.png.109be4158c3f3d5921a83df267632077.png

... non posso che inchinarmi!

Con umiltà,

Njk

PS (che a me piacciono un casino 'sti PS che non ne posso farne a meno!): fate una petizione per ridare a Luke la sua sigaretta!

prima:image.png.4c1bd5057b902216c8b8532a945f1d4f.png dopo: image.png.f044673766c705025193996d1c5b09a1.png

ricordiamoci di

 

PPS: @adelchi... non ci ho capito un pugno! (o una pugna?!?)

image.png.2936b5cb078ec03eaca0e1e966748c26.png

Share this post


Link to post
Share on other sites

PriamoB
18 minuti fa, adelchi dice:

Ah si ? Vediamo : chi aveva una maglietta con su scritto " pugnare coi pugni e' sempre pugnare "?.

Lo stesso che portava la maglietta con su scritto" chi vale vola chi vola vale chi non vola è un vile"...;)

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

petronius arbiter
2 ore fa, cabanes dice:

quand'ero ragazzino si usava Blek Macigno e il capitan Miki

Con questi con me sfondi una porta aperta :lol:

1 ora fa, littleEvil dice:

Passavo le giornate in compagnia di Alan Ford

L'ho acquistato e letto regolarmente finché l'ha disegnato Magnus (nomen omen :)), poi ho smesso. In seguito mi è capitato, dopo molti anni, di leggerne ancora qualche albo, ma non mi piaceva più, trovavo le storie rtoppo qualunquiste, forse Max Bunker aveva cambiato le sue idee, o forse le avevo cambiate io.

petronius oo)

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

ART

HEY CAUBÒIS, non dimentichiamo un'altra arma molto diffusa nel west, la Gatling Machine Gun.

 

800px-Gatling_gun_1865.jpg

 

Veniva usata tipicamente per la difesa dei forti e durante la guerra di secessione, ma a quell'epoca di come si dovessero utilizzare tatticamente armi simili si capiva ancora poco. Come si vede dall'immagine le mitragliatrici a canne rotanti (categoria esistente ancora oggi per usi aeronautici, con armi come il GAU-8 Avenger da 30 mm) erano considerate della stessa categoria dei cannoni ed inserite nei reparti d'artiglieria, tenedole inizialmente troppo lontane dai fronti perchè potessero essere davvero utili. In seguito si capì che dovevano stare più vicine alle aree di combattimento, ma ancora non si afferrava che dovevano essere più mobili possibile e non schierate in batterie fisse come i cannoni, modalità con cui potevano essere facilmente colpite dall'artiglieria nemica. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

cabanes
22 minuti fa, littleEvil dice:

PS (che a me piacciono un casino 'sti PS che non ne posso farne a meno!): fate una petizione per ridare a Luke la sua sigaretta!

prima:image.png.4c1bd5057b902216c8b8532a945f1d4f.png dopo: image.png.f044673766c705025193996d1c5b09a1.png

O tempora, o mores ! (Cicerone)

Non ci resta che piangere. (Benigni, Troisi)

E, citando W. Allen "Dio è morto, Marx pure, e anche io non mi sento molto bene", pure io sto smettendo di fumare

 

Edited by cabanes

Share this post


Link to post
Share on other sites

petronius arbiter
15 minuti fa, PriamoB dice:

Lo stesso che portava la maglietta con su scritto" chi vale vola chi vola vale chi non vola è un vile"...;)

Questa è troppo facile 🤣

grunf.jpg

Otto Grunt, nelle prime storie, poi modificato in Grunf.

petronius oo)

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

cabanes

@littleEvil, interessantissima, e tristissima (detta da un fumatore incancrenito come me: ho circa 50 pipe e mi diverto a costruirmele) l'evoluzione estetica delle monete di Schmidt; a tal riguardo vorrei citare una poesiola di un grande pensatore veneto: trattasi di Dino Durante, gran fumatore, gran bevitore, gran puttaniere

L'omo san

Nol fumava

nol beveva

la majeta el se meteva.

El gaveva el culto

de la salute.

El xe morto soto a un tram,

a ventisete ani,

co la so majeta indoso.

1999608135_dinodurante.jpg.27fe09562a57aa572ef40c8ee7f1eb08.jpg

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.