Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
Mr. Coin

La circolazione monetaria nello Stato Pontificio

Recommended Posts

Mr. Coin

Salve a tutti. Avrei delle curiosità riguardo l'argomento del titolo. In particolare, tanto per cominciare, mi piacerebbe sapere se una volta morto un Papa, e con la messa in circolazione delle monete del successore, le monete del pontefice precedente venivano progressivamente ritirate oppure restavano normalmente in circolazione finché logore.

Un'altra questione riguarda il valore dei vari tagli, ovvero quel che si poteva acquistare con essi. Il quattrino, la moneta di minor valore, cosa poteva comprare nella quotidianità di allora? Ed il baiocco? E lo scudo? Sarebbe interessante qualche fonte dell'epoca, fermo restando - ovviamente - che la risposta varia in base al secolo dal momento che doveva pur esserci una inflazione, seppur piccola. 

Infine, le monete in oro: circolavano effettivamente? Lo chiedo perché le tirature riportate nei cataloghi, almeno riguardo l'Ottocento, sembrano abbastanza esigue. Molte monete peraltro dovevano avere un valore enorme, come il 10 scudi ed il 100 Lire di Pio IX. Ma in generale, comunque, non mi riferisco solo all'Ottocento.

Edited by Mr. Coin

Share this post


Link to post
Share on other sites

TIBERIVS
10 ore fa, Mr. Coin dice:

Salve a tutti. Avrei delle curiosità riguardo l'argomento del titolo. In particolare, tanto per cominciare, mi piacerebbe sapere se una volta morto un Papa, e con la messa in circolazione delle monete del successore, le monete del pontefice precedente venivano progressivamente ritirate oppure restavano normalmente in circolazione finché logore.

Un'altra questione riguarda il valore dei vari tagli, ovvero quel che si poteva acquistare con essi. Il quattrino, la moneta di minor valore, cosa poteva comprare nella quotidianità di allora? Ed il baiocco? E lo scudo? Sarebbe interessante qualche fonte dell'epoca, fermo restando - ovviamente - che la risposta varia in base al secolo dal momento che doveva pur esserci una inflazione, seppur piccola. 

Infine, le monete in oro: circolavano effettivamente? Lo chiedo perché le tirature riportate nei cataloghi, almeno riguardo l'Ottocento, sembrano abbastanza esigue. Molte monete peraltro dovevano avere un valore enorme, come il 10 scudi ed il 100 Lire di Pio IX. Ma in generale, comunque, non mi riferisco solo all'Ottocento.

Ciao, 

le monete continuavano il loro uso normalmente anche con i  successivi pontefici,  venivano ritirate quando non erano più adatte alla circolazione;

se fossero stare ritirate all'elezione del successore, sarebbero tutte  rarissime, oggi invece vi è sul mercato un abbondante offerta di monete papali di svariati pontefici ( salvo  le rarità dovute a pontificati brevissimi o emissioni  esigue fin dall'inizio). 

Certamente nei secoli la moneta si è inflazionata, in modo relativamente modesto ( lungi dai parametri inflazionistici di questi ultimi nostri cinquant'anni).

Le monete d'oro circolavano? Certamente altrimenti per cosa le avrebbero coniate?

Dici che le monete nell'ottocento ebbero una coniazione esigua,  a me non  risulta, per esempio:

Pio VII  in anni di crisi politica ( Napoleone)  le doppie  in certi anni furono coniate  in 180.000 esemplari, quantitativo di tutto rispetto per uno stato "relativamente" piccolo e poco importante a livello economico, nella compagine  degli stati italiani;

Pio IX  a parte i 10 scudi, che in effetti fu coniato  relativamente in numero esiguo, 5 e sopratutto i  2.5 ebbero coniazioni abbondanti, si notano  tra i millesimi  coniazioni da  100.000 fino a 758.000, coniazioni che a livello numerico non furono neppure raggiunte dal più ben potente ed economicamente superiore Regno di Sardegna.

In riferimento alla monetazione decimale, bisogna tener conto che dopo il 1860, lo Stato Pontificio, era oramai "ridotto" a meno dell'attuale estensione del Lazio,  comunque nonostante questo le emissioni auree da 100 e 50 furono numericamente superiori, a quelle degli stessi anni del Regno d'Italia. Il valore "enorme" a cui ti fai riferimento parlando delle 100 lire era pari alle 100 lire del Regno, e comunque valevano ne più me meno di cinque marenghi!

saluti

TIBERIVS

Edited by TIBERIVS
  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.