Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
mamic

5 £ 1956 false

Recommended Posts

Infuriato
mamic

Dico solo una cosa : se un _Emilio Tevere _ ( il maestro ) -ha dedicato tempo per documentare le false monetine da 5 £ 1956 ; significa che ne esistono__ 

Share this post


Link to post
Share on other sites

simonesrt

Lo sanno tutti che ne esistono a centinaia. Dire il contrario vuol dire  non conoscere la materia. Oltretutto di falsi ce ne sono di diversi tipi con caratteristiche diverse.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Alex-Vee
10 minuti fa, simonesrt dice:

Lo sanno tutti che ne esistono a centinaia. Dire il contrario vuol dire  non conoscere la materia. Oltretutto di falsi ce ne sono di diversi tipi con caratteristiche diverse.

Buongiorno a tutti! 

Una domanda: è mai stata documentata una presenza di tale moneta datata 1956 falsa immessa in circolazione? Sinceramente per la circolazione ho visto pezzi da 10 lire, ma da 5 lire (usati per la circolazione) non ne ho mai visti. 

Grazie mille 

Share this post


Link to post
Share on other sites

simonesrt

Adesso sono con il cellulare e faccio fatica a trovare articolo, ma con pazienza su internet c'è proprio la spiegazione di quando vennero fatti i primi falsi,  dove vennero smerciati e le loro caratteristiche. Ribadisco comunque che qualsiasi commerciante o perito sa bene la storia cioè quando apparvero i primi, ecc.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

santone

vennero immessi sul mercato nei primi anni 70 a Milano

Share this post


Link to post
Share on other sites

miza
5 ore fa, simonesrt dice:

Grazie @simonesrt 

Ricordo questo articolo interessante e molto utile. Se la moneta è molto circolata, le varie depressioni e chiodi del timone meno in rilievo possono trarre in inganno perchè non così visibili. Restano comunque i particolari del 6 della data aperta e il bordo più stretto e arrotondato che saranno sempre utili per stabilire la bontà della moneta anche se in bassa conservazione. 

Saluti

Edited by miza

Share this post


Link to post
Share on other sites

El Chupacabra

Sperando di fare cosa gradita, Vi posto un falso del III tipo (anni '80?) con i vari punti che lo identificano (ovviamente più la moneta è usurata, meno è facile distinguerli) ed un 5 Lire autentico con la caratteristica frattura di conio: essendo in rilievo, questo segno tende a sparire negli esemplari usurati come è possibile vedere nella terza moneta (periziata Tevere).

1985724743_5Lire1956Fb.thumb.jpg.d71b8dde178563de7e10892362d4e4a3.jpg

1837014938_5Lire1956Gb.thumb.jpg.92cbd2e7d3cbe97da720a39b97dec9f3.jpg

1798438295_5Lire1956T.thumb.jpg.97810b8b8a004d1f8b225b896e036dc6.jpg

 

 

 

Edited by El Chupacabra
  • Like 2
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Alex-Vee

Ringrazio per le gentili risposte! 

Quindi i falsi emessi negli anni 70 non erano concepiti per la circolazione ma solo per trarre in inganno ignari acquirenti. 

Un saluto a tutti e buona serata 

Share this post


Link to post
Share on other sites

uzifox
13 ore fa, Alex-Vee dice:

Ringrazio per le gentili risposte! 

Quindi i falsi emessi negli anni 70 non erano concepiti per la circolazione ma solo per trarre in inganno ignari acquirenti. 

Un saluto a tutti e buona serata 

Quando si parla dei falsi destinati ai collezionisti si può dire che il 5 lire 1956 è IL PROTOTIPO della categoria.

Invece falsi per la circolazione di 5 Lire "Delfino" (di qualsiasi annata) mai visti sinceramente.

Di 10 Lire "Spighe" falsi per la circolazione ne esistono a palate e pare poi che esistano moltissimi falsi per collezionisti del 10 Lire 1965. Però non mi sembrano esistano pubblicazioni a riguardo, solo informazioni provenienti da alcuni commercianti. 

Saluti

Simone 

PS Visto che ci siamo ripropongo la discussione che segue (almeno parliamo tutti allo stesso modo):

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Infuriato
mamic
Il ‎17‎/‎08‎/‎2019 alle 11:10, uzifox dice:

Quando si parla dei falsi destinati ai collezionisti si può dire che il 5 lire 1956 è IL PROTOTIPO della categoria.

Invece falsi per la circolazione di 5 Lire "Delfino" (di qualsiasi annata) mai visti sinceramente.

Di 10 Lire "Spighe" falsi per la circolazione ne esistono a palate e pare poi che esistano moltissimi falsi per collezionisti del 10 Lire 1965. Però non mi sembrano esistano pubblicazioni a riguardo, solo informazioni provenienti da alcuni commercianti. 

Saluti

Simone 

PS Visto che ci siamo ripropongo la discussione che segue (almeno parliamo tutti allo stesso modo):

 

Uzifox  , se volevi farmi preoccupare ci sei riuscito::: Posto alcune 10 £ del 65 che dovrebbero essere tutte FDC 70  quasi ECZ .. ne tiro fuori una a caso , qualcuno sa dirmi se è ECZmente falsa  o se posso star quasi tranquillo  ? Grazie_

10 £1965-min AS-min (1) (1).jpg

10 £1965 (1)-min R.jpg

10-£-65.1.jpg

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

El Chupacabra

Purtroppo, distinguere i falsi del 10 Lire 1965 dagli autentici è un'impresa assai ardua per l'ottima fattura degli stessi.

Tuttavia, a parte il colore che nel falso è più scuro e lucido (tipo lattina di bibita poichè è in alluminio e non in italma), come prima cosa si guarda il contorno dove appaiono evidenti i segni della fustellatrice (evidentemente di qualità inferiore a quella dei tondelli di zecca), ovvero quei segni verticali prodotti dalla tranciatura del tondello.

Altri segni visibili da occhio esperto nelle monete in alta conservazione sono:

al D/: la parte superiore della scritta REPVBBLICA ITALIANA risulta arrotondata così come la "R" del segno di zecca e le cifre del millesimo;

al R/: le ariste dei chicchi centrali (la crestina) in entrambe le spighe sono quasi assenti come se la moneta avesse circolato a lungo ed il chicco in basso della spiga a sinistra appare schiacciato;

il bordo è solitamente più sottile e smussato.

 

  • Like 2
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Infuriato
mamic
1 ora fa, El Chupacabra dice:

Purtroppo, distinguere i falsi del 10 Lire 1965 dagli autentici è un'impresa assai ardua per l'ottima fattura degli stessi.

Tuttavia, a parte il colore che nel falso è più scuro e lucido (tipo lattina di bibita poichè è in alluminio e non in italma), come prima cosa si guarda il contorno dove appaiono evidenti i segni della fustellatrice (evidentemente di qualità inferiore a quella dei tondelli di zecca), ovvero quei segni verticali prodotti dalla tranciatura del tondello.

Altri segni visibili da occhio esperto nelle monete in alta conservazione sono:

al D/: la parte superiore della scritta REPVBBLICA ITALIANA risulta arrotondata così come la "R" del segno di zecca e le cifre del millesimo;

al R/: le ariste dei chicchi centrali (la crestina) in entrambe le spighe sono quasi assenti come se la moneta avesse circolato a lungo ed il chicco in basso della spiga a sinistra appare schiacciato;

il bordo è solitamente più sottile e smussato.

 

El Chupacabra , per la spiegazione che hai dato il solo ringraziarti è poco.: ti devo una pizza _(tienile segnate tutte, alla fine ti mando un bonifico )> Seguendo le tue istruzioni ho monitorato una 1/2 dozzina delle mie monete del 65; pare, ripeto pare, siano autentiche. Mi confermi  che è il chicco a six che dovrebbe essere schiacciato e non quello a dex?- Ringraziandoti di nuovo, ti auguro una buona serata.

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

El Chupacabra
2 ore fa, mamic dice:

Mi confermi  che è il chicco a six che dovrebbe essere schiacciato?

Così dicono gli esperti (leggi Tevere ed altri). Esiste anche un falso che riporta un graffio orizzontale sulla scritta Romagnoli. Tieni presente che ci sono diversi conii e non tutti concordano su ciò che t'ho elencato. Pensa che un perito non ha voluto, giustamente, chiudermi in perizia un 10 Lire col bordo rigatissimo, ma privo (apparentemente) di altri segni sospetti, mentre un altro (nonostante gli avessi sollevato i dubbi sulle numerose righe lasciate dalla fustellatrice) non ha esitato a chiudermelo autentico. Come ti sottolineavo, i falsi sono veramente molto ben fatti e solo il colore (che vedi solo confrontando con una moneta sicuramente autentica) è, forse, l'unica sicurezza che abbiamo.

Ovviamente, ben venga, se qualcuno ha altre e migliori informazioni delle mie...

 

P.S.: Entrambi i periti sono molto preparati e godono della mia fiducia, ma tant'è...

Edited by El Chupacabra

Share this post


Link to post
Share on other sites

Infuriato
mamic
10 ore fa, El Chupacabra dice:

Così dicono gli esperti (leggi Tevere ed altri). Esiste anche un falso che riporta un graffio orizzontale sulla scritta Romagnoli. Tieni presente che ci sono diversi conii e non tutti concordano su ciò che t'ho elencato. Pensa che un perito non ha voluto, giustamente, chiudermi in perizia un 10 Lire col bordo rigatissimo, ma privo (apparentemente) di altri segni sospetti, mentre un altro (nonostante gli avessi sollevato i dubbi sulle numerose righe lasciate dalla fustellatrice) non ha esitato a chiudermelo autentico. Come ti sottolineavo, i falsi sono veramente molto ben fatti e solo il colore (che vedi solo confrontando con una moneta sicuramente autentica) è, forse, l'unica sicurezza che abbiamo.

Ovviamente, ben venga, se qualcuno ha altre e migliori informazioni delle mie...

 

P.S.: Entrambi i periti sono molto preparati e godono della mia fiducia, ma tant'è...

Ecco ,il chiudertelo .... in bustine con perizia ...non è pericoloso per la moneta? Io volevo toglierle dal foglio con taschine che ho postato per metterle tutte in capsula; ne ho altre 1965 FDC-70 periziate,stavo vagliando la necessità o meno di metterle anche loro in capsula _ La tua opinione?

Share this post


Link to post
Share on other sites

El Chupacabra

Io sono un eretico... Non uso acetato, non uso capsule, non uso vassoi. Uso solo album con pagine di plastica. Senza voler togliere nulla ai tanti sistemi di protezione, io ho monete da 50 anni chiuse in bustine e non ho mai avuto problemi. Forse sono stato fortunato. Ma le poche monete d'argento che hanno presentato un poco di "verde", è bastato passarle un poco in vaselina e poi risciacquate con acetone. Tempo fa postai questa discussione:

Sei libero di crederci o no, ma le mie monete stanno tutte bene: sarà l'aria, il luogo dove sono conservate (climatizzato) o semplicemente il destino benigno... ovviamente l'attenzione è continua, ma grandi problemi non ne ho mai avuti (se guardi le immagini delle monete che ogni tanto posto nelle varie discussioni vedrai che si tratta di esemplari ben conservati).

Tornando alle tue monete, il consiglio che mi sento di darti è di usare le capsule in quanto la plastica rigida è meno soggetta di quella delle bustine a rilasciare sostanze che possono interagire col metallo (almeno così si esprimono i fautori di questo metodo di conservazione). Ma forse, più che le plastiche in sé (polietilene, polipropilene, ecc.), sono i conservanti che vengono aggiunti per stabilizzarle che agiscono negativamente.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sirlad

Personalmente, invece, sono contrario ad ogni intervento di « pulizia » sulle monete, salvo quando ciò sia necessario per preservare il nummo ( i cosiddetti interventi conservativi).

Ritengo che ogni patina formatasi in modo naturale, sia un segno del tempo e sia da preservare, come un tutt’uno con la moneta.

Non ho mai concepito, il fatto di pulire le monete per  presentarle luccicanti, monete con 100 o 300 anni di storia o magari anche 2000 o più..., lo trovo un insulto all’intelligenza..., forse però è una cosa che piace ai giapponesi o agli statunitensi...

Ma questo ovviamente è soltanto il mio parere.

Edited by Sirlad

Share this post


Link to post
Share on other sites

Infuriato
mamic
6 ore fa, El Chupacabra dice:

Io sono un eretico... Non uso acetato, non uso capsule, non uso vassoi. Uso solo album con pagine di plastica. Senza voler togliere nulla ai tanti sistemi di protezione, io ho monete da 50 anni chiuse in bustine e non ho mai avuto problemi. Forse sono stato fortunato. Ma le poche monete d'argento che hanno presentato un poco di "verde", è bastato passarle un poco in vaselina e poi risciacquate con acetone. Tempo fa postai questa discussione:

Sei libero di crederci o no, ma le mie monete stanno tutte bene: sarà l'aria, il luogo dove sono conservate (climatizzato) o semplicemente il destino benigno... ovviamente l'attenzione è continua, ma grandi problemi non ne ho mai avuti (se guardi le immagini delle monete che ogni tanto posto nelle varie discussioni vedrai che si tratta di esemplari ben conservati).

Tornando alle tue monete, il consiglio che mi sento di darti è di usare le capsule in quanto la plastica rigida è meno soggetta di quella delle bustine a rilasciare sostanze che possono interagire col metallo (almeno così si esprimono i fautori di questo metodo di conservazione). Ma forse, più che le plastiche in sé (polietilene, polipropilene, ecc.), sono i conservanti che vengono aggiunti per stabilizzarle che agiscono negativamente.

Sempre ringraziandoti  per la risposta , credo di capire che tu sei per la conservazione senza farsi troppi problemi, l'importante è monitorarle e , nell'eventualità di inizio problemi , agire e rimediare di conseguenza. Ciò non toglie che tu consigli ,ove non comporti stravolgimenti  tipo: levarle dalle bustine periziate quando non serve , l'opzione capsule .

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Infuriato
mamic
5 ore fa, Sirlad dice:

Personalmente, invece, sono contrario ad ogni intervento di « pulizia » sulle monete, salvo quando ciò sia necessario per preservare il nummo ( i cosiddetti interventi conservativi).

Ritengo che ogni patina formatasi in modo naturale, sia un segno del tempo e sia da preservare, come un tutt’uno con la moneta.

Non ho mai concepito, il fatto di pulire le monete per  presentarle luccicanti, monete con 100 o 300 anni di storia o magari anche 2000 o più..., lo trovo un insulto all’intelligenza..., forse però è una cosa che piace ai giapponesi o agli statunitensi...

Ma questo ovviamente è soltanto il mio parere.

Se mi è concesso: perchè qualcuno che ti legge può interpretare male. Correggimi se sbaglio : es. le 500 £ Ag sporche possono essere pulite con gomma pane perchè si toglie il sudiciume dalla moneta, non si deve fare quando hai una moneta acquistata FDC ,senza presenza di sudiciume che col tempo forma una patina ..coeva ecc. ecc.

Share this post


Link to post
Share on other sites

simonesrt

Spesso si confonde una semplice pulizia con acqua e sapone per togliere una ossidazione (tipo il verde che si forma sulle monete in argento se stanno a lungo a contatto con la plastica) con interventi invasivi di pulizia/restauro/bulinatura che alterano lo stato della moneta. 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

miza
16 ore fa, mamic dice:

Se mi è concesso: perchè qualcuno che ti legge può interpretare male. Correggimi se sbaglio : es. le 500 £ Ag sporche possono essere pulite con gomma pane perchè si toglie il sudiciume dalla moneta, non si deve fare quando hai una moneta acquistata FDC ,senza presenza di sudiciume che col tempo forma una patina ..coeva ecc. ecc.

Ciao

Sono del parere che una moneta in FDC non vada assutamente toccata. La gomma pane non la utilizzo e non penso di usarla in futuro, perchè sono del parere che rovina la moneta, per effetto dello sfregamento. Come giustamene detto al post qui sopra da @simonesrt, acqua e sapone è più che sufficiente. Aggiungerei, ma solo per le monete in argento una goccia di limone che però toglie la patina ma dona brillantezza all' argento. Per la pulizia degli altri metalli, specialmenre rame e bronzo ho trovato molto utile ed efficace il metodo descrirto da @El Chupacabra nella discussione sopra menzionata.

Saluti

Edited by miza

Share this post


Link to post
Share on other sites

Infuriato
mamic
2 ore fa, miza dice:

Ciao

Sono del parere che una moneta in FDC non vada assutamente toccata. La gomma pane non la utilizzo e non penso di usarla in futuro, perchè sono del parere che rovina la moneta, per effetto dello sfregamento. Come giustamene detto al post qui sopra da @simonesrt, acqua e sapone è più che sufficiente. Aggiungerei, ma solo per le monete in argento una goccia di limone che però toglie la patina ma dona brillantezza all' argento. Per la pulizia degli altri metalli, specialmenre rame e bronzo ho trovato molto utile ed efficace il metodo descrirto da @El Chupacabra nella discussione sopra menzionata.

Saluti

Con la gomma pane non si rischia nessun segno di sfregamento , lo affermo perchè l'ho fatto più volte. Se si vuol ottenere segni di fregamento devi aggiungere alla gomma del metallo abrasivo se si vuol rovinare la moneta. Preciso che difficilmente la uso su monete FDC , principalmente su monete B_BB_SPL, _Finora le FDC  che mi sono capitate ,non hanno mai avuto necessità di pulizia con la gomma -Quando mi capiterò una FDC sporca ,io inizio con l'alcool ,poi con la gomma pane e successivamente come dite voi- ( seguo il forum per imparare, se sbaglio l'ho voluta io ) Naturalmente non intendo proporre il mio sistema, va bene a me ...😏

Edited by mamic

Share this post


Link to post
Share on other sites

miza
59 minuti fa, mamic dice:

Con la gomma pane non si rischia nessun segno di sfregamento , lo affermo perchè l'ho fatto più volte. Se si vuol ottenere segni di fregamento devi aggiungere alla gomma del metallo abrasivo se si vuol rovinare la moneta. 

Come dicevo prima, secondo una mia logica ho sempre  scartato l'utiluzzo della gomma pane per il motivo sopra menzionato. Se però tu  usi la gomma già da tempo e ottieni buoni risultati, non posso che aggiungere questa informazione alle mie ricerche sulla pulizia delle monete e ti prometto che appena  avro l'opportunità proverò anche questo  metodo. Siamo qui per imparare e condividere, ogni contributo è certamente utile.

Seguendo il forum da tanto tempo ho imparato molte cose, anche sulla pulizia delle monete. 

Cordiali saluti:hi:

 

Edited by miza

Share this post


Link to post
Share on other sites

Infuriato
mamic
33 minuti fa, miza dice:

Come dicevo prima, secondo una mia logica ho sempre  scartato l'utiluzzo della gomma pane per il motivo sopra menzionato. Se però tu  usi la gomma già da tempo e ottieni buoni risultati, non posso che aggiungere questa informazione alle mie ricerche sulla pulizia delle monete e ti prometto che appena  avro l'opportunità proverò anche questo  metodo. Siamo qui per imparare e condividere, ogni contributo è certamente utile.

Seguendo il forum da tanto tempo ho imparato molte cose, anche sulla pulizia delle monete. 

Cordiali saluti:hi:

 

SE ti può essere utile :io successivamente uso il v/s sistema ma ,utilizzando per la pulizia con acqua e sapone e con aggiunta di altro nella vaschetta , il pulsore elettrico per i denti:::: quello che si usa per lavare i denti che spruzza acqua …..è come una mini idropulitrice …. utilissimo per le insenature irraggiungibili delle monete…….😍> Mamic

Edited by mamic
  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

uzifox
4 ore fa, mamic dice:

SE ti può essere utile :io successivamente uso il v/s sistema ma ,utilizzando per la pulizia con acqua e sapone e con aggiunta di altro nella vaschetta , il pulsore elettrico per i denti:::: quello che si usa per lavare i denti che spruzza acqua …..è come una mini idropulitrice …. utilissimo per le insenature irraggiungibili delle monete…….😍> Mamic

Soluzione interessante... 

Saluti

Simone

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.