Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Naghicol

Lucilla Augusta identificazione

Recommended Posts

Naghicol

F5DE96E2-77FE-4622-8A59-FE71625F4CF1.jpeg.9925fac90cd25be9577433b01947ad22.jpeg44C69740-250E-4530-87AC-D842E9327B39.jpeg.aa57ef123f5db2b7e560945c018aeac2.jpegBuonasera a tutti,

ho solo capito che è Lucilla Augusta ma non la trovo sull’ indice. C’è ? Mi aiutate  ?

Cosa è rappresentato sul rovescio ?

Grazie

Andrea

Share this post


Link to post
Share on other sites

Stilicho
Supporter
10 ore fa, Naghicol dice:

F5DE96E2-77FE-4622-8A59-FE71625F4CF1.jpeg.9925fac90cd25be9577433b01947ad22.jpeg44C69740-250E-4530-87AC-D842E9327B39.jpeg.aa57ef123f5db2b7e560945c018aeac2.jpegBuonasera a tutti,

ho solo capito che è Lucilla Augusta ma non la trovo sull’ indice. C’è ? Mi aiutate  ?

Cosa è rappresentato sul rovescio ?

Grazie

Andrea

Ciao @Naghicol

Sul rovescio direi che sia rappresentata la PIETAS stante a sinistra davanti ad un altare con il fuoco acceso, con il braccio destro teso sopra di esso e che ha una ciotola contenente profumi nella mano sinistra (direi nell'atto di compiere un sacrificio).

Mi sembra questa:

RIC_1755.jpgRIC 1755

Notavo però che nel campo destro  della tua moneta si vede quella che sembra una lettera "C" (che potrebbe essere parte del S-C dei bronzi), ma rovesciata.

Vediamo se qualcun altro ci può aiutare.

Buona domenica.

Stilicho

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Naghicol
9 ore fa, Stilicho dice:

Ciao @Naghicol

Sul rovescio direi che sia rappresentata la PIETAS stante a sinistra davanti ad un altare con il fuoco acceso, con il braccio destro teso sopra di esso e che ha una ciotola contenente profumi nella mano sinistra (direi nell'atto di compiere un sacrificio).

Mi sembra questa:

RIC_1755.jpgRIC 1755

Notavo però che nel campo destro  della tua moneta si vede quella che sembra una lettera "C" (che potrebbe essere parte del S-C dei bronzi), ma rovesciata.

Vediamo se qualcun altro ci può aiutare.

Buona domenica.

Stilicho

Intanto grazie per l aiuto.

RIC 1755 presumo sia un riferimento di catalogo .

A cosa si riferisce ? Dove trovo questa catalogazione ?

In basso a destra c’è una S. Ti riferivi a questa ?

 

68307233-21C9-451B-9E2D-4CEE618DEA57.jpeg

Edited by Naghicol

Share this post


Link to post
Share on other sites

Stilicho
Supporter
37 minuti fa, Naghicol dice:

Intanto grazie per l aiuto.

RIC 1755 presumo sia un riferimento di catalogo .

A cosa si riferisce ? Dove trovo questa catalogazione ?

 

 

Provo a risponderti, anche se da semplice appassionato.

Il RIC (The Roman Imperial Coinage) e' il catalogo (inglese) di tutte le monete romane imperiali in ordine cronologico, con una attenzione particolare anche all'inquadramento storico.  E' composto di 10 corposi volumi pubblicati in un lungo arco di tempo e quindi soggetti ad essere revisionati (cosa che mi pare sia già in atto con alcuni imperatori).

Onestamente, non so dove si possa trovare.  On line esiste una versione per così dire "semplificata" che infatti non contiene tutte le monete e che, ahimè, a volte contiene errori.

Il sito e' questo:

http://www.wildwinds.com/coins/ric/i.html

Esistono poi anche altri cataloghi, ma il RIC e' il catalogo di riferimento.

Quanto alla moneta, la lettera C rovesciata che mi sembrava di vedere prima, ora non la vedo più con questo ingrandimento. 

In effetti però la S-C del Senatu Consulto non la vedo (magari è cancellata dall'usura). 

La S che si vede in basso a destra dovrebbe essere invece la lettera finale della parola PIETAS

Spero di non aver detto inesattezze, in  particolare sul RIC (se così fosse sono ben accette correzioni e integrazioni).

Un saluto.

Stilicho

 

 

Edited by Stilicho
integrazione

Share this post


Link to post
Share on other sites

Naghicol
2 ore fa, Stilicho dice:

Provo a risponderti, anche se da semplice appassionato.

Il RIC (The Roman Imperial Coinage) e' il catalogo (inglese) di tutte le monete romane imperiali in ordine cronologico, con una attenzione particolare anche all'inquadramento storico.  E' composto di 10 corposi volumi pubblicati in un lungo arco di tempo e quindi soggetti ad essere revisionati (cosa che mi pare sia già in atto con alcuni imperatori).

Onestamente, non so dove si possa trovare.  On line esiste una versione per così dire "semplificata" che infatti non contiene tutte le monete e che, ahimè, a volte contiene errori.

Il sito e' questo:

http://www.wildwinds.com/coins/ric/i.html

Esistono poi anche altri cataloghi, ma il RIC e' il catalogo di riferimento.

Quanto alla moneta, la lettera C rovesciata che mi sembrava di vedere prima, ora non la vedo più con questo ingrandimento. 

In effetti però la S-C del Senatu Consulto non la vedo (magari è cancellata dall'usura). 

La S che si vede in basso a destra dovrebbe essere invece la lettera finale della parola PIETAS

Spero di non aver detto inesattezze, in  particolare sul RIC (se così fosse sono ben accette correzioni e integrazioni).

Un saluto.

Stilicho

 

 

Sei stato chiarissimo .

Ora quello che mi domando e’: ma nel momento in cui ho in mano una moneta che non conosco come la individuo sul catalogo ?

In questo caso ad esempio ? Digito una parola chiave tipo Lucilla Augusta ?!?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Naghicol

Definire questa moneta Sesterzio di Lucilla Augusta è corretto ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hirpini
Supporter

Buonasera a tutti,

ecco come vedo la moneta, su cui in giallo  ho evidenziato la S - C :

809366703_pietasvera.jpg.398d92d31fd3ee972e24c3da3a7a3c4b.jpg

Ora però vorrei conoscere peso e diametro della moneta per capire se si tratta di sesterzio o dupondio/asse della serie di Lucilla con la Pietas, poi passerei ad una classificazione certa.

HIRPINI

Edited by Hirpini
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Stilicho
Supporter
39 minuti fa, Hirpini dice:

Buonasera a tutti,

ecco come vedo la moneta, su cui in giallo  ho evidenziato la S - C :

809366703_pietasvera.jpg.398d92d31fd3ee972e24c3da3a7a3c4b.jpg

Ora però vorrei conoscere peso e diametro della moneta per capire se si tratta di sesterzio o dupondio/asse della serie di Lucilla con la Pietas, poi passerei ad una classificazione certa.

HIRPINI

Ciao @Hirpini, ben ritrovato innanzi tutto.

Al di la' del peso/diametro (che comunque, giustamente, dovremmo conoscere), da una breve ricerca  che ho fatto sembra che con la tipologia LVCILLA AVGVSTA/PIETAS, tra i bronzi, siano stati coniati solo sesterzi. Ti risulta? 

Buona serata da Stilicho

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hirpini
Supporter
27 minuti fa, Stilicho dice:

Ciao @Hirpini, ben ritrovato innanzi tutto.

Al di la' del peso/diametro (che comunque, giustamente, dovremmo conoscere), da una breve ricerca  che ho fatto sembra che con la tipologia LVCILLA AVGVSTA/PIETAS, tra i bronzi, siano stati coniati solo sesterzi. Ti risulta? 

Buona serata da Stilicho

E' vero che questa moneta sia un sesterzio. Questo risulta molto chiaro dal RIC, che prima di tutto ci dice che questa moneta di Annia Aurelia Galeria Lucilla fu emessa sotto Marco Aurelio, suo padre ed unica autorità emittente, per cui così va classificata e cioè come "Lucilla, sotto Marco Aurelio" oppure "Marco Aurelio per Lucilla":

 

RIC.png.7c306e891517a8d01d846483c9d2958a.png

di qui vediamo pure (come esattamente anticipa il nostro @Stilicho) che con la legenda LVCILLA AVGUSTA (la n. 1) risulta coniato, secondo il RIC III, il solo sesterzio 1755. Devo dire che aspettavo di avere questa certezza prima di concludere. Per @Naghicol aggiungo la stessa classificazione tratta da Wildwinds più chiara nella descrizione della moneta che, ripeto, va classificata come "Lucilla sotto Marco Aurelio" oppure "Marco Aurelio per Lucilla":

RIC 1755 Lucilla AE Sestertius. LVCILLA AVGVSTA, draped bust right / PIETAS, S-C, Pietas standing left by altar, holding box of perfumes and extending right hand. RIC 1755; Cohen 53.

Questo è tutto, sempre attento @Stilicho nelle tue ricerche, ti saluto

HIRPINI

Edited by Hirpini
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Naghicol
10 ore fa, Hirpini dice:

Buonasera a tutti,

ecco come vedo la moneta, su cui in giallo  ho evidenziato la S - C :

809366703_pietasvera.jpg.398d92d31fd3ee972e24c3da3a7a3c4b.jpg

Ora però vorrei conoscere peso e diametro della moneta per capire se si tratta di sesterzio o dupondio/asse della serie di Lucilla con la Pietas, poi passerei ad una classificazione certa.

HIRPINI

Che lavoro ... che programma hai usato per evidenziare le lettere ?!

Riguardo a come ricercare il RIC avendo in mano una moneta che non si conosce mi date qualche indicazione ?

Come è L approccio alla ricerca ?

Di seguito peso e diametro.

511C065F-62C9-4F1F-89B2-29E2C1C7BF47.jpeg

52565A7A-75EE-44AF-9622-3BDEA56602E0.jpeg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hirpini
Supporter

Buongiorno,

innanzi tutto devo dire che il peso della moneta mi lascia perplesso, perché non può essere quello del sesterzio. Quindi nel pomeriggio riguarderò il RIC e qualcos'altro, ma intanto vedo che nelle seconde fotografie la tua moneta da verde è diventata quasi argentea. Potresti dirmi, con la moneta in mano, qual è il vero colore e di che metallo ti sembra sia fatta? Poi chiederei anche a @Stilicho di riguardare un po' la situazione.

Per evidenziare qualcosa su una moneta non c'è altro programma se non paint: seleziona la matita, scegli colore e spessore e vai a mano libera!

Riguardo alle ricerche occorre semplicemente esperienza, ma davvero tanta, molto spesso è assai difficile identificare le monete, e se pure assai raramente è impossibile, o per il suo cattivo stato di conservazione o per la vastità del mondo greco-romano-bizantino-arabo (non esclusi i falsi) in cui non puoi conoscere tutto e in prima battuta vai un po' per istinto. Molto spesso poi è grazie alla collaborazione tra di noi che si ottengono migliori risultati. 

Una ulteriore difficoltà poi è data dal fatto che molti cataloghi tra cui proprio il RIC risultano ormai obsoleti quindi potrebbero non sempre garantire la catalogazione delle monete che via via nel tempo sono state ritrovate. Quelle trovate col metaldetector poi sono un altro problema, perché sfuggono a qualsiasi possibilità di studio ed è questo il motivo del divieto di ricerca nel sottosuolo e sui fondali marini. Un divieto che viene ormai quotidianamente eluso per colpa dell'ignoranza, della stupidità e dell'ingordigia di tanta gente di pochissimo conto.

L'esperienza? Una grande palestra è questo Forum, su cui ti consiglierei di seguire le discussioni, sarebbe un'ottima scuola e ti permetterebbe di imparare molto e senza troppi sforzi.

A più tardi

HIRPINI

Edited by Hirpini
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Arka

Avendo una certa età, continuo a trovare strano che, quando si parla di ricerca, oggi si intende scrivere una domanda in internet e trovare subito la risposta.

Una volta si doveva andare in una biblioteca e cominciare a sfogliare e studiare molti volumi per poter arrivare al risultato richiesto.

Non ho nostalgia dei vecchi tempi, perchè la rete ha effettivamente permesso di velocizzare e semplificare la ricerca. Tuttavia basarsi solo sulla rete non è sufficiente. Un salto in biblioteca è ancora utile, se non indispensabile.

Arka

Diligite iustitiam

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Naghicol
1 ora fa, Hirpini dice:

Buongiorno,

innanzi tutto devo dire che il peso della moneta mi lascia perplesso, perché non può essere quello del sesterzio. Quindi nel pomeriggio riguarderò il RIC e qualcos'altro, ma intanto vedo che nelle seconde fotografie la tua moneta da verde è diventata quasi argentea. Potresti dirmi, con la moneta in mano, qual è il vero colore e di che metallo ti sembra sia fatta? Poi chiederei anche a @Stilicho di riguardare un po' la situazione.

Per evidenziare qualcosa su una moneta non c'è altro programma se non paint: seleziona la matita, scegli colore e spessore e vai a mano libera!

Riguardo alle ricerche occorre semplicemente esperienza, ma davvero tanta, molto spesso è assai difficile identificare le monete, e se pure assai raramente è impossibile, o per il suo cattivo stato di conservazione o per la vastità del mondo greco-romano-bizantino-arabo (non esclusi i falsi) in cui non puoi conoscere tutto e in prima battuta vai un po' per istinto. Molto spesso poi è grazie alla collaborazione tra di noi che si ottengono migliori risultati. 

Una ulteriore difficoltà poi è data dal fatto che molti cataloghi tra cui proprio il RIC risultano ormai obsoleti quindi potrebbero non sempre garantire la catalogazione delle monete che via via nel tempo sono state ritrovate. Quelle trovate col metaldetector poi sono un altro problema, perché sfuggono a qualsiasi possibilità di studio ed è questo il motivo del divieto di ricerca nel sottosuolo e sui fondali marini. Un divieto che viene ormai quotidianamente eluso per colpa dell'ignoranza, della stupidità e dell'ingordigia di tanta gente di pochissimo conto.

L'esperienza? Una grande palestra è questo Forum, su cui ti consiglierei di seguire le discussioni, sarebbe un'ottima scuola e ti permetterebbe di imparare molto e senza troppi sforzi.

A più tardi

HIRPINI

La moneta ha una patina sicuramente tendente al verde.

La mia sensazione è che sia bronzo . Di certo non è argento se avevi questo dubbio.

E’ anomalo il peso ?!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hirpini
Supporter
1 ora fa, Naghicol dice:

La moneta ha una patina sicuramente tendente al verde.

La mia sensazione è che sia bronzo . Di certo non è argento se avevi questo dubbio.

E’ anomalo il peso ?!

No, era una semplice curiosità, non potevo pensare all'argento prima di tutto perché l'argento non veniva coniato per decreto senatorio quindi non poteva portare la sigla S - C. e poi come dimensioni e peso staremmo lontanissimi.

Riesaminata la situazione e tornando a quanto dicevo ieri, devo ritenere che la moneta, con quella legenda al diritto sia un sesterzio un po' calante nel peso.

Mi farebbe piacere anche un parere da parte di @Arka

Saluti

HIRPINI

Edited by Hirpini

Share this post


Link to post
Share on other sites

Naghicol
2 ore fa, Hirpini dice:

No, era una semplice curiosità, non potevo pensare all'argento prima di tutto perché l'argento non veniva coniato per decreto senatorio quindi non poteva portare la sigla S - C. e poi come dimensioni e peso staremmo lontanissimi.

Riesaminata la situazione e tornando a quanto dicevo ieri, devo ritenere che la moneta, con quella legenda al diritto sia un sesterzio un po' calante nel peso.

Mi farebbe piacere anche un parere da parte di @Arka

Saluti

HIRPINI

Perché chi coniava L argento in quell epoca ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Stilicho
Supporter

Ciao @Hirpini, ciao @Arka.

Condivido le vostre considerazioni generali che avete espresso sullo studio e la ricerca in campo numismatico.

Quanto alla moneta, in effetti il peso e' basso per un sesterzio. Magari può essere l'usura. Inoltre mi sembra che ci sia una mancanza di metallo (stranamente quasi netta, lineare) in corrispondenza della fronte di Lucilla (e forse anche simmetricamente dal lato opposto). Non pensate che potrebbe essere utile  anche conoscere il peso medio dei sesterzi dell'epoca? che ne dite? non so però dove sia possibile ricavare tale dato.

Buona serata a voi e anche a @Naghicol che con la sua moneta ha permesso questa interessante discussione.

Stilicho

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Arka

Nei testi che si occupano di questa materia questo dato c'è sicuramente. Comunque se si vuole cimentarsi bisogna cercare più pesi possibile dei sesterzi dell'epoca.

Arka

Diligite iustitiam

Share this post


Link to post
Share on other sites

Stilicho
Supporter
2 ore fa, Stilicho dice:

Inoltre mi sembra che ci sia una mancanza di metallo (stranamente quasi netta, lineare) in corrispondenza della fronte di Lucilla (e forse anche simmetricamente dal lato opposto).

Vorrei chiedervi: potrebbe essere un "sesterzio di barra"? 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hirpini
Supporter
21 minuti fa, Stilicho dice:

Vorrei chiedervi: potrebbe essere un "sesterzio di barra"? 

Direi di sì, tanto più che proprio sotto gli Antonini e in particolare sotto Marco Aurelio la produzione di sesterzi "quadrati" e "di barra" ebbe se non sbaglio un'impennata. A me personalmente comunque piacciono molto e non mi spiace l'idea che fossero battuti da zecche itineranti al seguito dell'imperatore.

HIRPINI

Edited by Hirpini

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hirpini
Supporter

Questa è una lettura molto interessante sul tema, che spesso vado a rivedere:

http://manuali.lamoneta.it/CONIO.htm#tondello

Saluti

HIRPINI

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Naghicol

Ringrazio tutti per questa interessante discussione . Mi avete dato tanti spunti per approfondire questo argomento così interessante .

Da oggi so qualcosa in più sulla monetazione romana.

naghicol

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.