Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
King John

Il primo oggetto monetario datato della storia?

Recommended Posts

numa numa
9 ore fa, ART dice:

Grazie per aver citato questo interessantissimo caso che non conoscevo.

 

 

Se non si può definire moneta nel senso moderno del termine stando a questa descrizione ci si avvicinava molto. E' come se su una moneta odierna fosse indicata solo l'autorità emittente (in questo caso un signore locale) e non il valore o il peso. Del resto sulle monete di Lidia c'erano simboli ma non legende.

In ogni caso è una testimonianza del fatto che fin da prima dell'epoca della Lidia qualcun altro si stava avvicinando al concetto di moneta propriamente detta.

Su quasi nessuna moneta antica era indicato il valore ne’ tantomeno il peso

quello che contraddistingue una moneta era il simbolo dell’autorita’ . Nelle monete dell’antica Ionia e della Lydia il ‘badge’ della citta’ ( : la foca di Phokaia, il grifone oppure il leone etc) che dava il crisma dell emissione ufficiale ‘tagliata’ su uno specifico piede ponderale di riferimento - costante nel tempo - che permetteva di riconoscere se quella moneta ra uno statere, mezzo, 1/4 e via via giu’ fino a 1/96mo  ( o addirittura fino a 1/192mo come sembrerebbe dal peso di alcuni frazionali) 

 

sarai sorpreso ma vi sono diverse monete Lidie ( che @Matteo91 conosce  bene :)) con  legende che riportano il nome del sovrano o patronimici non ancora ben identificati. 

 

Infine esistono moltissimi articoli e libri che trattano i precursori delle monete prima della nascita della moneta. La moneta / come e’ stato osservato piu’ volte / nasce molto tardi rispetto alla nascita sia delle città sia delle attività commerciaki sviluppatesi con le primd produzioni - e quindi surplus - destinate allo scambio e ai mercati : di prodotti agricoli, cereali, allevamento, vasi , etc. Mentre in Mesopotamia e Oriente numerosissime sono le testimonianze di contabilità e scambio che risalgono anche ben oltre 1000 anni prima della comparsa della moneta. Relativamente piu’ rare sono invece in Egitto che per altri versi aveva una civiltà sviluppatissima e raffinatissima. 

Edited by numa numa
  • Like 1
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Matteo91

Grazie dell'intervento @numa numa

A proposito delle legende sulle monete della Lidia, avevo iniziato questa discussione, piuttosto sommaria. In realtà è stata semplicemente l'occasione per comunicare che a breve dovrebbe uscire uno studio sul tema delle legende da parte di Fischer-Bossert, per il quale sono in trepidante attesa: 

 

Tornando a questi lingotti marchiati, Miriam Balmuth è stata fortemente criticata per la sua posizione specialmente da Nicola Parise nel suo articolo "Intorno alle riflessioni di Miriam Balmuth" (contenuto in La Nascita della Moneta). Parise e altri studiosi, italiani e non, fanno notare come la legenda apposta sui dischi del Zanicrli hoard sia, con tutta probabilità, un "marchi di proprietà". Aggiungerei che una moneta, per essere considerata tale, deve essere anche essere riconosciuta come mezzo di estinzione di obbligazioni entro una comunità, cosa non ragionevole da pensare per dei dischi di peso rilevante rinvenuti in soli 3 esemplari.

Si potrebbe pensare che Balmuth abbia puntato più sulle definizioni che su realtà storico/economiche.

Infine, riagganciandomi a quanto scritto da @numa numa nella conclusione del suo intervento, ci si dovrebbe chiedere perché la moneta sia stata un'invenzione così tardiva. Senza voler banalizzare troppo, concedetemi di dire che per un'autorità apporre dei sigilli di garanzia del peso e del valore su pezzi di metallo di peso ben definito, riconoscendone il potere liberatorio, non è un'idea così sconvolgente: sembra anche una cosa piuttosto ovvia da fare! Eppure ci sono voluti secoli e, anche dopo il VII secolo a.C., Egitto e Mesopotamia si sono ben guardati per altre centinaia di anni dall'adottare la moneta come invece era stato fatto in Lidia, Grecia e altre aree del Mediterraneo (Lasciamo un attimo da parte Cina e India, anche se parte di questo discorso è estendibile anche queste aree). 

Le spiegazioni, secondo me, non sono da riconoscere in processi di perfezionamento, come Balmuth suggerirebbe. La moneta, mi ripeto, è tutto sommato un'idea di semplice realizzazione. Ci deve essere stato qualcos'altro, una sorta di divieto all'introduzione di un mezzo di questo tipo. La ragione potrebbe essere legata a un avversione nelle pratiche di mercato per fasce medio/basse della popolazione, a cui la moneta potrebbe essere stata destinata (questo spiegherebbe l'esistenza di nominali molto piccoli fin dai primi anni). Leslie Kurke sul finire degli anni '90 e Ure negli anni '20 si sono concentrati su questa possibilità. Ne avevo già parlato in altre discussioni, ma possiamo ritornare sull'argomento, se interessa :)

Edited by Matteo91
  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

numa numa

Molto interessante quanto esponi Matteo

si vede che l’argomento ti appassiona ( e come non potrebbe?) 

molto interessante poi la tua inferenza sul ‘divietò’ di utilizzo della moneta. Forse non era un divieto ma semplicemente una mancata adozione da parte delle autorità di questi paesi/regioni e quindi per estensione a tutta la popolazione . In fondo l’adozione della moneta non era un fatto privato bensi era espressione dell’autorità centrale e nessuno poteva affogarsi il diritto di battere / falsificare moneta le pene erano severissime. Alle prime coniazioni come iniziativa privata - che alcuni sostengono - io sinceramente non ho mai creduto ..

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

chievolan

La moneta favoriva pagamenti e scambi, poteva essere tesaurizzata, poteva essere nascosta, favoriva la diffusione di ricchezza nella popolazione.

Non mi meraviglia che le autorità potessero temerla. Per esse erano probabilmente più controllabili i pagamenti di tasse e tributi tramite merci.

Quando qualcuno ha iniziato però non se ne è più potuto fare a meno .

 

 

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Matteo91

Riporto un pensiero che avevo già provato a esprimere nella discussione “Prime monete e commercio al minuto”, che in parte si collega a quanto detto da @chievolan:

La moneta nasce nel VII secolo a.C.. Ció siginifica che l'economia (e il genere umano, più in generale) ne ha potuto fare a meno per migliaia di anni. Di certo non mancava la tecnica per incidere il metallo. 

Pensiamo per un attimo a quello che succede dopo la sua introduzione: il mondo greco (in senso ampio) conosce un periodo di grande fermento culturale, politico ed economico. In questo secolo vengono poste le basi per il pensiero moderno, si sviluppa la matematica, la filosofia...non mancano i primi esempi di speculazioni finanziarie (pensiamo a Talete e ai mulini, guarda a caso a Mileto, una delle prime città a coniare moneta).

Puo essere una coincidenza, naturalmente.

Prima della nascita della moneta, la circolazione della ricchezza era controllata da una ristretta cerchia di individui. Quanti popolani potevano raccogliere ricchezze e riscattare la propria posizione sociale? Si può parlare di un popolo veramente libero in questo contesto politico/economico?

Sono domande vere, dal momento che non ho informazioni definitive a riguardo.

Nel VII secolo si assiste all'ascesa dei tiranni, supportati proprio dal popolo che chiedeva maggiore equità. Nello stesso secolo arrivano anche le monete e i cambiamenti sociali sopra descritti.

Percy N. Ure sostiene che siano stati i tiranni a coniare le prime monete. Kurke ci dice che gli aristocratici (coloro che controllavano la ricchezza, come detto sopra) si opposero alla moneta, in quanto avrebbe dato la possibilità ai cittadini comuni di agire con maggior libertà in un nuovo “mercato”, compromettendo pertanto la posizione privilegiata degli stessi aristocratici.

Con la moneta i tiranni avrebbero da un lato accontentato il popolo, dando loro maggiore libertà, e dall'altro avrebbero ottenuto nuovi introiti applicando un valore nominale maggiore del valore intrinseco.

É difficile affrontare argomenti di questo tipo senza rischiare di scemare nel cospirazionismo...Evidenze archeologiche non possono dimostrare queste teorie. Ci si può affidare ai testi antichi, come fatto da Leslie Kurke, e nulla di più. 

 

 

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

numa numa

Prospettive interessanti e che aprono altri interrogativi

eppure le prime monete non sono nate in repubbliche ma sotto dei sovrani, in regni/ signorie / potentati retti da un signore o forse oligarchie (?) 

ai tempi di Omero non vi era ancora moneta. Non ne abbiamo testimonianze nei poemi epici ( chiedo conferma ..)

poi dal VII secolo tutto cambia e a velocità vertiginosa la moneta si spande ovunque - anche se in tempi diversi 

se non è detto che il primo

impulso fosse necessariamente il commercio dopo lo diventa in maniera preponderante . Ai tempi di Aristofane (V secolo) la moneta era utilizzata per tutto / anche i frazionali piu piccoli ( che venivano portati in bocca a credere alle testimonianze coeve).

singolare e’ che in Mesopotamia dove esisteva una contabilità ( e pesi) da millenni la moneta abbia tardato ad essere introdotta, mentre in Ionia abbia attecchito subito e in modo massiccio considerando la quantità di stateri e frazionali che ci è pervenuta...

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

ART
Il 6/11/2019 alle 12:13, Matteo91 dice:

Tornando a questi lingotti marchiati, Miriam Balmuth è stata fortemente criticata per la sua posizione specialmente da Nicola Parise nel suo articolo "Intorno alle riflessioni di Miriam Balmuth" (contenuto in La Nascita della Moneta). Parise e altri studiosi, italiani e non, fanno notare come la legenda apposta sui dischi del Zanicrli hoard sia, con tutta probabilità, un "marchi di proprietà". Aggiungerei che una moneta, per essere considerata tale, deve essere anche essere riconosciuta come mezzo di estinzione di obbligazioni entro una comunità, cosa non ragionevole da pensare per dei dischi di peso rilevante rinvenuti in soli 3 esemplari.

E' certo che non si può parlare di monete, ma secondo me andrebbe chiarito questo aspetto del "marchio di proprietà", che a quanto leggo sarebbe un'ipotesi non confermata degli studiosi citati. Voglio fantasticare un po': e se invece fosse proprio un marchio di autorità emittente? Nonostante, come noto, le prime monete vere e proprie fossero emesse da un'autorità che escludeva qualunque altro soggetto, non si potrebbe trattare di un precedente tentativo isolato e non riuscito di andare oltre il semplice concetto di lingotto per scambi? Un tentativo di cui sarebbero rimaste poche tracce, come nel caso dei (presunti) lingotti marchiati egiziani, un "passo falso" come diversi altri potrebbero essere esistiti nella lunga via verso la nascita della moneta. Mi ricorda vagamente quello di cui parlavamo tempo fa qui al post #25:

 

E in effetti, come già si diceva nelle vecchie discussioni, se è strano che la moneta sia stata un'invenzione così tardiva è anche a suo modo strano che sia saltata fuori relativamente così all'improvviso in un'area definita (per quanto riguarda questa parte del mondo) dopo che civiltà come quelle mesopotamiche avevano già da tempo gettato le basi e sviluppato un'economia così avanzata da ricordare in molti aspetti quella odierna. Il concetto di moneta potrebbe essere nato spontaneamente in altri ambiti prima che fosse imposto dai tiranni il divieto all'emissione da parte di altri soggetti. Un po' come oggi le criptovalute: sono uno strumento sempre più considerato e ormai anche regolamentato, tanto che stanno nascendo le prime criptovalute di Stato, ma inizialmente non avevano niente a che fare con le autorità emittenti del denaro di oggi.

Sottolineando che si rimane comunque nel campo del puramente teorico e non verificato, non chiuderei del tutto la mente anche a queste ipotesi.

Edited by ART

Share this post


Link to post
Share on other sites

talpa

Due testi di grande interesse per l'argomento in discussione, il libro di Testart contiene tre saggi che si focalizzano ciascuno sugli oggetti pre-monetari delle economie orientali, Mesopotamia, Egitto e Cina... l'opera di Le Rider invece è un vasto affresco storico che parte dalla Mesopotamia per poi entrare nel vivo delle questioni sulle origini della moneta nel mondo anatolico e persiano, la tesi sostenuta è di un'origine prettamente statale e fiscale della moneta escludendone totalmente funzioni commerciali.

Origini della moneta.jpeg

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

numa numa

Bravo Talpa

quelli da te illustrati sono tra i due saggi piu’ importanti dai quali ho tratto diverse idee  che ho riportato sopra. Aggiungerei anche

Maria  ‘Alfoeldi , “Antike Numismatik”

e Nicola Parise, “La nascita della Moneta”

 

infine vorrei menzionare un altro settore molto importante per studiare e derivare inferenze riguardo i meccanismi che hanno portato alla nascita della moneta. Quasi una sorta di laboratorio a noi piu’ vicino e piu’ facilmente studiabile che non le scarse  testimonianze di 3000 anni fa. Mi riferisco al mondo delle economie primitive di scambio che hanno adottato/ utilizzato in diverse epoche piu’ o meno recenti oggetti cui hanno dato funzione di moneta.

si va dalle ‘manillas’ di vari popoli africani ( ma anche indiani) a forme di moneta piu’ ’ complesse - a volte artistiche - come i pugnali rituali del Congo e del Cameroun ai tamburi rituali dell ‘isola di Timor, ai nastri di piume delle isole Salomone (per saperne di piu’:

  • Pycroft A.T., “Santa Cruz red feather-money – Its manufacture and use”, in The Journal of the Polynesian Society, 44, 1935, p. 173-183.)

 

La mia idea è che - fatti i dovuti distinguo con le società arcaiche piu’ evolute - studiando   l’introduzione - in società primitive ma recenti - di forme monetali o pre- monetali utilizzate per il commercio e lo scambio ma anche come riserva di valore si possa in qualche modo ripercorrere i meccanismi e le modalità che hanno portato alla nascita e adozione della moneta nelle società piu’ antiche dalle quali ci siamo sviluppati. 

Per approfondire questi aspetti: 

Paul Einzig Primitive money in its ethnological, historical, and economic aspects (1966)

A. Quiggin, a survey if primitive money - the beginning of coinage (1949)

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Matteo91
7 ore fa, numa numa dice:

Maria  ‘Alfoeldi , “Antike Numismatik”

e Nicola Parise, “La nascita della Moneta”

A margine, consiglierei la lettura anche di questo libro: Il regolamento degli scambi nell'antichità: III-I millennio a. C. a cura di Lucio Milano e Nicola Parise. Specialmente nel contributo di Lucio Milano vengono sottolineate le differenze tra il metallo, anche marchiato, e la moneta.

@numa numa la tua proposta di studio mi interessa molto e penso dovrebbe essere approfondita.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Matteo91
Il 7/11/2019 alle 22:01, ART dice:

E' certo che non si può parlare di monete, ma secondo me andrebbe chiarito questo aspetto del "marchio di proprietà", che a quanto leggo sarebbe un'ipotesi non confermata degli studiosi citati. Voglio fantasticare un po': e se invece fosse proprio un marchio di autorità emittente? Nonostante, come noto, le prime monete vere e proprie fossero emesse da un'autorità che escludeva qualunque altro soggetto, non si potrebbe trattare di un precedente tentativo isolato e non riuscito di andare oltre il semplice concetto di lingotto per scambi? Un tentativo di cui sarebbero rimaste poche tracce, come nel caso dei (presunti) lingotti marchiati egiziani, un "passo falso" come diversi altri potrebbero essere esistiti nella lunga via verso la nascita della moneta. Mi ricorda vagamente quello di cui parlavamo tempo fa qui al post #25:

Ciao Art,

si, siamo sempre nel campo delle ipotesi, pertanto non è "archeologicamente" possibile escludere del tutto l'una o l'altro teoria. Però se i dischi di Zincirli fossero state monete, probabilmente, ne avremmo trovati qualcuno di più. Per questioni meramente statistiche, è più probabile che le iscrizioni servissero a definirne la proprietà e il peso standardizzato a facilitare le operazioni di conteggio. Peraltro segnalo che Schaps, nel suo libro The Invention of Coinage and the Monetization of Ancient Greece, pag. 91, nota 52, scrive che la stessa Balmuth gli ha riferito di essere oggi convinta di questa ricostruzione. 

Edited by Matteo91

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.