Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
okt

Se poteste...

Recommended Posts

okt

...fare un viaggio a ritroso nel tempo, che epoca, che data scegliereste, e che luogo?
Se vi piace rispondere potreste accompagnare alla risposta un'immagine, ad esempio delle monete che vi trovereste nel borsellino o di un'ambientazione.
 

Share this post


Link to post
Share on other sites

apollonia

Riassumo un episodio della vita di Alessandro Magno di cui avevo già parlato sul forum dal possibile titolo ‘Alessandro e lo statere’.

Una sera Olimpiade chiamò Alessandro per confidargli che Filippo aveva un’amante. Alessandro rispose che suo padre, oltre a essere il re, era un uomo focoso e una donna sola non gli era mai bastata. Ma stavolta era diverso perché Filippo si era innamorato di una ragazza che aveva l’età di sua figlia Cleopatra. Inoltre la ragazza era incinta e lui voleva sposarla. Si trattava di Euridice, la figlia del generale Attalo, e la preoccupazione di Olimpiade nasceva dal fatto che Euridice era macedone, figlia della migliore nobiltà, non una straniera come lei. Se la ragazza avesse partorito un maschio e nell’ipotesi che Filippo avesse ripudiato Olimpiade e dichiarato Euridice regina, suo figlio sarebbe diventato l'erede legittimo e Alessandro il bastardo, il figlio della straniera ripudiata.

Alessandro si chiese perché mai suo padre, che gli aveva sempre voluto bene e lo aveva educato per diventare re, avrebbe dovuto agire in quel modo. La madre gli fece notare che una ragazza bella e ardente poteva sconvolgere completamente la mente di un uomo maturo, e un bambino appena nato avrebbe potuto attirare tutte le sue attenzioni facendolo sentire giovane e riportando indietro il tempo che scorre inesorabile.

Quando, pochi giorni dopo, Filippo rientrò nella reggia e convocò il figlio abbracciandolo impetuosamente, notò che Alessandro gli restituiva un abbraccio impacciato e gliene chiese il motivo, venendo a conoscenza di quanto gli aveva prospettato Olimpiade.

Filippo si raggelò d'un tratto, molto contrariato dal fatto che Olimpiade avesse insinuato dei dubbi nel cuore di suo figlio, e cercando di trattenere la sua ira, prese Alessandro per un braccio e lo trascinò dabbasso lungo una scala e poi in fondo a un corridoio, nella zona delle officine. Spalancò una porta spingendolo dentro quasi a forza dicendogli solo: “Guarda!”.

Alessandro si trovò in mezzo a una camera rischiarata da una grande finestra laterale. Appoggiato a un tavolo c’era un tondo in argilla che lo ritraeva di profilo e lo rappresentava con i capelli cinti da una corona d’alloro, come il dio Apollo.

- Ti piace? - chiese una voce da un angolo scuro.

- Lisippo! - esclamò Alessandro volgendosi di scatto e abbracciando il maestro.

- Ti piace? - ripeté Filippo dietro di lui.

- Ma che cos’è?

- È il modello di uno statere d'oro del regno di Macedonia che verrà coniato da domani per ricordare la tua vittoria a Cheronea e la tua dignità di erede al trono. Circolerà in tutto il mondo in diecimila esemplari - rispose il sovrano.

Alessandro abbassò il capo, confuso…

 

Mi sarebbe piaciuto assistere alla scena e vedere quel modello dello statere.

 

1705631921_Giovenalefirmaconingleseetedescook.jpg.4afc93c4d197e0df3d0e225d29b985fd.jpg

Edited by apollonia
  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

okt
3 ore fa, apollonia dice:

Riassumo un episodio della vita di Alessandro Magno di cui avevo già parlato sul forum dal possibile titolo ‘Alessandro e lo statere’.

Una sera Olimpiade chiamò Alessandro per confidargli che Filippo aveva un’amante. Alessandro rispose che suo padre, oltre a essere il re, era un uomo focoso e una donna sola non gli era mai bastata. Ma stavolta era diverso perché Filippo si era innamorato di una ragazza che aveva l’età di sua figlia Cleopatra. Inoltre la ragazza era incinta e lui voleva sposarla. Si trattava di Euridice, la figlia del generale Attalo, e la preoccupazione di Olimpiade nasceva dal fatto che Euridice era macedone, figlia della migliore nobiltà, non è una straniera come lei. Se la ragazza avesse partorito un maschio e nell’ipotesi che Filippo avesse ripudiato Olimpiade e dichiarato Euridice regina, suo figlio sarebbe diventato l'erede legittimo e Alessandro il bastardo, il figlio della straniera ripudiata.

Alessandro si chiese perché mai suo padre, che gli aveva sempre voluto bene e lo aveva educato per diventare re, avrebbe dovuto agire in quel modo. La madre gli fece notare che una ragazza bella e ardente poteva sconvolgere completamente la mente di un uomo maturo, e un bambino appena nato avrebbe potuto attirare tutte le sue attenzioni facendolo sentire giovane e riportando indietro il tempo che scorre inesorabile.

Quando, pochi giorni dopo, Filippo rientrò nella reggia e convocò il figlio abbracciandolo impetuosamente, notò che Alessandro gli restituiva un abbraccio impacciato e gliene chiese il motivo, venendo a conoscenza di quanto gli aveva prospettato Olimpiade.

Filippo si raggelò d'un tratto, molto contrariato dal fatto che Olimpiade avesse insinuato dei dubbi nel cuore di suo figlio, e cercando di trattenere la sua ira, prese Alessandro per un braccio e lo trascinò dabbasso lungo una scala e poi in fondo a un corridoio, nella zona delle officine. Spalancò una porta spingendolo dentro quasi a forza dicendogli solo: “Guarda!”.

Alessandro si trovò in mezzo a una camera rischiarata da una grande finestra laterale. Appoggiato a un tavolo c’era un tondo in argilla che lo ritraeva di profilo e lo rappresentava con i capelli cinti da una corona d’alloro, come il dio Apollo.

- Ti piace? - chiese una voce da un angolo scuro.

- Lisippo! - esclamò Alessandro volgendosi di scatto e abbracciando il maestro.

- Ti piace? - ripeté Filippo dietro di lui.

- Ma che cos’è?

- È il modello di uno statere d'oro del regno di Macedonia che verrà coniato da domani per ricordare la tua vittoria a Cheronea e la tua dignità di erede al trono. Circolerà in tutto il mondo in diecimila esemplari - rispose il sovrano.

Alessandro abbassò il capo, confuso…

 

Mi sarebbe piaciuto assistere alla scena e vedere quel modello dello statere.

 

1705631921_Giovenalefirmaconingleseetedescook.jpg.4afc93c4d197e0df3d0e225d29b985fd.jpg

Bellissimo aneddoto!

Share this post


Link to post
Share on other sites

okt

Io vorrei trovarmi ad Atene, nel IV sec. a.C., a casa di Frine, dopo il processo, a festeggiare l'assoluzione...

----------------------------------------------------

Il processo di Frine, olio su tela di Jean-Léon Gérôme (1861)
Uploaded by Popszes on 19 febbraio 2006., Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=586161

800px-Jean-Léon_Gérôme,_Phryne_revealed_before_the_Areopagus_(1861)_-_01.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

PriamoB

il mio "Stargate" se un giorno riuscirò mai a trovarlo, è programmato qui...

... nella Parigi di inizio secolo, la capitale dell’ arte e della cultura che ispirò a Ernest Hemingway «Fiesta» Montmartre e Montparnasse, la dolce vita ai tempi di Picasso e Modigliani. Apollinaire e i cubisti Braque e Picasso  e i primi surrealisti, Modigliani e Kandinski, Josephine Baker, gli americani Gertrude Stein e Hemingway  e Zelda Fitzgerald… Solo nella capitale francese dei primi trent’anni del Novecento è stato possibile incontrare una tale varietà di artisti di genio, quelli che hanno inventato il linguaggio del secolo. Era la "bella époque"  dove gli intellettuali, gli artisti, i pittori, era più facile rintracciarli ai tavolini di un bistrot, verso l’alba, che nei loro studi. Perché questi artisti non avevano solo un talento fuori del comune, erano soprattutto animati da una travolgente vitalità. Ad attrarli sulle due rive della Senna era la sete di vita e di libertà, erano il vino e le belle ragazze, le amicizie e il sogno della fama e della gloria, il sapore eccitante delle polemiche e delle rivalità...

IGP9216-620x420.jpg.5b7f311ca123dc4e9fd11deadb4a2dec.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

okt
Il 13/11/2019 alle 09:22, PriamoB dice:

il mio "Stargate" se un giorno riuscirò mai a trovarlo, è programmato qui...

... nella Parigi di inizio secolo, la capitale dell’ arte e della cultura che ispirò a Ernest Hemingway «Fiesta» Montmartre e Montparnasse, la dolce vita ai tempi di Picasso e Modigliani. Apollinaire e i cubisti Braque e Picasso  e i primi surrealisti, Modigliani e Kandinski, Josephine Baker, gli americani Gertrude Stein e Hemingway  e Zelda Fitzgerald… Solo nella capitale francese dei primi trent’anni del Novecento è stato possibile incontrare una tale varietà di artisti di genio, quelli che hanno inventato il linguaggio del secolo. Era la "bella époque"  dove gli intellettuali, gli artisti, i pittori, era più facile rintracciarli ai tavolini di un bistrot, verso l’alba, che nei loro studi. Perché questi artisti non avevano solo un talento fuori del comune, erano soprattutto animati da una travolgente vitalità. Ad attrarli sulle due rive della Senna era la sete di vita e di libertà, erano il vino e le belle ragazze, le amicizie e il sogno della fama e della gloria, il sapore eccitante delle polemiche e delle rivalità...

IGP9216-620x420.jpg.5b7f311ca123dc4e9fd11deadb4a2dec.jpg

Davvero bella, quell'époque, peccato che si sia conclusa con una tragedia di sangue, di fango, di malattie...

Share this post


Link to post
Share on other sites

ART
Il 11/11/2019 alle 17:46, okt dice:

...fare un viaggio a ritroso nel tempo, che epoca, che data scegliereste, e che luogo?

Io tornerei indietro di poco, diciamo al 1989 o giù di lì: col senno di poi è stata un'epoca di speranza ed entusiasmo di cui non avevo apprezzato l'essenza. In più conoscendo gli eventi successivi potrei far prendere alla mia vita una piega diversa e decisamente migliore.

Edited by ART
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

falanto
8 ore fa, ART dice:

Io tornerei indietro di poco, diciamo al 1989 o giù di lì: col senno di poi è stata un'epoca di speranza ed entusiasmo di cui non avevo apprezzato l'essenza. In più conoscendo gli eventi successivi potrei far prendere alla mia vita una piega diversa e decisamente migliore.

buongiorno, la stessa cosa pure io- solo io 1984, dopo ho solo combinato solo casini- si è giovani senza freni ne paure, solo ora al pensiero di ciò che ho vissuto sono lieto di essere ancora su questa terra, allora cercherei di frenare le mie voglie- è usare di più la mente.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ART

E' vero, quando si è giovani si fanno molti azzardi pericolosi, ma almeno in questo io mi sono contenuto. Intendevo più la possibilità di fare soldi a palate conoscendo l'andazzo del mondo in anticipo (ad esempio con le azioni delle aziende tecnologiche o i bitcoin) :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

falanto

il mio errore, è aver bruciato letteralmente ciò che mi passava per le mani, diciamo che ho fatto come, il grillo è la formica- però c'è di buono che mi sn proprio divertito- poi i soldi sono come le donne, vanno è vengono.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scudo1901

Io non rimpiango praticamente nulla della mia ormai lunga vita e posso dire che rifarei quasi tutto quello che ho fatto. Ma mi pare che stiamo andando un pochino OT. Tornando al tema originario io vorrei vedere di persona come si viveva nell’alto medioevo, diciamo tra l’anno mille e i decenni immediatamente precedenti. Si parla di secoli bui riferendosi al quel periodo e proprio per questo mi piacerebbe assistere alla vita quotidiana in quel tempo lontano. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

ART

Anche gli anni '50 del XX secolo non sarebbero male, ma non in Italia. Il fascino dei film in bianco e nero...

Edited by ART

Share this post


Link to post
Share on other sites

Depresso
ARES III

Ogni epoca è affascinante per qualche aspetto e sarei tentato di visitarle tutte.

Ma sei dovessi seglierne solo una per motivi scientifici vorrei tanto andare nell'epoca della nascita di Roma per sapere se l'Urbe sia stata effettivamente fondata dalle popolazioni latine o dal miscuglio di più popoli o invece sia stata opera degli Etruschi, ipotesi quest'ultima che mi affascina estremamente pur essendo poco in auge.

Se invece potessi scegliere una destinazione in base al cuore vorrei tornare indietro solo di pochi mesi per salvate mia madre.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.