Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
Litra68

Gaeta Raduno Storico 14,15,16 Febbraio '' Adesioni''

Recommended Posts

Litra68

Buongiorno a tutta la sezione, ringrazio l'Amico Fratello Lamonetiano Sergio, @motoreavapore che mi ha fatto sapere di questo raduno, del quale in accordo con lui, ho fatto segnalazione nella sezione apposita.

La riproponiamo qui in Sezione perché siamo certi di vostro interesse, sarebbe molto bello poterci incontrare in questa occasione, che ricordo essere i giorni 14,15 e 16 Febbraio. Allego il programma. 

Al momento sono sicuro di esserci la domenica, per il 14 per motivi che tutti sappiamo (lavorativi e 💕) non potrò esserci, il sabato sono in trattativa al lavoro. 

Nella speranza di avervi tutti, vi auguro una piacevole giornata e Buon Forum. 

Saluti 

Alberto 

 

 

15804616871981.png

MSG 20 - 016 - Gaeta 2020 - Orientamento al Programma

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

motoreavapore

Buonasera a tutti,

pure io i giorni 14 e 15 sicuramente, per impegni lavorativi, non sarò presente all'evento, 

ma poichè gioco in casa domenica 16 cercherò di farmela tutta.

Come giustamente ricordava l'Amico Alberto @Litra68 sarebbe un ottima occasione per incontrarci e

discutere di monete e medaglie del nostro amato Regno.

 

Edited by motoreavapore
errore ortografico
  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Litra68

Buongiorno a tutti e buona domenica, ultimo appuntamento oggi, ore 15,30 Visita guidata Gratuita al Ponte Borbonico sul Garigliano a Minturno LT. 

Io ci sarò, si fa ancora in tempo ad esserci. 

Poi dalle 16,00 alle 19, 00 Torre di Mola Formia LT  mostra di Medaglie. 

Saluti 

Alberto 

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

motoreavapore

buonasera,

invito raccolto, ci vediamo al Ponte alle 15,30.

Non mancate!

Buona domenica a tutti.

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Litra68

Buonasera a tutta la sezione e tutti del Forum, pomeriggio passato piacevolmente in compagnia del Fratello @motoreavapore, e delle nostre rispettive consorti che per l'occasione sono diventate nostre sostenitrici. Interessante la visita guidata al ponte Borbonico accompagnata da un preparatissimo oratore, che fa parte del comitato Luigi Giura.

Ma chi era Luigi Giura? 

Riporto note prese dal Web che in parte riassumono quanto spiegato dal l'oratore. 

Luigi Giura (Maschito, 14 ottobre 1795 – Napoli, 1º ottobre 1864) è stato un ingegnere e architetto italiano.

Ispettore del Corpo Ponti e Strade del Regno delle Due Sicilie, è noto per la progettazione e realizzazione del ponte Real Ferdinando, secondo ponte sospeso d'Europa (1832), nonché primo ponte sospeso nell'Europa continentale.

 

Il ponte Real Ferdinando (detto anche Ferdinandeo) è un ponte sospeso sul fiume Garigliano situato nei pressi dell'area archeologica di Minturnae (Minturno), sul confine fluviale che dal 1927 separa la regione Lazio dalla Campania. È dedicato al re di Napoli Ferdinando II.

Fu il primo ponte sospeso a catenaria di ferro realizzato in Italia, e secondo ponte in Europa, dato che il primato assoluto europeo spetta alla Gran Bretagna (1824). La realizzazione del ponte seguì di poco il fallimentare tentativo in Francia di realizzare un ponte sospeso sulla Senna (1824), progettato da Claude-Louis Navier.

Fu esempio di architettura industriale del Regno delle Due Sicilie che dal punto di vista tecnico costruttivo era per quei tempi all'avanguardia in Europa.

Il progetto e la realizzazione.
Su incarico di Francesco I di Borbone, padre di Ferdinando II, la progettazione fu affidata all'ingegner Luigi Giura, che ne diresse anche l'esecuzione. Sostituì la fragile scafa risolvendo, almeno per un secolo, l'attraversamento del fiume.

Il ponte ha una luce netta di 80,40 metri misurata tra gli assi dei piloni. Tenendo conto anche della lunghezza delle due rampe di avvicinamento che collegano i blocchi di ancoraggio delle catene con i piloni (ciascuna di circa 24 metri), il ponte ha una lunghezza complessiva di 128 metri. Il sistema di sospensione è costituito da due coppie di catene distanziate tra di loro 5,80 metri.

I lavori furono iniziati nel 1828 e terminati il 30 aprile 1832: l'inaugurazione alla presenza del re avvenne dieci giorni dopo, il 10 maggio 1832: il sovrano si pose al centro della campata e ordinò che sul ponte passassero due squadroni di lancieri al trotto e ben sedici traini d'artiglieria.

I componenti costruttivi metallici erano stati prodotti nelle ferriere calabresi di Mongiana, di proprietà del generale Carlo Filangieri, principe di Satriano e duca di Cardinale. La spesa fu di 75 000 ducati, a carico del regno.

 

La distruzione e il restauroModifica
Il 14 ottobre 1943 la campata fu minata in due punti e fatta saltare in aria dall'esercito tedesco, attestato lungo la linea Gustav e in ritirata verso Roma dopo l'armistizio. Tuttavia i piloni e le relative basi non subirono danni irreparabili.

Il ponte è stato restaurato con un progetto di archeologia industriale finanziato dalla Comunità Europea per l'interessamento dell'europarlamentare Franco Compasso. Nonostante il restauro sia terminato nel 1998, è stato inaugurato provocatoriamente e simbolicamente dal presidente dell'eureka club Giuseppe Fellone e dal gruppo Borboni di terra Aurunca il 10 settembre 2001. Il ponte è, finalmente, aperto alle visite del pubblico (gruppi di max 25 persone) in concomitanza con gli orari del vicino Comprensorio archeologico di Minturnae. 

 

15818771864400.png

15818772079711.jpg

15818772414622.jpg

15818772576813.jpg

15818772812684.jpg

15818773028205.jpg

15818773323026.jpg

15818773470377.jpg

15818773850768.jpg

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

gennydbmoney
47 minuti fa, Litra68 dice:

Buonasera a tutta la sezione e tutti del Forum, pomeriggio passato piacevolmente in compagnia del Fratello @motoreavapore, e delle nostre rispettive consorti che per l'occasione sono diventate nostre sostenitrici. Interessante la visita guidata al ponte Borbonico accompagnata da un preparatissimo oratore, che fa parte del comitato Luigi Giura.

Ma chi era Luigi Giura? 

Riporto note prese dal Web che in parte riassumono quanto spiegato dal l'oratore. 

Luigi Giura (Maschito, 14 ottobre 1795 – Napoli, 1º ottobre 1864) è stato un ingegnere e architetto italiano.

Ispettore del Corpo Ponti e Strade del Regno delle Due Sicilie, è noto per la progettazione e realizzazione del ponte Real Ferdinando, secondo ponte sospeso d'Europa (1832), nonché primo ponte sospeso nell'Europa continentale.

 

Il ponte Real Ferdinando (detto anche Ferdinandeo) è un ponte sospeso sul fiume Garigliano situato nei pressi dell'area archeologica di Minturnae (Minturno), sul confine fluviale che dal 1927 separa la regione Lazio dalla Campania. È dedicato al re di Napoli Ferdinando II.

Fu il primo ponte sospeso a catenaria di ferro realizzato in Italia, e secondo ponte in Europa, dato che il primato assoluto europeo spetta alla Gran Bretagna (1824). La realizzazione del ponte seguì di poco il fallimentare tentativo in Francia di realizzare un ponte sospeso sulla Senna (1824), progettato da Claude-Louis Navier.

Fu esempio di architettura industriale del Regno delle Due Sicilie che dal punto di vista tecnico costruttivo era per quei tempi all'avanguardia in Europa.

Il progetto e la realizzazione.
Su incarico di Francesco I di Borbone, padre di Ferdinando II, la progettazione fu affidata all'ingegner Luigi Giura, che ne diresse anche l'esecuzione. Sostituì la fragile scafa risolvendo, almeno per un secolo, l'attraversamento del fiume.

Il ponte ha una luce netta di 80,40 metri misurata tra gli assi dei piloni. Tenendo conto anche della lunghezza delle due rampe di avvicinamento che collegano i blocchi di ancoraggio delle catene con i piloni (ciascuna di circa 24 metri), il ponte ha una lunghezza complessiva di 128 metri. Il sistema di sospensione è costituito da due coppie di catene distanziate tra di loro 5,80 metri.

I lavori furono iniziati nel 1828 e terminati il 30 aprile 1832: l'inaugurazione alla presenza del re avvenne dieci giorni dopo, il 10 maggio 1832: il sovrano si pose al centro della campata e ordinò che sul ponte passassero due squadroni di lancieri al trotto e ben sedici traini d'artiglieria.

I componenti costruttivi metallici erano stati prodotti nelle ferriere calabresi di Mongiana, di proprietà del generale Carlo Filangieri, principe di Satriano e duca di Cardinale. La spesa fu di 75 000 ducati, a carico del regno.

 

La distruzione e il restauroModifica
Il 14 ottobre 1943 la campata fu minata in due punti e fatta saltare in aria dall'esercito tedesco, attestato lungo la linea Gustav e in ritirata verso Roma dopo l'armistizio. Tuttavia i piloni e le relative basi non subirono danni irreparabili.

Il ponte è stato restaurato con un progetto di archeologia industriale finanziato dalla Comunità Europea per l'interessamento dell'europarlamentare Franco Compasso. Nonostante il restauro sia terminato nel 1998, è stato inaugurato provocatoriamente e simbolicamente dal presidente dell'eureka club Giuseppe Fellone e dal gruppo Borboni di terra Aurunca il 10 settembre 2001. Il ponte è, finalmente, aperto alle visite del pubblico (gruppi di max 25 persone) in concomitanza con gli orari del vicino Comprensorio archeologico di Minturnae. 

 

15818771864400.png

15818772079711.jpg

15818772414622.jpg

15818772576813.jpg

15818772812684.jpg

15818773028205.jpg

15818773323026.jpg

15818773470377.jpg

15818773850768.jpg

Grazie per le interessanti notizie storiche... 

Share this post


Link to post
Share on other sites

motoreavapore

Buonasera  @Litra68 e buonasera a tutti.

Oggi è stata per me una esperienza veramente emozionante.

Ho finalmente potuto abbracciare e stringere la mano a un appassionato di storia e di monete

Napoletane conosciuto virtualmente sul nostro Forum.

Come sempre il tempo è stato tiranno ed è volato via in un soffio, ma è stata una sensazione indescrivibile.

Incontro ambientato, come ampiamente descritto e fotografato, in un luogo storico molto suggestivo.

Grazie ancora Alberto per essere venuto.

Sergio.

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.