Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
D QUATTRO

***ANNULLATO*** Veronafil 27-29 Novembre 2020

Recommended Posts

uzifox

Causa COVID-19, CANCELLATA anche VERONAFIL di novembre

La ripresa dei contagi da Covid-19 e le norme in vigore rendono impossibile lo svolgimento della kermesse | Lo annuncia una lettera del presidente Michele Citro
 

di Antonio Castellani | La lettera è laconica, poche righe a firma del presidente dell’Associazione filatelica numismatica “Scaligera” Michele Citro; il contenuto, del resto, non è certo di quelli che fa piacere annunciare dato che – a causa delle restrizioni imposte dalle normative sul Covid-19 – nemmeno l’edizione di Veronafil di novembre (dopo l’annullamento di quella di maggio) potrà svolgersi.

“Senza aggregazione di pubblico non può esistere Veronafil”
Dunque, il grande salone della ripartenza previsto dal 27 al 29 novembre non potrà avere luogo in quanto “tenuto conto che Veronafil non può svolgersi senza aggregazione di pubblico” sussistono effettive cause di forza maggiore che non è possibile superare, anche in vista di quella ripresa nel numero dei contagi da Covid-19 che già si sta manifestando da qualche settimana.

La grande kermesse veronese del collezionismo – che, ricordiamo, raduna dall’Italia e dall’estero centinaia di operatori e migliaia di visitatori – è rimandata al weekend del 21-23 maggio del prossimo anno e, come sottolinea la comunicazione della “Scaligera”, si tratterà “certamente di un grande convegno”.

Alcuni si chiederanno se non fosse stato possibile realizzare un salone ad ingressi contingentati, magari con prenotazione online di biglietti gratuiti e numerati per le tre giornate; tuttavia, le sebbene molto spaziosi, i padiglioni della Fiera di Verona avrebbero reso troppo complesso gestire ingressi e uscite, procedure di controllo e di sanificazione degli spazi, senza contare le fasi di allestimento e disallestimento.

L’augurio di rivederci tutti a Veronafil dal 21 al 23 maggio 2021 diventa, dunque, l’auspicio di un definitivo superamento dell’emergenza coronavirus sia in Italia che nel resto del mondo. E la decisione di non procedere oltre nel tentativo di allestire la fiera di novembre denota, da parte della “Scaligera”, un ennesimo segno di responsabilità.

Edizione di maggio 2021: verso un nuovo modello di salone?
“Tutte le prenotazioni già effettuate daglio operatori – sottolineano gli organizzatori di Veronafil – restano valide per l’edizione di maggio 2021” e resta, come parziale consolazione, il fatto di avere ancora più tempo per impostare i convegni veronesi del futuro su un modello ancor più moderno, efficiente e piacevole sia per i visitatori e per gli espositori. E’, come abbiamo già sottolineato mesi fa, un’occasione da non perdere affinché Veronafil – e tutto il mondo del collezionismo numismatico italiano – possano ritornare al meglio sulla scena internazionale.

 

https://www.cronacanumismatica.com/causa-covid-19-cancellata-anche-veronafil-di-novembre/

Edited by uzifox

Share this post


Link to post
Share on other sites

ottone

speriamo che il detto non ce' 2 senza il 3 questa volta non funzioni..

Share this post


Link to post
Share on other sites

D QUATTRO
Il 8/9/2020 alle 16:56, viganò dice:

Ho letto molti interventi che prospettano un ingresso a pagamento per "selezionare" la qualità dei presenti, aumentare la sicurezza del convegno e garantire un adeguato ritorno agli organizzatori.

Un modo per poter "selezionare la qualità dei presenti" senza scoraggiare i piccoli collezionisti potrebbe essere un sistema che preveda 2 tipi di biglietti (rigorosamente nominali): uno standard dal costo non simbolico (i 20-30 euro citati da alcuni) ed un secondo ad invito (dal costo simbolico di 1 euro, se non gratuito) ottenibile solo ed esclusivamente da un espositore.

In questo modo al collezionista basterebbe essere cliente di almeno un espositore (in un convegno come Verona direi che è impossibile non sia così) per poter entrare senza costi extra, al contempo FORSE si otterrebbe l'effetto deterrente per chi si presenta con altre intenzioni.

 

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

gallo83

@D QUATTRO scusa ma francamente siamo tutti clienti di almeno un commerciante....si entrerebbe tutti a 1 euro e con 1euro si investe poco o nulla in sicurezza ed altro.

Chi viene ad una fiera numismatica lo fa perché ha un qualche interesse, non per passare un pomeriggio....non è la fiera dell'elettronica eh. 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

uzifox
15 ore fa, uzifox dice:

Alcuni si chiederanno se non fosse stato possibile realizzare un salone ad ingressi contingentati, magari con prenotazione online di biglietti gratuiti e numerati per le tre giornate; tuttavia, le sebbene molto spaziosi, i padiglioni della Fiera di Verona avrebbero reso troppo complesso gestire ingressi e uscite, procedure di controllo e di sanificazione degli spazi, senza contare le fasi di allestimento e disallestimento.

Mi ripeto: ingressi a 20/30 euro... 5 euro...inviti...prenotazioni...telecamere... sicurezza... quello che vi pare... possiamo stare a disquisire e a battibeccare inutilmente tra noi su quello che volete ma è solo tempo perso...

Se da parte dell'organizzazione l'atteggiamento è quello che traspare da questo passaggio della lettera c'è poco da stare a discutere: il concetto è che non vogliamo complicazioni, solita tranquilla e decennale routine e soliti guadagni.

Saluti

Simone 

Edited by uzifox
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

viganò
29 minuti fa, uzifox dice:

Mi ripeto: ingressi a 20/30 euro... 5 euro...inviti...prenotazioni...telecamere... sicurezza... quello che vi pare... possiamo stare a disquisire e a battibeccare inutilmente tra noi su quello che volete ma è solo tempo perso...

Se da parte dell'organizzazione l'atteggiamento è quello che traspare da questo passaggio della lettera c'è poco da stare a discutere: il concetto è che non vogliamo complicazioni, solita tranquilla e decennale routine e soliti guadagni.

Saluti

Simone 

Sono d'accordo.

E aggiungo che se da tutto quello che sta succedendo vogliamo cercare di trarre almeno quel poco di buono che si può, non possiamo fare a meno di sperare che il COVID sia una occasione di ammodernamento di tante strutture (Pubblica Amministrazione, Trasporti pubblici e via dicendo fino alle Fiere numismatiche...). Altrimenti, come diceva qualche altro Utente, in tanti campi vedremo un divario sempre maggiore tra pochi che possono tutto e tanti con una mano davanti e l'altra dietro. Se invece facciamo finta di niente, indugiamo su discussioni amene tipo quelle che sentiamo in televisione, sussidi e regalie varie ecc. ecc. pagheremo un conto molto salato.

Per rimanere strettamente sul tema, Verona o si aggiorna o chiude; questo non per fare l'uccello del malaugurio ma per esprimere chiaramente un pensiero personale.

Edited by viganò

Share this post


Link to post
Share on other sites

D QUATTRO
2 ore fa, gallo83 dice:

@D QUATTRO scusa ma francamente siamo tutti clienti di almeno un commerciante....si entrerebbe tutti a 1 euro e con 1euro si investe poco o nulla in sicurezza ed altro.

Chi viene ad una fiera numismatica lo fa perché ha un qualche interesse, non per passare un pomeriggio....non è la fiera dell'elettronica eh. 

Infatti il metodo che ho proposto non serve per far cassa, ma per scoraggiare eventuali malintenzionati, cosa più legata al biglietto nominale che al costo tra l'altro. 

Se invece l'intento vuole essere di creare un convegno elitario allontanando neofiti e piccoli collezionisti ok, però diciamolo chiaramente: come ci sono aste per tutte le tasche ci saranno convegni per tutte le tasche, non c'è nulla di male 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tm_NPZ

Sono d'accordo con molti di voi ma ho sentito cose che sinceramente non apprezzo molto. Sicuramente questa emergenza sanitaria ha anche costituito il pretesto per l'eliminazione o la sospensione di molte cose.
Non mi sono piaciuti però molto i toni con cui si parlava dell'ipotetico biglietto a 20 euro; qualcuno di noi l'ha presa alla leggera. Con 20 euro io acquisterei circa 4 monete semplici contemporanee. Quando ero disoccupato, una cifra simile solo per l'ingresso mi avrebbe fatto pensare se venire a Verona oppure no... e non penso certamente di essere uno di quelli che sarebbe entrato solo per perdere tempo o tanto per fare :P Pensate quindi anche agli altri, non tutti vivono allo stesso modo!
Detto questo, mi dispiace davvero che trascorra un anno senza rivedere gli amici a Verona... ci rifaremo il prossimo anno! :)

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

ottone

Comunque un convegno in forma ridotta o con restrizioni.. non e'certo adatto a un veronafil.

Non oso pensare al pranzo dei lamonetiani, sarebbe una tristezza..e' bello potere stringere anche una mano e mostrare anche i nostri acquisti restando vicini vicini.

Il bello del convegno e' anche questo.

A presto..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Parpajola
2 ore fa, Tm_NPZ dice:

Non mi sono piaciuti però molto i toni con cui si parlava dell'ipotetico biglietto a 20 euro; qualcuno di noi l'ha presa alla leggera. Con 20 euro io acquisterei circa 4 monete semplici contemporanee. Quando ero disoccupato, una cifra simile solo per l'ingresso mi avrebbe fatto pensare se venire a Verona oppure no... e non penso certamente di essere uno di quelli che sarebbe entrato solo per perdere tempo o tanto per fare :P Pensate quindi anche agli altri, non tutti vivono allo stesso modo!

Vedendo che Lei è della provincia di Ferrara, ad essere disoccupato magari neanche affrontava le spese di un biglietto del treno A/R, di un pranzo, etc per andare a Verona.........quindi è inutile con questo caso tirare in ballo il costo del biglietto di ingresso.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

laguardiaimperial

Buongiorno, non sono contrario a prescindere ad un ingresso a pagamento ad una fiera o convegno, a patto però che il prezzo sia ragionevole e che il servizio offerto sia alto, non solo in termini di organizzazione, sicurezza, location, servizi. Al salone del libro di Torino il prezzo del biglietto è attorno ai 10 euro, ma in una giornata si può assistere a decine e decine di conferenze, spettacoli e quant'altro, oltre che acquistare libri dai commercianti (ovvio che è una manifestazione diversa, con molti più sponsor e fondi, ma è tanto per fare un esempio). Rimango poi basito quando leggo che un vero appassionato non dovrebbe farsi problemi a pagare 20 euro per un biglietto di ingresso o che se se li fa è comunque un taccagno. A parte che ognuno vive la sua passione come meglio crede, che può essere fatta anche solo di giornate passate in biblioteca a leggere libri di storia e numismatica, senza spendere un centesimo, ma poi, nonostante si continui a ripetere che è bello coinvolgere ed avvicinare a questa passione persone nuove, alla fine traspare sempre quell'atteggiamento un po' snob ed elitario (magari inconscio) che in parte allontana proprio chi vuole avvicinarsi alla numismatica.

  • Like 5

Share this post


Link to post
Share on other sites

gallo83

Non è pensabile una soluzione al vada a genio e soddisfi tutti...già qua non si trova la quadra tra venti persone figuriamoci fuori da qua.

Serve però cominciare a cambiare,magari gradualmente...non è necessario cambiare improvvisamente tutto.

Un biglietto a 10 euro penso sia un prezzo onesto e già con questo si possono dare un po' di servizi.

Ingresso con documento.....adesso qualcuno dovrebbe spiegarmi i contro.....mica siamo schedati e poi in ogni modo usando il cellulare si sa già dove siamo. Chi rifiuta di esibire un documento ha forse qualcosa da nascondere...davvero non trovo motivazione valida.

Via le sorprese Kinder &co e in fondo i commercianti parcheggiano,caricano e scaricano dentro al padiglione sotto sorveglianza e magari a convegno finito

E per me già iniziare da qui sarebbe un bel passo verso il futuro.

Parlo di veronafil chiaramente.

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Alberto Varesi

 non riesco a scandalizzarmi per il fatto che l’associazione scaligera abbia deciso di non fare veronafil a novembre: si tratta di un evento commerciale, anche per loro, che costa parecchio impegno e tanti soldi e viene realizzato con lo scopo di guadagnare e far guadagnare.

se si ritiene che questa condizione venga meno è giusto che chi lo organizza decida di attendere tempi migliori.

nessuno ha evidenziato le responsabilità, civili e penali, che ci sono quando si organizza un evento con pubblico; hai pari a rispettare quanto imposto in tema di sicurezza (covid e non), ma stai tranquillo che se capita qualcosa una denuncia te la becchi.

No, non me la sento proprio di gettare la croce addosso ai componenti della Scaligera

 

  • Like 5

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scudo1901
7 minuti fa, Alberto Varesi dice:

 non riesco a scandalizzarmi per il fatto che l’associazione scaligera abbia deciso di non fare veronafil a novembre: si tratta di un evento commerciale, anche per loro, che costa parecchio impegno e tanti soldi e viene realizzato con lo scopo di guadagnare e far guadagnare.

se si ritiene che questa condizione venga meno è giusto che chi lo organizza decida di attendere tempi migliori.

nessuno ha evidenziato le responsabilità, civili e penali, che ci sono quando si organizza un evento con pubblico; hai pari a rispettare quanto imposto in tema di sicurezza (covid e non), ma stai tranquillo che se capita qualcosa una denuncia te la becchi.

No, non me la sento proprio di gettare la croce addosso ai componenti della Scaligera

 

Concordo al 100% con Alberto 

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

viganò
10 ore fa, gallo83 dice:

Non è pensabile una soluzione al vada a genio e soddisfi tutti...già qua non si trova la quadra tra venti persone figuriamoci fuori da qua.

Serve però cominciare a cambiare,magari gradualmente...non è necessario cambiare improvvisamente tutto.

Un biglietto a 10 euro penso sia un prezzo onesto e già con questo si possono dare un po' di servizi.

Ingresso con documento.....adesso qualcuno dovrebbe spiegarmi i contro.....mica siamo schedati e poi in ogni modo usando il cellulare si sa già dove siamo. Chi rifiuta di esibire un documento ha forse qualcosa da nascondere...davvero non trovo motivazione valida.

Via le sorprese Kinder &co e in fondo i commercianti parcheggiano,caricano e scaricano dentro al padiglione sotto sorveglianza e magari a convegno finito

E per me già iniziare da qui sarebbe un bel passo verso il futuro.

Parlo di veronafil chiaramente.

Concordo 100% su queste indicazioni pratiche e di buon senso.

Questo potrebbe essere un modo per salvare Verona: in caso contrario mi sono già espresso nei post precedenti.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.