Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal

Descrizione

Il primo centro culturale di stampo numismatico e filatelico fu costituito il 1° gennaio 1957 con la denominazione di: “Centro Filatelico Numismatico Milanese” e sede a Milano, Galleria Vittorio Emanuele 82. Solo con atto notarile del 27/5/1968 ha assunto l’attuale denominazione di “Centro Culturale Numismatico Milanese” (CCNM) e si è trasferito in Piazza Missori 4. La nuova denominazione intendeva distinguere con maggiore precisione l’oggetto sociale degli associati: dalla tradizionale associazione di “filatelia e numismatica”, in cui si è legati assieme dalla passione per il collezionismo, ad uno specifico indirizzo numismatico e culturale. Nel 1972 il CCNM si è trasferito in Piazza S. Alessandro 4, e nel 1991 nell’attale sede di via Terraggio 1, sempre seguendo gli spostamenti dell’Università Popolare, fondata nei primi anni del Novecento. In data 15 dicembre 1998 è stato redatto e deliberato l’attuale statuto, approvato da un’assemblea straordinaria del CCNM. Nel corso della sua lunga esistenza, l’associazione ha offerto un contributo significativo al panorama numismatico di Milano, sul piano culturale ma, all’inizio, anche commerciale. Numerosi sono stati i convegni commerciali organizzati a Milano, che a partire dal 1959 (primo convegno) fino al 2002 hanno consentito lo scambio di monete. Gli anni ’70 e ’80 sono stati il periodo più florido per il CCNM, che è riuscito ad esprimere al meglio le proprie attività grazie al contributo attivo di molti soci, ed al forte interesse dei collezionisti, che vedevano nelle Associazioni Numismatiche e nelle loro iniziative un momento di incontro, di scambio di materiale, ma soprattutto di aggiornamento e di continua informazione. Vi era inoltre attenzione e disponibilità da parte del Comune di Milano e delle sue istituzioni culturali. Sono anni nei quali i Convegni venivano ospitati in sedi prestigiose (quale Palazzo Mezzanotte, sede della attuale Borsa di Milano) e in occasione dei quali venivano realizzate cartoline, medaglie-ricordo ed annulli. Fin dal 1950 (quando esisteva un piccolo circolo, di cui non abbiamo documenti) sono state coniate Medaglie Commemorative in argento e bronzo a ricordo del “Centro Numismatico Milanese”; successivamente ciò è avvenuto per quasi tutti i Convegni Numismatici, per un insieme di almeno 15 medaglie, cui si aggiungono quella per il Cinquantenario (2007) ed altre. Quasi tutte sono dovute all’incisore-medaglista Piero Monassi. È stata frequente l’organizzazione di conferenze numismatiche, che dagli anni ’70 hanno visto l’intervento di autorevoli relatori. Esse sono rimaste un’occasione immancabile nella vita del CCNM, tanto da essere tuttora un momento di incontro istituzionale per i numismatici di Milano; mediamente se ne tengono 5 all’anno. Sono stati pubblicati gli Atti di alcuni incontri, a volte con scritti di notevole ampiezza e spessore scientifico. Ne ricordiamo solo alcuni: • G. Amisano, “Le origini del denario”, 1990; • R. De Rosa, “La monetazione dei papi nel Seicento”, 1996; • B. Overbeck, “Il medaglione d’argento della zecca di Ticinum, prima testimonianza della fede cristiana di Costantino I”, 2000; • L. Jacobelli, “Spintriae e ritratti Giulio-Claudii”, 2000; • M. Albertario, “Ducato di Milano: Francesco II Sforza”, 2001; • F. Smith, “Monumenti sulle monete romane repubblicane ed imperiali”, 2001; • G. Pittini, “Numismatica celtica”, 2010. Sintetizzando lo statuto, il CCNM è una libera associazione, estranea a qualsiasi movimento politico e religioso, che ha lo scopo di promuovere lo studio e la diffusione della numismatica in ogni sua forma. A questo fine, l’associazione si attiva per: • favorire il collezionismo; • intensificare le relazioni con studiosi e altre associazioni numismatiche; • patrocinare eventualmente la pubblicazione di opere a contenuto storico-numismatico; • organizzare conferenze, esposizioni e convegni, perseguendo i propri obiettivi senza finalità di lucro. Presidenti del CCNM dal 1968: Oddino Minari (1968-1970); Gianfranco Lissoni (1970-1980); Valentino Candellieri (1981-1998); Lorenzo Cerbaro (1998-1999); Giorgio Veronelli (1998-2012); Gianfranco Pittini (dal 2012). In quest’ultimi anni il CCNM è ancora decisamente attivo nel panorama delle associazioni numismatiche, nonostante una riduzione di iscritti che lo accomuna, nell’era digitale, a tutti i Circoli. Organizza con regolarità conferenze a carattere numismatico, e settimanalmente (il martedì sera dalle 20.30) apre la propria sede ai soci ed agli amici numismatici. Dal 2006, si è cercato di mantenere attivo il sito internet del Centro (http://ccnm.it/) almeno per informare sulle nostre iniziative; esso richiede una radicale messa a punto, che speriamo di realizzare entro qualche mese. Accanto alle conferenze tradizionali, abbiamo introdotto anche riunioni più agili a tema, in cui di volta in volta si affronta un settore numismatico (con l’aiuto di un esperto) e si osservano e discutono le monete corrispondenti, portate un po’ da tutti. Abbiamo affrontato così: la monetazione celtica, quella romana provinciale, le monete di Milano da Carlo Magno in poi, il problema dei falsi in numismatica, le monete di difficile identificazione. Infine, in collaborazione con altri Circoli e Gruppi, si sono organizzate alcune visite: a Bergamo alle collezioni comunali, al Medagliere della Biblioteca Ambrosiana, alla Mostra sui Longobardi di Pavia. Il CCNM dispone di una discreta biblioteca numismatica, pur dovendo misurarsi con spazi e fondi limitati; utilizziamo ampiamente anche quella della Società Numismatica Italiana (via Orti 3, aperta al sabato dalle h. 15 alle h.18), eccezionalmente fornita e gestita da un bibliotecario particolarmente competente e disponibile. Vista la crescente importanza della comunicazione digitale e di rete anche nel collezionismo, molti di noi da alcuni anni partecipano al forum “Lamoneta.it”, come utenti o curatori: ne abbiamo tratto molta esperienza, nuove competenze e soprattutto la conoscenza e l’amicizia di persone che condividono la nostra passione.

Responsabile

Gianfranco Pittini

Email

Ldorazi@libero.it
  1. Cosa c'è di nuovo
  2. fino a
    Conferenza di numismatica e storia sulle medaglie milanesi di Maria Teresa d'Austria. Relatore Michele Gusmeroli supportato da Giancarlo Mascher.
  3. fino a
    Esamineremo insieme le monete "difficili" da catalogate o dubbie che ciascuno di noi porterá utilizzando la ricca biblioteca del Centro e l'aiuto dei soci più esperti.
  4. fino a
    Fra i tesori trafugati e in parte fusi in seguito al grande furto avvenuto nel 1831 all’allora Cabinet des Médailles des Rois di Parigi figura, verosimilmente il celebre multiplo di 36 solidi con l'immagine equestre di Giustiniano I (527-565). Le precedenti vicende relative al suo ingresso nelle collezioni di Francia sono note grazie a dettagliati carteggi, che permettono di ricondurre le tappe che lo condussero dall’antica Cesarea di Cappadocia a Costantinopoli, e quindi a Parigi. In virtù di tali racconti, di illustrazioni sette-ottocentesche e di alcune copie galvanoplastiche (eseguite successivamente in base ai calchi dell’originale e spesso esposte in occasione di mostre internazionali dedicate alla civiltà bizantina) è possibile cogliere un riflesso di questo perduto esemplare, tra i più notevoli della categoria. Sebbene le immagini al dritto e al rovescio si collochino nel solco di una tradizione consolidata, alcuni dettagli iconografici rispecchiano il momento di passaggio tra un’estetica figurativa ancora immersa consapevolmente nell’antichità, e la formazione di un’identità artistica propriamente bizantina. Andrea Torno Ginnasi ha conseguito il dottorato di ricerca in Storia e critica dei beni artistici e ambientali all’Università degli Studi di Milano, istituzione presso la quale svolge attività di ricerca e di supporto alla didattica per l’insegnamento di Storia dell’arte medievale. Il suo campo di studio riguarda la produzione figurativa bizantina, con particolare interesse per il repertorio di tema imperiale, e per i rapporti tra le arti e la numismatica. La Direzione
  5. fino a
    Informiamo che il Circolo Culturale Numismatico Milanese resterà chiuso dal 28/06/2018 al 10/09/2018. Auguriamo buone ferie a tutti. La Direzione
  6. Il CCNM sarà chiuso martedì sera 1 maggio, considerata la giornata festiva e l'assenza da Milano di molti soci. Ci ritroveremo martedì 8 maggio.
  7. fino a
    Martedì 12 giugno alle 20.45 in sede (via Terraggio 1, Milano) avremo l’ultima nostra conferenza prima della pausa estiva. Il socio Gerarluigi Rinaldi, che ha approfondito l’argomento in un lavoro uscito alcuni anni or sono, ci parlerà di: “Antichità classiche e Rinascimento italiano: l’ uso documentario delle fonti numismatiche in un manoscritto dell’Historia Augusta”.
  8. fino a
    Martedì 22 maggio alle 20.45 in sede (via Terraggio 1, Milano) avremo una serata informale sulla monetazione di Venezia. I soci Adelchi Benetton e Luciano Binaschi, esperti di monetazione veneziana, illustreranno brevemente alcuni argomenti. Chi possiede o colleziona monete veneziane è invitato a portarne alcune, specie per domande, chiarimenti e dubbi di catalogazione.
  9. fino a
    Nella sede di via Terraggio 1 a Milano, martedì 20 marzo alle 20.45 si terrà l'Assemblea annuale del CCNM: illustrazione ed approvazione dei bilanci (consuntivo 2017 e preventivo 2018), sostituzione di due membri del CD a scadenza, discussione sulle attività e le prospettive del Centro, proposte di eventuali nuove iniziative.
  10. Martedì 13 marzo dalle ore 20.30 ci troveremo in sede (MI, via Terraggio 1) per identificare monete difficili o non classificate con certezza. Ognuno porterà le sue, poi lavoreremo in gruppo sulle identificazioni, utilizzando anche la biblioteca del Centro. Chi ne ha, poti cataloghi specialistici (io porterò qualcosa per l'identificazione delle monete greche). A martedì!
  11. fino a
    Cari soci e cari amici, vi informo che martedì 17 aprile alle ore 20.45 in sede (via Terraggio 1, Milano) Luca Gianazza terrà una conferenza sul tema: NELLE TASCHE DEL “MERCENARIO”. IL RITROVAMENTO DEL COLLE DEL TEODULO (MONETE DEI SECOLI XV-XVII). Si tratta di un ritrovamento casuale avvenuto nel 1984, a circa 3000 metri di quota, legato al ritrarsi di un ghiacciaio, sulla strada fra Valle d’Aosta e Svizzera Vallese: uno scheletro umano con vari oggetti, residui degli abiti e 184 monete. Gianazza ha pubblicato un volume sull’argomento (uscito in Svizzera, in italiano e tedesco) ed è stato insignito per questo del premio NIP-Tevere nel 2017. L’argomento è originale ed interessante; vi allego l’invito con tutti i dettagli. Arrivederci, Il presidente del CCNM Gianfranco Pittini. Link alla discussione: 17 aprile 2018.doc
  12.  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×