Jump to content
IGNORED

Un ripostiglio Miserabile


Recommended Posts

Poemenius

Così lo definì Gnecchi nel  1897.... i miei amati AE4 non gli piacevano così tanto.....

Si tratta di un ripostiglio trovato a Perugia nel 1896, in un vaso di terracotta, senza altri dati certi sul ritrovamento

418 monetine:

-          200 sono AE4 di: Vandali, Odoacre, Teodorico, Atalarico, Teodato, Vitige, Baduela, Anastasio, Ilderico e Geilamir…. Più una serie di incerte barbariche

-          Molte sono invece di IV e V secolo

Si scrisse che una moneta di Probo, nonostante di peso metà della norma fosse la moneta più grandiosa del ripostiglio… :) 

 

Questo piccolo preambolo per farvi una bella domanda…. Sapete indovinare dove si trovi oggi questo complesso?

La risposta è in un testo pubblicato….. buon divertimento

Link to post
Share on other sites

Poemenius
12 minuti fa, Adelchi66 dice:

Quindi posso rispondere io al quesito o lasciamo giocare un po' anche gli altri? 

ah se lo sai rispondi pure... vedo 43 visualizzazioni che dubito ci proveranno :)

Link to post
Share on other sites

Poemenius
59 minuti fa, Adelchi66 dice:

Dico l'ultima e poi mi astengo, la butto lì... Ce  l'hai tu, per catalogarlo e studiarlo! 

magari....

NO è al Dumbarton Oaks, e appare citato nel volume di Grierson - May delle tardoimperiali del DOC

sinceramente mi pareva una informazione poco nota e volevo condividerla

Link to post
Share on other sites

Stanco
Stilicho
Supporter

@Poemenius

Cosa e' il Dumbarton Oaks? Un  museo?

Esistono immagini pubbliche di quelle monete?

Ciao da Stilicho

Link to post
Share on other sites

Poemenius
17 minuti fa, Stilicho dice:

@Poemenius

Cosa e' il Dumbarton Oaks? Un  museo?

Esistono immagini pubbliche di quelle monete?

Ciao da Stilicho

https://www.doaks.org/resources/coins

si è una collezione a Washington ma del ripostiglio non esistono immagini, anche perchè lo stesso grierson ammise che le monete erano per la maggior parte illeggibili o fragilissime e non pulibili ...

Link to post
Share on other sites

Stanco
Stilicho
Supporter

Quindi sono visibili (se lo sono) andando lì. 

Ma come sono arrivate negli Stati Uniti?

Link to post
Share on other sites

  • 4 months later...
numa numa

Dumbarton Oaks e‘ una residenza con giardino, bellissima, di una copoia ricchissima americana che amava l’epoca bizantina, il Rinascimento e collezionava anche  antichità meso-americane ( Maya Aztechi etc). 
la magione, piu‘ una cospicua dote, sono state lasciate all’università di Harvard che le amministra come sede distaccata  del suo museo ( DO e‘ a Washington DC, il museo di Harvard - Fogg museum - a Cambridge MA). 
 

Philip Grierson che collezionava monete bizantine ( oltre alla grandiosa raccolta del MEC) lascio‘ le sue monere a DO dove, assieme ad altre raccolte andarono a formare quella che oggi è probabilmente la piu‘ importante collezione di monete bizantine. 
harvard finanzio‘ poi il catalogo in 5 volumi (piu‘ altri volumi dedicati alle monetazioni satelliti - late roman bronze coins of the 5th cent. etc) che descrive la collezione ma riporta anche esemplari esistenti in altre collezioni di riferimento. Un‘opera eccezionsle che costituisce l‘opera di riferimento per eccellenza per la monetazione bizantina. La sua messa on line, rinunciando si diritti d’autore e gli introiti provenienti dall’opera a stampa testimonia la volontà di diffusione culturale operata dall’università e dal centro di studi bizantini ( che naturalmente vanno molto al di la‘ che non le sole monete) che opera a Dumbarton Oaks. 
Per chi si trovasse a passare da Washington ( un po‘ difficile di questi tempi 😁) suggerisco sicuramente una visita alla splendida residenza situata sopra Georgetown..

Link to post
Share on other sites

numa numa

Dumbarton Oaks e‘ una residenza con giardino, bellissima, di una copoia ricchissima americana che amava l’epoca bizantina, il Rinascimento e collezionava anche  antichità meso-americane ( Maya Aztechi etc). 
la magione, piu‘ una cospicua dote, sono state lasciate all’università di Harvard che le amministra come sede distaccata  del suo museo ( DO e‘ a Washington DC, il museo di Harvard - Fogg museum - a Cambridge MA). 
 

Philip Grierson che collezionava monete bizantine ( oltre alla grandiosa raccolta del MEC) lascio‘ le sue monere a DO dove, assieme ad altre raccolte andarono a formare quella che oggi è probabilmente la piu‘ importante collezione di monete bizantine. 
harvard finanzio‘ poi il catalogo in 5 volumi (piu‘ altri volumi dedicati alle monetazioni satelliti - late roman bronze coins of the 5th cent. etc) che descrive la collezione ma riporta anche esemplari esistenti in altre collezioni di riferimento. Un‘opera eccezionsle che costituisce l‘opera di riferimento per eccellenza per la monetazione bizantina. La sua messa on line, rinunciando si diritti d’autore e gli introiti provenienti dall’opera a stampa testimonia la volontà di diffusione culturale operata dall’università e dal centro di studi bizantini ( che naturalmente vanno molto al di la‘ che non le sole monete) che opera a Dumbarton Oaks. 
Per chi si trovasse a passare da Washington ( un po‘ difficile di questi tempi 😁) suggerisco sicuramente una visita alla splendida residenza situata sopra Georgetown..

 

dimenticavo...

Nell’ estate del 1944, Dumbarton Oaks ospitò la conferenza della Società delle Nazioni , che pose le basi per la creazione delle Nazioni Unite (ONU). 

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.