Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
eg1979

Non SCHIFATO...

Risposte migliori

eg1979

Parto da una paginetta di wikipedia:

Scifato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Con il termine scifato si intende un tipo particolare di moneta emessa nell'Impero Romano d'Oriente a forma di coppa.

Scifato viene dal greco σκύφος (skýfos) che significa coppa, tazza. Questo termine si trova usato nella "Cronaca di Cassino, in una bolla di Innocenzo II del 1139 ed in altri testi del XII secolo.

Gli scifati, chiamati anche trachy nei paesi anglosassoni – dal greco τράχυς (trachys) irregolare, non liscio –, furono coniati sia in elettro (oro misto ad argento) che in biglione (argento con titolo inferiore al 500/1000).

Scifati furono coniati anche da zecche che avevano rapporti di commercio con l'Oriente, come alcune zecche dell'Italia meridionale, ad esempio il ducale d'argento battuto il 1140 a Brindisi dal re di Sicilia Ruggero II.

In italiano è spesso usato anche il termine scodellato.

Il motivo esatto per cui queste monete siano state coniate con questa forma non è noto, anche se si è teorizzato che siano state modellate in questo modo per la facilità dell'impilamento.

Esistono monete simili coniate da popolazioni galliche nel I secolo a.C. cui viene dato il nome di Regenbogenscüsselchen (Scodelline dell'arcobaleno).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eg1979

Vi chiedo se qualcuno di voi sa chiarirmi quali sono i motivi per cui si arriva a monete di questa forma. In più mi interesserebbe qualcosina sulle tecniche di coniazione. Grazie ;)

Modificato da eg1979

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numa numa

Caspita, ma allora cominci a dimostrare un "serio" interesse per le bizantine, soprattutto quelle del tardo-periodo.

Questa e' una bella e grande domanda che non e' per nulla scontata.

Tra le molte particolarita' di questa monetazione, infatti, vi e' questa particolare forma concava che, seppur imitata da monetazioni che hanno ripreso i tipi di quella bizantina, come i ducali normanni di Ruggero I e Guglielmo I per la Sicilia, o le imitazioni bizantine delle zecche ungheresi e altri paesi limitrofi, sembra essere caratteristica precipua ed originaria di questa monetazione.

Sorprendentemente, non vi e' una teoria univoca che spieghi il motivo di talke particolarita' che oltretutto pone notevoli problemi nella coniazione.

Una spiegazione logica e' stata data da Philip Grierson, uno dei piu' noti studiosi di bizantine, il quale sostiene che la forma concava fu data a tali monete a seguito della riforma operata da Alessio I Comneno nel 1092, quando all'Histamenon nomisma (solido) di oro purissimo, venne sositutito L'Hyperpyron (super-puro) che proprio super puro non era , ma al contrario era di un oro di lega piu' bassa, e per distinguere tali monete, oltre ai trachy e gli aspron trachy, di lega appunto inferiore, venne data tale forma. Mancano purtroppo documenti dell'epoca che attestino l'adozione di un tale provvedimento. Mentre l'abbondanza di monete bizantine di questo periodo ne attesta il lungo uso e la fortuna di tali nominali, pur con questa forma particolare.

Per le tecniche di coniazione ti consiglio il gia' citato in precedenza Grierson - Bellinger Dumbarton Oaks Collection, soprattutto il recente vol. IV a cura di Michel Hendy, (opera cstosissima, la puoi pero' consultare in biblioteca, o presso qualche buon commerciante) e anche Michel Hendy " Studies in the Byzantine Monetary Economy 300-1450", Cambridge 1985 oppure dello stesso autore "Coinage and Money in the Byzantine Empire 1081-1261, ampliato e superato pero' dal recente Vol. IV di DOC citato prima.

Ti si sta aprendo un mondo...super-interessante e complesso..

numa numa

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mirko

riguardo gli scodellati medioevali tedeschi (schusselpfennig), avevo letto da qualche parte che la loro forma derivava dalla particolare tecnica di coniazione.

Tondelli finissimi di metallo venivano messi uno sopra l'altro e poi un colpo secco di martello con il conio e il gioco era fatto. La distribuzione della pressione lungo la colonna di tondelli conduceva alla particolare forma a scodella.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eg1979

quindi ancora è un mistero il motivo per cui venissero coniate monete così fatte, giusto?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Guest Eurosabre
Parto da una paginetta di wikipedia:

Scifato viene dal greco σκύφος (skýfos) che significa coppa, tazza.

205686[/snapback]

In Calabria con il termine '' Scifu '' si intende la scodella dentro cui mangiano i maiali . E' ovvia l'etimologia che ci suggerisce eg1979 .

Considerati i maiali direi che potrebbe essere ovvia anche l'etimologia del verbo '' schifare '' :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×