Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Saro

Strana (per me) moneta romana

Risposte migliori

Saro

Premetto che non capisco quasi niente di monete antiche.

In un cassetto ho trovato quella che sembra una moneta romana di rame.

Al diritto c'è un'aquila (con la testa rivolta a sinistra di chi guarda) con sotto la scritta ROMA.

Al rovescio ci sono soltanto delle lettere disposte su tre righe. Mi sembra di leggere:

VT

SOM?

DIV

Che ne pensate?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Saro

Ecco una foto. Scusate per la qualità non sono riuscito a fare di meglio.

post-5162-1173618242_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

simone

E' una moneta da un grano del Regno di Sicilia (XVI-XVII secolo).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

simone
Quindi non c'è scritto ROMA sotto l'aquila?

207727[/snapback]

Non dovrebbe esserci.

Comunque, puoi specificare il diametro ? Perchè potrebbe anche essere un multiplo di un grano....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

simone
Comunque, puoi specificare il diametro ? Perchè potrebbe anche essere un multiplo di un grano....

207728[/snapback]

Riporto una descrizione (trovata in rete) del grano e dei suoi multipli:

I 10 grani erano un grossa moneta di rame del peso superiore a 30 grammi e del diametro superiore a 40 mm, con una scritta, in mezzo a dei fregi, in latino: VT COMMODIVS, o PVBLICA COMMODITAS (più rara questa). Significava "per comodità", nel senso che la zecca quasi si scusava con i cittadini che per le monete più piccole non usava l'oro o l'argento, ma metallo vile. Ma - questo è il senso - lo faceva solo per la comodità di non dover coniare microscopiche monete d'argento. Peraltro queste monetine divisionali erano pienamente convertibili in monete d'argento qualora ne avessero raggiunto il valore.

I 5 grani erano una moneta di rame del peso di circa 21,6 grammi e del diametro di 40 mm con la stessa iscrizione. I 3 grani erano una moneta di rame di circa 12,8 grammi e di 35 mm di diametro con la stessa iscrizione.

I 2 grani erano una moneta di rame di circa 8 grammi e di 30 mm di diametro con la stessa iscrizione.

Il grano era una moneta di rame di circa 4,2 grammi e di 23 mm di diametro con la stessa iscrizione. Da notare che nel recto dei grani non era più incisa l'effigie del re ma nuovamente, in tutti, l'aquila di Sicilia. Il contorno dei grani, come quello dei Tarì, aveva le foglie in rilievo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Saro

Come si può vedere la moneta non è propriamente rotonda. Il diametro varia da 15 a 20 mm circa.

Quindi dovrebbe essere proprio un grano.

Grazie ancora.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

simone
Come si può vedere la moneta non è propriamente rotonda. Il diametro varia da 15 a 20 mm circa.

Quindi dovrebbe essere proprio un grano.

207737[/snapback]

Sì, è un grano.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×