Jump to content

Recommended Posts

Acqvavitus

Buongiorno a tutti della sezione.

Sbaglio o il 1844 è il millesimo più raro?

Cosa ne pensate su conservazione e valore attuale?

Io l'acquistai più di 10 anni fa pagandola una bella cifra allora.

Oggi è cambiato qualcosa? 

Ultimamente ne vedo pochi di fiorini, soprattutto questo 1844.1 fiorino 1844 D.JPG1 fiorino 1844  R.JPG

Link to post
Share on other sites

kadesh

Il più raro è considerato il fiorino del 1842 di cui ad oggi, pare siano noti solo due esemplari (il Gigante lo cataloga come R5). Vi è poi il 1857, considerato R2. L'annata 1844 viene considerata NC con una tiratura di 30.983 esemplari. Mi sono avvicinato da un po' di tempo alla monetazione del Granducato di Toscana e noto che, nonostante le tirature molto basse, molte monete vengono definite solamente non comuni o addirittura comuni. Al momento tale "anomalia", se così vogliamo chiamarla, la riscontro solo sulle monete del Granducato di Toscana. Inoltre noto che, nelle aste, rimangono parecchi invenduti. Forse è una monetazione che tira poco, chissà. Lo noto soprattutto per le monete di Ferdinando III di Lorena e Leopoldo II di Lorena. Forse hanno pochi collezionisti. Felice comunque di essere tra questi.

Tornando al tuo fiorino, è apparso qualche giorno fa all'asta Nomisma

https://nomisma.bidinside.com/it/lot/591929/firenze-leopoldo-ii-1824-1859-fiorino-1844-/

All'asta Aurora dell'anno scorso 

https://auctions.aurora.sm/it/lot/5404/firenze-leopoldo-ii-di-lorena-fiorino-/

All'asta Artemide di Dicembre 2019

https://www.deamoneta.com/auctions/view/676/664

I realizzi comunque non sono altissimi. Secondo me sono monete che, non capisco il motivo, non hanno tantissimo mercato. Ho notato essere piuttosto facile riuscire a portarsele a casa durante un'asta.

 

Link to post
Share on other sites

20 ore fa, kadesh dice:

Il più raro è considerato il fiorino del 1842 di cui ad oggi, pare siano noti solo due esemplari (il Gigante lo cataloga come R5). Vi è poi il 1857, considerato R2. L'annata 1844 viene considerata NC con una tiratura di 30.983 esemplari. Mi sono avvicinato da un po' di tempo alla monetazione del Granducato di Toscana e noto che, nonostante le tirature molto basse, molte monete vengono definite solamente non comuni o addirittura comuni. Al momento tale "anomalia", se così vogliamo chiamarla, la riscontro solo sulle monete del Granducato di Toscana. Inoltre noto che, nelle aste, rimangono parecchi invenduti. Forse è una monetazione che tira poco, chissà. Lo noto soprattutto per le monete di Ferdinando III di Lorena e Leopoldo II di Lorena. Forse hanno pochi collezionisti. Felice comunque di essere tra questi.

Tornando al tuo fiorino, è apparso qualche giorno fa all'asta Nomisma

https://nomisma.bidinside.com/it/lot/591929/firenze-leopoldo-ii-1824-1859-fiorino-1844-/

All'asta Aurora dell'anno scorso 

https://auctions.aurora.sm/it/lot/5404/firenze-leopoldo-ii-di-lorena-fiorino-/

All'asta Artemide di Dicembre 2019

https://www.deamoneta.com/auctions/view/676/664

I realizzi comunque non sono altissimi. Secondo me sono monete che, non capisco il motivo, non hanno tantissimo mercato. Ho notato essere piuttosto facile riuscire a portarsele a casa durante un'asta.

 

Buonasera, innanzitutto grazie per il suo commento e aiuto.

È da molto che non seguo più il Granducato di Toscana di cui ancora posseggo alcuni pezzi. Tempo fa feci un sommario giro tipologico di tutti gli stati Preunitari concentrandomi poi infine sul Regno di Napoli e Due Sicilie.

Devo dire che le monete del Granducato sono delle belle monete e vedo che oggi pezzi in buona conservazione si riescono ad acquistare facilmente, molto probabilmente come tu dici gli estimatori di queste monete sono molto pochi, molti collezionisti si sono spostati nel tempo su altre monetazioni più ricche di tipologie e varianti facendone conseguentemente diminuire l'offerta e alzare la richiesta, con aumenti talvolta considerevoli di prezzo, come è successo per il Regno di Napoli.

Tutto il contrario si è verificato con il Granducato di Toscana, solo che qui le monete in circolazione come tu hai fatto notare non sono poi tantissime, ma nonostante tutto i prezzi sono comunque bassi, strano, molto strano. Anche in questa sezione vedo oggi poco movimento, molti vecchi amici non scrivono più........è un peccato!

Ritornando alla moneta in questione mi ero principalmente soffermato al numero di pezzi coniati che è il più basso degli altri millesimi e non avevo visto la rarità, mi ricordavo che tempo fa si disse che aveva una certa rarità. Per le aste che hai evidenziato trattasi di pezzi spl, tranne l'ultimo che si avvicina ma ha un dritto leggermente superiore, i prezzi sono bassi, ancora più bassi di 10 anni fa, premetto che questo pezzo fu acquistato male, sicuramente in asta truccata al rialzo, a quei tempi si acquistava tutto dalla baia, ero un po' inesperto e dopo una rapida ricerca mi sembrava un buon prezzo, purtroppo poi, dopo alcuni anni, si rivelò un acquisto sbagliato; pensa che fu acquistata al prezzo di uno spl di oggi. All'epoca la valutai come un BB pieno e la valutazione di un catalogo che avevo di qualche anno ancora più vecchio portava il BB al prezzo da me poi pagato, mi ritenni al tempo soddisfatto, poi qualcuno mi fece notare che avevo fatto un pessimo affare. Vabbé è capitato così però la moneta è ancora con me e non la sostituirò!:-)

Secondo te questa ci stà l'Mb+?

 

Edited by Acqvavitus
Link to post
Share on other sites

12 ore fa, Acqvavitus dice:

Buonasera, innanzitutto grazie per il suo commento e aiuto.

È da molto che non seguo più il Granducato di Toscana di cui ancora posseggo alcuni pezzi. Tempo fa feci un sommario giro tipologico di tutti gli stati Preunitari concentrandomi poi infine sul Regno di Napoli e Due Sicilie.

Devo dire che le monete del Granducato sono delle belle monete e vedo che oggi pezzi in buona conservazione si riescono ad acquistare facilmente, molto probabilmente come tu dici gli estimatori di queste monete sono molto pochi, molti collezionisti si sono spostati nel tempo su altre monetazioni più ricche di tipologie e varianti facendone conseguentemente diminuire l'offerta e alzare la richiesta, con aumenti talvolta considerevoli di prezzo, come è successo per il Regno di Napoli.

Tutto il contrario si è verificato con il Granducato di Toscana, solo che qui le monete in circolazione come tu hai fatto notare non sono poi tantissime, ma nonostante tutto i prezzi sono comunque bassi, strano, molto strano. Anche in questa sezione vedo oggi poco movimento, molti vecchi amici non scrivono più........è un peccato!

Ritornando alla moneta in questione mi ero principalmente soffermato al numero di pezzi coniati che è il più basso degli altri millesimi e non avevo visto la rarità, mi ricordavo che tempo fa si disse che aveva una certa rarità. Per le aste che hai evidenziato trattasi di pezzi spl, tranne l'ultimo che si avvicina ma ha un dritto leggermente superiore, i prezzi sono bassi, ancora più bassi di 10 anni fa, premetto che questo pezzo fu acquistato male, sicuramente in asta truccata al rialzo, a quei tempi si acquistava tutto dalla baia, ero un po' inesperto e dopo una rapida ricerca mi sembrava un buon prezzo, purtroppo poi, dopo alcuni anni, si rivelò un acquisto sbagliato; pensa che fu acquistata al prezzo di uno spl di oggi. All'epoca la valutai come un BB pieno e la valutazione di un catalogo che avevo di qualche anno ancora più vecchio portava il BB al prezzo da me poi pagato, mi ritenni al tempo soddisfatto, poi qualcuno mi fece notare che avevo fatto un pessimo affare. Vabbé è capitato così però la moneta è ancora con me e non la sostituirò!:-)

Secondo te questa ci stà l'Mb+?

 

Buongiorno @Acqvavitus la penso esattamente come te. Ed è un peccato ci siano così pochi estimatori. D'altra parte è al tempo stesso una fortuna in quanto, spesso, si riesce facilmente a portare a casa pezzi a prezzi onesti. Forse il periodo che tira di più è quello dei Medici. Per il resto davvero, l'interesse è spesso scarso.

Del tuo pezzo, effettivamente, il Gigante riporta 30.983 pezzi coniati e lo classifica NC. Ad ogni modo, per il Granducato di Toscana, la rarità espressa sui cataloghi la prendo davvero con le pinze. Ti faccio un esempio. 

Il 2 Paoli del 1791 viene catalogato dal Gigante come COMUNE con una tiratura di 22.380 pezzi. Il Montenegro pare definirlo invece R3. Una bella differenza no? E questa cosa l'ho notata su moltissime monete del Granducato. È davvero un periodo a sé. Che il Gigante utilizzi come criterio di rarità anche la richiesta da parte dei collezionisti? Può darsi.

Tornando alla tua moneta, MB ci può stare, forse ci si può anche aggiungere un +!

Edited by kadesh
Link to post
Share on other sites

Stanco
Scudo1901

Non so se corrisponda al vero ma io ritengo di sì: il Gigante afferma più o meno che “le monete toscane di grande rarità non fanno registrare forti impennate sul mercato numismatico perché vengono collezionate per tipologia e non per data. La richiesta non è quindi sufficiente a far lievitare considerevolmente i prezzi” 

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.