Jump to content
IGNORED

Le monete di Abramo


petronius arbiter
 Share

Recommended Posts

Breve storia di Abramo attraverso le sue monete

Abramo nasce il 12 febbraio 1809 in un piccolo paese del Kentucky, secondo la tradizione in una capanna di tronchi

lincoln cent2009a.jpg

Trasferitasi la sua famiglia nell'Indiana, Abramo diventa un abile agricoltore e taglialegna, ma senza trascurare la sua formazione culturale. Non è raro vederlo con in mano un'ascia e un libro, che legge seduto su un tronco nei momenti di riposo

lincoln cent2009b.jpg

Nel 1830 un nuovo trasferimento, stavolta in Illinois. Qui Abramo svolge numerosi lavori, tra cui il pilota di battelli a vapore, ma inizia, soprattutto, a interessarsi sempre più di politica. Diventato avvocato, nel 1837 viene eletto al parlamento dell'Illinois, e nel 1846 al Congresso degli Stati Uniti

lincoln cent2009c.jpg

Il 6 novembre 1860, Abramo viene eletto 16° Presidente degli Stati Uniti

lincoln cent2009d.jpg

Molte cose accadono durante la sua presidenza, cose che cambiano il volto degli Stati Uniti e del mondo, e che potete leggere in qualsiasi libro di storia. Esse, pertanto, non interesseranno, se non di sfuggita, questa discussione, che sarà invece focalizzata su quella piccola moneta che, da oltre un secolo, si può trovare nelle tasche di ogni americano, e che porta al dritto il bel ritratto di Abramo Lincoln.

lincoln cent2009.jpg

petronius :)

  • Like 4
Link to comment
Share on other sites


La prima volta

... o quasi :rolleyes:

Nel Mint Act del 1792, l'atto costitutivo della zecca federale, era scritto a chiare lettere che su un lato di ogni moneta doveva comparire "un disegno emblematico della libertà, con la scritta "LIBERTY", e così era stato, tranne un paio di eccezioni, fin dalle prime coniazioni del 1793. Ma al volgere del XX secolo, molte cose erano cambiate, e prendeva sempre più corpo l'idea di sostituire la tradizionale raffigurazione allegorica di Lady Liberty con un personaggio reale, ovviamente meritevole di tale onore.

In verità, c'era già stato un precedente nel 1892 con il primo mezzo dollaro commemorativo emesso per celebrare il cinquecentenario della scoperta dell'America e l'Esposizione Universale di Chicago. Ma il ritratto di Cristoforo Colombo su quella moneta era quasi altrettanto fantasioso delle varie Lady Liberty, poiché sembra che Charles Barber avesse preso a modello un dipinto di Lorenzo Lotto nel quale alcuni vorrebbero identificare, ma in modo tutt'altro che certo, il grande navigatore. E poi quella moneta era stata un flop, venduta all'interno dell'Esposizione di Chicago per un dollaro, ricevette un'accoglienza a dir poco tiepida, e i pezzi rimasti, probabilmente la maggioranza dei coniati, furono rifusi o immessi nella circolazione.

All'inizio del '900, una forte spinta al rinnovamento della monetazione americana venne dal presidente Theodore Roosevelt, che considerava "di atroce bruttezza" le monete del suo paese, e si adoperò fortemente per modernizzarle. Sicuramente tutti siete al corrente della collaborazione tra Roosevelt e lo scultore Augustus Saint Gaudens, da cui scaturirono i 10 e 20 dollari d'oro, ma forse meno conosciuto è il ruolo del Presidente nella realizzazione del Lincoln cent.

Nel 1908, Roosevelt si recò a New York, presso lo scultore Victor David Brenner, per posare per una medaglia che avrebbe dovuto essere consegnata a tutti coloro che avevano lavorato per due o più anni alla costruzione del Canale di Panama. Come primo ispiratore di questa opera grandiosa, Roosevelt sarebbe comparso al dritto della medaglia, che aveva al rovescio una raffigurazione del Canale.

roosevelt panama canal medal.jpg

Durante la sua visita allo studio dello scultore, il Presidente fu colpito da una placchetta in bronzo raffigurante Abraham Lincoln, opera dello stesso Brenner

lincoln plaque vdb.jpg

Brenner aveva creato il busto di profilo di Lincoln appena un anno prima, basandosi su una foto del febbraio 1864 di Anthony Berger, da poco riscoperta

anthony berger abraham lincoln1864.jpg

Compiaciuto dei commenti favorevoli del Presidente, Brenner suggerì che Lincoln avrebbe potuto essere il soggetto di una nuova moneta, da emettere l'anno successivo in occasione del centenario della nascita.

petronius :) 

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites


Complimenti per questa vostra dedica in memoria ad uno dei personaggi più conosciuti ed amati negli Stati Uniti d'America, il grande Abraham Lincoln.

Mi permetto di aggiungere a questo post l'immagine di una delle più rare monete degli USA ed anche molto discussa nata forse da un errore di comunicazione. Il centesimo di dollaro (One Cent) chiamato dagli americani penny del 1943 coniato a Denver in rame, un vero tesoro, ad oggi UNICUM se ne conosce 1 solo pezzo pagato ben oltre 2 milioni di dollari.

image.png.0f1bc173c7f93c8207b3db90ec03541c.png

Saluti, scorpus

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


12 ore fa, scorpus dice:

Il centesimo di dollaro (One Cent) chiamato dagli americani penny del 1943 coniato a Denver in rame, un vero tesoro, ad oggi UNICUM se ne conosce 1 solo pezzo pagato ben oltre 2 milioni di dollari.

E' tuo? :lol:

Naturalmente, a tempo debito, parlerò anche dei centesimi del 1943, per ora siamo ancora al 1908 :)

petronius :)

Link to comment
Share on other sites


3 ore fa, petronius arbiter dice:

E' tuo? :lol:

Naturalmente, a tempo debito, parlerò anche dei centesimi del 1943, per ora siamo ancora al 1908

Magari fosse mio!!! Io mi accontento di quello in alluminio, ma sono 30 anni che lo cerco, magari mi basterebbe trovare un Philadelphia o il SanFrancisco. Qualcosa che mi dice che ne esistono comunque di altri del Denver in bronzo (non credo che ne abbiano coniato appena 1 pezzo).

Saluti, scorpus

Link to comment
Share on other sites


23 ore fa, petronius arbiter dice:

Brenner suggerì che Lincoln avrebbe potuto essere il soggetto di una nuova moneta, da emettere l'anno successivo in occasione del centenario della nascita.

Roosevelt fu subito conquistato dall'idea, anche se non è chiaro a che punto il centesimo sia stato scelto per questo onore. Brenner avrebbe preferito il mezzo dollaro, ma la legge monetaria del 1890, che imponeva che una moneta dovesse essere coniata per almeno 25 anni prima di poterne cambiare il disegno, rendeva il mezzo dollaro impossibile da realizzare fino al 1916.

All'inizio del 1909 Brenner aveva completato i suoi modelli, e sperava che la moneta potesse essere pronta per la distribuzione il 12 febbraio, centenario della nascita di Lincoln. Questo piano fu mandato a monte da Frank A. Leach, direttore della zecca, che respinse il disegno del rovescio proposto da Brenner, una figura femminile in piedi, con un lungo vestito svolazzante, un cappello frigio in testa, un ramo d'ulivo in una mano e un fascio littorio nell'altra: disegno, oltretutto, assai simile a quello della Marianna che compariva sulle contemporanee monete francesi da 1 e 2 franchi. Così Brenner dovette preparare un nuovo modello, due spighe di grano contrapposte, diventato familiare per i collezionisti di tutto il mondo :)

Il nuovo modello fu approvato il 19 febbraio dal Presidente Roosevelt, che però a quel punto era diventato, come dicono gli americani, "a lame duck", un'anatra zoppa. Mancavano infatti pochi giorni all'insediamento, il 4 marzo, del suo successore, William H. Taft, e questo provocò un ulteriore ritardo. Il nuovo presidente, pretese che sulle monete tornasse il motto religioso IN GOD WE TRUST, che era stato soppresso da Roosevelt

https://www.lamoneta.it/topic/72198-laquila-di-san-gaudenzio/page/2/?tab=comments#comment-777880

Si dovettero ridurre le dimensioni del ritratto di Lincoln per far entrare il motto sopra la sua testa, e il nuovo centesimo fu finalmente emesso il 2 agosto 1909.

Il disegno di Brenner è di grande efficacia nella sua semplicità. Un busto di Lincoln volto a destra, vestito in un abito della sua epoca. Il motto IN GOD WE TRUST compare sopra il busto, LIBERTY alla sua sinistra, e la data sulla destra. Al rovescio due spighe di grano contrapposte, tra esse le iscrizioni del valore ONE CENT, e UNITED STATES OF AMERICA. In alto la legenda latina E PLURIBUS UNUM.

lincoln1909vdb.jpg

In basso, tre lettere, V.D.B., le iniziali di Victor David Brenner... e furono queste a scatenare un'infuocata polemica :rolleyes:

petronius oo)

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites


Viktoras Barnauskas

Questo una volta era il nome di Victor David Brenner, nato il 12 giugno 1871 a Shavli, allora città russa, oggi Šiauliai in Lituania. Come tanti emigranti di ogni nazionalità, una volta arrivato negli Stati Uniti, il 17 maggio 1890, aveva cambiato il suo nome in uno più comprensibile alle orecchie degli americani :D

Nel 1909 lo si poteva considerare il più "numismaticamente consapevole" degli scultori americani. Il suo lavoro, all'arrivo negli Stati Uniti, era stato quello di incisore di gioielli e riparatore di orologi. Perfeziona le sue conoscenze studiando presso la Academy of Design nel 1891, mostrando subito un interesse primario per le medaglie. Dal 1898 al 1901 vive a Parigi, per perfezionarsi nella sua arte, ed espone i suoi lavori all'Esposizione Universale del 1900. Tornato in America, diventa membro dell'American Numismatic and Archeological Society, presso la quale tiene dei corsi sulla preparazione dei conii monetari. 

Diventato ben noto negli ambienti artistici americani, Brenner riceve nel 1909 l'incarico di disegnare il nuovo centesimo, per il quale gli viene corrisposto un compenso di 1000 dollari. Spererà a lungo di ottenere altre commesse per le monete, ma non verrà più preso in considerazione dalla zecca. Influirono probabilmente su questo le controversie sorte a seguito delle sue iniziali incise sul centesimo, e il fatto che non fosse particolarmente gradito all'incisore-capo, Charles Barber, al quale in realtà stavano antipatici tutti coloro che esercitavano il suo stesso mestiere, nel quale egli reputava, naturalmente, di essere il migliore :rolleyes:

Ma forse non se ne crucciò più di tanto, visto che il suo grande successo come medaglista gli assicurerà fama e prosperità. Oltre alle medaglie, completa un solo lavoro su grande scala, la scultura Song to Nature, una fontana nel Mary Schenley Park di Pittsburgh, Pennsylvania.

Schenley Fountain.jpg

Muore il 4 aprile 1924 a New York.

Victor David Brenner.jpg

petronius :)

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites


Un dollaro per un centesimo

Il 10 giugno 1909 la Zecca di Philadelphia iniziò la produzione dei nuovi centesimi, coniandone circa 25 milioni, così da averne una buona scorta in previsione della chiusura per le ferie estive, fissata al 1° luglio. E a luglio anche la Zecca di San Francisco iniziò la produzione. Qui i centesimi erano stati coniati per la prima volta soltanto l'anno prima, e in quantità ridotta, poco più di un milione di esemplari. Questo nonostante fossero ampiamente usati da tempo sulla costa occidentale, anche se non tanto quanto le monete d'oro e d'argento, che fino ad allora erano state le uniche coniate dalla zecca californiana.

Le caratteristiche rimanevano invariate rispetto alla precedente tipologia "testa d'indiano". La nuova moneta, con un diametro di 19 mm. e un peso di 3,11 grammi, per uno spessore di 0,16 mm., era fatta di una lega bronzea composta per il 95% di rame, il 3% di stagno e il 2% di zinco. 

Il centesimo raffigurante Lincoln venne messo in distribuzione il 2 agosto, tramite le banche che ne avevano fatto richiesta, la sede centrale del Tesoro e diverse sue succursali quali Boston, Chicago, New York, St. Louis. Entrambe le zecche avevano prodotto una quantità che consideravano adeguata a soddisfare la prima domanda. Ma l'interesse per la nuova moneta era alto, sia tra i collezionisti che tra la gente comune, e la mattina del 2 agosto lunghe file di acquirenti si formarono presso la sede centrale del Tesoro a Washington, e altrove. Quelli che vediamo in foto, aspettano pazientemente di entrare nella succursale del Tesoro di New York.

Lincoln Centsless people.jpg

All'inizio si potevano avere tutte le monete che si volevano, ma ben presto iniziò il razionamento. La Zecca di Philadelphia limitò la vendita a 2 sole monete per persona, più fortunati gli acquirenti della foto, a New York furono distribuite 100 monete a testa, fino ad esaurimento. A San Francisco le scorte finirono in breve tempo, e i fortunati che erano riusciti ad aggiudicarsi le monete le rivendettero a chi ancora era in fila senza speranza a 3 centesimi l'una, oppure due per 5 centesimi :D 

Ma si poteva fare di meglio, come riportava il Boston Daily Globe del 13 agosto 1909:

"Nel piccolo borgo di South Egremont, il nuovo centesimo ha battutto il record dei prezzi per la Contea di Berkshire. Il ben noto agricoltore Ephraim Baldwin, era semplicemente deliziato dei centesimi Lincoln, perché assomigliavano così tanto all'oro, così ha detto ai ragazzi del paese che avrebbe pagato un dollaro per ognuno che gliene avessero portato. Il piccolo villaggio venne perquisito, e a ogni contadino che era stato di recente in città fu ordinato di controllare tra i suoi spiccioli, se per caso avesse una di queste monete. Alla fine ne furono trovate 28, per le quali Baldwin, come promesso, pagò 28 dollari."

petronius oo)

  • Like 5
Link to comment
Share on other sites


Il 16/6/2021 alle 19:51, petronius arbiter dice:

In basso, tre lettere, V.D.B., le iniziali di Victor David Brenner

Tre lettere di troppo

Sembrerebbe che nessuno si fosse accorto, fino a quando le monete non iniziarono a essere distribuite, che Brenner aveva inciso su di esse, in un punto ben visibile, le sue iniziali V.D.B. Così almeno secondo il New York Times del 4 agosto 1909:

"Il Segretario al Tesoro Mac Veagh ha deciso di fermare la produzione del nuovo centesimo Lincoln. Nuovi conii saranno preparati il prima possibile, sostituendo le iniziali del disegnatore con una semplice 'B' in qualche parte nascosta del disegno. Le monete già coniate non saranno richiamate indietro, ma si ritiene che una semplice 'B' sia un riconoscimento sufficiente per il lavoro dello scultore newyorchese V.D. Brenner. Questa decisione ha creato molta sorpresa, poiché appena ieri il Dipartimento del Tesoro aveva annunciato che l'uso delle iniziali era in linea con una consuetudine praticata da anni. Il fatto che fossero così in vista, però, aveva suscitato molte critiche, e la decisione di oggi fa seguito a ulteriori considerazioni della questione. Mr. Mac Veagh ha detto oggi di non sapere che le iniziali sarebbero apparse in maniera così rilevante sui pennies, e di essere rimasto sorpreso nel vederle. Sebbene sia consuetudine inserire da qualche parte le iniziali del disegnatore, queste di solito sono talmente piccole che c'è bisogno di una lente d'ingrandimento per scoprirle."

Non era certo questo il caso :rolleyes:

vdb lincoln cent.jpg 

Brenner, naturalmente, era di tutt'altro avviso: non appena ebbe notizia della cosa, dichiarò che si sarebbe commessa una grave ingiustizia se l'ordine del Segretario avesse avuto seguito:

"Se trovo che quest'ordine è andato avanti, scriverò a Mr. Mac Veagh. Egli avrebbe dovuto consultarsi con me prima di fare una cosa del genere, è una cortesia che mi è dovuta. Quando il mio disegno è stato accettato dal Tesoro, sulla moneta c'era il mio nome completo. Il Segretario Cortelyou, con cui ho tenuto i rapporti, mi aveva assicurato che sarebbe rimasto. Anche Mr. Leach, direttore della Zecca di Philadelphia, ne era al corrente. Quando ricevetti il primo conio, il mio nome era lì, esattamente come lo avevo inciso. Ma poi, nei conii successivi, comparirono solo le mie iniziali, invece del nome per esteso. Pensai che fosse una cosa estremamente singolare, ma decisi di non dire niente.

Ora dicono di voler ridurre le mie iniziali a una sola. Penso di aver diritto di obiettare. Perché vogliono negarmi questa cortesia? Su tutte le monete, ad eccezione del centesimo con testa d'indiano, compaiono le iniziali dello scultore. Potete trovare quelle di Saint-Gaudens sulle monete da 10 e 20 dollari, e quelle di Bela Lyon Pratt sui pezzi da 5 e 2,50. E sui dollari d'argento una 'M', e una 'B' su tutti gli altri pezzi d'argento. Sono felice che tanta attenzione sia rivolta ai nuovi centesimi, questo mi fa molto piacere, ma togliere le mie iniziali mi toglie metà della soddisfazione."

Continua... oo)

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


La storia del Times di "diffuse critiche" all'inserimento delle iniziali V.D.B. potrebbe aver avuto origine da una qualche comunicazione del Dipartimento del Tesoro, o provenire da altre fonti, ma è un fatto che nessun altro giornale, prima del 5 agosto, aveva espresso riserve in tal senso. Seguirono diverse ipotesi, tra cui quella che le iniziali dell'artista avrebbero costituito per lo stesso un'indebita pubblicità, o che quando il Dipartimento del Tesoro "scoprì" che Brenner era ebreo, cambiò atteggiamento nei suoi confronti. Tutte "ipotesi da bar", per le quali non esiste alcun riscontro.

Senz'altro più vero il fatto che l'incisore-capo Charles Barber avesse a malapena tollerato l'intrusione di un artista esterno come Brenner nel suo dominio alla zecca quale principale disegnatore. Il che faceva seguito alla sua avversione, ancora più forte, nei confronti di Augustus Saint-Gaudens. Barber acconsentì che Brenner portasse a termine il suo lavoro per evitare ulteriori critiche per aver interferito con un altro artista, ma certo non ne fu contento. 

Lo stesso Segretario al Tesoro riconosceva che "Barber non è disposto a essere ritenuto personalmente responsabile per il Lincoln penny, al quale si è sempre opposto, e che non considera una moneta di successo." Questo starebbe a indicare che il giudizio negativo di Barber era conosciuto anche all'interno del Dipartimento del Tesoro, e non solo alla Zecca. 

Ma Charles Barber, a sua volta, era visto come un incompetente, o peggio, dalla comunità degli incisori di medaglie, e dalla maggioranza dei numismatici :rolleyes:

Nell'agosto del 1909, durante l'annuale convention dell'American Numismatic Association, fu approvata una risoluzione di protesta per la rimozione delle iniziali V.D.B., ma il Segretario al Tesoro Franklin Mac Veagh, che vediamo in una foto di quell'anno, fu irremovibile.

Franklin MacVeagh1909.jpg

Così, nello stesso mese di agosto, dopo che erano state coniate, e in gran parte distribuite, 27.995.000 monete della Zecca di Philadelphia, e 484.000 di quella di San Francisco, le lettere della discordia sparirono dal rovescio della moneta. Per ricomparire nove anni più tardi, nel 1918, sul bordo inferiore del ritratto di Lincoln al dritto. Come aveva detto Mac Veagh:

Il 21/6/2021 alle 19:35, petronius arbiter dice:

"talmente piccole che c'è bisogno di una lente d'ingrandimento per scoprirle."

Sono lì ancora oggi.

vdb lincoln cent2.jpg

petronius :)

 

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Sistemata la questione delle iniziali, la produzione riprese senza problemi, e in quello stesso anno 1909 ai centesimi ormai indicati da tutti come V.D.B. se ne aggiunsero 72.702.618 senza lettere coniati a Philadelphia e 1.825.000 a San Francisco. Nel 1911 a queste due zecche si aggiunse quella di Denver, che coniò per la prima volta i centesimi. Nel 1918, come ricordato sopra, le iniziali di Brenner tornarono a comparire sulla moneta.

Per anni tutto procedette tranquillamente, ogni anno venivano coniati nelle tre zecche decine, a volte centinaia di milioni di centesimi, e quando, nel 1934, dopo 25 anni dall'introduzione, venne a crearsi la possibilità di cambiare il disegno della moneta, a nessuno venne in mente di farlo... chi avrebbe potuto prendere il posto di Abramo?

Ma poi... :unsure:

Abramo va alla guerra

Non quella di Secessione, di cui era stato il più grande protagonista, e nemmeno quella di Falco Nero, alla quale pare avesse preso parte da giovane nella milizia dell'Ilinois, ma la guerra in cui gli Stati Uniti erano stati trascinati dall'attacco giapponese a Pearl Harbor. Una guerra totale come non se ne erano mai viste prima, e anche le monete furono chiamate a dare il loro contributo.

Questo"onore", se così vogliamo chiamarlo, toccò in particolare alle monete di Abramo. Il rame di cui erano per la massima parte composte, era diventato un metallo strategico, necessario per produrre munizioni e pezzi di artiglieria, così nel 1943, con gli Stati Uniti ormai impegnati su tutti i fronti di guerra, la composizione dei centesimi cambiò: per la prima, e unica volta, furono coniati in acciaio placcato in zinco. Questo comportò anche un calo del peso, che passò da 3,11 a 2,70 gr., mentre il diametro rimase invariato a 19 mm.

Lincoln1943steel.jpg 

Di queste monete ne furono coniate un'enormità, ben 1.093.836.670 nelle tre zecche, e sono ancora oggi di facilissima reperibilità sul mercato.

Il cambio del metallo si rivelò però insoddisfacente dal punto di vista pratico, poiché i centesimi in acciaio si opacizzavano e macchiavano facilmente, e oltre a ciò alcuni li scambiavano per dimes, una moneta d'argento che valeva dieci volte tanto. Così l'anno successivo, grazie anche al fatto che la guerra aveva preso una piega chiaramente favorevole agli Alleati, si tornò alla vecchia composizione bronzea. Che in verità non era mai stata abbandonata del tutto, poiché alcuni centesimi del 1943... :ph34r:

petronius :)

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites


Il 25/6/2021 alle 18:58, petronius arbiter dice:

alcuni centesimi del 1943...

... furono coniati su tondelli del vecchio tipo. Probabilmente l'errore avvenne quando alcuni tondelli in bronzo avanzati furono inavvertitamente mescolati con i tondelli in acciaio del nuovo tipo, venendo coniati insieme a questi, ed entrando quindi in circolazione dopo essere sfuggiti ai controlli di qualità della Zecca. La quale, solo negli anni '60 ammise la possibilità che questo errore potesse essersi verificato :rolleyes: nonostante fin da subito avessero incominciato a girare voci dell'esistenza di queste monete.

La prima delle quali fu scoperta ufficialmente nel 1947 quando un tale di nome Sam Lutes si accorse di averla tra i suoi spiccioli. O almeno così si era creduto fino a qualche anno fa, quando la stampa fece conoscere la storia di una famiglia che aveva trovato uno di questi centesimi già nel 1944. Ma all'epoca era difficile far autenticare la moneta, così la famiglia la conservò per più di 60 anni, tramandandosela per generazioni fino alla metà del 2008, quando pare sia stata finalmente venduta per oltre 100.000 dollari. Un caso, più unico che raro, in cui dal mitico "cassetto del nonno" è davvero uscito un tesoro :lol: Ma, chissà, visto che poi alcuni di questi centesimi hanno raggiunto quotazioni milionarie, forse i proprietari si sono pentiti di non averlo tenuto più a lungo.

Si stima siano stati coniati in bronzo circa una ventina di pezzi nelle zecche di Philadelphia e San Francisco, ma uno solo in quella di Denver, la moneta che vedete in foto, e che ha raggiunto la più alta quotazione, 1.700.000 dollari.

Lincoln1943D bronze.jpg

Ma poiché il numero esatto dei pezzi non si conosce, e di sicuro non si conoscerà mai, in tanti ancora sperano di ritrovarsene uno per caso, dimenticato davvero in fondo a un cassetto, o scoperto su qualche bancarella. Dove, invece, abbondano i falsi, di solito monete in ferro placcate in rame (basta una calamita per accorgersene) o centesimi in rame di altre annate a cui è stata modificata la data :glare:

Va infine segnalata l'esistenza di una  manciata di centesimi (il numero è ancor più sconosciuto, e a quanto mi risulta nessuno è stato certificato) coniati per errore su tondelli in argento destinati ai dimes.

L'anno dopo, 1944, l'errore si ripetè all'incontrario. Come detto in precedenza, si tornò a coniare i centesimi in rame, ma alcuni di essi furono coniati ancora nella lega di acciaio e zinco usata nel 1943. Questo errore ripetuto può sembrare sospetto, ma pare davvero che, ancora una volta, non ci sia stato dolo. Addirittura sembra che, per le monete coniate a Philadelphia, possano essere stati usati per errore dei fogli in acciaio predisposti per la coniazione delle monete da 2 franchi belgi, che la zecca americana stava coniando in quell'anno per conto della nazione europea (ancora sotto occupazione tedesca).

lincoln1944Ssteel.jpg

Ma questa moneta, seppur valutabile nell'ordine delle centinaia di migliaia di dollari, non ha, e non ha mai avuto per i collezionisti, lo stesso fascino del 1943 bronze cent... misteri della numismatica :ph34r:

petronius oo)

  • Like 3
  • Confused 1
Link to comment
Share on other sites


In memoria di Abramo

"In questo tempio, come nei cuori delle persone per le quali ha salvato l'Unione, la memoria di Abraham Lincoln è custodita per sempre"

Lincoln Memorial Statue.jpg

La Lincoln Monument Association fu costituita dal Congresso degli Stati Uniti nel marzo 1867, con lo scopo di costruire un monumento a ricordo di Lincoln, ma non fu scelto un sito fino al 1901, quando fu individuata un'area di Washington D.C. che allora era paludosa. Il Congresso autorizzò formalmente la costruzione del monumento il 9 febbraio del 1911 e la posa della prima pietra ebbe luogo il giorno del compleanno di Lincoln, il 12 febbraio 1914. Il monumento fu inaugurato il 30 maggio 1922 alla presenza dell'unico figlio del presidente ancora in vita, Robert Todd Lincoln.

L'architetto Henry Bacon ha modellato il Lincoln Memorial sul Partenone di Atene. Bacon riteneva che un memoriale dedicato a un uomo che aveva difeso la democrazia avrebbe dovuto riecheggiare il luogo di nascita della democrazia stessa. L'imponente monumento, costruito in marmo Colorado Yule, è lungo 57 metri, largo 36 e alto quasi 30. Il memoriale è circondato da 36 colonne doriche scanalate, una per ciascuno dei 36 stati dell'Unione al momento della morte di Lincoln. E sopra il colonnato, incisi sul fregio, ci sono i nomi dei 36 stati e le date in cui sono entrati nell'Unione.

L'interno del Lincoln Memorial è diviso in tre camere, nord, sud e centrale. Quest'ultima accoglie la statua di Lincoln, seduto in contemplazione. La statua è stata scolpita dai fratelli Piccirilli sotto la supervisione dello scultore, Daniel Chester French, e ci sono voluti quattro anni per completarla. Per French le qualità speciali del sedicesimo presidente erano la sua forza unita alla sua natura compassionevole. Descriveva il presidente come un individuo logoro ma forte, che aveva sopportato molte difficoltà. Così ha posizionato le mani di Lincoln in modo che mostrassero le sue due qualità principali. Una delle mani del presidente è serrata, a rappresentare la sua forza e determinazione per portare a termine con successo la guerra. L'altra è una mano più aperta, leggermente più rilassata, a rappresentare la sua natura compassionevole e calda. Originariamente prevista per essere alta solo tre metri, la statua è stata ampliata fino ad arrivare a un'altezza quasi doppia dalla testa ai piedi: la scala è tale che se Lincoln fosse in piedi sarebbe alto otto metri e mezzo.

lincoln memorial.jpg

Nel 1959, in occasione del centocinquantenario della nascita di Abrahm Lincoln, il disegno del Lincoln Memorial viene introdotto sul rovescio del centesimo a lui dedicato.

Comunicato stampa della Casa Bianca del 21 Dicembre 1958:

"Il Presidente Eisenhower ha approvato oggi la raccomandazione del Segretario al Tesoro Robert B. Anderson per la coniazione di un nuovo disegno del rovescio della moneta da 1 centesimo, per celebrare il centocinquantenario di Lincoln. La produzione delle nuove monete inizierà il 2 gennaio. Il ritratto di Lincoln di Victor Brennan al dritto, rimarrà invariato. Il nuovo rovescio ritrarrà il Lincoln Memorial, come visto dalla parte anteriore dell'ingresso. Sopra il Memoriale il motto 'E Pluribus Unum' e sopra di questo, seguendo la curva del bordo, le parole 'United States of America'. Sotto il Memoriale, sempre seguendo la curva, apparirà la denominazione, 'One Cent'. Queste iscrizioni devono comparire per legge sulle monete degli Stati Uniti. Il nuovo disegno è stato creato da Frank Gasparro, della Zecca di Philadelphia, e appprovato dal Segretario Anderson e dal Direttore della Zecca Wiliam H. Brett. Entrambe le zecche di Philadelphia e Denver inizieranno la produzione ai primi di gennaio, così da poter avere una prima fornitura per la distribuzione il 12 febbraio, compleanno di Lincoln. Più di 25 miliardi di 'Lincoln cents' dell'attuale disegno sono stati coniati dalla sua introduzione nel 1909."

lincoln cent1959D.jpg

petronius oo)

Link to comment
Share on other sites


Il 1/7/2021 alle 19:13, petronius arbiter dice:

Il nuovo disegno è stato creato da Frank Gasparro, della Zecca di Philadelphia

All'epoca Gasparro era uno degli assistenti del Chief Engraver Gilroy Roberts. Scelse il Lincoln Memorial come soggetto per il cent sebbene non lo avesse mai visto dal vero. Ma il monumento era naturalmente familiare a tutti, comparendo, tra l'altro, sul retro del biglietto da 5 dollari fin dal 1929

5dollars reverse.jpg

 Così Gasparro in un articolo comparso sul Numismatic Scrapbook Magazine:

"La prima ispirazione per il Lincoln Memorial sul rovescio del cent mi venne da un buon numero di monete greche che avevo osservato, una testa idealizzata al dritto, e la facciata di un tempio al rovescio, con una divinità sul portale. Infatti il Memorial è in stile greco classico, prestandosi molto bene a una moneta nel design lineare e nei dettagli. La statua di Lincoln è parte integrale del Memoriale, e sulla moneta potete vedere la sua figura seduta al centro del portale, così come nell'edificio a Washington D.C. Con l'aiuto di una buona lente si potranno vedere tutti i dettagli della figura. Sento che il disegno del Lincoln Memorial sul rovescio della moneta da 1 centesimo è un appropriato segno di stima per questo grande Presidente."

frank gasparro2.jpg

Purtroppo, durante la produzione, gli intricati dettagli della statua di Lincoln, o non furono adeguatamente trasferiti sui conii, o non furono coniati correttamente, e così, anche con un'ottima lente, è ben difficile riuscire a distinguerli, se non su alcuni esemplari proof :rolleyes:

lincoln cent proof reverse.jpg

petronius :)

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


Il disegno del Lincoln Memorial venne mantenuto, come il precedente, per cinquant'anni, durante i quali l'unica cosa da segnalare è la variazione della composizione della moneta, che nel 1982 passa dal 95% di rame a un misero 2,5%. Il resto, l'anima della moneta, è in zinco, il rame rimane quello appena necessario per la placcatura superficiale, atta a mantenere lo stesso colore delle monete. Questo ha comportato anche una riduzione del peso, da 3,11 a 2,50 grammi. La moneta così composta è coniata ancora oggi.

Duecento anni dopo

Nel 2009 ricorrevano i duecento anni dalla nascita di Lincoln, e tra le tante celebrazioni dell'evento si pensò anche alla numismatica: i centesimi di quell'anno vennero coniati con quattro diversi rovesci, che ripercorrevano la vita di Lincoln, dalla fanciullezza all'ascesa alla Casa Bianca. Fu, ahimé, un flop :(

Nel 2009 gli Stati Uniti erano entrati nell'ultima grande recessione, dalla quale ancora oggi fatichiamo ad uscire. La richiesta di nuovi centesimi per la circolazione era naturalmente molto minore che in precedenza, visto il valore ormai solo simbolico della moneta. La distribuzione fu affidata al Federal Reserve System, che fornì le monete solo alle banche che ne avevano fatto specifica richiesta. I quattro disegni furono emessi in sequenza, non tutti insieme, e non ci fu alcun programma nazionale per promuovere l'interesse dei collezionisti. La distribuzione fu scarsa, e a macchia di leopardo, rendendo così estremamente difficoltoso completare un set con le monete trovate in circolazione. Chiunque cercò di farlo, fu probabilmente deluso. In termini di programma monetario si trattò di un non-evento.  

Nascita e prima infanzia in Kentucky (1809-1816)

Abraham Lincoln nacque il 12 febbraio 1809 nel Kentucky, in una piccola capanna di legno come quella mostrata su questa moneta. Il Nolin Creek correva nelle vicinanze, la città più vicina, a tre miglia di distanza, oggi si chiama Hodgenville. Abraham era il secondo figlio di Thomas e Nancy Lincoln, e prese il nome dal suo nonno paterno. Quando aveva due anni, i Lincoln si trasferirono a Knob Creek Farm, non lontano. Lavorarono come contadini su una sezione di 30 acri di una fattoria di 228 acri. Quando si trasferirono di nuovo, nel 1816, Abraham era abbastanza grande per andare a prendere acqua e legna da ardere.

lincoln cent2009a.jpg

La moneta mantiene al dritto il classico ritratto di David Brenner, mentre al rovescio è stata disegnata da Richiard Masters e incisa da Jim Licaretz, che non hanno mancato di firmarla con le loro iniziali.

petronius :)

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites


Gli anni formativi nell'Indiana

Abramo divenne un abile contadino e taglialegna nella sua nuova casa nel sud dell'Indiana. A quei tempi, per un ragazzo di campagna della frontiera, non c'era molto tempo per imparare dai libri o andare a scuola. Ma i suoi genitori amavano leggere e trasmisero questo amore al figlio, che spesso portava un libro insieme alla sua ascia. All'età di 11 anni aveva letto La vita di Washington, L'autobiografia di Benjamin Franklin, Robinson Crusoe e Le Mille e una Notte. Il disegno della seconda moneta, opera di Charles Vickers, cattura questa parte della vita di Lincoln, mostrandolo immerso nella lettura mentre si prende una pausa dal lavoro, sedendo sopra un tronco d'albero.

lincoln cent2009b.jpg

Mentre era nell'Indiana, sua madre Nancy morì. Una terribile perdita per Abramo, che aveva solo 9 anni :( Ma suo padre in seguito sposò Sarah Bush Johnston, che si dimostrò una matrigna gentile e premurosa. Quando la sua famiglia si trasferì di nuovo, stavolta nell'Illinois, Abramo aveva 21 anni.

petronius :)

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Vita professionale in Illinois (1830-1861)
 
Thomas Lincoln, nel 1830, decise di trasferire la famiglia più a ovest, nell'Illinois. Qui Abramo svolse diversi lavori, tra cui pilotare un battello a vapore. Ma sempre più si stava interessando alla politica e allo studio, e all'esercizio della professione forense. Nel 1834 fu eletto all'Assemblea generale dell'Illinois e nel 1837 si trasferì a Springfield, capitale dello stato. Lì sposò Mary Todd, e nacque il loro primo figlio, Robert Todd Lincoln. Grazie alla fama raggiunta come avvocato, Lincoln vinse l'elezione alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti nel 1846, per poi tentare, nel 1858, la scalata al Senato, dove però fu sconfitto dal democratico Stephen Douglas. Sul quale si prese una bella rivincita due annni dopo, battendolo nelle elezioni presidenziali :D
 
La terza moneta della serie, disegnata da Joel Iskowitz e incisa da Don Everhart, ci mostra Lincoln in piedi davanti al parlamento dell'Illinois, e intende ricordare la sua carriera in legge e in politica prima di candidarsi alla presidenza.
 
lincoln cent2009c.jpg
petronius :)
  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Presidente degli Stati Uniti (1861-1865)

La quarta e ultima moneta, disegnata da Susan Gamble e incisa da Joseph Menna, mostra la cupola del Campidoglio degli Stati Uniti ancora in costruzione, come lo era durante il mandato di Lincoln. La costruzione continuò mentre infuriava la guerra civile e l'Unione lottava per rimanere unita.

lincoln cent2009d.jpg

La guerra ebbe inizio subito dopo l'insediamento di Lincoln nel 1861. Durante il suo secondo anno come presidente, emanò un proclama di emancipazione che dichiarava liberi tutti gli schiavi nel territorio ribelle. Lincoln fu eletto per un secondo mandato nel 1864 e la guerra finì finalmente l'anno successivo.

Appena cinque giorni dopo la fine della guerra, il presidente Abraham Lincoln fu assassinato mentre assisteva a uno spettacolo teatrale a Washington. I medici dell'esercito tentarono per tutta la notte di salvarlo, ma senza esito. Morì la mattina dopo all'età di 56 anni :( il 15 aprile 1865.

Il suo assassino, John Wilkes Booth, seguì la stessa sorte undici giorni dopo. Il 26 aprile 1865 fu ucciso dai soldati che avevano circondato il fienile in cui si era rifugiato. Un'uccisione forse troppo frettolosa e non necessaria, che non mancò di suscitare, allora e ancora oggi, dubbi e interrogativi :glare: 

petronius

 

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Uno scudo per Abramo

Passate le celebrazioni del bicentenario, in molti pensavano che il disegno del Lincoln Memorial sarebbe stato ripristinato per le monete del 2010 e degli anni a seguire. Ma al Dipartimento del Tesoro erano di avviso contrario, e avviarono le selezioni per un nuovo disegno.

Il 16 aprile 2009, la Commission of Fine Arts aveva proposto un disegno con  13 covoni di grano (le 13 colonie originarie) legati insieme da un anello che simboleggiava l'unità della nazione americana. Proposta ben presto abbandonata perché simile a una moneta tedesca degli anni '20 :rolleyes:

50pfennig1922.jpg

Così la Commissione, nel giugno 2009, presentò un nuovo disegno, con una moderna interpretazione della bandiera americana. Bocciato anche quello.

Anche il Citizens Coinage Advisory Committee (se volete informazioni su queste associazioni vi basta digitarne il nome su Google) fece la sua proposta, uno scudo dell'Unione con ONE CENT sovrapposto in un cartiglio. Nella parte superiore dello scudo la legenda E pluribus unum.

E fu questo disegno a essere scelto, un disegno che rimandava a diversi gettoni della Guerra Civile, e che fu molto apprezzato.

civil war token1864.jpg

Secondo la Zecca, le 13 strisce sullo scudo "rappresentano gli Stati Uniti in un'unica unione compatta per sostenere il governo federale, rappresentato dalla barra orizzontale". Il nuovo rovescio, tuttora in uso e che tale sarà probabilmente ancora a lungo, è stato disegnato da Lyndall Bass e inciso da Joseph Menna.

lincoln shield.jpg

Una curiosità: le nuove monete furono rilasciate in anticipo, nel gennaio 2010, a Puerto Rico, a causa di una grave carenza di centesimi sull'isola, mentre l'emissione ufficiale avvenne, come già per il tipo Lincoln Memorial, in concomitanza con il compleanno di Abramo, il 12 febbraio 2010.

petronius :)

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Il 14/6/2021 alle 19:23, petronius arbiter dice:

Esattamente un anno fa, il 14 giugno 2020, il forum perdeva un caro amico, Mark M. Peters, da tutti conosciuto come @villa66

Vorrei ricordarlo dedicandogli questa discussione su una delle monete più iconiche del suo paese, un piccolo gesto per una grande persona che sarà sempre nei nostri cuori

E che molti anni fa, in apertura di un'altra mia discussione, scriveva:

"Come sedersi su una sedia grande in una stanza buia e amichevole, con solo una lampada singola e qualcosa di buono da leggere..."

Caro amico, ovunque tu sia, spero che avrai potuto avere tutto questo :closedeyes:

Ciao Mark.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.