Jump to content
IGNORED

Gubbio: Via della Zecca


odjob
 Share

Recommended Posts

8 minuti fa, favaldar dice:

Ma la zecca c'è? O almeno il "museo"?

 

non ne sono al corrente,

se c'è qualcuno di Gubbio o un umbro potrebbe risponderti.

 

odjob

Link to comment
Share on other sites


Il 29/9/2022 alle 16:11, miroita dice:

sono poche le località che hanno intestato una via alla propria zecca.

Secondo me non sono poche. In Liguria, terra in cui abito, c'è a Loano e a Genova. Se si avesse la pazienza di fare una ricerca della odonomastica di città italiane in cui si batteva moneta, sono certo che salterebbero fuori numerose vie e piazze. Ma la ricerca vera, quella d'archivio.

Link to comment
Share on other sites


A Napoli esiste una via Sant'Agostino alla Zecca, dove vi è la chiesa fondata da Carlo I d'Angiò (purtroppo non visitabile per restauri) nei pressi di un palazzo dove più tardi Roberto d'Angiò ubicherà la zecca angioina, da cui il nome che si è conservato nei secoli, di seguito posto un interessante articolo in cui si descrive la storia del suddetto edificio della zecca:

https://www.academia.edu/29212375/Edificio_della_Zecca_in_Napoli

A Firenze invece c'è il Lungarno della Zecca Vecchia dove è ancora visibile la Torre della zecca, una costruzione edificata in età medievale come parte del sistema difensivo delle mura urbane, in seguito nel corso della seconda metà del cinquecento nelle sue vicinanze vennero posizionati i mulini per le attività della zecca nuova, del periodo granducale, da cui la denominazione, di seguito posto il link alla pagina wikipedia che ne tratta:

https://it.wikipedia.org/wiki/Torre_della_Zecca

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


8 ore fa, talpa dice:

A Napoli esiste una via Sant'Agostino alla Zecca, dove vi è la chiesa fondata da Carlo I d'Angiò (purtroppo non visitabile per restauri) nei pressi di un palazzo dove più tardi Roberto d'Angiò ubicherà la zecca angioina, da cui il nome che si è conservato nei secoli, di seguito posto un interessante articolo in cui si descrive la storia del suddetto edificio della zecca:

https://www.academia.edu/29212375/Edificio_della_Zecca_in_Napoli

A Firenze invece c'è il Lungarno della Zecca Vecchia dove è ancora visibile la Torre della zecca, una costruzione edificata in età medievale come parte del sistema difensivo delle mura urbane, in seguito nel corso della seconda metà del cinquecento nelle sue vicinanze vennero posizionati i mulini per le attività della zecca nuova, del periodo granducale, da cui la denominazione, di seguito posto il link alla pagina wikipedia che ne tratta:

https://it.wikipedia.org/wiki/Torre_della_Zecca

 

L'articolo di Carrelli sulla zecca di Napoli è estremamente importante per ricostruire la storia della zecca di Napoli, purtroppo non si riesce ad evincere l'anno di pubblicazione e se è stato pubblicato in cartaceo, per segnalarlo in bibliografia.

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.