Jump to content
IGNORED

GRANO 1622 di Filippo IV con sigle MC/C


Recommended Posts

Supporter

Condivido questo grano 1622 di Filippo IV inedito per la presenza della sigla del maestro di prova Costantino Di Costanzo ( "C" )  insieme a quello del maestro di zecca Michele Cavo ( "MC" ).

E' recensito magistralmente da Davide Fabrizi nelle pagine 262/263 dell' interessantissimo volume " Appunti numismatici, XI Quaderno di Numismatica 2023 ", edito dal Circolo Numismatico Romano-Laziale.

Riporto fotograficamente quanto presente nel testo, perché non oso modificare neanche una parola della perfetta e circostanziata esposizione di Davide. Abbiamo veramente a che fare con un approfondimento  completo ed esaustivo in ogni sua parte. Non posso che ringraziare Davide.

P.S. : Per permettere una migliore lettura (speriamo!), ho diviso il testo integrale in più parti, da leggere, comunque, consecutivamente. Grazie.

gra6bis.thumb.jpg.acc08271456de6472dc55e1bbb52df1c.jpggra7.thumb.jpg.6190bbd7c7a5e149f12075a9c40f6106.jpg

 

gra5bis.thumb.jpg.dce169e5e38a0d0c0fbf01f9ee424188.jpg

gra8.thumb.jpg.76bb3bc1b1c88dcba63274e5c258d61c.jpg

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


1 ora fa, Releo dice:

Condivido questo grano 1622 di Filippo IV inedito per la presenza della sigla del maestro di prova Costantino Di Costanzo ( "C" )  insieme a quello del maestro di zecca Michele Cavo ( "MC" ).

E' recensito magistralmente da Davide Fabrizi nelle pagine 262/263 dell' interessantissimo volume " Appunti numismatici, XI Quaderno di Numismatica 2023 ", edito dal Circolo Numismatico Romano-Laziale.

Riporto fotograficamente quanto presente nel testo, perché non oso modificare neanche una parola della perfetta e circostanziata esposizione di Davide. Abbiamo veramente a che fare con un approfondimento  completo ed esaustivo in ogni sua parte. Non posso che ringraziare Davide.

P.S. : Per permettere una migliore lettura (speriamo!), ho diviso il testo integrale in più parti, da leggere, comunque, consecutivamente. Grazie.

gra6bis.thumb.jpg.acc08271456de6472dc55e1bbb52df1c.jpggra7.thumb.jpg.6190bbd7c7a5e149f12075a9c40f6106.jpg

 

gra5bis.thumb.jpg.dce169e5e38a0d0c0fbf01f9ee424188.jpg

gra8.thumb.jpg.76bb3bc1b1c88dcba63274e5c258d61c.jpg

 

Bellissimo grano, complimenti...

Però non è il primo che vedo...

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Genny, sono contento ti sia piaciuto. Ne approfitto per pubblicare due foto "dal vero" del grano 1622, anche se, in verità, non mi sono venute come volevo. Pazienza. Ciao.grif.thumb.jpg.ce26f5b564dd77d78e4b37b5bac6a3c4.jpggrif.thumb.jpg.ce26f5b564dd77d78e4b37b5bac6a3c4.jpg

grif1.thumb.jpg.8e867e5248d2ba36369fa0922594a0ef.jpg

Come al solito, melius abundare quam deficere...

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Lo avevo seguito anch'io,ma poi ho lasciato perdere visto che ne posseggo già un'esemplare...

Comunque ha uno stile diverso dai grani diciamo "ufficiali"...

Link to comment
Share on other sites


1 ora fa, Releo dice:

Condivido questo grano 1622 di Filippo IV inedito per la presenza della sigla del maestro di prova Costantino Di Costanzo ( "C" )  insieme a quello del maestro di zecca Michele Cavo ( "MC" ).

E' recensito magistralmente da Davide Fabrizi nelle pagine 262/263 dell' interessantissimo volume " Appunti numismatici, XI Quaderno di Numismatica 2023 ", edito dal Circolo Numismatico Romano-Laziale.

Riporto fotograficamente quanto presente nel testo, perché non oso modificare neanche una parola della perfetta e circostanziata esposizione di Davide. Abbiamo veramente a che fare con un approfondimento  completo ed esaustivo in ogni sua parte. Non posso che ringraziare Davide.

P.S. : Per permettere una migliore lettura (speriamo!), ho diviso il testo integrale in più parti, da leggere, comunque, consecutivamente. Grazie.

gra6bis.thumb.jpg.acc08271456de6472dc55e1bbb52df1c.jpggra7.thumb.jpg.6190bbd7c7a5e149f12075a9c40f6106.jpg

 

gra5bis.thumb.jpg.dce169e5e38a0d0c0fbf01f9ee424188.jpg

gra8.thumb.jpg.76bb3bc1b1c88dcba63274e5c258d61c.jpg

 

Troppo buono @Releo

Sono contento che la moneta sia finita nelle mani di un utente del forum. 

Nonostante l'affermazione letta sullo stile diverso dai grani "ufficiali", anche se sono certo non ce ne sia bisogno, credo di poterti tranquillizzare sul fatto che si tratta di una moneta uscita dalla zecca 😜.

Ad majora!

 

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Davide, ti confesso che sono contentissimo della moneta. Sono quelle che più mi affascinano.
Le monete in FDC, tanto di moda, in realtà mi attraggono molto  molto poco…

Ma sono strafelice anche per la recensione: perfetta, completa ed esaustiva sotto ogni aspetto, nonché per il volume su cui è pubblicata. Non mi aspettavo sicuramente un testo così interessante e così ben realizzato. Complimenti.

Un caro saluto.

Link to comment
Share on other sites


4 minuti fa, Releo dice:

Davide, ti confesso che sono contentissimo della moneta. Sono quelle che più mi affascinano.
Le monete in FDC, tanto di moda, in realtà mi attraggono molto  molto poco…

Ma sono strafelice anche per la recensione: perfetta, completa ed esaustiva sotto ogni aspetto, nonché per il volume su cui è pubblicata. Non mi aspettavo sicuramente un testo così interessante e così ben realizzato. Complimenti.

Un caro saluto.

 

Con me sfondi una porta aperta.

Anni fa... molti anni fa (purtroppo) c'era sul forum un caro amico che collezionava monete del Regno d'Italia (ovviamente cercando la massima conservazione) che vedendo i miei cavalli coniò il termine "conservazione fedafa". Un termine che mi è piaciuto al punto da adottarlo nei miei discorsi sulle conservazioni. La moneta circolata è una moneta vissuta, ha una storia da raccontare e per tali motivi merita appieno, senza nulla togliere alle alte conservazioni, di essere collezionata. In particolare poi se si tratta di una rarità.

Grazie ancora per i complimenti ma, come avrai potuto notare, sul volume ci sono diversi articoli tutti meritevoli di nota.

Complimenti ancora per l'aggiudicazione del pezzo!

Link to comment
Share on other sites


Questo è il mio esemplare,lo posto per un confronto con il bellissimo grano di @Releo,la mia affermazione sullo stile non "ufficiale"non voleva intendere che il grano postato non sia uscito dalla zecca,ma di sicuro presenta delle differenze rispetto allo "standard" a cui siamo abituati per queste monete,basta confrontare il busto,le lettere delle legende,le cifre della data e la croce,le immagini parlano chiaro...

IMG_20230313_174206.jpg

...

IMG_20230313_174300.jpg

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites


9 minuti fa, gennydbmoney dice:

Questo è il mio esemplare,lo posto per un confronto con il bellissimo grano di @Releo,la mia affermazione sullo stile non "ufficiale"non voleva intendere che il grano postato non sia uscito dalla zecca,ma di sicuro presenta delle differenze rispetto allo "standard" a cui siamo abituati per queste monete,basta confrontare il busto,le lettere delle legende,le cifre della data e la croce,le immagini parlano chiaro...

IMG_20230313_174206.jpg

...

IMG_20230313_174300.jpg

 

Bellissimo pezzo! Complimenti!

Chissà quanti inediti ancora nelle collezioni private!

  • Like 1
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


10 minuti fa, fedafa dice:

Bellissimo pezzo! Complimenti!

Chissà quanti inediti ancora nelle collezioni private!

 

Grazie per l"apprezzamento, concordo,in tutte le collezioni ci sono esemplari inediti...

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Genny, molto bello anche il tuo esemplare. Complimenti.

Un caro saluto.

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Davide Fabrizi ed Eliodoro Vagliviello, Abbondandis in adbondandum. Uno sconosciuto “minimo” argenteo di Filippo II battuto nella zecca di Napoli:
I due Autori hanno presentato una monetina inedita di grande interesse giocando, nel titolo, sulle parole del grande comico Totò tratte dal film Totò, Peppino e la Malafemmina del 1956, a sottolineare l’abbondanza di firme apposte dal maestro di prova su ambo i lati della moneta.

Esemplari belli ed interessanti.

Sto cercando di recuperare il testo.

Non sono un esperto, e quindi perdonate la domanda.

Concetto di “inedito”: come dovrebbe essere interpretato? C’è una regola? Una best practice? Rispetto a quali parametri e/o riferimenti?

Mille grazie.

Domenico

Link to comment
Share on other sites


8 ore fa, Oppiano dice:

Davide Fabrizi ed Eliodoro Vagliviello, Abbondandis in adbondandum. Uno sconosciuto “minimo” argenteo di Filippo II battuto nella zecca di Napoli:
I due Autori hanno presentato una monetina inedita di grande interesse giocando, nel titolo, sulle parole del grande comico Totò tratte dal film Totò, Peppino e la Malafemmina del 1956, a sottolineare l’abbondanza di firme apposte dal maestro di prova su ambo i lati della moneta.

Esemplari belli ed interessanti.

Sto cercando di recuperare il testo.

Non sono un esperto, e quindi perdonate la domanda.

Concetto di “inedito”: come dovrebbe essere interpretato? C’è una regola? Una best practice? Rispetto a quali parametri e/o riferimenti?

Mille grazie.

Domenico

 

Inedito per me è riferibile ad una moneta mai pubblicata nella bibliografia dedicata a quel tipo di monetazione. Questo non vuol dire che si parla a prescindere di una moneta estremamente rara, anzi inedita è anche una variante significativa mai riconosciuta come tale e quindi mai descritta in maniera corretta.

Diverso il discorso di moneta non censita, in quanto il censimento è riferito solamente a simboli o punteggiatura particolare e che, nel tempo, per l'ingente quantità di esemplari coniati non è mai stata riscontrata.

Di base l'inedito e il non censito si dovrebbero decretare SEMPRE con rarità  medio bassa (tipo R2) per poi alzarla o abbassarla nel tempo 

Ah dimenticavo, bisogna pure essere bravi a capire se è effettivamente una variante di conio meritevole di essere raccontata. Tutti i micro cambiamenti fisiologici in una produzione massiva come quella monetale li possiamo ignorare tranquillamente 

  • Like 2
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

Awards

Supporter

Layer1986, sei stato di una chiarezza estrema. Le tue precisazioni, ripensandoci, sono proprio giuste e adesso mi rendo conto che anche io non ero del tutto consapevole di cosa si dovesse intendere esattamente per “ inedito”, “ non censito”… Bravissimo. Grazie.

Link to comment
Share on other sites


20 ore fa, Oppiano dice:

Davide Fabrizi ed Eliodoro Vagliviello, Abbondandis in adbondandum. Uno sconosciuto “minimo” argenteo di Filippo II battuto nella zecca di Napoli:
I due Autori hanno presentato una monetina inedita di grande interesse giocando, nel titolo, sulle parole del grande comico Totò tratte dal film Totò, Peppino e la Malafemmina del 1956, a sottolineare l’abbondanza di firme apposte dal maestro di prova su ambo i lati della moneta.

Esemplari belli ed interessanti.

Sto cercando di recuperare il testo.

Non sono un esperto, e quindi perdonate la domanda.

Concetto di “inedito”: come dovrebbe essere interpretato? C’è una regola? Una best practice? Rispetto a quali parametri e/o riferimenti?

Mille grazie.

Domenico

 

(99+) " Abbondandis in adbondandum " - Uno sconosciuto "minimo" argenteo di Filippo II° battuto nella zecca di Napoli | Davide Fabrizi and Eliodoro Vagliviello - Academia.edu

Buona lettura!

Se come me preferisce sfogliare i libri con le dita può contattare il Circolo Numismatico Romano-Laziale che cura l'edizione di "Appunti Numismatici". Se non erro quello del 2017, ormai esaurito, è andato in ristampa. 

  • Like 1
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


Supporter
12 minuti fa, fedafa dice:

(99+) " Abbondandis in adbondandum " - Uno sconosciuto "minimo" argenteo di Filippo II° battuto nella zecca di Napoli | Davide Fabrizi and Eliodoro Vagliviello - Academia.edu

Buona lettura!

Se come me preferisce sfogliare i libri con le dita può contattare il Circolo Numismatico Romano-Laziale che cura l'edizione di "Appunti Numismatici". Se non erro quello del 2017, ormai esaurito, è andato in ristampa. 

 

Grazie, gentilissimo! 

Link to comment
Share on other sites


  • 2 months later...

Esprimo il mio personale parere riguardo alle presunte sigle MC/C del Grano oggetto della discussione:

La moneta ha subito doppia battitura,  lo si evince dalle lettere sdoppiate di PHILIPP, e di conseguenza anche le sigle MC hanno subito la stessa sorte.

L'unico vero MC/C è il Grano al post #8

Ripeto...mio personale parere, non tutti saranno d'accordo...ed è giusto che lo sia.

Saluti.

IMG-20230313-WA0055.jpg

Edited by Rocco68
Inserita immagine
Link to comment
Share on other sites


Supporter

Rocco, quello al n. 3 dici che non è un MC/C ? A me sembra che lo sia. Un caro saluto.

Link to comment
Share on other sites


1 ora fa, Releo dice:

Rocco, quello al n. 3 dici che non è un MC/C ? A me sembra che lo sia. Un caro saluto.

 

Carissimo Releo, ho dubbi che il tuo Grano sia un MC/C per via della doppia battitura...

Il Tornese di @Oppiano insegna...

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Rocco, io non insisto mai sugli aspetti tecnici di una moneta, per il semplice motivo che non mi sento all’altezza. E, quindi, sulla doppia battitura non mi pronuncio. Posso solo manifestare la sensazione di non vederla.
Comunque sia, la moneta è passata anche fra le mani di Davide Fabrizi ( che l’ha recensita e pubblicata su un volume edito dal circolo numismatico Romano-Laziale) e di Alessandro Marcoccia, perito numismatico, che,  a sua volta, l’ha pubblicata sul catalogo d’asta, precisandone chiaramente le peculiarità. 
Se, con tali garanzie,  non siamo tranquilli sulla corrispondenza di una moneta, allora significa proprio che le monete le dobbiamo lasciar stare e dedicarci ad altro! 
Ti saluto caramente.

Link to comment
Share on other sites


3 ore fa, Rocco68 dice:

Esprimo il mio personale parere riguardo alle presunte sigle MC/C del Grano oggetto della discussione:

La moneta ha subito doppia battitura,  lo si evince dalle lettere sdoppiate di PHILIPP, e di conseguenza anche le sigle MC hanno subito la stessa sorte.

L'unico vero MC/C è il Grano al post #8

Ripeto...mio personale parere, non tutti saranno d'accordo...ed è giusto che lo sia.

Saluti.

 

 

Quelle che vengono considerate come le "lettere sdoppiate di PHILIPP" altro non sono che la legenda del tondello precedente, cioè un tornese di Filippo II, PVBLICE COMMODITATI la cui unica parte visibile è BLI. Molto semplice e ben dimostrabile anche dalle foto. Tutto tra l'altro ben descritto nell'articolo citato. 

@Releo può star tranquillo sulle sigle, cosa tra l'latro confermata con l'ottimo esemplare postato da @gennydbmoney

Si può essere d'accordo o meno ma i dati oggettivi sono questi.

 

  • Like 2
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


50 minuti fa, fedafa dice:

Releo può star tranquillo sulle sigle, cosa tra l'latro confermata con l'ottimo esemplare postato

Mai messo in dubbio l'esistenza del Grano 1622 con sigle MC/C , il post #8 lo conferma.

Link to comment
Share on other sites


1 ora fa, Rocco68 dice:

Mai messo in dubbio l'esistenza del Grano 1622 con sigle MC/C , il post #8 lo conferma.

Non hai messo in dubbio l'esistenza della moneta ma certamente hai messo in dubbio quanto scritto da me e a questo punto suppongo senza nemmeno leggerlo 😉. Ma non ti preoccupare è un tuo diritto farlo. La critica è sempre ben accetta da parte mia. Anzi in passato ho subito di peggio qui sul forum al punto che ormai ho fatto l'abitudine. Però poi, se questi sono gli atteggiamenti della sezione, non lamentatevi della scarsa partecipazione.    

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


12 minuti fa, fedafa dice:

Però poi, se questi sono gli atteggiamenti della sezione, non lamentatevi della scarsa partecipazione.    

Non c'è bisogno di addossare la colpa della scarsa partecipazione in Sezione solo perché si hanno dei legittimi dubbi . 

16 minuti fa, fedafa dice:

suppongo senza nemmeno leggerlo

Ho letto...ma giudico (sbagliando) solo da immagini e non avendo visto la moneta dal vivo io purtroppo la lettera B non riesco proprio a scorgerla. 

Per quanto riguarda il buon @Releo, dopo l'ennesimo mio post ho capito che non bisogna mai contraddirlo 🤗 mai a sollevare dubbi sulle sue monete !

siamo in un Forum ragazzi!....è normale non essere d'accordo su ogni cosa.

Poi c'è chi accetta i pareri contrari e chi no, i problemi nella vita sono ben altri !

Allegria! E godete della nostra comune passione.

Saluti e baci.

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Rocco, dai, qui ti sbagli!  Io ti ho solo esposto la mia impressione, precisando anche che, per quanto riguarda l’aspetto tecnico di una moneta, non  mi sento all’altezza di controbattere. Il che è la pura verità.
Non penso proprio sia il caso di prendersela, non mi sembra ci siano i motivi. Il forum serve per chiarirci le idee, per scambiarci dei pareri. Io ho stima di te e sai bene che tengo molto in considerazione le tue valutazioni ed i tuoi consigli. Non mi fare restare male. 
Un caro saluto.

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.