Jump to content
IGNORED

Spada in bronzo da Capua Antica


vindar

Recommended Posts

Posted (edited)

 Al Museo Archeologico dell’Antica Capua (MAAC) è esposta questa spada in bronzo (la lama in bronzo sembra saldata nell’elsa, anch’essa in bronzo) rinvenuta in una tomba di una necropoli dell’Età del Ferro —necropoli del ‘’Nuovo Mattatoio’’, situata nella ‘’Località Parisi’’, a nord-ovest dell’abitato di Santa Maria Capua Vetere

IMG_8539.thumb.jpeg.8b28087d8a12aae8c45762d45a978f2b.jpeg

La spada è datata alla seconda metà del IX secolo a.C. (850-800 a.C.) e quindi alla fase iniziale dell’età del ferro. 

La lama, avendo incredibilmente mantenuto quel bel colore rosso tipico delle leghe di rame, ci ricorda che le armi dell’età del bronzo (e le armi in bronzo in genere come questa, che appartiene alla prima età del ferro) non erano grigio acciaio come vengono rappresentate nei film (film basati su Iliade od Odissea ad esempio). Il passaggio dal rame al ferro comportò in effetti anche un cambio di colore nelle battaglie. Avete mai pensato che le battaglie più antiche venivano combattute con lame rosse-rame?

Edited by vindar
  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Non solo con le lame delle spade ma anche con gli elmi ,gli scudi ,le corazze.

Praticamente era tutto uno sfolgorio eneo ed un ondeggiare di pennacchi e cimase...

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


 

42 minuti fa, Adelchi66 dice:

Non solo con le lame delle spade ma anche con gli elmi ,gli scudi ,le corazze.

Praticamente era tutto uno sfolgorio eneo ed un ondeggiare di pennacchi e cimase...

 

Bellissima immagine

Link to comment
Share on other sites


Veramente bella immagine @vindar @Adelchi66 , lo " sfolgorio eneo " di armi in battaglia, magari inframmezzato da rari lampi dorati, come di oro sono le armi che Glauco ( Iliade canto VI ) scambia con quelle in bronzo di Diomede .

Una buona serata

 

Iliade - Canto VI.jpg

  • Like 1
  • Thanks 2
Link to comment
Share on other sites


  • 2 weeks later...
Posted (edited)

image.png.408155791dd7805df4cb50e0c4df38e3.png

Riproduzione di spada dell'età del bronzo " in bronzo" di Neil Burridge, il più conosciuto fabbro per riproduzioni di armi per  musei inglesi e non solo.

Come si vede il colore non è rossiccio, e nelle spiegazioni che Neil da delle tecniche di lavorazione del bronzo parla anche dei molteplici luoghi comuni che circondano il mondo delle armi antiche 

image.png.8a81cf3c7bd30d00b849d91eabd0f30d.png

Edited by Euskadi
Link to comment
Share on other sites


Sicuro sia bronzo? Cercando questo fabbro su internet compaiono molte foto con spade di colore rosso.

Link to comment
Share on other sites


Posted (edited)

 

Il 13/5/2024 alle 13:56, vindar dice:

Sicuro sia bronzo? Cercando questo fabbro su internet compaiono molte foto con spade di colore rosso.

 

Si sicuro

Però non devi guardare le foto in generale perché ogni spada ha le sue peculiarità, se sei interessato all'argomento dovresti leggere i report di lavoro e le sue esperienze di archeologia sperimentale. Si tratta di un esperto di primo piano,  ho visto dei lavori fatti da lui e ricordo anche la copia di un pugnale che ha realizzato per il museo di Stonehenge di cui dovrei avere ancora una foto. 

IMG-20240514-WA0001.jpg

Questa è la foto che ti dicevo dal museo di Stonehenge: sotto il pugnale trovato in zona e sopra la copia completa dell'impugnatura 

Edited by Euskadi
Link to comment
Share on other sites


Ma vorrei aggiungere qualcosa della mia esperienza personale che è in linea con le sue idee: il bronzo come saprai è una lega e quindi relativamente ai materiali utilizzati avremo un risultato, per esempio a me è capitato di fare ex novo una piccola molla per uno strumento antico in bronzo perché l'originale si era rotta a causa dell'usura, bene ti assicuro che la durezza del materiale non era inferiore a quella di molti acciai. Un altro aspetto riguardante il colore di alcuni bronzi, ad esempio quelli  usati per gli specchi antichi: tu credi che i romani si specchiassero con specchi rossi? Per quello che ti posso dire sempre riguardo la mia esperienza, alcune leghe di bronzo sono quasi bianche, tipo oro molto basso o bianco, cioè solo con una sfumatura di colore, poi  Il metallo ossida velocemente cambiando colore, bastano pochi mesi, ma  nel caso di armi o specchi venivano lucidati frequentemente mantenendo cosi il colore della fusione.

Link to comment
Share on other sites


3 ore fa, Euskadi dice:

Ma vorrei aggiungere qualcosa della mia esperienza personale che è in linea con le sue idee: il bronzo come saprai è una lega e quindi relativamente ai materiali utilizzati avremo un risultato, per esempio a me è capitato di fare ex novo una piccola molla per uno strumento antico in bronzo perché l'originale si era rotta a causa dell'usura, bene ti assicuro che la durezza del materiale non era inferiore a quella di molti acciai. Un altro aspetto riguardante il colore di alcuni bronzi, ad esempio quelli  usati per gli specchi antichi: tu credi che i romani si specchiassero con specchi rossi? Per quello che ti posso dire sempre riguardo la mia esperienza, alcune leghe di bronzo sono quasi bianche, tipo oro molto basso o bianco, cioè solo con una sfumatura di colore, poi  Il metallo ossida velocemente cambiando colore, bastano pochi mesi, ma  nel caso di armi o specchi venivano lucidati frequentemente mantenendo cosi il colore della fusione.

 

Certo ma aumentando lo stagno la lega diviene più dura e meno elastica. Ciò equivale a produrre oggetti che mal sopportano gli urti. Per uno specchio forse va bene usare una lega dura per sfruttarne un colore meno ramato ma per le spade credo che l’obiettivo fosse quello di ottenere il miglior compromesso tra durezza e deformabilità ( per ottenere rispettivamente una lama sufficientemente rigida e tagliente ma che non si spezzi in due…)

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Posted (edited)

Le leghe non si limitano a due elementi, in questo caso il bronzo non è solo rame e stagno. Altro aspetto da non dimenticare la tecnica di realizzazione che comprende molteplici passaggi dopo la fusione.

Ultimo appunto che vorrei fare è che le spade dell'età del bronzo erano piccole e leggere, ma raramente si spezzavano perche non venivano usate per dare colpi come si vede nei film, ma soprattutto per trafiggere  per quasi tutta la loro storia, solo verso la fine del bronzo si è cominciato a costruire armi più grandi da usare anche di taglio. Il punto critico di queste spade era l'impugnatura dove ci sono i fori per i perni ribattuti.

Ma tutto questo non centra con il colore. "Neil" in questo caso realizza le copie dopo un analisi sul materiale dell'arma originale e dalla composizione del materiale antico  deriva il colore del bronzo della copia 

Edited by Euskadi
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.