Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
antonello

MG
Metaponto

Si legge appena META ma la spiga mantiene ancora il suo fascino. :wub:

Mi sembra che abbia 8 grani.

post-709-1187123682_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

28 mm, 7.80 g.

SNG ANS 216?

post-709-1187123850_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

un po' consumata ma con tutto il suo fascino!

complimenti lele

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si tratta di una moneta sempre molto interessante ed affascinante :wub: , sotto il profilo storico e numismatico. Complimenti sinceri :)

Giacomo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Antonello, non vorrei allarmare nessuno, ma i rilievi non mi piacciono.

Sull'intera superficie sono omogeneamente consumati.

Persino nelle zone interne protette dai rilievi... <_<

Non saprei, è difficile che l'argento si consumi in questo modo, forse è rimasta in un luogo che ha "mangiato" un sottilissimo strato d'argento su tutta la superficie, ma non ci giurerei.

Potrebbe anche trattarsi di un conio "stanco", eccessivamente usurato.

Anche la spiga incusa al rovescio mi dà qualche perplessità, vedi il disegno che strana conformazione prende circa a 3/4 di altezza!? :(

Certo come sempre sosteniamo le foto non aiutano, ma il mio consiglio è di farla vedere a un esperto professionista, se non l'hai già fatto. ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Antonello, non vorrei allarmare nessuno, ma i rilievi non mi piacciono.

Sull'intera superficie sono omogeneamente consumati.

Persino nelle zone interne protette dai rilievi... <_<

Non saprei, è difficile che l'argento si consumi in questo modo, forse è rimasta in un luogo che ha "mangiato" un sottilissimo strato d'argento su tutta la superficie, ma non ci giurerei.

Potrebbe anche trattarsi di un conio "stanco", eccessivamente usurato.

Anche la spiga incusa al rovescio mi dà qualche perplessità, vedi il disegno che strana conformazione prende circa a 3/4 di altezza!? :(

Certo come sempre sosteniamo le foto non aiutano, ma il mio consiglio è di farla vedere a un esperto professionista, se non l'hai già fatto. ;)

253477[/snapback]

...potrebbe essere una moneta, trovata in mare...la sabbia, riesce a levigare molto bene anche le parti più nascoste...come l'incuso di questa moneta...

Marco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Quello che penso anche io, fare una moneta falsa e consumarla in quel modo non ha senso.

Modificato da Giovenaledavetralla

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Concordo con cori, potrebbe essere un ipotesi da aggiungere al conio usurato, continua invece a non convincermi il disegno dell'incuso.

Per giovenale: i rilievi poco marcati non sarebbero voluti da un falsario, ma sarebbero il risultato di un processo di falsificazione che non è riuscito a riprodurre i netti rilievi dell'originale (es. processo di fusione).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Si ho capito cosa intendi.

Ma se facciamo un discorso a monte e pensiamo che il falsario fà una moneta per farci dei soldi.

E se questa gli è venuta male anche metterla sul mercato ne ricaverebbe ben poco, a questo punto gli converebbe rifonderla e rifarla.

Modificato da Giovenaledavetralla

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sicuramente io la farei periziare.........concordo con miglio nel notare alcuni difetti ( il bordo non mi convince, come anche la scarsa impressione dell'incuso, nonchè quella sbavatura di metallo tra le spighe a ore 3).............un ultima cosa il colore , sembra che la moneta sia stata messa in acido cloridrico per ''invecchiarla'', sottolineo''sembra'' perchè le foto ingannanno...speriamo che sia invece autentica perchè il pezzo è interessante ;) ciao :lol:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Concordo con cori, potrebbe essere un ipotesi da aggiungere al conio usurato, continua invece a non convincermi il disegno dell'incuso.

Per giovenale: i rilievi poco marcati non sarebbero voluti da un falsario, ma sarebbero il risultato di un processo di falsificazione che non è riuscito a riprodurre i netti rilievi dell'originale (es. processo di fusione).

253487[/snapback]

...personalmente, credo sia buona...ripeto, la salsedine e la sabbia, possono ridurre la moneta in quasto stato...i rilievi sia del dritto che del rovescio, sono stati erosi....é tipico degli oggetti metallici rinvenuti nella sabbia...

Marco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Interessanti e valide le supposizioni di miglio ma ugualmente non nutro forti dubbi sulla sua autenticità. Coni stanco abbinati all'azione dell'acqua + sabbia potrebbero dare sicuramente questie effetti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie a tutti per i commenti e gli interessanti spunti di riflessione ed osservazione. :)

Allego una foto del bordo, la moneta mi sembra coniata ed all'osservazione de visu mi sembra ricoperta da un velo di ossido d'argento, propendo per la tesi di cori che mi sembra ben spiegare le puntuali affermazioni di miglio.

Ascolterò il vostro consiglio e farò periziare questa anziana signora che, seppure non più in forma come un tempo è - ai miei occhi - ancora desiderabile.

post-709-1187356697_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Le ipotesi avanzate riguardo il logorio della moneta sono ben motivate ma vorrei fare qualche osservazione. Quando Antonello ha postato lo statere ha indicato, seppur dubitativamente, un confronto con SNG ANS n. 216, che corrisponde alla classe VI, coppia di coni n. 128, della classificazione Johnston (A. Johnston, The Coinage of Metapontum, parts I and II by S.P.Noe, with Additions and Corrections by A. Johnston, ANS NNM 32, 47, New York 1984).

In questa classe la studiosa include 24 coppie di coni (nn. 112-135; modulo compreso tra 26 e 27,5 mm) delle quali la n. 118 (e, seppur in misura minore, la n. 119) presenta, al rovescio, un grado di consunzione alquanto simile a quello dello statere postato.

Potrebbe pertanto trattarsi di un momento della coniazione metapontina particolarmente intenso, con coni adoperati fino all'usura. Ovviamente non si può escludere che il logorio sia stato causato o da una prolungata circolazione o da modalità connesse al rinvenimento (mare?) come ipotizzato da Cori.

Saluti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Le ipotesi avanzate riguardo il logorio della moneta sono ben motivate ma vorrei fare qualche osservazione. Quando Antonello ha postato lo statere ha indicato, seppur dubitativamente, un confronto con SNG ANS n. 216, che corrisponde alla classe VI, coppia di coni n. 128, della classificazione Johnston (A. Johnston, The Coinage of Metapontum, parts I and II by S.P.Noe, with Additions and Corrections by A. Johnston, ANS NNM 32, 47, New York 1984).

In questa classe la studiosa include 24 coppie di coni (nn. 112-135; modulo compreso tra 26 e 27,5 mm) delle quali la n. 118 (e, seppur in misura minore, la n. 119) presenta, al rovescio, un grado di consunzione alquanto simile a quello dello statere postato.

Potrebbe pertanto trattarsi di un momento della coniazione metapontina particolarmente intenso, con coni adoperati fino all'usura. Ovviamente non si può escludere che il logorio sia stato causato o da una prolungata circolazione o da modalità connesse al rinvenimento (mare?) come ipotizzato da Cori.

Saluti

253587[/snapback]

Grazie dracma, il tuo aiuto bibliografico e scientifico ha certamente chiarito gran parte dei miei dubbi. ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?