Jump to content
IGNORED

rosa delle alpi


giorgioVII
 Share

Recommended Posts

Mi hanno consigliato di spostare questa discussione da IDENTIFICAZIONI alla sezione MEDAGLISTICA.

questa moneta, sigillo, medaglia o gettone è stato acquistato in un negozio di numismatica. Apparteneva a un loto di monete di cattiva conservazione, non identificate e vendute ad un prezzo forfettario di 3 euro caduna.

Mi hanno incuriosito le figure rappresentate su intrambi i lati. Da una parte la famosa rosa delle alpi e dall'altro lato sembra sia rappresentata una composizione floreale.

Il materiale e morbido. La moneta di piega facilmente, pesa 6 grammi, ha un diametro di 24 mm e uno spessore di 1,7 mm.

Confido negli amici monetani per l'identificazione.

Grazie.

Giorgio VII

post-6626-1189257811_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Ciao. Su un verso della medaglia appare quello che tu hai definito una composizione floreale.

Guardandola bene con una lente, è possibile che invece sia un volto di leone, con a fianco due ali ?

Inoltre : a fianco di quella che chiami rosa delle alpi, attorno al fiore, sulla destra, ci sono alcune macchiette di ruggine : potrebbero essere lettere alfabetiche?

Strano oggetto, anche perché - visto le tracce dell'appiccagnolo - non è un gettone, ma una medaglia, del tutto profana, e che non si capisce a cosa si riferisca. Non deve essere neppure molto recente.... :(

Link to comment
Share on other sites


ciao Sandokan. Anch'io avevo ipotizzato che si trattassero di ali, ma non identificando altro avevo optato per una composizione floreale.

Certamente non è recente. A mio parere il disegno, il materiale e le tracce dell'appiccicagnolo (il piombo era utilizzato dagli antichi romani per le tubature e per i piatti) portano a pensare che si tratta di una medaglia devozionale o di casta.

Le scritte attorno alla rosa? Sicuramente sì.

Il volto del leone con le ali. Forse.

Ora si tratta di identificare in quale periodo e la cultura, società o civiltà che ha prodotto e utilizzato il simbolo della rosa delle alpi. Una mia amica mi ha detto di avere un libro per il riconoscimento e provenienza di questi simboli ma per darmi una risposta precisa deve recuperare il volume.

Aspettiamo gli sviluppi.

Ciao. Giorgio VII

Alt. Ecco la risposta. Sul volune DISEGNO ORNAMENTALE edito dalla Hoepli nel 1970 di Claude Humbert professoree delle arti decorative di Ginevra, la Rosa delle Alpi è rappresentata nel palazzo Nimroud in Mesopotania (IV millennio A.C.) Nel volune non è rappresentato il leone con le ali, figura classica di Babilonia (dal 3000 A.C) in poi. E la sirena? Forse nell'antica Grecia.

Apettiamo altri interventi. Questa identificazione sta diventando interessante.

Saluti a tutti. Giorgio VII

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Ciao Giorgio. Avevo azzardato l'ipotesi di un leone alato, in quanto ho presente uno stemma in cui il Leone di San Marco è ritratto frontalmente, e le ali salgono a formare quasi un ovale appuntito : purtroppo non sono ancora riuscito a rintracciare materialmente questo stemma, che è riportato il un libro che al momento non trovo.

Ho provato anche ad ingrandire l'immagine che hai inviato : non ne ho tratto un gran chè, anche a leggervi un leone ci vuole della fantasia....peccato. :(

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Surrended..... :(

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.