Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
arrigome

I Sesterzi di Britannico

Risposte migliori

arrigome

Negli ultimi 5 anni sono apparsi nei cataloghi d'asta alcuni sesterzi di Britannico.

Vedi Gorny & Mosch catalogo n. 147 marzo 2006 moneta n. 1991; Mumismatica Ars. Classica n. 39, maggio 2007 moneta n. 1991 (esemplare tra i + belli mai apparsi) e altri ancora... fino al recente Gorny & Mosch, catalogo n. 159 8 ottobre 2007, moneta n. 376.

I dubbi sull'autenticità dei sesterzi di Britannico sono noti, vedi Banti - Simonetti, in Corpus Nummorum Romanorum Vol XVI, nel quale riporta che detti sesterzi apparvero solo verso la fine del 1700!!!

Qualcuno può esprimere la sua idea.

Saluti... e sempre in gamba.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

arrigome

..Se qualcuno può caricare qualche foto ;)

Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

crivoz

Se non sbaglio a fine 800 ne erano tracciati un cinque esemplari circa...poi con i ritrovamenti dall'est europeo ne sono apparsi altri..

Io ho avuto fra le mani un sesterzio di Britannico e l'impressione che ne scaturiva osservandolo era quella di una moneta fioca...quasi evanescente, con rilievi bassi...

Sovente si dice che furono battuti da una zecca del Mar Nero...nel periodo di Tito, compagno di giochi di Britannico....a me non e' che convinca piu' di tanto...

Perche' Tito nel ricordare il suo amico avrebbe affidato ad una zecca periferica il compito di celebrare il figlio di Claudio ??? Mah..

Ottimo studio su Britannico lo fece il grande Babelon in :

"Babelon, J., ‘Numismatique de Britannicus’, "un decina di pagine con tutte le monete di Britannico conosciute illustrate

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Guest Eurosabre

Forse questo è il piu' eloquente , in tutti i sensi ; anche per il fatto che non è stato venduto !

Daltronde non esistono poi tanti pazzi disposti a spendere questa cifra per un dubbio storico ! :

http://www.coinarchives.com/a/lotviewer.ph...ucID=27&Lot=308

....oltre a non essere neppure di grande stile .....

Modificato da Eurosabre

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
caiuspliniussecundus

Il caso di Britannico insegna quanto sia azzardato in campo numismatico spendere tanti soldi per monete rare. Rare oggi, ma forse comuni domani. Come il denario di Lentulus, ormai comune. I ritrovamenti sono all'ordine del giorno, soprattutto nell'Est (zona dove forse fu battuto appunto il sesterzio) Chi si azzarderebbe mai a spendere 80000 dollari per un sesterzio quando già si vocifera che hanno effettuato dei ritrovamenti per cui da R5 passa a R3 ??? L'anno scorso ho seguito la vendita di un esemplare su un sito tedesco per 4500 euro (un po' malmesso, ma era lui). Ormai ogni anno ne escono un paio, Britannico non è più una rarità.

Se si devono per forza spendere cifre folli, meglio allora spendere per una moneta più comune ma in alta conservazione che per una rara.

Caius

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

arrigome

Vedo che dalla discussione emerge la condivisione comune che la rarita del sesterzio di Britannico, falso o no, è passato da R5 a R2/3 e che purtroppo anche le aste più serie tentano di piazzare qualche pezzo senza preoccuparsi + di tanto.

Io nella mia collezione mi sono accontentato di inserire nello spazio mancante... il solo disegno del suo ritratto... mi piacerebbe inserire almeno un "padovanino"... ma pare che nn esistano... come invece esiste per il sesterzio di Otho.

Cmq.. ringrazio tutti quelli che hanno inviato il loro contributo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

arrigome

Mi scuso con:Sandy, Lorenzo Bassi Caius P.S. e Crivoz che primi già nel mese di maggio 2007 avevano aperto una discussione sui sesterzi di Britannico, che cmq ringrazio per aver approfondito l'argomento e aver dato nuovi spunti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

arrigome

Ringrazio inoltre AVGUSTVS per aver fornito una intera galleria di esemplari, alcuni mai visti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

karnescim
Eccone alcuni esempi:

http://www.coinarchives.com/a/results.php?...r+AND+41+AND+55

Personalmente penso, non avendone mai visto uno dal "vivo", che sia un po' difficile (anche se non impossibile...) che siano tutti falsi. ;)

262238[/snapback]

avete notato che la monta N°1 e N°4 del link sopra segnalato sembrano la stessa?

la 1 sarebbe stata venduta il 23/05/07 per 4150 USD mentre la 4 sarebbe rimasta invenduta su una stima di 3000 euro il 07/03/06

le legende e le immagini sono consumate allo stesso modo e il contorno ha la stessa forma

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

crivoz
Io nella mia collezione  mi sono accontentato di inserire nello spazio mancante... il solo disegno del suo ritratto... mi piacerebbe inserire almeno un "padovanino"... ma pare che nn esistano... come invece esiste per il sesterzio di Otho.

Perche' accontentarti di una fotografia ?? Di britannico esistono monete ben piu' comuni come l'AE coloniale di Smirne (anche se non tutti concordano su Britannico).

Eccone un esempio (esposto a Vinovo)

Diritto:

post-1909-1190319341_thumb.jpg

Rovescio:

post-1909-1190319367_thumb.jpg

Quello che non mi convince dei discorsi sulla loro coniazione e' questo.

Se vero come dicono che sono di zecca del Mar Nero perche' sono cosi' diversi di stile gli Agrippina ed i Nerone dai Britannico ? Inoltre si ritiene che Britannico sia stato coniato da Tito. Mi pare poco plausibile che tali zecca abbiano coniato monete cosi' strane a distanza di un ventina di anni una dall'altra..non ritenendo credibile che Tito abbia coniato anche a nome di Agrippina figlia e Nerone...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

arrigome

Per uno che colleziona sesterzi....!!!

NN nascondo che mi piacerebbe "trovarne" uno!

Cmq. mi coinvolge molto il cercare... di capire se quanto è messo nel mercato sia genuino o no... Ritengo che, scambiare informazioni e immagini, è come raccogliere le tessere di un grande puzzle che prima o poi verrà completato... vedi anche il caso del denario di Brutus Letulus... nella discussione Monete Repubblicane, sicuramente tra poco porterà ad una chiara risposta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×