Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
adalberto

AES GRAVE

Risposte migliori

adalberto

Chiedo cortesemente di volermi indicare qualche venditore di monete Aes grave in buono stato, modulo medio/grande non romane ma Italia Centrale o Magna Grecia.

Sembra che lo Stato li abbia fatti scomparire dalla circolazione considerando tal genere di monete di esclusiva sua proprietà. Sbaglio di molto? Ringrazio per una cortese esauriente risposta.

Adalberto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numa numa

Adalberto,

non esistono venditori che si dedicano a tale genere di collezione.

Esistono delle collezioni dedicate a tale genere che, di tanto in tanto, arrivano sul mercato e che normalmente vengono affidate a case d'asta di rinomata fama che provvedono ad includerle nei propri cataloghi assieme ad altro materiale.

Quando una collezione e' particolarmente importante costitutira' un catalogo a se', ma ormai sono diversi anni che non ne arriva una sul mercato. L'ultima risale a diversi anni fa ed e' stata venduta dalla NAC.

Ultimamente vi sono stati diversi insiemi interessanti di tali monete inclusi nelle vendite di Kuenker, Artemide, CNG e anche M&M.

Il mio consiglio e' comunque di usare molta cautela negli acquisti perche' questo e' una delle serie (assieme a quella degli aurei romani) piu' presa di mira dai falsari e non e' raro imbatteri in esemplari falsi anche nelle collezioni piu' importanti e specializzate. Quindi ok agli acquisti ben valutati con l'aiuto di un esperto.

numa numa

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

adalberto
Adalberto,

non esistono venditori che si dedicano a tale genere di collezione.

Esistono delle collezioni dedicate a tale genere che, di tanto in tanto, arrivano sul mercato e che normalmente vengono affidate a case d'asta di rinomata fama che provvedono ad includerle nei propri cataloghi assieme ad altro materiale.

Quando una collezione e' particolarmente importante costitutira' un catalogo a se', ma ormai sono diversi anni che non ne arriva una sul mercato. L'ultima risale a diversi anni fa ed e' stata venduta dalla NAC.

Ultimamente vi sono stati diversi insiemi interessanti di tali monete inclusi nelle vendite di Kuenker, Artemide, CNG e anche M&M.

Il mio consiglio e' comunque di usare molta cautela negli acquisti perche' questo e' una delle serie (assieme a quella degli aurei romani) piu' presa di mira dai falsari e non e' raro imbatteri in esemplari falsi anche nelle collezioni piu' importanti e specializzate. Quindi ok agli acquisti ben valutati con l'aiuto di un esperto.

numa numa

265829[/snapback]

La ringrazio tanto per gli accorti suggerimenti che terrò ben presente. Adalberto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

caiuspliniussecundus
Sembra che lo Stato li abbia fatti scomparire dalla circolazione considerando tal genere di monete di esclusiva sua  proprietà. Sbaglio di molto?  Ringrazio per una cortese esauriente risposta.

Adalberto

265592[/snapback]

Questa frase non me la sento di sottoscriverla. Lo Stato considera suo molto di più dell'aes grave, se è per questo. E' vero però che questo tipo di monetazione è stato studiato molto da autori italiani, mentre invece la monetazione romana imperiale ci è stata "scippata" negli studi dagli autori inglesi ed anglosassoni. E' un vero peccato dover sempre studiare testi inglesi per le monete coniate a Roma.

Per quanto riguarda gli aspetti commerciali, vale quanto detto numa, ogni asta propone qualcosina, prevalentemente pezzi fusi a Roma, però, tipo la serie della Prora/Giano.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

adalberto
Sembra che lo Stato li abbia fatti scomparire dalla circolazione considerando tal genere di monete di esclusiva sua  proprietà. Sbaglio di molto?  Ringrazio per una cortese esauriente risposta.

Adalberto

265592[/snapback]

Questa frase non me la sento di sottoscriverla. Lo Stato considera suo molto di più dell'aes grave, se è per questo. E' vero però che questo tipo di monetazione è stato studiato molto da autori italiani, mentre invece la monetazione romana imperiale ci è stata "scippata" negli studi dagli autori inglesi ed anglosassoni. E' un vero peccato dover sempre studiare testi inglesi per le monete coniate a Roma.

Per quanto riguarda gli aspetti commerciali, vale quanto detto numa, ogni asta propone qualcosina, prevalentemente pezzi fusi a Roma, però, tipo la serie della Prora/Giano.

266009[/snapback]

Ringrazio anche lei per la cortese risposta.La serie Prora/Giano è abbastanza reperibile seppure in non ideale stato di conservazione. Ma mi riferivo agli stupendi Aes Grave di Italia Centrale (Hatria, Iguvium, ...) ormai purtroppo irreperibili.Sgattaiolando tra le occhiute spire dello Stato dove mai potremmo trovarli in vendita se non presso qualche ricercatore che va nottetempo col detector a sfrugugliare tra le rovine delle città scomparse? O c'è in giro ancora qualche coraggioso venditore?

Un cordiale saluto da Adalberto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Paleologo
Sgattaiolando tra le occhiute spire dello Stato dove mai potremmo trovarli in vendita se non presso qualche ricercatore che va nottetempo col detector a sfrugugliare tra le rovine delle città scomparse?

266159[/snapback]

Caro Adalberto, questa sua espressione è talmente paradossale che posso solo pensare che lei stia facendo lo spiritoso (in modo un po' grossolano, peraltro...)

Si rende conto o no che questa frase, ai sensi della legge attuale, equivale a scrivere "Non riesco a trovare quel certo modello di Rolex, ho chiesto al Murena se me lo può sfilare dalla cassaforte dell'Ing. Pizzigoni"?!?

Io sinceramente mi sono un po' stufato di moderare interventi in cui ci si fa beffe pubblicamente della legge e delle regole sociali. Ognuno la pensi pure come gli pare ma prima di azionare la tastiera si prega di accendere il cervello. Grazie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cliff

Si rende conto o no che questa frase, ai sensi della legge attuale, equivale a scrivere "Non riesco a trovare quel certo modello di Rolex, ho chiesto al Murena se me lo può sfilare dalla cassaforte dell'Ing. Pizzigoni"?!?

Sono d'accordo con Paleologo, non mi sembra il posto adatto per lanciare frasi ambigue e sibilline che tradiscono una certa insofferenza verso l'operato dello Stato, insofferenza secondo me fuoriluogo in questo ambito specifico.Non siamo al bar con gli amici, ricordiamocelo.

ps. l'immagine del Murena m'ha fatto spisciare! :lol: :lollarge:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numa numa

Ringrazio anche lei per la cortese risposta.La serie Prora/Giano è abbastanza reperibile seppure in non ideale stato di conservazione. Ma mi riferivo agli stupendi Aes Grave di Italia Centrale (Hatria, Iguvium, ...) ormai purtroppo irreperibili.Sgattaiolando tra le occhiute spire dello Stato dove mai potremmo trovarli in vendita se non presso qualche ricercatore che va nottetempo col detector a sfrugugliare tra le rovine delle città scomparse? O c'è in giro ancora qualche coraggioso venditore?

Un cordiale saluto da Adalberto

266159[/snapback]

Non c'e' bisogno di arrivare a tanto :lol:

Anche se molto rari i pezzi che menzioni ogni tanto fanno capolino in qualche asta ben selezionata. Ma... attenzione sempre e comunque ai falsi. Prendere bene informazioni prima di fare offerte..!

numa numa

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

adalberto
Sgattaiolando tra le occhiute spire dello Stato dove mai potremmo trovarli in vendita se non presso qualche ricercatore che va nottetempo col detector a sfrugugliare tra le rovine delle città scomparse?

266159[/snapback]

Caro Adalberto, questa sua espressione è talmente paradossale che posso solo pensare che lei stia facendo lo spiritoso (in modo un po' grossolano, peraltro...)

Si rende conto o no che questa frase, ai sensi della legge attuale, equivale a scrivere "Non riesco a trovare quel certo modello di Rolex, ho chiesto al Murena se me lo può sfilare dalla cassaforte dell'Ing. Pizzigoni"?!?

Io sinceramente mi sono un po' stufato di moderare interventi in cui ci si fa beffe pubblicamente della legge e delle regole sociali. Ognuno la pensi pure come gli pare ma prima di azionare la tastiera si prega di accendere il cervello. Grazie.

266345[/snapback]

Il mio cervello è acceso da molti anni; la ringrazio per l'allusiva sua ironia che messa al confronto con ben comuni opinioni sulle legiferate invadenze di Stato in ogni settore della vita economico-sociale è ben più grave. Ad ogni buon conto la partita e il mio modo di pensare su questo pregevole sito numismatico è definitivamente chiusa. Il suo invito a pensarla come ci pare non abbisognava di offensive sarcastiche precisazioni. G :D razie al Cielo, ci son milioni di Italiani che la pensano non solo nel campo della Numismatica in modo ben diverso da Lei.Non siamo noi a farci beffe della legge: è la legge che si fa beffe della nostra civica libertà e delle nostre proprietà private. Con un auspicabile "amen", la saluto distintamente.

Adalberto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

caiuspliniussecundus

Adalberto

non ha nessuna importanza che cosa uno pensi o non pensi.

Semplicemente questo forum è pubblico, pertanto non è ammessa l'apologia di reato. La Sua allusione al reato di ricettazione e soprattutto la sua equiparazione del collezionista ad un ricettatore è grave e pertanto va censurata.

Fermo restando che in questo forum bisogna per prima cosa rispettare le leggi dello Stato (giuste ingiuste che possano apparire), Lei è ben accetto se intende regolarsi di conseguenza. Non si stupisca se i moderatori intervengono quando serve.

Caius

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

adalberto
Adalberto

non ha nessuna importanza che cosa uno pensi o non pensi.

Semplicemente questo forum è pubblico, pertanto non è ammesa l'apologia di reato. La Sua allusione al reato di ricettazione e soprattutto la sua equiparazione del collezionista ad un ricettatore è grave e pertanto va censurata.

Fermo restando che in questo forum bisogna per prima cosa rispettare le leggi dello Stato (giuste ingiuste che possano apparire), Lei è ben accetto se intende regolarsi di conseguenza. Non si stupisca se i moderatori intervengono quando serve.

Caius

266671[/snapback]

Egregio signor Caius, non ho alcuna intenzione di alimentar polemiche. Sono entrato in punta di piedi con un rispettoso "chiedo cortesemente di volermi indicare...." e me ne esco definitivamente altrettanto rispettosamente restando nella convinzione che le da me auspicate possibili acquisizioni "di sotterfugio" sgattaiolando invadendi normative di Stato inerenti la Numismatica non intendono equiparare il collezionista a un ricettatore istigandolo a compiere un reato : sono scaturite quale ironica reazione verso a mio avviso scorrette legalizzate ingerenze a danno del privato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Paleologo

Purtroppo le istituzioni non sempre brillano per ironia. Proporrei quindi di inserire i commenti ironici del tipo di quello sopra riportato in un tag HTML che ne renda esplicita la natura ironica: qualcosa del tipo

[battuta_ironica]
...
[/battuta_ironica]

In questo modo si potrà dare tranquillamente sfogo ai propri sentimenti anti-establishment senza rischiare di procurare rogne a chi (e non parlo di me) si fa un mazzo tanto per far funzionare questo forum.

Grazie, P.

P.S. Dato che questa discussione ha assunto un tono polemico fin dall'esordio, ne suggerirei la chiusura.

Modificato da Paleologo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

adalberto
Purtroppo le istituzioni non sempre brillano per ironia. Proporrei quindi di inserire i commenti ironici del tipo di quello sopra riportato in un tag HTML che ne renda esplicita la natura ironica: qualcosa del tipo

[battuta_ironica]
...
[/battuta_ironica]

In questo modo si potrà dare tranquillamente sfogo ai propri sentimenti anti-establishment senza rischiare di procurare rogne a chi (e non parlo di me) si fa un mazzo tanto per far funzionare questo forum.

Grazie, P.

P.S. Dato che questa discussione ha assunto un tono polemico fin dall'esordio, ne suggerirei la chiusura.

266739[/snapback]

(Al fine di evitar di procurar rogne a chi "si fa un mazzo" tanto (così) per far funzionare questo (encomiabile) forum ). Avendo io rispettosamente già "chiuso"

l'argomento, mi consenta di considerare perlomeno inutili il suo suggerimento , le sue ironie e le sue "piccanti" massime.

Distintamente, Adalberto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Paleologo

Adalberto, assumendo che lei in quanto iscritto al forum abbia letto, compreso e accettato il URL=http://www.lamoneta.it/index.php?act=boardrules]REGOLAMENTO[/url], le suggerisco di leggere (o rileggere) le DOMANDE FREQUENTI (FAQ), in particolare le sezioni 1 e 2, e soprattutto una preziosa paginetta intitolata "Decalogo del buon Lamonetiano".

Cordialmente, P. ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

heineken79

Sì, questa discussione non ha più nulla da aggiungere a quanto detto

Penso che si possa chiudere serenamente ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

adalberto
Adalberto, assumendo che lei in quanto iscritto al forum abbia letto, compreso e accettato il URL=http://www.lamoneta.it/index.php?act=boardrules]REGOLAMENTO[/url], le suggerisco di leggere (o rileggere) le DOMANDE FREQUENTI (FAQ), in particolare le sezioni 1 e 2, e soprattutto una preziosa paginetta intitolata "Decalogo del buon Lamonetiano".

Cordialmente, P.  ;)

266754[/snapback]

Ho accettato di buon grado la sua cordiale conclusiva ....strizzatina d'occhio (e quella altrettanto cordiale del signor heineken79) e le assicuro di essere tornato a rileggere tutti gli articoli inerenti il Regolamento di questo sito. Nessuno escluso.

A meno che non voglia lei aiutarmi a individuare altrove le mie gravi manchevolezze,

credo di poter serenamente asserire di non dover....andare a Canossa.

Con rinnovata cordialità, Adalberto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ospite
Questa discussione è chiusa.
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×