Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
c.fago

Follis Giustiniano I

Risposte migliori

c.fago

Salve, solo recentemente mi sono accostato alla numismatica ed anche se il mio maggior interesse va alla monetazione spagnola coloniale moderna, tuttavia non disdegno altre epoche e tipologie. Qualche giorno fa ho acquistato tramite Ebay due monete bizantine di grosso modulo in bronzo provenienti da uno stesso lotto, aggiudicandomele in un asta per una cifra infima, ma da un venditore con ottimo punteggio di feedback, per farne un regalo alla mia ragazza che è laureanda in archeologia medievale (disciplina che, diversamente dai più convenzionali limiti temporali del Medioevo, si occupa per lo più del Tardo antico fino al Mille). Premettendo che so ancora pochissimo in materia (anzi di meno) e che lo stato di conservazione delle monete, soprattutto sul diritto, è veramente cattivo, ho azzardato un'identificazione, basandomi però solo su materiale reperibile in rete. Vorrei, per quanto possibile, averne una conferma, a partire naturalmente dalla loro autenticità.

Purtroppo per il peso non posso fornire dati precisi, in quanto non ho ancora un bilancino adatto, ma dovrebbero aggirarsi intorno ai 15-17 grammi cadauna. Per le dimensioni, invece, da calibro leggo per la numero 1 un diametro max di 30,3 mm e per la numero 2 di 32,0 mm.

La mia identificazione è: Giustiniano I (527-565), follis di bronzo.

Sulla prima al diritto busto di profilo e in legenda (D N) IVST(INIANVS PP AVG). Al rovescio grande M con sopra una croce e a sx una stella, sotto l'esergo C(ON), sopra l'esergo nulla. Sear 159.

Sulla seconda al diritto busto di profilo e in legenda D N IV(STINIAN)VS PP AV(G). Al rovescio grande M con sopra una croce e su ambo i lati una stella, sopra e sotto l'esergo nulla.

Colgo l'occasione per chiedere se qualcuno conosce il numero delle officine della zecca di Costantinopoli e quali erano le lettere che le identificavano sopra l'esergo. Ho letto poi che proprio dal 538, anno della riforma di Giustiniano, le monete "recarono elementi di precisa identificazione, come datazione, indicazione di zecca ed officina". Su questi miei due esemplari tuttavia, e su altri che ho veduto, se pure sono presenti l'indicazione della zecca e forse dell'officina (ma ora non più leggibile), come mai non compare l'anno, che su altri esemplari è riportato in numeri romani relativi al regno dell'imperatore di lato alla M, al posto delle stelle? Può dipendere dal fatto che queste innovazioni introdotte dalla riforma forse non tutte divennero "effettive" allo stesso momento?

Grazie

Costantino

Di seguito le immagini.

post-4467-1198949196_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

okt

Parto dalla seconda e formulo delle ipotesi basate sulla consultazione del Sear:

potrebbe essere la 160 (M tra due stelle); mi sembra di vedere un gamma sotto la M, cioè officina 3 (Sear dice che, per questa tipologia, ne esistono di 4 officine, con le prime 4 lettere dell'alfabeto).

La prima: dato che a destra della M non riesco a leggere potrebbe essere la 158 (M tra stella e croce), la 160 (vedi sopra), la 161 (stella e croce sul globo), la 162 (stella e croissant).

Le offficine che risultano sono 5.

Io arrivo fino a questo punto, ma ci sono qui persone ben più esperte in questo settore che potranno correggere miei eventuali errori.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

okt

Aggiunta:

se vuoi consultare un'opera un po'... datata puoi scaricare, in assoluta legalità, Il Sabatier (in due volumi) agli indirizzi..

http://books.google.it/books/pdf/Descripti...LQS2pnoV-bqM_dQ

http://books.google.it/books/pdf/Descripti...IXp-tPgp5fGH9jI

Ecco qui, a titolo di curiosità alcune immagini tratte da quel testo ormai non più coperto da CopyRight e che forse ti possono essere utili essendo connesse alla tua domanda...

sabatier1.jpg

-----------------------------------------------------------

sabatier2.jpg

-----------------------------------------------------------

Ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

c.fago

Grazie tantissimo! Utilissime indicazioni. Dunque, per quanto si può evincere dalle foto, le monete dovrebbero essere originali... Sì, per la seconda non ci dovrebbero essere troppi dubbi: Sear 160. Avevo scritto 159 per analogia con una moneta in vendita su un sito dove evidentemente hanno confuso le due croci con le due stelle...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×