Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
Giango60

Medaglione "pesarese"

Risposte migliori

Giango60
Non avendo la più pallida idea in materia di medaglie ed affini mi rivolgo agli utenti del Forum sperando qualcuno possa aiutarmi.....

Mi è stato proposto un medaglione in bronzo (diametro circa 8 cm. peso alcune centinaia di grammi), purtroppo non dispongo della foto ma ho solo potuto reperire da un libro il disegno della medaglia originale (del 1475) anche se non perfettamente corrispondente (i torrioni della rocca sono circolari e non quadrati come nel disegno).
Il venditore asserisce trattarsi di una fusione postuma (1700), e chiede la non irrilevante cifra di 300 euro.....

Domanda: qualcuno ha notizie di quest' oggetto e dell' eventuale sua possibile valutazione?
(il venditore ovviamente asserisce trattarsi di oggetto raro, quasi introvabile, ma questo era scontato...... il Vostro parere?)

Grazie e Ciao.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

picchio
Impossibile da giudicare senza una immagine. Se fosse una bella fusione nitida, senza occlusioni di buchi, e di bel modulo non Le ha chiesto una follia. Se invece è la solita fusione con lettre impastate e rilievi ancor meno nitidi con varie fori di sospensione precedentemente chiusi, bhe ci penserei su.
Comunqè è già stato avvertito dal venditore che la fusione non è coeva, quindi sta acquistando una copia; valuti Lei..... meglio una copia di niente o meglio niente di una copia ? Originale e di prima fusione costerebbe un fracasso.

Picchio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giango60
Mi rendo conto che i dati che posso fornire sono del tutto insufficienti, e credo anche di essermi spiegato male........

Che io sappia la medaglia originale ha un diametro circa dimezzato (+o- 4 cm.), mentre quella proposta è di circa il doppio.
Quello che mi chiedevo, non essendo riuscito a trovarne traccia nei cataloghi d' asta, era se si può rintracciare qualcosa tipo pubblicazioni-catalogo in merito o se qualcuno era in possesso di pubblicazioni simili e poteva fornirmi informazioni circa l' effettiva esistenza di copie-fusioni di epoca successiva.

Ovviamente già dalle Vostre risposte credo di aver capito che ciò non è possibile, Vi ringrazio comunque per l' attenzione e vi chiedo scusa: fate conto che chi vi ha posto un simile interrogativo (poco sensato), sia, nel campo delle medaglie, un "extraterrestre"......

Ciao.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

picchio
Testi ne esistono, Pollard, Hill, Bargello. 4 cm più grande...., oh bella, di solito le riproduzioni o fusioni posteriori hanno diametro inferiore per la compressione dei metali post fusione e non più grande, poi di 4 cm.
Che io sappia non esistono testi che raccolgano le copie posteriori, in pratica chiunque con un po di perizia in fonderia sarebbe in grado di fare una copia.

Picchio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rcamil
[quote name='picchio' date='18 aprile 2005, 13:29']...di solito le riproduzioni o fusioni posteriori hanno diametro inferiore per la compressione dei metali post fusione e non più grande.[right][post="27982"]<{POST_SNAPBACK}>[/post][/right][/quote]

Ciao Picchio, potresti spiegare meglio il concetto ??

In questo caso confesso che mi interesso più di tecnica che di medaglistica :rolleyes:

Grazie, ciao, RCAMIL B)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

picchio
Fatto il calco dall'originale in materiale refrattario viene riempito da metallo fuso, al momento di raffreddarsi si "comprime" riducendone il diametro.
Se la prima medaglia misurava 100, la seconda copia 99, e la terza copia fatta dalla seconda 98. Tra la prima originale e la seconda copia ci sono 2 mm. Questa è una delle ragioni per cui in medaglistica, soprattutto rinascimentale i diametri sono molto importanti. Più del peso.
Nella medaglistica contemporanea, ed in quella Napoleonica di cui mi occupo principalmente i diametri maggiorati servono invece a coprire la dizione Argent, Cuivre o Or che è stata apposta sul bordo della medaglia nelle produzione posteriori dalla zecca di Parigi con conii originali.

Comunque vado a riprendere uno dei testi sacri, tra cui Becker il contraffatore e riguardo bene la tecnica. Non mancherò di essere più preciso in seguito.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giango60
Scusate se ritorno sull' argomento....
Purtroppo le immagini sono quel che sono... (scannerizzazione di stampa da scannerizzazione...... :( ).
Spero che possano aiutarVi ad aiutarmi.....
Il diametro è di circa 80 mm, peso 193 grammi.

Ciao.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

picchio
Si vede un po poco. Le lettere della leggenda ed i dettagli mi sembrano molto impastati, non riuscirebbe a dare una immagine di maggiore ampiezza ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×