Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
darioelle

altri due spiccioli pontifici un pò più grandi...

Risposte migliori

darioelle

Stasera cerco qualche notizia in più su queste due purtoppo malridotte :angry: monete.

Quella a SX dallo stemma sembra appartenere a papa Innocenzo XI e presenta una scritta di cui interpreto facilmente solo l'ultimo rigo "A. XIII" che mi fa pensare si tratti del 1688-1689. Nel primo rigo si intravedono le lettere N..CE

peso 2,97g diametro circa 23 mm

Quella a DX è certamente di Clemente XI coniata durante il terzo anno del suo pontificato (1702-1703) e mostra al dritto la figura eretta di San Paolo (?)

peso anch'essa 2,97g :o diametro circa 23 mm

Ciao!

post-5024-1201556968_thumb.jpg

post-5024-1201556990_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

darioelle

Scusate ho sbagliato rubrica, doveva andare in MONETE PONTIFICIE.

Amministratori Help!!! :whome:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Paleologo

In attesa della conferma di chi sai tu propongo le seguenti identificazioni:

La prima: Quattrino per Gubbio in rame, battuto sotto Papa Odescalchi nel XIII anno di pontificato, come da te correttamente identificato.

D/ INNOCE // NTIVS // XI · P · M // A · XIII in cartella ovale di fogliami con serafino in alto

R/ Stemma poligonale con fogliami tra due rami d'olivo, chiavi sciolte -- Anepigrafe

Muntoni 301 (CNI 73)

La seconda (tosta): ancora un quattrino per Gubbio (ma ciai la cava? :P ) battuto sotto l'urbinate papa Albani (e questo chiama di nuovo in causa chi sai tu ;) ) nel terzo anno di pontificato (1702-03). Ci sono diversi quattrini simili (stemma al D/ e figura di santo al R/) e certo la conservazione non aiuta però, visto che - lo stemma è in cartella poligonale - si legge SANCTVS per intero - non vedo traccia al R/ né di spadone (S.Paolo) né di pastorale (S.Ubaldo) io voto per la seguente:

D/ Stemma ovale in cornice poligonale, chiavi con impugnatura a intagli e fiocchi; da dx. in alto: CLEM · XI · -- PO · M · A · III

R/ Figura del santo; da sx. in basso SANCTVS · -- · PETRVS · AP ·

Muntoni 281 (CNI 1)

Attendo conferma o smentita ...

Ciao, P. :)

P.S. Mi associo alla richiesta di spostare la discussione in Monete Pontificie

Modificato da Paleologo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rcamil
D/ Stemma ovale in cornice poligonale, chiavi con impugnatura a intagli e fiocchi; da dx. in alto: CLEM · XI · -- PO · M · A · III

R/ Figura del santo; da sx. in basso SANCTVS · -- · PETRVS · AP ·

Muntoni 281 (CNI 1)

Attendo conferma o smentita ...

308317[/snapback]

Credo si possa confermare, si intravede un residuo di chiavi nella mano destra del santo al rovescio, e le chiavi sono appannaggio di S.Pietro ;) .

Ciao, RCAMIL.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

darioelle

Ciao Paleologo,

nel ringraziare te e "chi sai tu" :lol: :lol: Vi confermo la corretta identificazione di entrambe dal momento che ho potuto intravedere sia le scritte al dritto di Muntoni 301 che la scritta SANCTVS · -- · PETRVS · AP · al rovescio di Muntoni 281.

Vi chiedo una interpretazione del così diverso consumo delle due facce di quest'ultima il cui dritto è all'incirca MB e piatto mentre il rovescio è poco leggibile e la superficie della moneta ondulata. Che si tratti di una moneta esposta su quel lato agli agenti atmosferici per lungo tempo? Può trattarsi di difetti della moneta in parte acquisiti già in fase di conio?

Si tratta di monete abbastanza comuni imaggino?

Ciao!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Paleologo

Sinceramente non saprei dirti il motivo di una usura così poco omogenea: forse vedendo la moneta dal vivo si potrebbero fare delle ipotesi. Tieni presente comunque che coniazioni tecnicamente scadenti erano comunissime per questi spiccioli.

Sul grado di rarità non so dirti molto se non che le coniazioni della zecca di Gubbio ultimamente hanno registrato un vero boom di quotazioni: purtroppo i tuoi esemplari sono penalizzati dalla bassa conservazione.

P. :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rcamil
Che si tratti di una moneta esposta su quel lato agli agenti atmosferici per lungo tempo? Può trattarsi di difetti della moneta in parte acquisiti già in fase di conio?

Si tratta di monete abbastanza comuni imaggino?

308411[/snapback]

A giudicare dalle foto sembra che la moneta sia stata deturpata volutamente, picchiettando il tondello, ma qualche effetto lo si doveva avere anche al diritto, che appare invece esente da questi difetti...

L'esposizione mono-lato non mi convince, e nemmeno che sia nata così in fase di coniazione :rolleyes:

Sono monete relativamente comuni.

Ciao, RCAMIL.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

apulian
In attesa della conferma di chi sai tu

e chi è... Lord Voldemort? Colui-che-non-deve-essere-nominato?

:P :P

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

darioelle

E sì, il grande Roberto è pervaso da un'aura divina molto misteriosa... c'è chi dice che non sia umano... ma puro spirito (numismatico)!!! :happyspoonboy:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×