Jump to content
IGNORED

Medaglia della Resistenza


sandokan
 Share

Recommended Posts

Supporter

Ho acquistato in un mercatino per 62 centesimi questa medaglia, coniata nel XX della Resistenza, che ricorda le Brigate Garibaldi.

La realizzazione è modesta nel complesso, e la lega adoperata di bassa qualità. Sono rimasto attratto dalla figura che vi compare, e che ricorda il dolore che in quegli hanni ha pervaso la nostra storia, coinvolgendo oltre alle forze combattenti anche tanta parte della popolazione civile, soprattutto nel settentrione dove la guerra terminò solo nell'aprile del 1945.

post-2460-1215971962_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites


  • 2 weeks later...
Ho acquistato in un mercatino per 62 centesimi questa medaglia, coniata nel XX della Resistenza, che ricorda le Brigate Garibaldi.

La realizzazione è modesta nel complesso, e la lega adoperata di bassa qualità. Sono rimasto attratto dalla figura che vi compare, e che ricorda il dolore che in quegli hanni ha pervaso la nostra storia, coinvolgendo oltre alle forze combattenti anche tanta parte della popolazione civile, soprattutto nel settentrione dove la guerra terminò solo nell'aprile del 1945.

364662[/snapback]

Ti quoto e straquoto, non è una medaglia bellissima, ma ci ricorda cosa dobbiamo a questi volontari che hanno imposto la democrazia in questo disgraziato e ingrato paese. Non bella come alcune coniate per l'anniversario della I guerra mondiale o quella coniata con il bronzo dei cannoni nemici che ho, è bella, ma dal lato umano ci ricorda una disfatta rischiata per un pelo (ho avuto un nonno che ha fatto Caporetto e da ragazzino mi nutrivo dei suoi racconti) e un regno in balia di personaggi oscuri.

ciao

Frenk

PS Sandokan m'è piaciuto 'sto intervento ;)

Link to comment
Share on other sites


Il problema è che non credo proprio che questa medaglia abbia un crisma di ufficialità. Come per esempio lo hanno le medaglie (non al valor militare o al merito di guerra) che vengono assegnate ai militari per certificare la partecipazione a qualche campagna militare. Credo, ma non ne sono sicuro, che questa medaglia assolutamente celebrativa, sia stata rilasciata da qualche associazione. per esempio quella che raccoglieva i reduci dalle brigate garibaldine. E qui nasce l'inghippo: negli anni Cinquanta e Sessanta il Pci, per dimostrare a fine politico una supremazia nella gestione della guerra di Resistenza, gonfiava reduci e caduti. Ricordo aspre polemiche con i reduci giellisti e badogliani: mio padre, comandante partigiano giellista nel Cuneese, trovò nelle liste garabaldine suoi caduti e persino fascisti fucilati...Tuttora se si va nell'archivio on line dell'Istituto storico della resistenza piemontese, tra le formazioni partigiane che operavano nella zona c'è anche quella garabaldina. Ma il file è vuoto: nessun riferimento, nessun nome. Eppure la formazione c'era, era fatta di uomini e donne in carne ed ossa, gente eroica che soffrì e morì, alleati e allo stesso tempo rivali della brigata giellista comandata da mio padre. Che cosa è successo? E volendo estendere il discorso, si potrebbe entrare nella gestione della categoria "patrioti", nella quale sono state messe assieme persone meritorie che non parteciparono alla lotta attiva, ma che fornirono indispensabile supporto ai combattenti, ed "eroi" dell'ultimo minuto. Quelli che scesero in piazza, fucile in mano, quando i nazisti erano già ben lontani. Anche questi, poi, gonfiarono liste e convegni e comprarono le medaglie con gli appiccicagnoli.

E senza tener conto che questa medaglia, per sua natura, può essere stata distribuita a pagamento o per sottoscrizione in occasione di qualche raduno, festa o convegno. Insomma, non certifica alcun sacrificio, se non in maniera molto indiretta.

Edited by cancun175
Link to comment
Share on other sites


Supporter

Sono lieto che Frenk abbia colto il senso di quanto dicevo a proposito di questa medeglia, sicuramente commemorativa e che pertanto non ha avuto precisi destinatari e che chiaramente non può essere confusa con una decorazione personale al valore o al merito.

Mi astengo invece dall'entrare in merito a quanto scritto da Cancun, non perché non abbia nulla da dire, ma ritenendo opportuno limitare nel sito gli interventi a quanto riguarda gli elementi generali di una medaglia, moneta o gettone, evitando come del resto indicato nel Regolamento discussioni di carattere storico - politico, come appunto in questo caso.

Link to comment
Share on other sites


Se ho violato il regolamento me ne scuso. Ma non era quella l'intenzione. Come non ho intenzione di offendere nessuna sensibilità. Trovo curisoso, di fronte a una medaglia, non poter parlare liberamente di fatti accaduti 63 anni fa e che aiutano a inquadrare l'oggetto nel contesto che l'ha voluto...Comunque, taccio e volto pagina

Paolo

P.S. (per la precisione e l'archivio): NON mi riferivo alle medaglie al valore o al merito. Ma alle medaglie di "campagna", quelle assegnate dallo Stato a chi ha effettivamente partecipato a un evento bellico. Quelle, come quelle al valore o al merito, possono essere coniate solo dallo Stato e sono assegnate a una persona. Le altre posso legittimamente mettermi io a farle in cantina. Dopo 63 anni potrò aver creatro anche una rarità numismatica. Ma mi sembra che si parlasse di emozioni legate a un evento...

Edited by cancun175
Link to comment
Share on other sites


In questi tempi di "revisionismo storico" (ovvero considerare i fatti da un punto di vista "neutrale") mi sembra limitante non dare anche un proprio giudizio sui fatti, oltre che sulle monete o medaglie, insomma questo non è un ghetto dorato dove non si pensa ad altro che a rarità o valore delle monete.

Poi mi par di capire che anche soltanto leggendo i motti e le citazioni nelle varie firme degli utenti la politica o peggio "le nostalgie" (sempre pericolose a mio avviso) sono ben caratterizzate.

D'altra parte quando vedo qualche Vitt. Em. III con aquile imperiali (madeche?) e fasci littori è difficile per me non pensare a chi le ha coniate o in che mani possono essere transitate.

Poi ognuno giustamente le percepisce come vuole.

ciao

Link to comment
Share on other sites


Non esageriamo, non è che ci si deve autocensurare. Stiamo comunque parlando di eventi storici, anche se essendo eventi molto vicini magari si possono prestare meglio a commenti e interpretazioni di parte. Ma finchè nessuno si mette a sventolare bandiere e cantare inni di battaglia non vedo perché non si possa continuare a discutere serenamente. E' la politica dei partiti, quella spicciola da veline del telegiornale l'argomento che proprio non viene tollerato ;)

Quanto allo specifico, è cosa appurata che negli anni dopo la guerra molta gente cercò di inventarsi delle benemerenze, come pure molti che erano stati fascistissimi fino al giorno prima diventarono improvvisamente antifascisti della prima ora. Ma il trasformismo è sempre stato uno sport molto praticato in Italia, e quella era l'atmosfera del tempo, un po' come adesso va di moda accusare la Resistenza pure della caduta dell'impero romano :rolleyes:

Un giudizio però mi sento di darlo: per ragioni politiche strategiche in Italia non c'è mai stato niente di simile alla "denazificazione" tedesca e questa ambiguità purtroppo ha messo una bella ipoteca sullo sviluppo della democrazia e delle istituzioni repubblicane.

Link to comment
Share on other sites


Grazie Paleologo. Del resto, riferivo cose che hanno sentito le mie orecchie. E ti assicuro che i protagonisti dell'aspro confronto erano di livello (anche storico) elevatissimo. Se non ho riferito tutto è proprio per rispetto di suscettibilità anche solo eventuali. Magari tra un'altra ventina d'anni...

Edited by cancun175
Link to comment
Share on other sites


un po' come adesso va di moda accusare la Resistenza pure della caduta dell'impero romano  :rolleyes:

369301[/snapback]

:D Paleo' sei un grande...il mio moderatore preferito, anche se un po' dedito al [email protected]@eggio :lol:

Link to comment
Share on other sites


Grazie Paleologo. Del resto, riferivo cose che hanno sentito le mie orecchie. E ti assicuro che i protagonisti dell'aspro confronto erano di livello (anche storico) elevatissimo. Se non ho riferito proprio tutto è proprio per rispetto di susscettibilità anche solo eventuali. Magari tra un'altra ventina d'anni...

369314[/snapback]

Beato te che puoi fare delle previsioni così...a lungo termine.

Io tra vent'anni ne parlerò direttamente coi protagonisti :lol:

Link to comment
Share on other sites


Beh, io sono ottimista. Mio padre (per inciso 2 medaglie al VM e 4 al merito di guerra) ha 91 anni ed è vispo e arzillo. Magari posso sperare un po'

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.